Vai al contenuto
joetiziano

E per l'Opera?

Chi è il vostro compositore d'Opera preferito in assoluto?  

91 voti

  1. 1. Sceglietelo tra...

    • Monteverdi
      4
    • Haendel
      3
    • Gluck
      0
    • Mozart
      24
    • Cherubini
      0
    • Spontini
      0
    • Rossini
      13
    • Donizetti
      0
    • Bellini
      1
    • Verdi
      13
    • Wagner
      15
    • Bizet
      2
    • Puccini
      14
    • Mascagni
      0
    • Strauss
      2
    • Altro
      3


Recommended Posts

Certamente, il corpus verdiano non è omogeneo come quello wagneriano. ;)

beh bisogna vedere, magari il corpus wagneriano fa schifo omogeneamente mentre quello verdiano solo a tratti.

In questo caso avrebbe la meglio peppe :lol:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Certamente, il corpus verdiano non è omogeneo come quello wagneriano. ;)

Anche perchè Wagner ne ha scritte poche ma durano quanto un paio di opere "normali" :lol:! Ci credo che c'è più omogeneità.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Pienamente d'accordo. L'opera lirica sta a Wagner come la musica strumentele sta a Beethoven!!!!!!

Hai perfettamente ragione, l'Opera wagneriana è musica sinfonica fatta Opera, che è meglio chiamare, dramma musicale (Wort, Ton, Drama).

Viva sempre la sua musica. :thumbsup_anim:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
beh bisogna vedere, magari il corpus wagneriano fa schifo omogeneamente mentre quello verdiano solo a tratti.

In questo caso avrebbe la meglio peppe :lol:

:lol:

Ho deciso: ti assumo come mio personale 'bone discipule'. Non sarà facile convertirti alla Musica con la emme maiuscola, ma non dispero.

;)

E comunque resta il fatto che in campo operistico Mozart è una spanna sopra i vari Claudio, Giovachino, Peppe, Riccardo e santi tutti. Amen.

Oggi mi sento democratico. :rolleyes:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
:lol:

E comunque in campo operistico Mozart è una spanna sopra i vari Claudio, Giovachino, Peppe, Riccardo e santi tutti. Amen.

Oggi mi sento democratico. :rolleyes:

Infatti, Wagner non è propriamente un'operista, il suo è dramma musicale, teatro musicale, non belcanto, che è tutta un'altra cosa. In wagner oltre ad essere dei bravi cantanti, bisogna essere anche dei bravi attori. ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Infatti, Wagner non è propriamente un'operista, il suo è dramma musicale, teatro musicale, non belcanto, che è tutta un'altra cosa. In wagner oltre ad essere dei bravi cantanti, bisogna essere anche dei bravi attori. ;)

:mellow:

Hai ragione. Predico bene e razzolo male.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
:lol:

Ho deciso: ti assumo come mio personale 'bone discipule'. Non sarà facile convertirti alla Musica con la emme maiuscola, ma non dispero.

;)

E comunque resta il fatto che in campo operistico Mozart è una spanna sopra i vari Claudio, Giovachino, Peppe, Riccardo e santi tutti. Amen.

Oggi mi sento democratico. :rolleyes:

ma mozart anche sopra Giorgio Federico e Francesco Giuseppe (che manco c'è nel sondaggio)?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ma mozart anche anche sopra Giorgio Federico e Francesco Giuseppe (che manco c'è nel sondaggio)?

E' opinione comune che Mozart superi di parecchie lunghezze F. J. Haydn. Personalmente di Francesco Giuseppe ho sentito soltanto "Lo Speziale" che non era niente di che (da qualche parte, se t'interessa, in "Cosa state ascoltando?" dovrebbero esserci le mie impressioni ad ascolto appena avvenuto).

Di Händel non saprei che dirvi perché non ho mai ascoltato nessuna delle sue opere teatrali.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ma mozart anche sopra Giorgio Federico e Francesco Giuseppe (che manco c'è nel sondaggio)?

Sì, santo cielo! Passino le sinfonie, passino i quartetti, passi la musica sacra... Ma l'opera!

