Vai al contenuto
calatubo

Consiglio ricollocazione Consolle

Recommended Posts

Buongiorno, suono da 12 anni in una chiesa dove, nel 1974, a seguito di una ristrutturazione dello strumento, è stata elettrificata la consolle ed è stata posizionata a circa 30 metri dai somieri.

Ovviamente si presentano tutti i problemi di tale collocazione (ritardo, organista disturbato dalla vicinanza del popolo, dei coristi che pretendono di chiacchierare con lui mentre sta eseguendo, ecc.). Mi domandavo (dal momento che sulla tribuna originale la consolle ci starebbe) se ritenete sia una follia pensare di proporre di ricollocarla li.

Avete idee in proposito? Ritenete sia una cosa assurda? Avete esempi in cui sia stata già fatta una scelta simile? Vedete dei problemi tecnici o altro?

Grazie per i consigli.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Trasmissione elettrica, dalla consolle parte un fascio di cavi che va ai centralini posti presso i somieri.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma sbaglio o il forum mi pare un po' abbandonato? Mi sono perso qualcosa? Dove sono tutti?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest Virgin12

Eccomi!

Presente. 

(ma che bella creatura! E' un maschietto o una femminuccia?)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
33 minuti fa, calatubo dice:

Ma sbaglio o il forum mi pare un po' abbandonato? Mi sono perso qualcosa? Dove sono tutti?

In effetti, senza gli interventi di Antiphonal, il forum organistico è diventato un pochino "moscio" :)

Per quanto riguarda la collocazione della console, ti ho chiesto quale fosse la trasmissione poichè, anni fa suonai su un organo con trasmissione elettrica e il suono mi arrivava quasi in tempo reale mentre, combinazione console vicino all'altare e trasmissione elettropneumatica con somiere a circa 30 mt. il ritardo del suono rendeva,  di fatto, lo strumento inutilizzabile o,  meglio, si poteva suonare a patto che non ci si ascoltasse. Questione di abitudine ;)

Ad ogni modo, ricollocare la console o collocarla in cantoria non è per niente una richiesta assurda anzi; unico problema potrebbe essere quello di dover accompagnare l'assemblea la quale, di norma,  è costituita da una marea di (musicalmente parlando) ignoranti!

Perciò (secondo il mio parere):

SI -  collocare console in cantoria se avete un coro da collocare in cantoria;

NI - collocare console in cantoria se dovete accompagnare l'assembela ( in questo caso l'organista non deve ascoltarsi nè ascoltare l'assemblea e tirare dritto per la sua strada :) )

 

Terza ipotesi (quella più gettonata) - console in cantoria più un organo elettronico tipo GEM o similare da piazzare giù vicino all'altare.

 

Ciao.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie per i suggerimenti, in effetti con quell'organo si fa un po' di tutto. C'è l'assemblea nel 85% dei casi, c'è il coro nel restante 15%. Ma il vero problema è che io non riesco più a tollerare sia la distanza del 'suono' quando eseguo, sia l'essere disturbato da coristi, direttori ecc che, nonostante mi sia lamentato più volte, continuano a considerarmi totalmente disponibile alle chiacchere mentre eseguo. Questo perché sono tutti attorno a me, ovvero alla consolle, quindi ogni momento è buono per chiedermi qualcosa, notificarmi varianti, nonostante stia suonando.

Io ho suonato in precedenza (per più di 10 anni) in una chiesa che aveva un organo a trasmissione pneumatica pure e che stava in alto e non ho mai avuto grandi problemi nell'accompagnare. Qui dove sono ora talvolta (specie quando il coro canta) non riesco quasi a sentire ciò che suono.

Per non parlare del ritardo, del fatto che il 'gesto' sulle tastiere non corrisponda all'esito sonoro.

Ma questa eventuale operazione, presenta delle difficoltà tecniche, dei rischi secondo voi? Non vorrei fare una cosa che poi mi possa essere rinfacciata...

Grazie mille.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, calatubo dice:

 

 

1 ora fa, Virgin12 dice:

Eccomi!

Presente. 

(ma che bella creatura! E' un maschietto o una femminuccia?)

E' una femminuccia, Goldie. La mia piccolina.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Buona sera, l'idea di una consol sulla cantoria è quanti di meglio, magari a trasmissione meccanica. Ma se si vuole lasciare una consol dove è nulla osta di rifarla con la tecnologia moderna, anche via radio..... i tempi di trasmissione sono velocissimi e la differenza  di risposta al tocco appena percettibile (DIPENDE POI DALLA DISTANZA). Ci sono ditte italiane che fanno tali prodotti e ti assicuro funzionano  benissimo. L'organaria elettromeccania sta facendo passi da gigante.

 

Ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie Philip, io però credo (se ho capito qualcosa, che non è detto) che il ritardo nei casi come il mio è dato in massima parte dalla distanza piuttosto che dalla trasmissione in se. Infatti con un semplice calcolo sulla base della velocità di propagazione del suono, avremo che una distanza di 20 metri viene percorsa in circa 60 msec. Può sembrare un tempo infinitesimale ma non lo è, se avete in casa un sistema tipo Hauptwerk, provate ad impostare una latenza del genere e ve ne renderete conto subito.

