Vai al contenuto

elastic

Members
  • Numero contenuti

    13
  • Iscritto

  • Ultima visita

Su elastic

  • Rank
    Nessuno (per adesso)
  1. Dici? Ma io ne metto sempre poca e non ogni giorno. Non può essere un problema dovuto all'aria secca che mi rovina la resina?
  2. Ciao! Spesso mi si forma una patina secca di pece sulle corde anche solo pochi minuti dopo averle pulite per bene e il suono ne risente alquanto. Pulisco nuovamente le corde e dopo alcuni minuti mi ritrovo con la solita inscrostatura bianca. Come posso evitare che accada? Grazie!
  3. Paperippo tu che spalliera usi? Anch'io ho il collo tipo cicogna e uso la Wolf Forte Secondo ma non ne ho mai provate altre e sarei curioso di sapere quali alternative avrei.
  4. Ciao apprendista, benvenuto! Se il tuo scopo è produrre dei suoni che messi uno dopo l'altro ti ricordino la melodia di una canzone, ci puoi riuscire anche senza maestro e con un violino da 100 €. Tra l'altro tu suoni la chitarra e questo ti aiuta già moltissimo. Comunque temo che senza un maestro e con un violino economico non andresti molto lontano in termini di qualità di suono e la tua avventura musicale rischierebbe di restare un semplice gioco del quale probabilmente ti stancheresti abbastanza presto. Se invece pensi di affrontare la cosa con più ambizione, sappi che lo studio del violino richiede tanta volontà e tanta costanza, nonchè putroppo un notevole investimento finanziario (violino di migliore qualità, accessori, manutenzione, corsi). Se hai la disponibilità finanziaria e la motivazione, trovati un maestro e chiedi consiglio a lui per l'acquisto di un violino e degli accessori. Buona fortuna!
  5. elastic

    Problemi tecnici

    Hai provato con una pelle di daino appoggiata sopra la mentoniera?
  6. elastic

    HELP!

