Vai al contenuto

Fraxinus

Members
  • Numero contenuti

    204
  • Iscritto

  • Ultima visita

Su Fraxinus

  • Rank
    Qualcuno

Profile Information

  • Sesso
    Maschio

Visite recenti

6791 visite nel profilo
  1. Fraxinus

    Che tipo di ascoltatore sei ?

    Che ascoltatore sono? Benché io ormai sia uno “svisceratore di musica” da un arco di tempo piuttosto esteso, mi sembra sempre -invariabilmente- di essere in debito di esperienza musicale. Questo mi porta spesso a riflettere con autoironia su questo piccolo concetto: possiedo un terzo dei dischi che vorrei possedere, e sospetto che i dischi che vorrei possedere siano un terzo dei dischi che dovrei possedere. Senza parlare del fatto che sicuramente ho avuto modo di ascoltare i miei dischi solo un terzo delle volte che sarebbero necessarie… ma bando alle facezie e alle digressioni. Posso dire che mi ritrovo a orbitare alternativamente attorno ai vari “centri gravitazionali” indicati ad inizio sondaggio: ascoltatore informato per default, potremmo dire, e ascoltatore critico per alcune opere che hanno fatto da pietra angolare della mia crescita musicale in ambito “classico”, come ad esempio la Sacre di Stravinsky o il Prelùde di Debussy. Ascoltatore analitico raramente, per due motivi: salvo qualche attento ascolto con partitura su youtube, non sono motivato a comprarmi o scaricarmi partiture per conto mio, e poi probabilmente non è il tipo di ascolto che più mi si addice o per il quale sono preparato. Questione anche di competenza non ancora sufficientemente sviluppata, ma siamo da capo. Certo, l’idea mi stuzzica, restano però altre le priorità. Il punto è che spesse volte la fame di approfondimento, di crescita musicale, di conoscenza e di evoluzione mi porta sì a scoprire nuovi autori meravigliosi e ad analizzare la loro musica, ma mi tiene (o forse “ci” tiene) quasi sempre avvinto a un ascolto molto “razionale”, a una concentrazione e percezione necessariamente su più livelli. Niente di strano… penso che chiunque si metta in certi casi ad occhi chiusi ad ascoltare, impegnandosi a vivere in intensità il momento sonoro di puro presente, oppure allargando la consapevolezza a spettro più ampio nell’arco di un brano, interiorizzando. Mi domando però: e se invece per una volta ci si staccasse da questo ascolto ipercosciente e ci si domandasse come verrebbe percepito, che so, un Concerto di Vivaldi da un orecchio completamente vergine e nuovo? Voglio dire, un orecchio che non è inevitabilmente condizionato dalla “roccaforte di conoscenza ed esperienza” che è stata faticosamente e meticolosamente costruita in anni o lustri o decenni di passione e ricerca musicale. Un orecchio, una mente e uno spirito non perennemente vessati e offuscati da suoni e musiche che ci attorniano inconsapevolmente in qualsiasi momento, nel mondo che ci circonda. Oppure, sempre posta la medesima premessa, come verrebbe percepito un Mottetto di Dufay piuttosto che Nomos Alpha di Xenakis? Non è provocazione, e non è nemmeno un rimando a quella (assurda e obsoleta) questione dell’orecchio e dei suoi “bisogni”, di cui si parlava qui anni or sono. Tutt’altro. Qualche pagina fa, un utente menzionò in questa stessa discussione un suo ipotetico obiettivo, ovvero un ritorno voluto all’ascolto autenticamente viscerale, come se si fosse fanciulli digiuni di musica esposti per la prima volta a Beethoven. Lo trovo, a parere personale, un obiettivo nobilissimo, squisitamente umano e se vogliamo un po’ kandinskiano; uno tra i tanti obiettivi che ci poniamo, nella nostra carriera di “svisceratori di musica”. Di certo non implicherebbe disimparare e tantomeno abbandonare la succitata “roccaforte di conoscenza” a cui tanto teniamo, e che alcuni di noi necessitano fino ad averne dipendenza. Una semplice riflessione, mia e discreta, su come sarebbe magnifico imparare a conservare un “momento di innocenza musicale”; magari per certi primi ascolti assoluti, o al contrario per pezzi che conosciamo come le linee del nostro palmo, e in cui ci farebbe bene abbandonare l’ego e la ragione per qualche sanissimo istante, scendendo nell’esperienza primigenia. Verosimile? A mio umile avviso, si. Buon prosieguo.
  2. Fraxinus

    Cosa state ascoltando?

