Vai al contenuto

Tutte le attività

This stream auto-updates     

  1. Past hour
  2. miaskovsky

    Letteratura

  3. Today
  4. kraus

    Georg Friedrich Händel

    A quel prezzo - meno d'un euro a cd - se pò chiude' 'n occhio, dai... Nomen omen
  5. Wittelsbach

    L'ultimo CD acquistato (musica classica)

    Freschi freschi...
  6. Ives

    Cosa state ascoltando ? Anno 2018

    Scopro solo ora che a giugno è morto Enoch zu Guttenberg, valido direttore bavarese che partendo dalla lezione di Karl Richter era giunto a una visione hip-oriented dei classici austro-tedeschi seppur con strumenti moderni ma di gran gusto e musicalità. La Farao Classics ha in catalogo diversi suoi dischi, tra cui una Grande di Schubert molto bella. Di una certa fama anche le sue Passioni bachiane in video con l'orchestra del Gewandhaus e la Munchner Bach Orchester. RIP
  7. Ives

    Cosa state ascoltando ? Anno 2018

    Se ho ben capito, brano che Levit dedica a un suo giovane amico morto in un incidente stradale e a cui è dedicato proprio l'intero album Life. °°°°°° E' tutta scritta eh, forma sonata...
  8. Ives

    Cosa state ascoltando ? Anno 2018

    Butterworth The Banks of Green Willow LSO/Previn
  9. Ives

    Georg Friedrich Händel

    Non conosco tutto, la qualità è però molto altalenante come spesso capita in box come questi. Riassumo: Musica Orchestrale: buon livello Water e Fireworks dei Concerto Koln; discreti i concerti grossi di Pommer Musica Strumentale: ottimi sia Loreggian che Borgsteade per la musica cembalistica Concerti: buon livello di quelli per organo con Schmitt/Matt Oratori: ottima la Jephtha di Creed; discreto il Messiah di Cleobury; pessimi tutti gli altri affidati a Somary Per il resto, non conosco...
  10. kraus

    Georg Friedrich Händel

    Ce l'ho e ho già ascoltato una cinquantina di CD. Sulle esecuzioni non so dirti perché sono assai sgalfo in materia, ma se parliamo di composizioni è (molto) spesso grande musica. Probabilmente - specie sul versante dell'opera lirica - si trovano interpretazioni migliori, ma tutto si lascia ascoltare con piacere. A voler fare il diavoletto tentatore, suggerirei pure quest'altro boxone del collega Telemann: Scoperta piacevolissima, con picchi qualitativi un po' in tutti i generi affrontati.
  11. gatto_giuliano

    Georg Friedrich Händel

    Dall'alto della mia ignoranza ho solo un vinile di Haendel con ovviamente Water Music.... ho visto che con 59 euro potrei portarmi a casa il boxone della Brillian con 65 cd... Io sono sempre un po' restio ai megabox, perchè mi piace scegliere a me quali interpretazioniprende, anche perchè chissà fra quanti anni finirò di ascoltarlo, ma visto il prezzo mi sembrava proprio un'occasione ghiotta. Mi sapete dare un feedback sulla qualità di questo mega boxone?
  12. polnav

    Cosa state ascoltando ? Anno 2018

    GUGLIELMO TELL 2 atto " Sombre forèt " Mathilde Montserrat Caballè reg. 1982
  13. hurdy-gurdy

    Cosa state ascoltando?

    Giovinetto canadese, a giudicare dalla voce cresciuto a pane e Grizzly, che concede poco o nulla alla modernità. Veramente notevole. A @Ives.
  14. Antiphonal

    Cosa state ascoltando ? Anno 2018

    Buona Giornata a tutti gli amici e a tutte le amiche ForuMattinieri/e con la cavalcata delle Valchirie di Wagner nella trascrizione per organo di Edwin Lemare. Suona Jonathan Scott.
  15. Persephone

    Cosa state ascoltando ? Anno 2018

    Buongiorno a tutti con grinta e un pizzico di stregoneria 😎
  16. Ives

    Cosa state ascoltando ? Anno 2018

    Si, concordo, cose davvero più che secondarie nella produzione britteniana. Eppure tutti i coevi inglesi sono stati ottimi autori per il cinema e la tv.
  17. Yesterday
  18. Persephone

    Cosa state ascoltando ? Anno 2018

    Oggi mi sento veramente alla grande ! Dedicato a tutti voi amici del forum.
  19. Ringrazio di cuore @Ives per la sua bellissima e suggestiva nota e @miaskovsky per il suo prezioso aggiornamento... rilancio con qualche riga sulle seguenti incisioni: César Franck, Sinfonia in re minore, Wiener Philarmoniker, Wilhelm Furtwangler [dal vivo 28/I/1945 & studio 14-15/XII/1953] La copertina che ho postato non ha niente a che fare con le versioni in mio possesso: nella mia discoteca è presente il live nell'affidabilissimo riversamento Orfeo e la incisione in studio - originariamente Decca - invece proviene dal cofanone Membran, che in questo caso non ha combinato pasticci. Cosa dire? In breve: stesso direttore, stessa orchestra, stessi timings complessivi, ma risultati assai differenti, a riprova di come le registrazioni in studio per Furt fossero in qualche modo spesso estranee alla sua prassi musicale. Ovviamente la versione Decca è quella più famosa, o perlomeno, quella che è circolata in maniera più ampia, e come in (quasi) tutte le registrazioni in studio del Direttorissimo l'esito non cambia: esecuzione ricca, timbricamente assai appagante, precisa nell'esecuzione orchestrale ma che dal mio punto di vista non può assolutamente competere con la performance di quasi 9 anni prima, proveniente dall'ultimo concerto diretto da Furt - in cui l'opera franckiana era accoppiata con un altrettanto imprescindibile Seconda di Brahms - prima del suo silenzio artistico durato più di due anni. Infatti, stando all'esecuzione del '45 non si può non notare l'affinità del direttore tedesco con questa sinfonia, a cui viene data una lettura che oserei definire quasi tristaneggiante. L'ampiezza agogica è spettacolare, notare l'incipit del primo movimento in cui Furt progressivamente raggiunge la velocità di crociera: l'atmosfera plasmata è quasi hitchcockiana, di vera suspense, il passaggio dalle frasi iniziali dei bassi - avvolte in un velo misterico - al successivo allegro - così vigoroso - è certamente da manuale. Il Tristano riecheggia nel celeberrimo secondo movimento, dall'andamento abbastanza ampio e in cui la splendida melodia del corno inglese si appoggia dolcemente sugli accordi dell'arpa e degli archi, accordi che vengono fatti vibrare da Furt per tutto il loro valore, fattore che contribuisce a creare una suggestiva aura di melanconia autunnale. Il Finale non appare trionfalistico come dovrebbe essere, risultando da ultimo, nervoso, oscuro, per niente consolante, degna rappresentazione di quegli ultimi, terribili, giorni di guerra. Anche la concentrazione della compagine orchestrale è massima - forse complice il clima di grande tensione emotiva di quei tristi momenti - e la visione furtiana viene assecondata in pieno: il risultato è di quelli che non si dimenticano. Sicuramente uno dei più alti esiti del direttore tedesco nonché una delle più belle interpretazioni di questo lavoro. Sulla successiva registrazione in studio sarò più breve. Ovviamente dal punto di vista tecnico la qualità è assai migliore - sia per quel che riguarda la qualità del suono, sia per la performance dell'orchestra, anche se nel precedente live non sono presenti grossi svarioni sotto questo punto di vista - ma il pathos presente anni prima è difficilmente percepibile. E' una esecuzione assai più sobria, posata e invano si cercheranno le impennate e il clima febbrile di cui sopra. I contrasti sono appianati, l'oscurità fa spazio ad un'atmosfera più distesa e pacata, ne è riprova il movimento centrale, dove stavolta si respira quasi un'aria pastorale, di discreta luminosità. Non che sia una brutta incisione, anzi, rimane comunque un bel disco, ma se uno arriva dalla frenesia della precedente esecuzione, forse potrebbe rimanere deluso. Per chi vuole (ri)ascoltare entrambe le versioni, e magari esprimere qualche valutazione a proposito, ecco i link dal Tubo:
  20. Endymion

    Cosa state ascoltando ? Anno 2018

    a burpo in controdedica (Skalkottas è sempre gradito) e a chi apprezza.
  21. Madiel

    Cosa state ascoltando ? Anno 2018

    Idem, ma il terzo atto: sono al "Nachtstuck" (secondo me tra le cose migliori scritte da Schreker).
  22. Quei pirati della BIS mi hanno bloccato un video di youtube con un'incisione che non gli appartiene! Hanno scambiato il mio Concerto di Grieg con Merzhanov e Mansurov (ricuperato da un rarissimo cd) per la loro versione con Pontinen. Non si può reclamare? E' un arbitrio

    1. Madiel

      Madiel

      In teoria sì, ma ti consiglio di lasciar perdere. Creano un sacco di problemi e tu ti troveresti pure nella situazione di dimostrare i tuoi eventuali "diritti" sulla registrazione. Inutile perdita di tempo e di pazienza.

    2. Wittelsbach
    3. Madiel

      Madiel

      Pensa che la BIS è pure una delle etichette che rompe di più le scatole agli "youtubers". Rischi di farti segnalare da qualche malintenzionato e senza volere. Meglio tenere il basso profilo.

  23. Madiel

    Cosa state ascoltando ? Anno 2018

    Gli inglesi sono talmente affascinati da Britten da registrare tutto, compresi gli avanzi! --- Schreker: Der Ferne Klang Radio-SO Berlin, Albrecht
  24. .Andrea

    L'ultimo CD acquistato (musica classica)

    Infatti è lui il mio riferimento! Quel CD è stato il mio primo approccio ad Ives, mi piace molto.
  25. Madiel

    L'ultimo CD acquistato (musica classica)

    Quel cd è un classico. Eccellenti sia Three Places che la Sinfonia n.4 (forse la migliore in disco da sempre), invece Central Park è meno interessante pur restando una esecuzione maggiore. Male che vada, puoi rivolgerti al solito Bernstein sempre per DG.
  26. .Andrea

    L'ultimo CD acquistato (musica classica)

    Ho ascoltato solo Three Places e mi erano sembrati ottimi. Ricordo che Madiel aveva lodato queste esecuzioni.
  27. glenngould

    Letteratura

    Apprendo solo ora della morte di una persona che (forse) non può essere annoverata tra i grandi scrittori, ma che con un suo libro ha segnato la mia vita di ragazzino. Era l'estate del 1993 e casualmente trovai questo libro sulla sedia di un conoscente, iniziai la lettura e in due ore ero arrivato a metà. Completamente rapito. Il libro era "Un sacchetto di biglie", lo scrittore Joseph Joffo che ora non è più. Questo è il mio modo per rendere omaggio alla sua memoria. Joseph Joffo (2 Aprile 1931 - 6 Dicembre 2018)
  1. Load more activity
×