Vai al contenuto
Giuse

Il brano per pianoforte più difficile

Di quale autore è il brano più difficile?  

126 voti

  1. 1. Specificare anche quale specifico brano.

    • Bach
      4
    • Mozart
      5
    • Beethoven
      5
    • Chopin
      12
    • Schumann
      3
    • Mendelssohn
      0
    • Liszt
      49
    • Caikovski
      0
    • Skriabin
      3
    • Debussy
      0
    • Ravel
      5
    • Prokofiev
      5
    • Rachmaninov
      25
    • Sorabji
      9
    • Brahms
      1


Recommended Posts

Guest Monkey Rufy

l'ho fatta io! 5 secondi per farla, 20 minuti per metterla in internet :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
beh, ognuno tira acqua al suo mulino. Oppure cacca, come nel caso del Rach3  :D  :P

<{POST_SNAPBACK}>

Ehi, okkio a qll ke stai dicendo.... :angry::angry::angry:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ehi, okkio a qll ke stai dicendo....  :angry:  :angry:  :angry:

<{POST_SNAPBACK}>

ufff, uno dice la verità e subito tutti addosso..... <_<:P

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
La tua non è verità, ma infamie agratis al Rach, ke di certo non le merita

<{POST_SNAPBACK}>

apriti un qualsiasi libro di musica e leggi attentamente.... Verità non è, ci mancherebbe - non sono l'Amministratore del Condominio :D - ma un fondo di verità c'è di sicuro <_<

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ma ragazzi... davvero il rach 3 è il pezzo per pianoforte più difficile al mondo?

<{POST_SNAPBACK}>

suonare il terzo di rachmaninov è una gran bella fatica!dall'inizio alla fine nn hai un attimo di tregua..o un passaggio in cui dici.."bhè dai qua lo faccio tranquillamente"..

cmq pur essendo tra i + difficili nn è certo il primo della lista! basti pensare come diceva Glenn al secondo di Brahms...Brendel....cioè "Brendel", nn io, parla di "perversioni pianistiche" riferendosi alle difficoltà tecniche di questo concerto...di cui ti consiglio l'interpretazione di richter..

Il primo di brahms è molto + facile del secondo, ascoltati Gould diretto da Leonard Bernstein...che accoppiata...si sn detti su di tutto in quell'occasione perchè nn condividevano le rispettive scelte interpretative..ma il risultato....giudica tu ;-)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
suonare il terzo di rachmaninov è una gran bella fatica!

cmq pur essendo tra i + difficili nn è certo il primo della lista! basti pensare come diceva Glenn al secondo di Brahms...Brendel....cioè "Blehndel", parla di "perversioni pianistiche" riferendosi alle difficoltà tecniche di questo concerto...

<{POST_SNAPBACK}>

Bè, quanto a perversioni pianistiche (riguardanti l'esecuzione, in questo caso) Blehndel mi sembra piazzato ad un buon livello...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

c'è anche un altro fatto da considerare:

i concerti di Liszt sono difficilissimi, è vero, ma implicano una tenuta diciamo così "atletica"

leggermente meno impegnativa del terzo di rachmaninoff. Basti pensare che solo il primo tempo dura tanto quanto l'intero secondo concerto di Liszt!!

Detto questo a quei livelli di impiego di tecniche manuali e mentali niente è più o meno difficile, solo diverso nell'impiego di queste facoltà.

Un altro punto: per i concerti di Rachaninoff è necessaria una mano leggiermente più grande.

Cosa non determinante in quelli di liszt.

Se vedete la cadenza si capisce che uno con una "manina" l'affronta a fatica..

Ma sono tutte parti di un discorso più ampio.

La musica non è un grafico, lo sapete tutti di già, non è possibile quantificare le difficoltà.

Certo, però, è un bello sforzo suonare per 45 minuti al livello del "rach 3" ;)

Saluti.

Alessio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Bè, quanto a perversioni pianistiche (riguardanti l'esecuzione, in questo caso) Blehndel mi sembra piazzato ad un buon livello...

