Vai al contenuto

MassimoParsifal

Members
  • Numero contenuti

    77
  • Iscritto

  • Ultima visita

Su MassimoParsifal

  • Rank
    Nessuno (per adesso)
  • Compleanno 01/01/1989

Visite recenti

1317 visite nel profilo

About Me

Salve a tutti.

Io mi chiamo Massimo e sono uno studente universitario a L'Aquila, ma sono nato e abito a Chieti. Come potete vedere, nella mia firma (v. sotto) ho inserito un'immagine esemplare di un evento storico che per me ha un grandissimo significato. Io, nel 1989, purtroppo, certo non ero lì, ma piuttosto in quell'anno ci sono nato. Il giorno di capodanno per essere precisi. Per me, dunque, è davvero una grande cosa essere venuto in questo mondo insieme al 1989, in quell'anno così tanto importante per noi europei perché la caduta del Muro di Berlino è stato l'inizio di un processo che ha portato l'Europa ad essere una Unione a tutti gli effetti. Con la caduta di quel muro sono cadute tante divisioni e si sono erette tante nuove amicizie tra noi. Così, guardando le foto di quel 9 Novembre e vedendovi tutte quelle persone che si abbracciano e si tengono per mano fraternamente, anch'io idealmente, dopo 20 anni mi sento abbracciato da quella realtà che siamo riusciti a mettere in piedi dopo la follia di una guerra mondiale che è l'Unione Europea. Bisogna ringraziare tutti, ma in massima parte loro, i berlinesi, perché con il loro sacrificio, oggi io sono davvero orgoglioso di essere non solo un italiano, ma anche e soprattutto un Europeo, di essere, insomma, un concittadino di tutte quelle diverse culture che fanno grande questa nostra carissima mamma Europa.

Quando due anni fa, poi, con la scuola andai a visitare la città di Berlino in gita scolastica, per me fu una grande emozione. Giuntovi, ho trovato una realtà che davvero non mi aspettavo potesse arrivare fino a quel punto: una città dinamica e in continua e fervente crescita che nella nostra epoca può essere paragonata a quello che Firenze fu nel Rinascimento. Berlino, nel suo complesso, non è certo la città più bella del mondo, ma tra tutte quelle che ho visitato fino ad ora è sicuramente la più interessante sia dal punto di vista architettonico che da quello sociale. Infatti, lo status di uno storico laicismo (e parlo di un sano laicismo come quello francese) quale può essere quello di Berlino, la rendono unica nella scena mondiale garantendo un'armonia di culture, credo religiosi e movimenti artistico-ideologici in cui l'incontro (e anche lo scontro) fra di esse è fonte di continuo arricchimento, di apertura e di dialogo sempre vivi.

Nel vedere quella gente che si tiene per mano, con una lacrima che dolcemente mi scende sul viso, ogni giorno ne traggo la linfa della mia vita prendendo atto che nonostante tutto quello che continua ad accadere in questo mondo, l'amicizia tra i popoli è sempre destinata a trionfare sulle macerie delle divisioni. Da quest'immagine che vi propongo, traete voi non solo la mia firma, ma anche la mia personalità, il mio pensiero, il mio essere, perchè è da lì che il cammino della mia vita ha preso idealmente il suo corso e lì ogni giorno si volgono il mio sguardo e le mie speranze.

Anche se questi possono forse essere dei pensieri e delle illusioni tipiche di un adolescente, credetemi, sono queste le cose che sento più intime e che vivono con semplicità nella mia anima pervasa da quell'entusiasmo tipico che si ha in questi anni della vita la quale altro non è che una meravigliosa emozione.

Crollino i muri delle divisioni, sia aprano le porte del dialogo, in un unico abbraccio, fratelli dello stesso sangue, fratelli tutti sotto lo stesso sole.

P.s.: voglio per ultima cosa, e non per questo meno importante, precisare che il mitico '89 fu molto determinante per l'intera umanità anche per la caduta di Caeusescu in Romania, per l'elezione di Frederik Willem de Klerk a presidente del Sudafrica (il quale si è tanto prodigato per l'abolizione dell'apartheid in quella nazione), per il leggendario concerto dei Pink Floyd sul palco galleggiante nel Bacino di San Marco a Venezia, ma anche se in quell'anno morirono mostri sacri come Samuel Beckett, Salvador Dalì e Herbert von Karajan, tuttavia, personalmente, posso dire che in compenso sono nato io e di questo certo non me ne dispiaccio…

Pace e amore in tutto il mondo. Per sempre.

Eccomi, questo sono io: un ragazzo europeo, idealmente berlinese, innamorato della vita e della felicità.

Massimo.

×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy