Vai al contenuto

fabbry

Members
  • Numero contenuti

    139
  • Iscritto

  • Ultima visita

Su fabbry

  • Rank
    Qualcuno
  • Compleanno 25/04/1963

Profile Information

  • Sesso
    Maschio
  • Luogo
    Manfredonia
  • Interessi
    Tutto

Visite recenti

694 visite nel profilo
  1. Quando acquistai questo strumento lo scelsi deliberatamente con queste caratteristiche seguendo l'idea personale, ma forse sbagliata, che il flauto è uno strumento semplice: concependolo come una canna con dei fori. Tutto sommato questa è l'origine del flauto. Ovvio che per il flauto traverso le cose non sono così semplici, però per me il concetto è quello.Avevo anche avuto l'idea di far montare l'inserto del mi nello strumento, ma mi sembrava di offendere la sapienza giapponese nel costruire flauti, anche perchè sinceramente non se ne sente una esigenza reale. E poi perchè non sarebbe più lo stesso flauto uscito dalla fabbrica. Alla luce delle considerazioni molto interessanti lette quì, avendo in previsione una revisione di routine chiederò espressamente all'operatore se è proprio necessario lucidare lo strumento, dal punto di vista funzionale più che estetico.
  2. Insomma ai vantaggi del flauto discendente al sì, si aggiunge qualche piccola complicazione...
  3. Grazie per avermi segnalato la tua esperienza. Mi sto già attivando nella ricerca di un riparatore all'altezza dello strumento, ma nella mia zona, Foggia, Bari. altrimenti dovrò rivolgermi altrove, utlizzando i corrieri , dei quali farei volentieri a meno, considerata la delicatezza dell'oggetto.
  4. Sicuramente andrebbe meglio. Ho in programma una revisione dello strumento. Sto cercando un riparatore competente ed affidabile che però non sia eccessivamente costoso. Altrimenti non mi rimangono che quelli più noti, tra cui Daminelli sicuramente bravissimo, dove ho acquistato lo strumento.
  5. Di vendere nn se ne parla. Mi piace uno strumento con meccanica senza viti. Dal 2001 mai revisionato...un record! Il dibbio che mi assale è se uno strumento progettato discendente al Do ha lo stesso corpo di uno concepito per discendere al sì. Chiederò lumi, eventualmente.
  6. Idea interessante. Anche se non credo che sia così semplice costruire un trombino che sia in perfetta in simbiosi con uno srumento per il quale non è stato costruito
  7. L'idea di acquistare un trombino discendente al sì è stata la prima cosa che mi è venuta in mente. Solo che nn ho proprio idea di dove acquistarlo e dove trovarlo con le stesse specifiche dello strumento. Sul web non ho rtrovato nulla di convincente. Non mi sembra che Muramatsu venda pezzi di flauto...diciamo così. C'è anche da valutare l'idea di fare un upgrade dello strumento, ( oltre al trombino) applicando anche un inserto per il mi terza ottava. In ogni caso, il portafogli non muore dissanguato........
  8. Avrei intenzione di vendere il mio flauto Muramatsu SR discendente al do, fori aperti, per passare ad uno discend. al sì. Con mio grande stupore mi sono stati offerti non più di 3.500 euro inquanto, appunto discendente al do e privo del mi snodato, pur essendo uno strumento che non ha mai dato noie di alcun genere ed ha un suono molto bello . Possibile che le leggi di mercato provochino un così deprimente svalutazione di strumenti artigianali di questo livello? Ma vi pare flauto da 3.500 euro? Neanche l'EX costa così poco ( nuovo). Scusate, prendetelo come uno sfogo estivo....
  9. fabbry

    Muramatsu SR for sale

    Ragazzi avrei un mezzo progetto di dar via il mio Muramatsu Sr Matr 59.xxx discendente al do ( mai ingrippato in 16 anni...un record!) per altro strumento ancora da definire, in base al bilancio familiare. Chiedo a qualche super esperto : che quotazione di mercato può avere uno strumento del genere? Considerate che lo strumento è perfettamente funzionante.
  10. Non so se qualcuno ha mai postato una domanda (esigenza) del genere: è possibile acquistare singolarmente un trombino discendente al si per flauto? Lo strumento in questione è un Muramatsu modello SR. Grazie comunque.
  11. Buongiorno, qualcuno di voi sa se esiste qualche sito molto fornito ove acquistare spartiti musicali ( preferibilmente flautistici) con la carta Docente? Grazie.
  12. E' la stessa conclusione alla quale sono approdato io.
  13. Eh, giusto. Ma caminetti estratti e meccanica con viti di regolazione sono elementi troppo comuni per identificare uno strumento.
  14. Ragazzi, avendo scoperto in me una insospettabile vena autolesionistica, sto affrontando, a mò di sfida personale lo studio da cui titolo. L'ho scelto perché lo ritengo uno dei più odiosi, una vera tortura ( credo che la sua finalità sia quella di affinare la lettura, visti i numerosi doppi diesis e doppi bequadri. Qualcuno di voi lo ha mai affrontato negli anni di apprendimento in conservatorio riuscendo ad eseguirlo correttamente fino alla fine senza fermarsi? Si accettano consigli....
×
×
  • Crea Nuovo...