Tu da ieri sei il mio bone discipule, quindi fai quello che dico io ( :D ). Ti prendi una buona edizione delle "Nozze di Figaro", te la spari in cuffia per benino, corredato da una guida all'ascolto. Poi fai un'analisi ragionata dei finali del Secondo e del Quarto Atto. Infine ti leggi un bel saggio sul teatro mozartiano.

Forse è ora di cominciare a parlare seriamente di W.A. Mozart. :spiteful:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Sì, santo cielo! Passino le sinfonie, passino i quartetti, passi la musica sacra... Ma l'opera!

Tu da ieri sei il mio bone discipule, quindi fai quello che dico io ( :D ). Ti prendi una buona edizione delle "Nozze di Figaro", te la spari in cuffia per benino, corredato da una guida all'ascolto. Poi fai un'analisi ragionata dei finali del Secondo e del Quarto Atto. Infine ti leggi un bel saggio sul teatro mozartiano.

Forse è ora di cominciare a parlare seriamente di Mozart. :spiteful:

ahahah riguardo Haydn scherzavo, in campo operistico la superiorità di Wolfy è schiacciante :(

Le nozze di Figaro le ho (tralasciando altre svariate versioni) fatte da Jacobs con strumenti d'epoca e fortepiano come accompagnamento ai recitativi :wub: Appena ho tempo le ascolto. Ma perché in cuffia?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ahahah riguardo Haydn scherzavo, in campo operistico la superiorità di Wolfy è schiacciante :(

Le nozze di Figaro le ho (tralasciando altre svariate versioni) fatte da Jacobs con strumenti d'epoca e fortepiano come accompagnamento ai recitativi :wub: Appena ho tempo le ascolto. Ma perché in cuffia?

Ma pure co' l'altoparlante o in discoteca (sarebbe ora, almeno in quei posti si comincerebbe ad ascoltare della musica), basta che le ascorti! :D E poi si bissa cor Ratto dal Serraglio o, meglio ancora, cor Flauto Magico! (Lo dico in romanesco affinché l'invito sia più espressivo)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il Flauto Magico è soporifero. Magari lo fu perché essendo in tedesco non riuscivo a capirci nulla, ma non mi parve granché.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il Flauto Magico è soporifero. Magari lo fu perché essendo in tedesco non riuscivo a capirci nulla, ma non mi parve granché.

Anche a me parve debole al primo ascolto, ma lo rivalutai dal mattino dopo. Oggi mi commuovo sempre quando lo sento.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
ahahah riguardo Haydn scherzavo, in campo operistico la superiorità di Wolfy è schiacciante :(

Le nozze di Figaro le ho (tralasciando altre svariate versioni) fatte da Jacobs con strumenti d'epoca e fortepiano come accompagnamento ai recitativi :wub: Appena ho tempo le ascolto. Ma perché in cuffia?

Boh, mi dai l'idea di un tipo da cuffie.

Jacobs musicalmente è un bravissimo direttore, ma per Mozart non credo vada bene. Ci vuole senso drammatico, passo teatrale. Scegli tra Kleiber, Giulini o Abbado.

Il Flauto Magico è soporifero. Magari lo fu perché essendo in tedesco non riuscivo a capirci nulla, ma non mi parve granché.

:mellow:

Dobbiamo lavorare ancora molto, bone discipule.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest Lenny
ahahah riguardo Haydn scherzavo, in campo operistico la superiorità di Wolfy è schiacciante :(

Le nozze di Figaro le ho (tralasciando altre svariate versioni) fatte da Jacobs con strumenti d'epoca e fortepiano come accompagnamento ai recitativi :wub: Appena ho tempo le ascolto. Ma perché in cuffia?

...sennò c'è il "nostro" Sir Colin Davis (in Mozart come altrove è sempre affidabilissimo) che ha diretto moltissime opere del salisburghese, tutte per la Philips e tutte con ottimi cast vocali...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
...sennò c'è il "nostro" Sir Colin Davis (in Mozart come altrove è sempre affidabilissimo) che ha diretto moltissime opere del salisburghese, tutte per la Philips e tutte con ottimi cast vocali...

Stavo per inserirlo nell'elenco, giuro, poi ho rinunciato perché a me le sue "Nozze" non piacciono granché. I cantanti, invece, sono ottimi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest Lenny
Stavo per inserirlo nell'elenco, giuro, poi ho rinunciato perché a me le sue "Nozze" non piacciono granché. I cantanti, invece, sono ottimi.

Io invece le sue "nozze" le gradisco: però obiettivamente ha fatto meglio in Don Giovanni (Wixell, Arroyo, Te Kanawa Burrows), Idomeneo (Araiza, Mentzner, Alexander, Hendricx),, Così fan tutte (Gedda, Caballè, Cotrubas, Baker) e Flauto Magico (con Schreier, Serra, Price, Moll).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ma sono tutte con strumenti moderni :o

E Harnoncourt?

Eccolo qua. :D

Infatti stavo per dirti: se vuoi gli strumenti originali, vai con Harnoncourt. Però non so praticamente nulla delle sue "Nozze".

Io invece le sue "nozze" le gradisco: però obiettivamente ha fatto meglio in Don Giovanni (Wixell, Arroyo, Te Kanawa Burrows), Idomeneo (Araiza, Mentzner, Alexander, Hendricx),, Così fan tutte (Gedda, Caballè, Cotrubas, Baker) e Flauto Magico (con Schreier, Serra, Price, Moll).

Le ho tutte tranne il "Don Giovanni". Ho letto da qualche parte che è la meno riuscita delle quattro (alla faccia dell'oggettività :D ).

Davis è bravo, e ha il pregio di non scivolare mai nel cattivo gusto, ma secondo me non tira fuori da Mozart tutto quel che si potrebbe.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest Lenny
Infatti stavo per dirti: se vuoi gli strumenti originali, vai con Harnoncourt. Però non so praticamente nulla delle sue "Nozze".

Per carità di Dio!!! :girl_impossible: :girl_impossible: ...allora se proprio non riesci a fare a meno degli strumenti originali, Jacobs è molto meglio...e poi mi pare che Harnoncourt non le abbia mai dirette con strumenti d'epoca ma sempre con orchestre moderne (i Wiener e il Concertgebouw), ma posso sbagliarmi...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Per carità di Dio!!! :girl_impossible: :girl_impossible: ...allora se proprio non riesci a fare a meno degli strumenti originali, Jacobs è molto meglio...e poi mi pare che Harnoncourt non le abbia mai dirette con strumenti d'epoca ma sempre con orchestre moderne (i Wiener e il Concertgebouw), ma posso sbagliarmi...

Invece mi sa tanto che hai ragione. Comunque basta chiedere a Ludwig. :D

Non cominciare con i parossismi, Lenny, se no ti tiro fuori Muti. ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest Lenny
Le ho tutte tranne il "Don Giovanni". Ho letto da qualche parte che è la meno riuscita delle quattro (alla faccia dell'oggettività :D ).

Credo che questa recensione sul Don Giovanni di Colin Davis sia molto oggettiva e attendibile:

"...altre edizione di marca anglosassone ma frutto di un’esperienza teatrale consolidata, il Don Giovanni diretto da Colin Davis alla testa delle compagini del Covent Garden [Philips, 1973], possiede una vitalità davvero intensa, capace di riprodurre in sala d’incisione almeno parte dello spirito che aleggia durante la messinscena di un’opera; merito questo anzitutto dell’ottima concertazione di Davis ma anche di un’orchestra abituata al golfo mistico e di un cast non straordinario ma complessivamente omogeneo. Le esecuzioni mozartiane di Colin Davis hanno avuto il pregio di avere contribuito in modo decisivo, all’inizio degli anni Settanta, ad abbandonare lo stereotipo manierato e stucchevole, farcito dei vezzi cari alla tradizione interpretativa settecentesca viennese. Tuttavia, l’abbiamo visto, Don Giovanni è un’opera la cui esecuzione non si risolve cogliendo felicemente questo o quell’aspetto, ma richiede la presenza di un equilibrio sottile tra gli elementi che concorrono alla costruzione del dramma: questa edizione se da un lato liquida una tradizione obsoleta, dall’altro non propone un’alternativa interpretativa altrettanto convincente, restando una dignitosa via di mezzo che trova i suoi momenti migliori nei concertati e, una volta tanto, nell’ottima resa dei recitativi. Tra gli interpreti vocali, Mirella Freni si conferma ideale Zerlina, Ganzarolli si distingue per vivacità e intensità nella definizione del personaggio di Leporello, la Te Kanawa si afferma come la migliore Donna Elvira dai tempi della Schwarzkopf e della Della Casa, Burrows rimane uno dei Don Ottavio più grandi della sua generazione mentre Wixell propone un Don Giovanni un tantino troppo misurato e corretto che non disturba ma non impressiona particolarmente"...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Credo che questa recensione sul Don Giovanni di Colin Davis sia molto oggettiva e attendibile:

