Vai al contenuto

muzikant

Members
  • Numero contenuti

    79
  • Iscritto

  • Ultima visita

Risposte risposto da muzikant

  1. Pahud lo usa, e pure la Beynon. Ma sai, provarlo non costa nulla, comprarlo sì e non sono sicuro ne valga la pena. Alla fine non esistono trucchi che cambino magicamente il suono ,

    un'altra possibilità sono le corone di Robert Bigio, non so se ne avevamo già parlato nel forum...

  2. On 1/6/2019 at 21:16, Sessantaquattro dice:

    Ho letto il libro "Jean-Pierre Rampal musica e flauti amori miei" dello stesso Rampal e di Deborah Wise.
    Editore: Nuove edizioni (C) 2002.
    Carino ed interessante, anche se un po', forse troppo, gigione, imho.
    Ma non e' che ci siano in giro molti libri sui flautisti.
    <sorriso>

    Nella prefazione di Carla Moreni trovo una frase che mi intriga

    <citazione>
    per esempio di alcuni(flautisti) non fa menzione ... ad esempio di Gazzelloni.
    ma chi e' del mestiere PUO' BEN INTEDERNE LE RAGIONI
    </citazione>

    In effetti Gazzelloni non e' mai citato in tutto il libro.
    Qualcuno puo' illuminarmi su quali caa...spita sono queste ragioni?
    Ho googlato quanto possibile ma non ho trovato riferimenti.
    Qualcuno ne sa qualcosa ?

    Grazie.
    PS:
    giuro che non sono un troll che vuole rinfrescare "polemiche" del secolo scorso. 

     

    Sai, i grandi solisti non amano parlare degli altri grandi solisti. Da sempre per citare Rampal bisogna essere un po' pavoni per essere solisti e ciò implica

    una buona dose di competizione/ gelosia con le varie frecciatine, snobismi ecc. Riscontrabile a qualunque livello, specialmente fra i cantanti d'opera e i flautisti.

    Comunque ancora oggi se parli a un flautista francese vedrai quanta boria e senso di superiorità hanno verso tutti gli altri...

  3. On 21/5/2019 at 19:46, blankpage dice:

    Come può vedere dallo storico dei miei messaggi sul forum io mi sono trovato a consigliare e suggerire non solo Briccialdi, ma anche altro (direi..soprattutto altro). Quindi non credo che ogni marchio da me citato mi dia la percentuale.

    Lei invece sembra avercela a morte con questo marchio specifico a priori(e con quello che gli ruota attorno). Ha esordito a gamba tesa con fuoco e fiamme contro di esso con giudizi da bar (scassoni, tubi incrostati) quindi immagino ci sia sotto del personale che esula da un giudizio obiettivo..altrimenti davvero non mi spiego una reazione del genere.

    Quello che invece ci tengo a dirle è cercare di essere rispettoso nei confronti dei giudizi altrui. Qui nessuno scrive per abbindolare. Lei non è autorizzato a "cacciare" un altro utente e dirgli di andare in un altro forum. Chi si crede di essere? 

    Consigliare flauti cinesi come Zhao o italiani come Briccialdi( o almeno li spacciano come tali) è semplicemente una presa in giro.  Lei chiede perchè dovrei fidarmi di una casa americana o giapponese e pagare il 30 % in più ? Non è per il marchio, è perchè ci sono alle spalle più di 100 anni di ricerca, confronto con i flautisti , innovazioni... Dire che i Briccialdi siano arrivati al top ( ma dove ? al paesino della zia Clotilde?) e che dia fastidio a molti grandi ( eh si certo, col fatturato di Briccialdi effettivamente Muramatsu e Brannen non dormono la notte) è una gigantesca balla. E il peggio è che alcuni nuovi utenti- appassionati dilettanti che vorrebbero rimettersi a studiare dopo anni, meritevoli di consigli seri e professionali- potrebberero crederle...

    Io non credo di essere chissà chi; sono un flautista professionista e sì, mi arrabbio parecchio quando sento utenti dare via " saggi consigli" come il verderame, quando probabilmente e in questo caso, tragicamente non hanno alcuna competenza in materia.  Lei chi si crede di essere quando mette in dubbio il valore dei miei consigli senza conoscermi? Ah si un docente dice... Complimenti davvero!  Ecco perchè la situazione didattica italiana è agli sgoccioli.

  4. 6 ore fa, blankpage dice:

    Il tenore di certi interventi si qualifica da solo e quindi immagino anche lo spessore e la provenienza del consiglio 🙄 (e capirai adesso anche tutto l'astio che ruota attorno ad un marchio che ormai è arrivato  al top e sta dando fastidio a molti). 

    L'ho detto e lo ripeterò..provare non costa nulla. Chiedi tranquillamente in prova a casa uno Yamaha, un Muramatsu e l'Altus  in alpacca...e a parità di prezzo anche un Briccialdi tutto in argento...e nella quiete delle tue mura domestiche fai la tua scelta decidendo quale suona meglio.

    Ma tant'è.... il mondo è bello perchè è vario.

    Anche se mi sento personalmente offeso a sentirmi dire che ho abbindolato per anni i miei studenti, oltre a scoprire oggi che al Concorso Gazzelloni (quindi non ad un concorso qualsiasi di periferia ma ad uno dei concorsi per eccellenza del panorama mondiale!) una giuria composta da nomi internazionali di primissimo piano consegna al vincitore uno scatolone di pessimo livello. Un concorso farlocco dunque.