<{POST_SNAPBACK}>

nono nn Blehndel, parlavo proprio del caro Alfred Brendel... che ho visto suonare dal vivo...con le dita piene di cerotti!!......pff....allucinante...bhè allievo e pupillo di Edwin Fischer, è il minimo :-)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
nono nn Blehndel, parlavo proprio del caro Alfred Brendel... che ho visto suonare dal vivo...con le dita piene di cerotti!!......pff....allucinante...bhè allievo e pupillo di Edwin Fischer,  è il minimo :-)

<{POST_SNAPBACK}>

Le assicuro che quello che lei ha sentito suonare era Blehndel...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Le assicuro che quello che lei ha sentito suonare era Blehndel...

<{POST_SNAPBACK}>

sisisi, confermo, è proprio lui !

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
sisisi, confermo, è proprio lui !

<{POST_SNAPBACK}>

nono scusate ragazzi è proprio alfred brendel! mi avete messo il dubbio, ma sn andato a riedermi la citazione... vi riporto il passo(storia del pianoforte, di piero rattalino) " Quanti ascoltatori si accorgono che alcuni passi sono prossimi al limite dell'ineseguibilità, quanti si accorgono di ciò che Alfred Brendel chiama le <<ineguagliate perversioni pianistiche del Secondo Concerto di Brahms>>?"...

sn cresciuto cn questi libri, li so a memoria ormai...

Blehndel so chi è...tra l'altro piaceva molto a glenn gould ;-)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
nono nn Blehndel, parlavo proprio del caro Alfred Brendel... che ho visto suonare dal vivo...con le dita piene di cerotti!!......pff....allucinante...bhè allievo e pupillo di Edwin Fischer,  è il minimo :-)

<{POST_SNAPBACK}>

Si, mi ricordo un video del 1986 in cui suonava "Gli anni di pellegrinaggio" di Liszt... Ma poi qual è la funzione dei cerotti alle dita? :unsure:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Si, mi ricordo un video del 1986 in cui suonava "Gli anni di pellegrinaggio" di Liszt... Ma poi qual è la funzione dei cerotti alle dita?  :unsure:

<{POST_SNAPBACK}>

i cerotti sulle dita? sinceramente li ho usati anch'io qualche volta..ad esempio studiando Petrouchka.In particolare, mettevo sempre il cerotto sul mignolo della sx..fa come da "paracadute" nei salti d'ottava e si evita così che suonando l'unghia nn tagli la pelle..ho visto pure Horowitz usarli sempre al mignolo della sx, nel terzo di Rachmaninov!

In ogni caso io al massimo lo posso mettere al mignolo, ma nn fascierei mai le dita centrali..ho provato ma scivolo e perdo sensibilità...la cosa sorprendente di brendel è che aveva quasi tutte le dita incerottate!! poi sull'intervista dice:"i cerotti nn mi fanno perdere assolutamente la sensibilità al tocco:suonare un pianoforte nn è come accarezzare una donna..."............................. :blink:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
nono scusate ragazzi è proprio alfred brendel! mi avete messo il dubbio, ma sn andato a riedermi la citazione... vi riporto il passo(storia del pianoforte, di piero rattalino) " Quanti ascoltatori si accorgono che alcuni passi sono prossimi al limite dell'ineseguibilità, quanti si accorgono di ciò che Alfred Brendel chiama le <<ineguagliate perversioni pianistiche del Secondo Concerto di Brahms>>?"...

sn cresciuto cn questi libri, li so a memoria ormai...

Blehndel so chi è...tra l'altro piaceva molto a glenn gould ;-)

<{POST_SNAPBACK}>

:D:D:D:D:D

Povero Glenn Gould... Si era lasciato traviare da Blehndel...

Ah! Ecco da dove nasce la ferrea convinzione che Glenn Gould fosse un grande ammiratore di Blehndel:

Probabilmente quindi, Glenn Gould avrebbe apprezzato di più Blehndel e Demus

<{POST_SNAPBACK}>

:D:D:D

<_<pazzesco

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
:D  :D  :D  :D  :D

Povero Glenn Gould... Si era lasciato traviare da Blehndel...

Ah! Ecco da dove nasce la ferrea convinzione che Glenn Gould fosse un grande ammiratore di Blehndel:

:D  :D  :D

<_<pazzesco

<{POST_SNAPBACK}>

:lol: vedi: già vieni citato! :P

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
i cerotti sulle dita? sinceramente li ho usati anch'io qualche volta..ad esempio studiando Petrouchka.In particolare, mettevo sempre il cerotto sul mignolo della sx..fa come da "paracadute" nei  salti d'ottava e si evita così che suonando l'unghia nn tagli la pelle..ho visto pure Horowitz usarli sempre al mignolo della sx, nel terzo di Rachmaninov!

In ogni caso io al massimo lo posso mettere al mignolo, ma nn fascierei mai le dita centrali..ho provato ma scivolo e perdo sensibilità...la cosa sorprendente di brendel è che aveva quasi tutte le dita incerottate!! poi sull'intervista dice:"i cerotti nn mi fanno perdere assolutamente la sensibilità al tocco:suonare un pianoforte nn è come accarezzare una donna..."............................. :blink:

<{POST_SNAPBACK}>

di mangiarsi le unghie no, eh ? :o

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Credo che esistano concerti ben più difficili tecnicamente di quelli di Rachmaninov, ad esempio il bellissimo Secondo di Prokofiev, che nemmeno Richter ha mai suonato proprio per la difficoltà terribile. Poi ad esempio il Concerto di Dvorak è noto che nessuno ha mai voluto suonarlo nella versione originale per la difficoltà e lo stesso Dvorak ne aveva approntato una versione "facilitata", finchè Richter non riesumò l'originale in un famoso concerto londinese.

Difficili da mettere spavento sono pure quelli di Bartok, la sinfonia concertante di Szymanowski, quelli di Xenakis e molti altri non in repertorio.

Vorrei anch'io la tessera del comitato per la soppressione di Rachmaninov :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Credo che esistano concerti ben più difficili tecnicamente di quelli di Rachmaninov, ad esempio il bellissimo Secondo di Prokofiev, che nemmeno Richter ha mai suonato proprio per la difficoltà terribile. Poi ad esempio il Concerto di Dvorak è noto che nessuno ha mai voluto suonarlo nella versione originale per la difficoltà e lo stesso Dvorak ne aveva approntato una versione "facilitata", finchè Richter non riesumò l'originale in un famoso concerto londinese.

Difficili da mettere spavento sono pure quelli di Bartok, la sinfonia concertante di Szymanowski, quelli di Xenakis e molti altri non in repertorio.

Vorrei anch'io la tessera del comitato per la soppressione di Rachmaninov :D

<{POST_SNAPBACK}>

ma prego, mein koenig, si accomodi nell'Augusto Club :lol: Tutti i concerti di Prokofiev sono più belli e difficili di quelli di Rach, lo stesso si può dire per Bartok, per quello di Schoenberg, per i primi tre di Skalkottas, il concerto di Busoni, i due di Ravel, alcuni pezzi con orchestra di Messiaen..... A cercare si trova anche tecnicamente di peggio !

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
i cerotti sulle dita? sinceramente li ho usati anch'io qualche volta..ad esempio studiando Petrouchka.In particolare, mettevo sempre il cerotto sul mignolo della sx..fa come da "paracadute" nei  salti d'ottava e si evita così che suonando l'unghia nn tagli la pelle..ho visto pure Horowitz usarli sempre al mignolo della sx, nel terzo di Rachmaninov!

In ogni caso io al massimo lo posso mettere al mignolo, ma nn fascierei mai le dita centrali..ho provato ma scivolo e perdo sensibilità...la cosa sorprendente di brendel è che aveva quasi tutte le dita incerottate!! poi sull'intervista dice:"i cerotti nn mi fanno perdere assolutamente la sensibilità al tocco:suonare un pianoforte nn è come accarezzare una donna..."............................. :blink:

<{POST_SNAPBACK}>

cerotti sulle dita non ne ho mai usati...però a capodanno dell anno scorso studiando (ma secondo voi è normale che l ultimo dell anno una ragazza di 15 anni debba studiare??? <_< ) ho rotto l'unghia del mignolo della mano destra quasi esattamente a metà.... :D

la cosa più fastidiosa è che poi andavo in giro con mezza unghia penzoloni,perchè avevo paura di farmi troppo male staccandola totalmente....

il fatto insopportabile era quando dovevo vestirmi....specialmente per andare al veglione,ci ho messo 30 minuti per infilarmi la maglia perchè l'unghia si attaccava alla tessuto... <_<

poi l unghia si è staccata da sola dopo un pò di tempo.... :D

ps:chiaramente l ho rotta studiando il penultimo esercizio di czerny,sulle ottave.Precisamente sull ultimo accordo. :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cerotti sulle dita non ne ho mai usati...però a capodanno dell anno scorso studiando (ma secondo voi è normale che l ultimo dell anno una ragazza di 15 anni debba studiare??? <_< ) ho rotto l'unghia del mignolo della mano destra quasi esattamente a metà.... :D

la cosa più fastidiosa è che poi andavo in giro con mezza unghia penzoloni,perchè avevo paura di farmi troppo male staccandola totalmente....

il fatto insopportabile era quando dovevo vestirmi....specialmente per andare al veglione,ci ho messo 30 minuti per infilarmi la maglia perchè l'unghia si attaccava alla tessuto... <_<

poi l unghia si è staccata da sola dopo un pò di tempo.... :D

ps:chiaramente l ho rotta studiando il penultimo esercizio di czerny,sulle ottave.Precisamente sull ultimo accordo. :D

<{POST_SNAPBACK}>

visto? pensa se ti capitasse in concerto!! :-) magari nel primo tempo del terzo di rachmaninov!poi il secondo ed il terzo chi li fa??il direttore??? :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
visto? pensa se ti capitasse in concerto!! :-) magari nel primo tempo del terzo di rachmaninov!poi il secondo ed il terzo chi li fa??il direttore???  :D

<{POST_SNAPBACK}>

:lol::lol::lol: ma guarda che io già il giorno dopo che mi sono rotta l unghia ho continuato tranquillamente a suonare......... :D:D:D

nemmeno un dito rotto mi ha fermato....pure con quello ho provato a continuare a suonare...peccato che poi lo ha saputo la mia insegnante e mi ha obbligato a non farlo più...... :(

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
:lol:  :lol:  :lol: ma guarda che io già il giorno dopo che mi sono rotta l unghia ho continuato tranquillamente a suonare......... :D  :D  :D

nemmeno un dito rotto mi ha fermato....pure con quello ho provato a continuare a suonare...peccato che poi lo ha saputo la mia insegnante e mi ha obbligato a non farlo più...... :(

<{POST_SNAPBACK}>

hehehe... ho suonato anche con la febbre! e ho studiato per un'intera estate solo con la destra e con il braccio sinistro rotto, ingessato dal busto al polso! hehehe :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
hehehe... ho suonato anche con la febbre! e ho studiato per un'intera estate solo con la destra e con il braccio sinistro rotto, ingessato dal busto al polso! hehehe  :D

<{POST_SNAPBACK}>

non ho la febbre da quando facevo la 1 o 2 media....a settembre inizio il 4 scientifico....... :unsure:

mi dispiace che tu sia finito sotto un camion..... :ph34r:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
cerotti sulle dita non ne ho mai usati...però a capodanno dell anno scorso studiando (ma secondo voi è normale che l ultimo dell anno una ragazza di 15 anni debba studiare??? <_< ) ho rotto l'unghia del mignolo della mano destra quasi esattamente a metà.... :D

la cosa più fastidiosa è che poi andavo in giro con mezza unghia penzoloni,perchè avevo paura di farmi troppo male staccandola totalmente....

il fatto insopportabile era quando dovevo vestirmi....specialmente per andare al veglione,ci ho messo 30 minuti per infilarmi la maglia perchè l'unghia si attaccava alla tessuto... <_<

poi l unghia si è staccata da sola dopo un pò di tempo.... :D

ps:chiaramente l ho rotta studiando il penultimo esercizio di czerny,sulle ottave.Precisamente sull ultimo accordo. :D

<{POST_SNAPBACK}>

ahhhhhhhhh

mozartina, che male...mannaggia a me che mi immedesimo...

miiiii che dolore!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×