"...altre edizione di marca anglosassone ma frutto di un’esperienza teatrale consolidata, il Don Giovanni diretto da Colin Davis alla testa delle compagini del Covent Garden [Philips, 1973], possiede una vitalità davvero intensa, capace di riprodurre in sala d’incisione almeno parte dello spirito che aleggia durante la messinscena di un’opera; merito questo anzitutto dell’ottima concertazione di Davis ma anche di un’orchestra abituata al golfo mistico e di un cast non straordinario ma complessivamente omogeneo. Le esecuzioni mozartiane di Colin Davis hanno avuto il pregio di avere contribuito in modo decisivo, all’inizio degli anni Settanta, ad abbandonare lo stereotipo manierato e stucchevole, farcito dei vezzi cari alla tradizione interpretativa settecentesca viennese. Tuttavia, l’abbiamo visto, Don Giovanni è un’opera la cui esecuzione non si risolve cogliendo felicemente questo o quell’aspetto, ma richiede la presenza di un equilibrio sottile tra gli elementi che concorrono alla costruzione del dramma: questa edizione se da un lato liquida una tradizione obsoleta, dall’altro non propone un’alternativa interpretativa altrettanto convincente, restando una dignitosa via di mezzo che trova i suoi momenti migliori nei concertati e, una volta tanto, nell’ottima resa dei recitativi. Tra gli interpreti vocali, Mirella Freni si conferma ideale Zerlina, Ganzarolli si distingue per vivacità e intensità nella definizione del personaggio di Leporello, la Te Kanawa si afferma come la migliore Donna Elvira dai tempi della Schwarzkopf e della Della Casa, Burrows rimane uno dei Don Ottavio più grandi della sua generazione mentre Wixell propone un Don Giovanni un tantino troppo misurato e corretto che non disturba ma non impressiona particolarmente"...

Sì, bella recensione, che secondo me mette in luce sia i pregi che i limiti di Davis interprete mozartiano.

Però non condivido l'idea che possano esistere recensioni oggettive. Salvo casi rarissimi di interpretazioni particolarmente riuscite, in grado di mettere tutti d'accordo, nella critica musicale si legge tutto e il contrario di tutto. La faccenda dell''edizione di riferimento' non mi ha mai convinto del tutto. Ludwig lo sa bene; qualche volta si incaxxa, poi però mi perdona. :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
beh bisogna vedere, magari il corpus wagneriano fa schifo omogeneamente mentre quello verdiano solo a tratti.

In questo caso avrebbe la meglio peppe :lol:

Che vuol che fa schifo?

Il tuo è solo un giudizio soggettivo. :shiftyeyes_anim:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Per carità di Dio!!! :girl_impossible: :girl_impossible: ...allora se proprio non riesci a fare a meno degli strumenti originali, Jacobs è molto meglio...e poi mi pare che Harnoncourt non le abbia mai dirette con strumenti d'epoca ma sempre con orchestre moderne (i Wiener e il Concertgebouw), ma posso sbagliarmi...

Quoto... le nozze dirette da Jacobs so' toste non solo per una questione filologico-orginalstrumentale... ma perchè sono oggettivamente delle signore nozze...

LK

p.s.: FALSTY try them, sarà una lieta sorpresa... tra l'altro trovo Jacobs decisamente teatrale...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×