    Non si smette mai d'imparare. Vedrò di aggiornarmi. Scusate tutti.😂

    Ecco si aggiorni e possibilmente con un po' meno di boria se ne vada a fare pubblicità a sti' tubi incrostati in un altro forum...(quanto la pagano in percentuale?)

    Dire che con 3000 euro non si ha molta scelta è assurdo... Quando mette in dubbio lo spessore e la provenienza del consiglio mi viene da ridere, pensando da che pulpito viene la predica...

     

    ps il Gazzelloni non è uno dei concorsi per eccellenza ( sono il Kobe,l'Ard, Ginevra)

     

  5. 17 ore fa, Max 71 dice:

    Grazie blankpage, l'unica perplessità era che no ho sentito molto parlare di Briccialdi a parte in questo forum... e che Azumi S3 è fatto di argento 958 anziché 925 come gli altri, non so quanto beneficio ciò possa portare, e non conosco la meccanica di Azumi ma pare sia fatta a Taiwan... mentre Altus a quel prezzo offre la sola testata in argento ad il corpo placcato, continuo ad essere molto indeciso... 🤔 altre opzioni da suggerire? 🙄 Grazie mille... 

    Lascia perdere i Briccialdi, te lo dico onestamente : non farti abbindolare da false promesse , si tratta di scatoloni di pessimo livello e il fatto che vengano offerti ad un concorso ne è la prova lampante... 

    Con 3000 euro ti compri un bel EX Muramatsu o uno Yamaha più che dignitoso con testata d'argento, anche Altus non è affatto male.. Vai sui modelli giapponesi o allora

    americani con Haynes o Powell di base.

     

  6. 19 ore fa, Stefano Conti dice:

    L' ultimo video sul mio canale.

    Gazzelloni riesce a rendere interessante quasi ogni cosa. Ma questo pezzo è davvero imbarazzante, non capisco come ancora qualcuno abbia il coraggio di suonarlo dal vivo...:blink:

  7. Non conosco nessuno di quelle parti :(...

    Comunque non hai che da provare per vedere chi ti convince maggiormente. Leggo sul cv di Silvia Bellio che oltre ad avere esperienza all'estero ha studiato con i grandissimi della scuola francese ( Marion- Larrieu-Guyot) e sicuramente un pensierino ce lo farei, anche se non la conosco come didatta.  ( non dare mai ascolto alle malelingue, giudica sempre con le tue orecchie :) ).

     

  8. il flauto per principianti di Trevor Wye è un buon metodo per cominciare. Si inizia da subito a fare musica.

    Se non hai tempo per andare a lezione sono certo che tu possa trovare qualcuno che venga da te a domicilio, anche solo due volte al mese.

    Proprio all'inizio è fondamentale il contatto con un maestro, per impostare correttamente la postura, iniziare a parlare di emissione, imboccatura ecc.

    ps Di dove sei? forse posso consigliarti qualcuno ;)

  9. Buongiorno Johann,

     

    in realtà uno strumento d'argento professionale di classe standard costa minimo 7000 euro. Da  2000-3000 euro si parla di semiprofessionali ( muramatsu Ex con testata d'argento ecc)

    Credo che per un principiante un flauto da 500 euro vada più che bene, un Pearl o uno Yamaha  argentati sono flauti suonabilissimi.

    Non credere alle leggende online : su questi flauti si può fare molto più che scale e arpeggi. Se il tuo obiettivo non è suonare professionalmente andranno bene.

  10. On 28/11/2017 at 22:48, fraghila dice:

    Direi di sì. In effetti, se penso a me stessa flautista fra qualche anno, non so se mi ci vedrei. Per certi versi sì, ma per altri no. Ho un lato creativo che è stato sopito, a cui vorrei dare sfogo, ma pare che attualmente dorma sonni profondi. La rigidità del Conservatorio e della musica classica a volte mi sta un po' stretta, però d'altra parte mi farebbe troppo male lasciare, più che altro per il rimpianto che un giorno potrei avere. Forse ho bisogno di capire se davvero posso arrivare da qualche parte, e a che livello. Ho sempre pensato ad una carriera in orchestra, ma da quando frequento l'ambiente accademico, sono rimasta un pochino disillusa. Non è tutto rose e fiori, c'è una competizione da matti e ognuno è pronto a sputare veleno addosso ad un altro. Non so se sono pronta a questo. Il punto è che sento di star sprecando le mie capacità, o meglio, non so quali siano le mie reali capacità, e quali i miei limiti.

    Ciao! mi permetto di consigliarti per prima cosa un insegnante valido, che ti convinca pianamente.

    Solo così infatti troverai l'ispirazione, è la condizione minima per fare progressi. Al resto pensaci dopo.

  11. On 5/11/2017 at 15:40, NaDa dice:

    Ciao a tutti, il mio Muramatsu (un vecchio DS) ha bisogno di una revisione totale. Non lo suono da anni, ma le poche volte che lo prendo in mano noto una magagna in più. Ho la sensazione che la revisione comporterà una serie di cambi di cuscinetti e forse altri interventi importanti.

    Daminelli Bergamo ed Savoldi sono i due "meccanici" a cui mi rivolgevo in passato ed abito alla stessa distanza da entrambi.

    Vorrei sapere se qualcuno di voi ha fatto fare preventivi di revisione da entrambi o se sapete se uno è più economico dell'altro. La mia scelta si basa solo su questioni economiche...sarà un salasso!

    grazie mille

     

    Ciao,

    Ti consiglio vivamente di allungare di un paio d'ore fino  a Torino, Roberto Cantù è quanto di meglio ci sia in Italia per rapporto qualità prezzo.

    I due che hai citato sono sicuramente validi  ma non proprio economici.

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy