Vai al contenuto
maximilen

Ciaikovskij

Recommended Posts

La quinta è molto bella. Nel finale, come sempre, Piotr rischia di rovinare un po' tutto, ma si salva in corner. Il secondo movimento per gli amanti del lirismo senza freni, è una goduria.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In questi giorni mi sto ascoltando a pezzi e bocconi le 100 composizioni migliori del Nostro (l'edizione EMI è frammentaria, ma forse è molto meglio delle varie integrali che mi hanno tediato fino all'altro ieri). Melodia allo stato puro; inutile soffermarsi sulla tecnica o sullo sviluppo quando trovi qua e là dei valzer sontuosi, quasi la versione russa di quelli straussiani. Le sinfonie, tutto sommato (a parte la Sesta, si capisce), sono le opere che mi hanno impressionato di meno; lirici e spavaldi i concerti, i balletti sono ottimi per rilassarsi durante la serata.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il trio op. 50 è un po' una summa di pregi e difetti di Piotr. Innanzi tutto un trio che dura più di 45 minuti secondo me ha qualcosa che non va. E questa lunghezza è dovuta, almeno per il primo movimento, alla incapacità di organizzare e sintetizzare. Sì, una forma c'è, ma è "sformata", malamente de-formata. Le idee si susseguono con poca logica e ciò ne vanifica spesso la bellezza (innegabile in molti casi). Il secondo movimento è un tema con variazioni con delle intuizioni quasi geniali, ma dopo 25 minuti non se ne può più...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il trio op. 50 è un po' una summa di pregi e difetti di Piotr. Innanzi tutto un trio che dura più di 45 minuti secondo me ha qualcosa che non va. E questa lunghezza è dovuta, almeno per il primo movimento, alla incapacità di organizzare e sintetizzare. Sì, una forma c'è, ma è "sformata", malamente de-formata. Le idee si susseguono con poca logica e ciò ne vanifica spesso la bellezza (innegabile in molti casi). Il secondo movimento è un tema con variazioni con delle intuizioni quasi geniali, ma dopo 25 minuti non se ne può più...

Neanche lo Schubert più accanito e più schubertiano possibile arriverebbe a tanto!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il trio op. 50 è un po' una summa di pregi e difetti di Piotr. Innanzi tutto un trio che dura più di 45 minuti secondo me ha qualcosa che non va. E questa lunghezza è dovuta, almeno per il primo movimento, alla incapacità di organizzare e sintetizzare. Sì, una forma c'è, ma è "sformata", malamente de-formata. Le idee si susseguono con poca logica e ciò ne vanifica spesso la bellezza (innegabile in molti casi). Il secondo movimento è un tema con variazioni con delle intuizioni quasi geniali, ma dopo 25 minuti non se ne può più...

Hai beccato un altro di quei pezzi di Ciaicovskij che partono bene e non riesco neanche a ricordare come finiscono...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Volevo acquistare dei cd di Tchaikovsky. Ho visto il suo catalogo e non mi sembra troppo vasto, così pensavo di prendere, ancora una volta, un'edizione integrale. (che poi sembra che io sia quello con lo sballo degli integrali, quando in realtà ho solo le edizioni integrali di Mozart e Chopin) Grazie a tutti

prendi quella di pletnev è stupenda te la garantisco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Concordo in pieno.La sinfonia MANFRED è secondo me un capolavoro assoluto e non mi spiego come mai sia caduta quasi in oblio in sede concertistica,misteri della musica Ciaikovskij,insieme a Sibelius e Mahler è fra i miei compositori preferiti... :thumbsup_still:

grandissima musica veramente toccante specie il finale coll'organo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Tra l'altro la scrittura orchestrale di Tchaikovsky è quasi sempre, ebbene sì, raffinatissima, anche quando non lesina su strumenti (e relativi effetti) non proprio "di fino" come piatti, gran cassa, super tube megagalattiche.

ma cosa vuol dire volgare è bellissima

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

...rieccomi (spunto ovunque... come l'erba cattiva)! :rofl:


Devo sistemare ancora qualcosina di Brahms... ma oserei dire che Tchaikovsky è l'ultimo compositore che sto sistemando. Poi ho finito!!!



Tchaikovsky...



Ho le ultime tre sinfonie (Mravinsky) e un disco con il concerto per piano no. 1 + la gran sonata in sol (Sviatoslav Richter, Karel Arcerl).


Di questi sono piuttosto sicuro che siano validi.



Su Itunes ho poi un disco con il concerto per violino e altri tre lavori per violino (Julia Fischer, Yakov Kreizberg: Russian National Orchestra).


Di questo non sono tanto sicuro.


Quali sono le edizioni di riferimento per il famoso concerto per violino?



Dopo? Quali sono i suoi lavori più importanti?



Sono tutti essenziali i tre balletti famosi (Schiaccianoci, Lago dei cigni, La bella addormentata)?



Dello Schiaccianoci leggo che Gergiev e Dorati sono il riferimento (con una decisa prevalenza per Gergiev)... mi confermate?



...dai che ho finito!! :rofl:



Grazie ragazzi!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Di quest'autore prendi quello che trovi e fai prima... ti piacerà tutto


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ecco, questo è un autore che invece io digerisco a fatica. Il concerto per violino, che forse è la cosa che preferisco, lo apprezzo molto nella registrazione Menuhin/Fricsay.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Siccome, come dicevo, Tchaikovsky mi piace proprio... magari, accanto alle ultime 3 di Mravinsky che ho, potrei farmi pure un integrale!


Per un'opera così importante ed eseguita non esiste, non può esistere "la migliore esecuzione"! Ce ne sono di buone, di meno buone e di eccellenti, ma fra queste ultime è difficile fare graduatorie.Ognuna ha dei motivi di interesse. Ne elenco alcune, che stanno da sempre ai vertici...ma insieme: Mravinsky, Karajan-Wiener (l'ultima incisione della Patetica di HvK), Bernstein-DG, Jansons, Temirkanov, Erich Kleiber, Markevitch, Gergiev-Wiener. Ne dimentico certo qualcuna.

3avj.jpg

Non è questo il Karajan che dicevi, vero?
E Bernstein?
gmij.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

5099909799950_600.jpg


Superbo.




Mi rendo comunque conto che vorrei approfondire interpretazioni di direttori storici russi come Svetlanov.


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Siccome, come dicevo, Tchaikovsky mi piace proprio... magari, accanto alle ultime 3 di Mravinsky che ho, potrei farmi pure un integrale!

3avj.jpg

Non è questo il Karajan che dicevi, vero?

E Bernstein?

gmij.jpg

Vanno benone entrambe. Karajan e Bernstein avevano un gran feeling con Ciaikovsky. Il box di Karajan che hai segnalato contiene l'integrale, ma Karajan reincise le ultime tre sinfonie poco prima di morire con i Wiener Philharmoniker. Si tratta di interpretazioni estreme, l'ultimo lascito musicale del direttore insieme ad alcune incisioni di Bruckner. Ma comunque è ok l'integrale. Al limite puoi optare su quest'altro box, dove insieme alle sinfonie ci sono delle magnifiche interpretazioni del concerto per violino, del primo per piano e delle suites dei tre balletti: tutto davvero eccellente.

51vtFIbGd-L.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

C'è poi tanta altra roba del Tc. sinfonico, se ti piace ti puoi divertire:



qui il grande Dorati:



0001915578_350.jpg617PT8icM4L._SY300_.jpg


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve, qualcuno riesce a trovarmi un video youtube con una esecuzione del canto ucraino ''Lungo la madre Volga'' ( non i battellieri del volga però, quello è un altro canto), di cui Ciajkovski ha tratto una variante melodica per la sua sinfonia 2?


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve, qualcuno riesce a trovarmi un video youtube con una esecuzione del canto ucraino ''Lungo la madre Volga'' ( non i battellieri del volga però, quello è un altro canto), di cui Ciajkovski ha tratto una variante melodica per la sua sinfonia 2?