    Io ho iniziato a suonare il violino da poco. Ti posso dire cosa ho fatto nelle prime lezioni, più o meno nell'ordine: - corde a vuoto (tenuta del violino, dell'archetto, posizione del braccio destro, ecc) - sol (0) - la (1) - si (2) - do (3) - re (4) sulla corda di Sol (ecc. sulle altre corde) (posizione della mano sinistra, delle dita, ecc) - scala di sol maggiore con e senza quarto dito, ascendente e discendente - esercizi in sol maggiore senza legare, poi legare due a due, poi quattro a quattro - un pezzo di Adam Carse - un concerto di Rieding - esercizi di tecnica in Sol maggiore, Re maggiore, Fa maggiore, ecc..
  7. Non ho esperienza con il violino silent. Mi è stato detto che il suono non è il massimo e che inoltre, non essendoci la cassa armonica, si perdono dei preziosi punti di riferimento... mah... Comunque all'inizio non potrai studiare troppo a lungo in quanto dovrai abituarti adagio adagio ad una posizione del corpo non molto naturale. Le sordine sono abbastanza efficaci. Quelle che attenuano di più sono quelle pesanti di metallo.
  8. Ciao TenTen, Ti sconsiglio calorosamente di inquinare la tua non-conoscenza dello strumento senza la guida di un maestro. Il fatto che suoni la chitarra classica ti sarà di grande aiuto per la mano sinistra e vedrai che tutto filerà liscio. Anch'io ho cominciato il violino da zero avendo prima praticato la chitarra (e il pianoforte) e devo dire che le cose vanno abbastanza bene :-) Forse una cosa che potresti fare è studiarti mentalmente la posizione di alcune note sulle corde. Sapendo che le corde a vuoto sono SOL (la più grave), RE, LA, MI, e sapendo che la posizione "naturale" della mano sinistra è quella in cui l'indice, il medio, l'anulare e il mignolo, allineati sulla stessa corda, sono disposti in modo che ci sia: un tono tra la corda vuota e l'indice un tono tra l'indice e il medio mezzo-tono tra il medio e l'anulare (evidentemente si deve lasciare meno spazio per salire di un mezzo tono. In questo caso il medio e l'anulare si toccano) un tono tra l'anulare e il mignolo. Quindi, per esempio avrai: SOL: sulla corda vuota di SOL LA: premendo l'indice sulla corda di SOL SI: premendo il medio sulla corda di SOL DO: premendo l'anulare sulla corda di SOL RE: premendo il mignolo sulla corda di SOL oppure sulla corda vuota di RE MI: premndo l'indice sulla corda di RE FA#: premendo il medio sulla corda di RE SOL: premendo l'anulare sulla corda di RE Ecco fatta la scala di SOL su un'ottava. Ti sconsiglio di provare concretamente sul violino perchè potresti sbagliare la posizione della mano, del pollice, l'inclinazione delle dita, ecc. Ma puoi cercare di visualizzare la posizione della mano con tutte le dita allineate sulla stessa corda nella loro posizione naturale e cominciare a ricordare che note si trovano sotto alle dita in quella posizione. Se non ti devi concentrare troppo nel trovare le note, ti sarà più facile controllare la posizione della mano sinistra e il movimento dell'archetto. All'inizio riuscire a fare tutto insieme non è proprio facile facile ;-). Se poi avrai un'insegante come la mia che a volte mi chiede pure di camminare mentre suono, canta cavallo! Comunque non è assolutamente necessario fare questo studio prima di cominciare le lezioni, in quanto tutto ti verrà automaticamente man mano che affronterai dei nuovi spartiti. Ti sconsiglio tra l'altro di chiedere magari a un amico di mostrarti alcune cose e poi provare da solo durante l'estate. Potresti registrare dei movimenti scorretti che potrebbero diventare difficili da correggere. La mia insegnante a volte mi proibisce di esercitare alcune cose da solo perchè preferisce essere lì pronta a correggermi. In bocca al lupo e complimenti per la tua volontà di studiare il violino. PS: ti sei già attrezzato con i vari accessori? Io ho impiegato 3 mesi a capire tutto quello che mi serviva (cuscino, pece, sordina, accordatore, liquido per pulire le corde, panno per pulire lo strumento, pelle di daino per evitare i bubboni sul collo, ufff ;-))
  9. Me l'ha detto l'accordatore quando è venuto ad accordarmerlo. Tra l'altro mi ha lasciato un fogliettino nel piano con scritto 442Hz. Ho effettivamente trovato in negozio un diapason a 442 che ora mi porto sempre con me.
  10. Ciao a tutti, sono un principiante (con buon orecchio) e quando sono a casa prendo il LA dal pianoforte (a 442Hz) per accordare il violino. Vorrei comunque dotarmi di un diapason o di un accordatore digitale per quando non ho a disposizione il pianoforte (mi capita di andare a suonare in ufficio per non disturbare i vicini). La mia prof utilizza un apparecchio elettronico che emette un suono, mentre il liutaio adopera un diapason. Voi cosa usate? Che consiglio potete darmi? Ho visto che ci sono dei diapason a pochi euro ed altri invece a diverse decine di euro. Bisogna diffidare da quelli a buon mercato? Premetto che vorrei tenere il LA a 442Hz e che sono un amante degli oggetti che non necessitano corrente elettrica (strumenti acustici piuttosto che elettronici, metronomo meccanico, ecc.). Comunque sono aperto ad altre soluzioni se sono più pratiche per un principiante. Grazie, Elastic
  11. elastic

    bau bau

    Grazie per le vostre risposte. E' arrivato il cane e ho provato a suonare. Scala di sol su due ottave. Appena arrivo sulla corda di La, comincia a guardarmi storto, e sulla corda di Mi mi fissa impaurito dandomi l'impressione di voler scappare. Con una sordina di gomma bella grossa sembra sopportare già meglio.
  12. elastic

    bau bau

    Ciao a tutti. Studio il violino da circa tre mesi e ho quindi pochissima esperienza. Tra breve dovrò tenere un cane a casa mia per un periodo di circa un mese, e mi chiedevo se i cani sopportano gli acuti del violino. Siccome il cane sarà già un po' stressato per l'assenza dei padroni, non vorrei infierire troppo con le mie strimpellate. Avete esperienza in merito? Secondo voi è meglio usare una sordina o addirittura è meglio secondo voi che vada a suonare altrove?
×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy