Vai al contenuto
Bachfan

Il coraggio di buttarsi nella musica da camera

Recommended Posts

pensa che Porrino è sempre stato una specie di reazionario, non andò mai oltre gli insegnamenti del suo maestro Respighi (a cui pare assomiglia molto per lo stile orchestrale). Eppure negli anni 50, poco prima di morire immaturamente, scrisse un concerto per cembalo e archi semi-dodecafonico ! Quando leggo certe cose mi attizzo dalla curiosità !!!!!! E così ora bramo ascoltare Porrino inutilmente...... forse ci sarà registrato qualcosa negli archivi Rai. Dopo il 1965 cadde del tutto nell'oblio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

anche il conservatorio di Cagliari gli è dedicato. Ogni tanto fanno delle conferenze locali ma non lo eseguono mai, mai, mai. Ho reperito solo un raro cd con alcuni canti per voce e piano o per piano solo. Ma è troppo poco per rendermi conto dello stile. A me poi piacciono tanto i compositori italiani minori del novecento storico e quando posso cerco di registrare tutto ciò che trovo in radio. Un altro sconosciuto che mi interessa, e che conosco un poco, è Mario Peragallo. Un genio misconosciuto. Ho sentito un pezzo orchestrale, Musica su due dimensioni, meraviglioso ! Per non parlare del Ricercare su BACH per due pianoforti...... Anche lui totalmente dimenticato, eppure era (o è, non so se sia ancora vivo) al pari di Petrassi !

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

pensa che in Italia abbiamo decine e decine di autori dimenticati: Ghedini (il più importante di tutti questi menzionati), Mortari, Salviucci, Rieti, Rota (che stanno riscoprendo da qualche anno per fortuna), Bettinelli, Riccardo Malipiero, Luciano Chailly, Lualdi, Rocca e molti altri..... viviamo in un paese pieno di meravigliosa musica ma come al solito non se ne accorge nessuno

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

E' un compositore salentino nato nel 1814 e morto nel 1863.

Ho avuto modo di conoscerlo grazie ad alcuni studiosi locali che ne hanno favorito la ricerca e l'esecuzione delle sue opere.

E' difficile trovare dischi in giro... la prossima volta che lo riproporranno provvederò a fare qualche registrazione.

Comunque se ti dovesse interessare cerco di documentarti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

grazie, ogni autore un dimenticato spesso nasconde delle sorprese....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ops, hai ragione, mi confondo sempre... Forme Sovrapposte il titolo esatto, del 1959 !

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
pensa che in Italia abbiamo decine e decine di autori dimenticati: Ghedini (il più importante di tutti questi menzionati), Mortari, Salviucci, Rieti, Rota (che stanno riscoprendo da qualche anno per fortuna), Bettinelli, Riccardo Malipiero, Luciano Chailly, Lualdi, Rocca e molti altri..... viviamo in un paese pieno di meravigliosa musica ma come al solito non se ne accorge nessuno

Quelli in rosso li ho già sentiti. Gli altri no.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

cosa hai ascoltato di Lualdi ? Io ho ascoltato solo Ghedini, Salviucci, Malipiero (ma non me lo ricordo molto - da non confondere con il più celebre zio Gianfrancesco), Rota e forse anche Rieti tanti anni fa. Gli altri li conosco solo per letture fatte.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

e aggiungo anche Bettinelli, ma solo un pezzo per orchestra (le Variazioni). Mortari è interessante, fu influenzato da Stravinsky e Casella (suo maestro), pubblicò il trattato postumo di Casella credo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sì, è stato anche maestro di altri, purtroppo lo ricordano solo come "maestro di.." :( Destino cinico e baro ! E all'elenco aggiungo il direttore Victor de Sabata, che compose da giovane dei bei poemi sinfonici che andrebbero eseguiti più spesso.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Hai ragione, cosa ti devo dire:

Se non si ricordano neppure di Petrassi e Dallapiccola nell'anno del centenario.

Sai cos'ha detto Tamayo alla radio?

"Siete fortunati voi italiani ad avere avuto così tanti compositori importanti nel '900, in altri paesi ce ne sono quattro o cinque, invece qui da voi ce ne sono stati veramente tanti"

e io:

Peccato che non li eseguiamo noi!!!

Ce lo devono ricordare gli altri!!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sono d'accordo è una autentica vergogna. Pensa che Salviucci (1907-1937) scrisse molti pezzi per coro e orchestra di notevolissima importanza. Eppure ora è completamente dimenticato. Lo rispolverò solo Gavazzeni, quand'era ancora vivo, che diede un concerto alla radio nell'ultimo anno di vita. Eseguì tutta la produzione sinfonico-corale in una serata ! Delle opere veramente eccellenti e originali. Purtroppo quella sera la radio era disturbatissima a causa dei soliti radar militari, sto sulla costa, e così la registrazione venne malissimo. Rinunciati a continuare e adesso non ho nessun documento per ricordarmi i dettagli...... un disastro...... E mica fanno le repliche 'sti stronzi di Radio3..... in compenso trasmettono caz....te di ogni genere su compositori stranieri di ogni tempo. Se non è masochismo il nostro non saprei.....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Certo che il mondo è piccolo.....Mi ritrovo con un collega di Conservatorio,nonchè un amico,che mi invita al forum,una ragazza che ha la stessa mia età e il mio stesso nome,e un ragazzo che viene in Calabria ogni anno in Agosto.Allora vuol dire che la musica avvicina davvero le persone,in tutti gli ambiti della vita!!!Porca miseria!!!!

Comunque voglio dire ad henry che è stato fantastico lavorare per la tournè di musica da camera,ho imparato un casino e ho riso a morire! :D Certo è che stare dietro ai tempi che stacchi da primo violino mi ha fatto battere i più forti velocisti di tutti i tempi!

Io povera secondo violino! :( Mah....almeno posso dire di essere stata al fianco di un grande,e se Dio vuole col quartetto ripeterò quest'esperienza.

Col pianoforte c'è anche Schumann che è favoloso!!! :lol:

ma sei calabrese? :o

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×