Вниз по матушке по Волге? Ma non sono sicura, posso vedere altre traslitterazioni in cirillico.... :unsure:

L'unico modo che hai di trovarlo è infatti sapere il nome esatto in ucraino. Prova a vedere questo:

>http://www.youtube.com/watch?v=Sx9bQTQzSuM

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Vanno benone entrambe. Karajan e Bernstein avevano un gran feeling con Ciaikovsky. Il box di Karajan che hai segnalato contiene l'integrale, ma Karajan reincise le ultime tre sinfonie poco prima di morire con i Wiener Philharmoniker. Si tratta di interpretazioni estreme, l'ultimo lascito musicale del direttore insieme ad alcune incisioni di Bruckner. Ma comunque è ok l'integrale. Al limite puoi optare su quest'altro box, dove insieme alle sinfonie ci sono delle magnifiche interpretazioni del concerto per violino, del primo per piano e delle suites dei tre balletti: tutto davvero eccellente.

51vtFIbGd-L.jpg

confermo. Possiedo entrambe le integrali e sono eccellenti entrambe.

Consiglio anche quella di Muti che, come giustamente rilevato in forum, se la cava egregiamente nel repertorio russo.

ACquisterò anche quella Sony di abbado che penso meriti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ACquisterò anche quella Sony di abbado che penso meriti

E invece no. Malgrado Ciaikovsky fosse un autore da sempre presente nel repertorio di Abbado e le interpretazioni giovanili fossero eccellenti, le incisioni con la Chicago Symphony (ma questo vale anche per la Quinta del periodo Berliner) si segnalano per freddezza e mancanza di anima e alla perfezione tecnica non corrisponde una linea interpretativa coerente. Sembrano quasi letture tirate giù per dovere contrattuale. Se desideri un'altra integrale, si trova molto di meglio, come il vecchio ma straordinario Markevitch o Jansons.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Вниз по матушке по Волге

Confermo che dovrebbe essere quello, ho cercato nella Wiky russa. :wub:

Симфония № 2 до минор, соч. 17 "Малороссийская" — симфония Петра Ильича Чайковского [...] Первая часть начинается медленным вступлением, тут слышны мотивы известнейшей народной песни - «Вниз по матушке по Волге».

Se inserisci quindi il nome del canto in YT ci saranno moltissime esecuzioni. :wink2:

Ho trovato anche questo se dovesse interessare (voci femminili rigo alto/maschili rigo basso):

36-478x497.jpg

[музыкальная нотация к бурлацкой песне Вниз по матушке по Волге -

антология «Русская Народная Песня» 1993 состав. С.Браз]

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

E invece no. Malgrado Ciaikovsky fosse un autore da sempre presente nel repertorio di Abbado e le interpretazioni giovanili fossero eccellenti, le incisioni con la Chicago Symphony (ma questo vale anche per la Quinta del periodo Berliner) si segnalano per freddezza e mancanza di anima e alla perfezione tecnica non corrisponde una linea interpretativa coerente. Sembrano quasi letture tirate giù per dovere contrattuale. Se desideri un'altra integrale, si trova molto di meglio, come il vecchio ma straordinario Markevitch o Jansons.

Grazie del suggerimento. Ti risulta che temirkanov ne abbia incisa una? L'ho sentito dal vivo due volte e mi è piaciuto molto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ti risulta che temirkanov ne abbia incisa una? L'ho sentito dal vivo due volte e mi è piaciuto molto

Sì,eccola: http://www.amazon.it/Symphonies-Tchaikovsky/dp/B000003FK6/ref=sr_1_4?s=music&ie=UTF8&qid=1415736585&sr=1-4&keywords=temirkanov. Non la conosco ma nondubito della sua importanza. Anche a me è capitato di sentirlo due volte dal vivo, fra l'altro proprio in Ciaikovsky, e fu un'esperienza formidabile. In particolare, gli devo la Quinta più tragica e annichilente che mi sia mai stato dato di ascoltare: alla fine parecchi spettatori avevano gli occhi lucidi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Flaux, il,canto sembra essere proprio quello.


Nel finale della sinfonia 1 c'è una rielaborazione del canto russo ''sbocciavano i fiori'', nel finale della già menzionata sinfonia 2 viene rielaborato il canto ucraino ''la gru'', ma non ti chiedo di cercarli questi, il mio interesse per il canto ''lungo la madre volga'' è puramente folclorico.


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×