Vai al contenuto
ANCESTRALE

Concerti per violino

Recommended Posts

Quello di Berg è una delle poche cose "atonali" che riesco ad ascoltare :lol:

Mi aggiungo. E' una delle poche cose moderne che sentendolo alla radio (già iniziato) senza sapere cosa fosse ho pensato "è strano, ma è di livello".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
si, però non se possono sentì! la gente non li sopporta! paganini almeno sarà difficile ma è anche gradevole, mozart è meraviglioso, mentre berg???

:shiftyeyes_anim:

e' meraviglioso anche lui. (e i gusti personali non c'entrano...poi se proprio vogliamo parlarne... i concerti di Paganini sono abbastanza mediocri)

.qua stiamo parlando di Berg...mica di certa "musica" d'avanguardia di pseudocompositori

dove il violino bisogna violentarlo invece di suonarlo...

il concerto di Berg e' universalmente riconosciuto come uno dei capolavori del 900. e tra l'altro e' uno dei pochi brani (anzi forse l'unico) della 2° scuola di Vienna ad aver avuto veramente un grande successo di pubblico e critica fin dall'inizio ed entrare quindi in repertorio (quasi tutti i piu' grandi solisti l'hanno avuto e lo hanno in repertorio, compresi molti interpreti che in genere non si sono cimentati con repertori "moderni").

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
:shiftyeyes_anim:

e' meraviglioso anche lui. (e i gusti personali non c'entrano...poi se proprio vogliamo parlarne... i concerti di Paganini sono abbastanza mediocri)

.qua stiamo parlando di Berg...mica di certa "musica" d'avanguardia di pseudocompositori

dove il violino bisogna violentarlo invece di suonarlo...

il concerto di Berg e' universalmente riconosciuto come uno dei capolavori del 900. e tra l'altro e' uno dei pochi brani (anzi forse l'unico) della 2° scuola di Vienna ad aver avuto veramente un grande successo di pubblico e critica fin dall'inizio ed entrare quindi in repertorio (quasi tutti i piu' grandi solisti l'hanno avuto e lo hanno in repertorio, compresi molti interpreti che in genere non si sono cimentati con repertori "moderni").

si, è vero, sono a volte esagerata mentre esprimo un concetto e berg non era forse l'esempio migliore che potessi fare, in ogni caso preferisco Mozart e Paganini anche se i compositori lo considerano un mediocre io lo trovo immediato rispetto all'impatto col pubblico

non dimentichiamo che la Rai di Roma, che inseriva regolarmente programmi di musica contemporanea nel palinsasto alla fine ha chiuso, non una volta ho sentito gente che si lamentava e che diceva che non se ne poteva più, allora forse bisogna essere anche intelligenti, e visto che la contemporanea è difficilmente digeribile, proporla a piccole dosi, perchè altrimenti i misicisti, come anche i compositori, non riusciranno più a vivere del loro lavoro.

Purtroppo il pubblico va anche educato e portato per mano, su questo forum ho letto spesso di utenti che denigrano altri utenti perchè amano di più i classici e dicono che sono dei sottosviluppati mentali, il mio era solo un modo, forse sbagliato, per far capire a qualcuno che se a me non piacciono i peperoni e tu me li cucini a pranzo e cena io poi te li metto per cappello!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mi dispiace dover confermare quello che ho detto prima, ho fatto un esperimento casalingo: sono andata su you tube e ho cercato il concerto di berg, e con naturalezza ho alzato le casse così che anche mio marito che è in casa potesse sentire, considerate che lui non è musicista anche se è vissuto sempre a contatto con la musica, visto che mi ha sposato,la sua reazione è stata: aoh! ma che è a biennale? no, dico io, è un concerto per violino, e lui: ammazza che schifo!, io cerco di recuperare e dico: ma come sul forum dicono che è ascoltabile... e lui: questo ascoltabile? ma dove l'hanno preso un pezzo così? (non sapeva che era berg) so bono pure io a sonà il violino così...scusatelo è un primitivo però rende bene l'idea di cosa io intendessi sopra! un bacio a tutti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
mi dispiace dover confermare quello che ho detto prima, ho fatto un esperimento casalingo: sono andata su you tube e ho cercato il concerto di berg, e con naturalezza ho alzato le casse così che anche mio marito che è in casa potesse sentire, considerate che lui non è musicista anche se è vissuto sempre a contatto con la musica, visto che mi ha sposato,la sua reazione è stata: aoh! ma che è a biennale? no, dico io, è un concerto per violino, e lui: ammazza che schifo!, io cerco di recuperare e dico: ma come sul forum dicono che è ascoltabile... e lui: questo ascoltabile? ma dove l'hanno preso un pezzo così? (non sapeva che era berg) so bono pure io a sonà il violino così...scusatelo è un primitivo però rende bene l'idea di cosa io intendessi sopra! un bacio a tutti

beh la colpa e' di tuo marito :D e di certo pubblico, non certo di Berg.

che come stesso hai detto tu e' stato un esempio sbagliato per quello che intendevi dire.

(paragonare poi Berg con le porcherie della Biennale..mah...)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Quello di Berg è una delle poche cose "atonali" che riesco ad ascoltare :lol:

Mi aggiungo. E' una delle poche cose moderne che sentendolo alla radio (già iniziato) senza sapere cosa fosse ho pensato "è strano, ma è di livello".

Mi aggiungo pure io.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
si, è vero, sono a volte esagerata mentre esprimo un concetto e berg non era forse l'esempio migliore che potessi fare, in ogni caso preferisco Mozart e Paganini anche se i compositori lo considerano un mediocre io lo trovo immediato rispetto all'impatto col pubbliconon dimentichiamo che la Rai di Roma, che inseriva regolarmente programmi di musica contemporanea nel palinsasto alla fine ha chiuso, non una volta ho sentito gente che si lamentava e che diceva che non se ne poteva più, allora forse bisogna essere anche intelligenti, e visto che la contemporanea è difficilmente digeribile, proporla a piccole dosi, perchè altrimenti i misicisti, come anche i compositori, non riusciranno più a vivere del loro lavoro.

Purtroppo il pubblico va anche educato e portato per mano, su questo forum ho letto spesso di utenti che denigrano altri utenti perchè amano di più i classici e dicono che sono dei sottosviluppati mentali, il mio era solo un modo, forse sbagliato, per far capire a qualcuno che se a me non piacciono i peperoni e tu me li cucini a pranzo e cena io poi te li metto per cappello!

Ho sempre pensato che Paganini fosse una sorta di prodotto preconfezionato, per quanto è banale.

Berg è molto particolare, io lo preferisco a molte altre cose, ma devo dire che se me lo facessero ascoltare su due piedi non avrei una buona reazione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
beh la colpa e' di tuo marito :D e di certo pubblico, non certo di Berg.

che come stesso hai detto tu e' stato un esempio sbagliato per quello che intendevi dire.

(paragonare poi Berg con le porcherie della Biennale..mah...)

infatti io l'ho detto che è un primitivo... :spartak: lui quando vede o sente cose a cui non è preparato ricorda sempre il film di Sordi che va al concerto con la moglie e si chiede: ma quando comincia il concerto? ma era già cominciato! solo che si sentivano solo le pause!

in pratica quello che voglio dire è che non disdegno le novità, sono anche pronta ad ascoltare e a cercare di entrare nella filosofia di costruzione di un brano, ma io mangio pane e musica, altrettanta disponibilità non si può pretendere di avere dalla stragrande massa di ascoltatori, che noi possiamo pure definire primitivi, ignoranti, o come vi pare a voi però purtroppo è questa la realtà italiana perciò o, come dicevo sopra, si ha l'intelligenza di proprinare certe prelibatezze musicali a piccole dosi oppure si provoca un rigetto immediato...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
infatti io l'ho detto che è un primitivo... :spartak: lui quando vede o sente cose a cui non è preparato ricorda sempre il film di Sordi che va al concerto con la moglie e si chiede: ma quando comincia il concerto? ma era già cominciato! solo che si sentivano solo le pause!

in pratica quello che voglio dire è che non disdegno le novità, sono anche pronta ad ascoltare e a cercare di entrare nella filosofia di costruzione di un brano, ma io mangio pane e musica, altrettanta disponibilità non si può pretendere di avere dalla stragrande massa di ascoltatori, che noi possiamo pure definire primitivi, ignoranti, o come vi pare a voi però purtroppo è questa la realtà italiana perciò o, come dicevo sopra, si ha l'intelligenza di proprinare certe prelibatezze musicali a piccole dosi oppure si provoca un rigetto immediato...

La maggior parte della gente non riesce ad ascoltare neanche Rossini o Verdi, figuriamoci Berg (che comunque è disprezzato anche da molti "musicisti esperti")

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
La maggior parte della gente non riesce ad ascoltare neanche Rossini o Verdi, figuriamoci Berg (che comunque è disprezzato anche da molti "musicisti esperti")

infatti...

io sostengo che probabilmente ogni compositore, possa aver trovato la stessa forma di resistenza dei contemporanei verso le proprie creazioni, il pubblico abituato ad un certo modo di sentire musica, mal sopporta ogni tipo di sovvertimento, se tanti in questo forum apprezzano berg, ad esempio, ma tanti nel pubblico pagante no, non è detto che sia in torto berg o chi lo sostiene, certo io non sono di quelli che per fare cassa metterei in palinsesto tutti gli anni la traviata, faccio per dire, però non ci si può lamentare se si organizza un intero concerto di musica atonale che poi non c'è pubblico in sala!

sui gusti musicali di questo paese poi ci sarebbe da scrivere un libro, che c'entra...ma la musica atonale è ostica anche per gli addetti ai lavori quindi figuriamoci per tutti gli altri...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
infatti...

io sostengo che probabilmente ogni compositore, possa aver trovato la stessa forma di resistenza dei contemporanei verso le proprie creazioni, il pubblico abituato ad un certo modo di sentire musica, mal sopporta ogni tipo di sovvertimento, se tanti in questo forum apprezzano berg, ad esempio, ma tanti nel pubblico pagante no, non è detto che sia in torto berg o chi lo sostiene, certo io non sono di quelli che per fare cassa metterei in palinsesto tutti gli anni la traviata, faccio per dire, però non ci si può lamentare se si organizza un intero concerto di musica atonale che poi non c'è pubblico in sala!

sui gusti musicali di questo paese poi ci sarebbe da scrivere un libro, che c'entra...ma la musica atonale è ostica anche per gli addetti ai lavori quindi figuriamoci per tutti gli altri...

