Vai al contenuto

Tutte le attività

Questo stream si auto-aggiorna

  1. Ultima ora
  2. RAI Radio3 Suite - Il Cartellone 16 maggio 2022 20:00 in diretta dal Teatro alla Scala di Milano Milano Musica per ricordare Luciana Pestalozza e Claudio Abbado Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI Pedro Amaral, direttore Vadim Repin, violino (dedicatario) Sofija Gubajdulina : Dialog - Ich und Du (titolo mutuato da Martin Buber, 1923) Concerto per violino e orchestra n. 3 prima esecuzione in Italia - Tra affermazioni provocatorie quanto disarticolate, e conforto, teoria del conforto, l'aspetto più intrigante secondo me è che questi aspetti del dialogo vengono portati nel testo, complessivo, e nient'affatto nel solo concerto tra solista e orchestra, seppure questo così fortemente giocato di contrasto volumetrico. Ah ecco, sì, poteva proprio starci l'organo 🙂 oibò che strumento è questo che sento tipo celesta caricata a campane, no non il gong, prima... e insomma voglio l'organico orchestrale!! 😃 Sì (sentita l'intervista allo splendido interprete) mi piace anzi ritengo cardinale parlare di Sofia Gubaidulina come di tradizione: per certi versi seccamente superata, tanto quanto sapere che Dialog, con la sua perfezione di freschezza e densità e provocazione e firma personale ormai persino archiviabile-ma-oh-accidenti-hai-sentito-che-roba? è stato aperto e chiuso a 88 anni (giusto?) in assoluta completezza e definizione persino devastante, a me fa gridare (di gioia) eheh.
  3. Oggi
  4. Florestan

    Mahler

    Il Mahler di Fischer (Ivan) è generalmente molto buono, con una predilezione appunto per l'aspetto tardoromantico. Meno personali le letture del fratello Adam, ma si vede che entrambi conoscono bene il compositore e sanno come dirigerlo. Se dovessi scegliere una sola Nona in disco sarei in difficoltà, tante sono le ottime interpretazioni di questo lavoro: certo, non vorrei rinunciare né a Klemperer né a Bernstein né a Haitink. Ma non me la sentirei neppure di lasciar fuori Gielen, Walter e Kubelik.
  5. Mi sono imbattuto in questo compositore.
  6. Grazie Majaniello ! veramente una gradevolissima sorpresa, vado a cercare anche altre sue interpretazioni. se le conosci, puoi segnalarmele. ancora grazie paolo
  7. polnav

    Necrologi

    una perdita insostituibile, praticamente , ascoltandolo ho iniziato a seguirlo in tutte le Sue interpretazioni. ricordo che in quel periodo andava per la maggiore, un altro organista,ma lui per me è sempre stato di un altro livello. conserverò, con ancora più nostalgia la sua discografia, legata anche alla mia giovane età. per sempre grazie SIMON. paolo
  8. Ives

    Hurwitz & co.

    Sorprendentemente, una bellissima Quarta di Mahler diretta da Bychkov (Pentatone).
  9. Ad ascolti poco attenti non mi ha mai detto molto questo balletto, vediamo se approfondendolo mi piace.
  10. Una iniziativa editoriale importante, sia perché rende disponibili registrazioni che finora non erano state mai ripubblicate in cd, sia perché quasi tutto il lascito discografico di Mitropoulos è stato rimasterizzato per l'occasione dai tecnici della Sony. Contro vi è anzitutto il fatto che molte delle incisioni presenti sono ormai notissime, anche in rimasterizzazioni adeguate, e dunque chi non fosse proprio digiuno del grandissimo direttore greco si porterebbe a casa un gran numero di doppioni a fronte di una spesa non inifferente. In secondo luogo, mancano pressoché tutte le importantissime registrazioni - per lo più live - realizzate da Mitropoulos in Europa, i cui diritti sono detenuti da altre etichette o da teatri o enti radiofonici che nel tempo li hanno concessi alla Sony o alla CBS soltanto per licenze brevi. Da ultimo, diversi critici hanno segnalato che purtroppo le registrazioni in studio con la New York Philharmonic, documentate nel box, sono spesso di qualità interpretativa inferiore e più spente rispetto alle corrispondenti e fiammeggianti registrazioni live che hanno circolato in vario modo oppure alle omologhe registrazioni con orchestre europee anche meno blasonate. Ciò perché specialmente nelle sedute in studio si manifestavano i problemi relazionali degli orchestrali della NYP con Mitropoulos, e dunque la riottosità o la negligenza davanti alle scelte interpretative del direttore avevano la meglio.
  11. giobar

    Necrologi

    E' strano che, a tre giorni di distanza (sarebbe morto il 13, secondo alcune laconiche notizie raccolte qua e là), la morte di un musicista così importante e famoso non sia stata ancora ripresa dalle riviste musicali on line più diffuse. Effettivamente un grande, che oltre tutto ha saputo esplorare con competenza e souplesse un po' tutte le epoche musicali.
  12. Ives

    Necrologi

    RIP, mi spiace tanto. Uno di quelli che negli anni '90, nel bene o nel male, mi ha fatto cambiare paradigma sull'approccio al repertorio classico-barocco. Poi il movimento filologico si è evoluto, ma lui è rimasto fedele ad un stile di hip moderato. Lo sentii anche dal vivo come organista. Tanti bei dischi ancora oggi validissimi. La serie della Eloquence (vecchi dischi Argo) sul '900 organistico inglese e non è bellissima. A suo modo, un grande della tastiera (ma anche capace direttore di coro).
  13. Ieri
  14. Grazie a tutti innanzitutto! @Glenn Gould a essere sincero ho pochissime doppie o triple edizioni di una stessa opera e questo perché: 1) mancanza di spazio 2) e, correlata al punto 1, preferenza nell'acquisire repertorio nuovo, che manca in discoteca So che magari qualcuno storcerà il naso, ma di una composizione cerco sempre di trovare la migliore interpretazione e di solito mi faccio bastare un'edizione soltanto, parlo di cd, poi ovviamente su youtube o in radio (ma questo più raramente) la situazione è diversa. @Majaniello caro Maja, grazie della tua chiave di lettura e relativo consiglio. Da (tardo)romantico con moderata inclinazione al modernismo (in questi ultimi anni mi sono avvicinato in maniera più frequente alla musica moderna rispetto agli esordi, quando proprio non riuscivo a digerirla) direi che questa registrazione di Fischer potrebbe davvero fare al caso mio. Di questo compositore ho i pezzi giovanili di Bartok per piano e orchestra, ma non ricordo adesso l'interpretazione. Di sicuro l'approccio che tu indicavi probabilmente a questi pezzi si addice meglio.
  15. Segnalo la scomparsa di Simon Preston, organista
  16. So che non è un genere molto seguito qui dentro, ma vi segnalo lo stesso il recital di questa ragazza, incentrato sui compositori italiani del XVII secolo, che suona il cembalo con uno stile chiaro, teso e immaginifico, per nulla indulgente, soprattutto. Mi ricorda per certi versi l'amata Blandine Verlet nelle sue incisioni giovanili, ma anche il suo conterraneo Aapo Häkkinen. Frammenti del discorso amorosoMarianna Henriksson (harpsichord)rec. 2017, Kallio-Kuninkala, Järvenpää, Finland Giovanni PICCHI (1572-1643)1. Toccata [4:20]2. Pass' e mezzo [5:29]Tarquinio MERULA (1594/5-1665)3. Toccata del secondo tono [3:47]4. Capriccio cromatico [3:38]5. Girolamo FRESCOBALDI (1583-1643) Cento partite sopra passacaglia [10:58]6. Bernardo STORACE (fl. mid-17th century) Ballo della battaglia [1:49]7. Michelangelo ROSSI (1601/2-1656) Toccata settima [4:35]8. Gregorio STROZZI (ca. 1615-1687) Toccata de Passacagli, e ciascheduno può sonarsi à solo [5:22]9. Girolamo FRESCOBALDI Toccata duodecima [4:24]10. Bernardo STORACE Ciaccona [5:55]11. Gregorio STROZZI Toccata prima per cembali et organi, con pedarole e senza [7:03]
  17. ah bello questo! ho letto 1979 e ho pensato non fosse nelle mie corde, dato che ricordavo le ultime cose di Searle un po' ostiche, mentre qui c'è molta cantabilità, seppur in tono misterioso e un po' tromboneggiante. Ma i frammenti che si sentono qui e là sono citazioni? ogni tanto c'è un pezzetto di cavalcata, un passaggio swingato, una fanfara "in fuga", ad un certo punto pare di sentire anche un tema popolare, sembrano però tutti spunti accennati e subito abbandonati.
  18. All' inizio del servizio compare una musica per pianoforte e violoncello : qualcuno sa cos è o che tipo di musica è ?LINK VIDEO, portarlo a -5.09 ( minuti.secondi) dalla fine ( è indicato il tempo residuo rispetto alla fine)https://www.raiplay.it/video/2022/05/Tg2-ore-1300-del-08052022-a3b7ef14-0da2-4745-87d2-1c2409ad4c4f.html
  19. Madiel

    Mahler

    E' solo storica quella di Barbirolli, per il resto c'è di meglio!
  20. Majaniello

    Mahler

    Per rispondere alla tua domanda, ammesso che tu non abbia già comprato la rivista in questione , trovo Ivan Fischer un grande direttore del repertorio romantico, uno dei pochi contemporanei che si possa dire "con personalità", immediatamente riconoscibile. Mi riferisco non a questa registrazione in particolare, che non conosco, ma ad altre da me ascoltate e citate nel forum in questi anni. Non credo sia un grande modernista, il suo Bartok ad esempio non sempre lo capisco e lo apprezzo, mi suona troppo "morbido" e arbitrario... per dire che se cerchi una nona interpretata come estremo atto del romanticismo può essere il tuo uomo, se la pensi come sinfonia di transizione tra '800 e '900 probabilmente ci sono nomi più interessanti (quelli citati e altri). Per quel che vale, lo conferma il giudizio di Hurwizzone nostro, che la pone sulla direttrice romantica no-pippefilosofiche di Walter e Masur. La rece:
  21. superburp

    Mahler

    Anche lui, ma quei tre aggettivi per me calzano perfettamente per Barbirolli. Viceversa non sono un estimatore della nona di Karajan.
  22. Ives

    Hurwitz & co.

    Dave's Faves: i dischi preferiti di Hurwitz. La Seconda di Rachmaninov (Temirkanov, EMI).
  23. Ives

    Hurwitz & co.

    Tempi migliori ad Hollywood. Le musiche del compositore polacco Wojciech Kilar per lo sperimentale Dracula di Coppola con Gary Oldman e Winona Ryder del 1992. Musiche in cui spicca la voce raggelante e spettrale di Diamanda Galas. Fu premio Oscar. Ma c'è anche la partitura per La Morte e la Fanciulla di Polanski. Antoni Wit dirige complessi di casa.
  24. Madiel

    Mahler

    Potevi citare Klemperer, la sua 9a è storica, bellissima e ben registrata.
  25. Ultima settimana
  26. superburp

    Mahler

    E Barbirolli!
  27. Il dito mignolo della mano sinistra si usa per la produzione del sol diesis. A volte, in alcuni pianissimi sul la può essere utile abbassare anche la chiave azionata dal mignolo della mano sinistra.
  1. Mostra altre attività
×
×
  • Crea Nuovo...

Accettazione Cookie e Privacy Policy

Questo sito o gli strumenti di terzi, usano cookie necessari al funzionamento. Accettando acconsenti al loro utilizzo - Privacy Policy