Io credo che, se fosse possibile fare una prova del tipo: suono e trasferisco le orecchie sulla cantoria, il ritardo tra gesto e suono sarebbe, non dico azzerato, ma di molto ridotto.

Tenuto conto che non è praticabile rifare l'organo per avere una trasmissione meccanica (costi improponibili), si tratterebbe solo di scollegare la consolle esistente, issarla in cantoria e ricollegarla.

Sulle difficoltà nell'accompagnare, teniamo anche conto che ora, con il ritardo da me percepito, siamo comunque ben lungi dall'avere una situazione ideale. Io non riesco, ahimè, a suonare anticipando le note di 60 msec....quindi (anche con la corale, specialmente nei brani vivaci) anche adesso c'è un problema.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Da ragazzo suonavo in una chiesa di grandi dimensioni, la consol era sulla cantoria trasmissione elettrica. Quando accompagnavo i canti non mi rendevo mai conto se il suono era troppo forte e copriva le voci o troppo piano che i cantanti non percepivano le note (e spesso se ne andavano per la loro tonalità). Mi sono trovato di recente a suonare lo stesso strumento ma con la consol ora nella navata. Si c'è il ritado di cui parli ma è superabile con un po di prove ma riesci a seguire il coro con maggior dettaglio e precisione. Ci vuole un po per adattarsi .... A questo punto devi fare chiarezza se l'organo è destinato a far musica , e si capisce  la consol sulla cantoria isolato dove prendi il tuo bello spartito e lo suoni senza seccature. cosa diversa è se devi accompagnare i canti nella liturgia. Comunque ti assicuro che con le nuove tecnologie la velocità elettronica è talmete  rapida da non percepire ritardi dal pigiare il tasto alla apertura del ventilabro, poi si c'è un micron di ritardo dovuto alla percezione del suono è questione di farci abitudine...

saluti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si, capisco bene il tuo discorso. Diciamo che nel mio caso non corro il rischio di non capire che registrazione usare dal momento che suono in quella chiesa, ed in navata, da 10 anni. So benissimo la forza sonora che ci vuole per tenere il coro in tonalità. Ad esempio, sempre, sempre principale e ottava del grand'organo. Fatte mille prove, se tolgo l'ottava inesorabilmente il coro cala. Al pedale (perennemente usato) il contrabasso 16. Non ci sono alternative, mi piacerebbe suonare in modo più dimesso ma tutte le volte che ci ho provato, dopo poche battute la manina è corsa alla placchetta dell'ottava...

Non so, forse è una scelta un po' egoistica da parte mia, ma credo che l'organista debba avere un suo spazio 'protetto'. Io mi sto rendendo conto che con la faccenda che all'entrata chiacchierano tutti, al finale non ne parliamo, al dopo comunione partono i coristi che muovono le sedie per mettersi in fila, ecc ecc. Bene tutte queste cose mi hanno tolto la voglia di preparare dei brani da suonare (se non altro per il mio piacere). Poi devo sempre mettere registrazioni sostenute altrimenti non mi sento nemmeno. Considera che la consolle è posta dietro ad una colonna massiccia, io do le spalle alla colonna e non vedo nemmeno il prospetto delle canne. Il suono che mi arriva è quindi esclusivamente 'di rimando'.

Per tutte queste cose dicevo, non mi va più di preparare qualcosa da suonare, mi limito il più delle volte all'improvvisazione e, purtroppo, non sono propriamente un genio in quel campo. Vedo nella riconquista di un luogo appartato uno stimolo che mi ridia la voglia di suonare davvero. Non so se riesco a rendere l'idea...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Una buona soluzione potrebbe anche essere la doppia consolle: l'ideale sarebbe meccanica in cantoria ed elettrica in navata, ma ciò ovviamente comporterebbe il rifacimento del sistema trasmissivo con costi notevoli.

Pertanto mi sentirei di consigliare due consolle a trasmissione elettrica/elettronica, l'una in navata (per particolari esigenze liturgiche legate all'accompagnamento del coro, se questo canta in navata) e l'altra in cantoria (per l'accompagnamento dell'assemblea e ad uso concertistico): il costo non dovrebbe essere proibitivo e scongiurerebbe l'eventuale ma non improbabile acquisto di un elettrofono giustificato da esigenze di vicinanza al presbiterio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ci sono, ci sono!

Secondo me l'ipotesi più ragionevole sarebbe una doppia consolle, entrambe elettriche, ma se i costi sono troppo alti si può ricollocare la consolle in cantoria. A Roma è successo proprio questo nella Basilica di San Lorenzo in Verano dove la consolle fu prima portata giù e poi riportata su...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si, infatti il problema dei costi è imprescindibile. Non c'è margine per l'acquisto di una seconda consolle, nemmeno di seconda mano, tenuto conto che l'eventuale ricollocazione verrebbe eseguita nell'ambito di una manutenzione più generale (un po' di cosette da sistemare) che avrà già un suo costo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×