    [media]http://www.youtube.com/watch?v=Orr0kf9RSK0 E a seguire... [media]http://www.youtube.com/watch?v=QM22W_stXG4&feature=related
  3. Fraxinus

    Lezioni di musica - Radio3

    Interessante... ci darò più di un ascolto, sicuramente! Mi sembra davvero aria fresca e pura, una iniaziativa del genere, nel nostro panorama radiofonico; già Radio Tre Suite mi è sempre piaciuto come programma, su quella stessa emittente, questo poi aggiunge altra preziosa carne al fuoco!
  4. Fraxinus

    Cosa state ascoltando ? Anno 2012

    Ascoltando oggi svariate versioni di quella chicca quattrocentesca che è il Mit Willen Ganczem di Conrad Paumann, mi sono soffermato in particolare su queste due. Diametricalmente opposte in quanto a prassi esecutiva e strumentazione, eppure entrambe tanto riuscite! [media]http://www.youtube.com/watch?v=3B26XkdL_PQ&feature=related [media]http://www.youtube.com/watch?v=i56YtRgwnQc&feature=related
  5. Fraxinus

    La mia musica, neo-classica/ambient!

    Si si, hai ragione... dai che tra poco arriva la tua medicina (preferisci pillola gialla o pillola fuchsia?) e tutto ti sembrerà migliore, incluso il tuo podio da predicatore/provocatore, tirato bene a lustro.
  6. Fraxinus

    Musica e omosessualità

    Ciò che io non ho avuto francamente il coraggio di scrivere, l'ha scritto Vittelsbacco, vivaddio!!! Mi aggrego agli applausi, con rispetto parlando.
  7. Fraxinus

    Miles Davis

    Mondieu, uno dei dischi più sottovalutati in assoluto, On the Corner... bocciato tra l'altro dalla prestigiosa guida Penguin. A me piace davvero tanto... lo vedo come jazz imperniato su uno scheletro funk metafisico, rivoltato ed elevato a potenze difficilmente immaginabili. Uno dei pochi dischi in cui, ascoltandolo, il corpo va in una direzione e la mente va in un'altra diametricalmente opposta!
  8. Fraxinus

    Miles Davis

    Non concordo per nulla, personalmente parlando. Reputo il suo periodo elettrico e "commistionato" come uno dei più floridi, ricchi e genuini di tutta la sua produzione. Non siamo tutti con la gorgiera al collo, sporti dal balcone della nostra turris eburnea. Un appassionato viscerale di musica classica PUO' benissimo amare altrettanto visceralmente il jazz/rock (se così vogliamo chiamarlo) di Bitches Brew, così come molto altro. Non penso di essere l'unico, nel mio piccolo, a vederla in questa maniera. Che poi Davis abbia avuto periodi di minore pregnanza artistica e storica, beh non posso certo negarlo.
  9. Fraxinus

    L'ultimo CD acquistato (musica classica)

    Ti ringrazio per l'analisi appassionata e chiara, Ives. Seguivo infatti quei due dischi come un veltro che aspetta paziente l'uscita della lepre dalla tana, e avevo letto su di loro recensioni entusiastiche; alcuni particolari delle medesime tra l'altro ti danno proprio ragione sull'aspetto "assuefacente" di Lawes. Il suono fragrante, obliquo, pastoso e per certi versi "alieno" del consort inglese mi affascina da tempo, e dopo lunghe meditazioni ho deciso di optare per quelle pubblicazioni Channel, a discapito del sontuoso disco Alia Vox dedicato al succitato compositore d'oltremanica. Mi intriga molto anche Purcell, parlando di consort, nonchè l'eterno Dowland... ma verrà il tempo. Oh, se verrà...
  10. Fraxinus

    L'ultimo CD acquistato (musica classica)

    Ordinati di fresco, dopo un luuungo periodo di pausa dagli acquisti "classici". Attendo paziente ma sotto sotto fremebondo.
  11. Fraxinus

    Cosa state ascoltando ? Anno 2012

    Anno 2012 iniziato gioiosamente, con un buon Porto e questo splendido disco. Auguri e prosperità!!!
  12. Fraxinus

    Cosa state ascoltando?

    [media]http://www.youtube.com/watch?v=v3iBOusLbIA Una piccola scheggia della serie Masada di John Zorn. Artista a tutto tondo che immagino molti conosceranno.
  13. Fraxinus

    Cosa state ascoltando?

    [media]http://www.youtube.com/watch?v=v3SYuvOKC0A&feature=related Un pizzico di odierna psichedelia d'autore. Buona giornata a tutti, e che sia buona per davvero!
  14. Fraxinus

    Cosa state ascoltando?

    Grande Rinaldino... che disco, Spiderland degl Slint! La scaturigine del post-rock, assolutamente *_*
  15. Fraxinus

    Cosa state ascoltando?

    Laviamo l'onta del Giustino Bevitore apparso su queste pagine, và... [media]http://www.youtube.com/watch?v=HtK2q3As-H8&feature=related [media]http://www.youtube.com/watch?v=SzaFKlisXwQ&feature=related Lo chiamano post-rock, ma in tanti casi un'etichetta è semplicemente qualcosa di inutile.
×