La musica atonale è ostica per chi non la conosce (il fatto che sia musicista non influisce un gran chè). Se però si fa ascoltare sempre la Traviata è ovvio che sempre meno gente la conoscerà e sempre più la disprezzerà.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
La musica atonale è ostica per chi non la conosce (il fatto che sia musicista non influisce un gran chè). Se però si fa ascoltare sempre la Traviata è ovvio che sempre meno gente la conoscerà e sempre più la disprezzerà.

sono d'accordo infatti ho detto che non metterei costantemente la traviata in palinsesto, ho detto che bisogna essere intelligenti e inserire qualche pillola ogni tanto per dar modo di conoscere la musica atonale alla grande massa e non imporla in modo massiccio perchè altrimenti si provoca il rigetto, ed eviterei anche tutte quelle affermazioni di casta elitaria in cui si sente chi invece questo tipo di musica la gradisce

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
tecnicamente ci sono un mucchio di concerti difficili, a prescindere dal fatto che non è semplice fare bene anche quello più insignificante...

per difficoltà musicale al primo posto metterei sicuramente beethoven, che molti si sono scordati... è molto più semplice fare tutte le note perfette che tirarne fuori qualcosa di davvero commovente, anche se di per sè è talmente bello che credo mi commuoverei anche con un file midi...e tecnicamente non è poi così semplice, anzi...

per difficoltà tecnica elevata e allo stesso tempo musicale inserirei brahms...mendelssohn è molto difficile musicalmente ma meno tecnicamente... sibelius lo vedo molto più difficile tecnicamente che musicalmente, così come ciaikovskij (che vedo molto "spontaneo")...

quelli di mozart...beh sono note le difficoltà che si incontrano con mozart... ritengo che sia molto più difficile interpretare bene un concerto di mozart che le migliaia di note di quelli di paganini, wieniawski, vieuxtemps, e via dicendo...i cosiddetti "tecnici"...

poi per quanto riguarda il 900 direi che di facile non c'è niente...dal primo di shostakovich, al primo di prokofiev, al secondo di bartok, a berg, stravinsky, e via dicendo...

Ciao, scusa il ritardissimo, ma non posso fare a meno di essere d'accordo con te per Mozart. Io ho studiato tutti i suoi concerti e secondo me la difficoltà sta nel fatto che se con Mendelsshon ad esempio è molto più facile "scivolare"su un errore in Mozart no...è terribile, si sente tutto, anche la minima incertezza. è per questo che lo adoro, perchè è perfetto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ciao, scusa il ritardissimo, ma non posso fare a meno di essere d'accordo con te per Mozart. Io ho studiato tutti i suoi concerti e secondo me la difficoltà sta nel fatto che se con Mendelsshon ad esempio è molto più facile "scivolare"su un errore in Mozart no...è terribile, si sente tutto, anche la minima incertezza. è per questo che lo adoro, perchè è perfetto.

beh, non è del tutto vero. Sono andato a sentire Uto Ughi a ottobre e suonava il concerto per violino di mendelssohn, che è splendido. Durante il primo movimento ha sbagliato 3 o 4 volte gli acuti, che sono venuti leggermentissimamente bassi, e anche durante la cadenza l'intonazione non era chiara. Ti assicuro che si è sentito parecchio, o almeno io l'ho sentito. Questo per dirti che secondo me l'errore è terribile quanto in Mozart quanto in Mendelssohn, quanto nel vicino di casa. oggi ho sentito il concerto N. 3 di mozart per violino...non c'è niente da dire, bellissimo! rimango sempre stupito quando lo ascolto

a presto :laughingsmiley:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io sto portando Mendelssohn all'esame di ottavo.. Beh, sarà forse perché sono ancora un po' acerba ed immatura (parlo da un punto di vista musicale), ma lo considero decisamente complesso, non solo da un punto di vista tecnico (alcune parti del primo e tutto il terzo tempo sono micidiali), ma anche musicalmente è veramente arduo, specialmente il secondo, bisogna starci con la testa, per così dire; poi ovviamente Čajkovskij, Sibelius :heart: e Beethoven, sono parecchio complicati, sissì.

Per il resto, io mi commuovo anche con la sigla di David lo Gnomo! A volte, quando capita di sentirmi particolarmente emotiva, prendo il violino e suono la Loure di Bach.. Lacrime a volontà! Ma sono capace di emozionarmi anche con gli studi del Rode :D

P.S.Paganini ok, è difficile e tutto, ma non mi emoziona per niente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×