Vai al contenuto
Lord Attilio

Musica da camera di Mozart

Recommended Posts

Data la mia grande mancanza per quanto riguarda l'argomento, e dato che di Mozart mi interessa approfondire prevalentemente questo (l'opera lirica in generale mi è indigesta), quali sono secondo voi le opere cameristiche di Mozart che vi piacciono di più o quelle che comunque ritenete più significative? E, oltre a ciò, quali sono i loro migliori esecutori? Io per ora ho ascoltato veramente poco (il quartetto "Dissonanze", lo scherzo musicale K 522 e poco altro).


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nell'ambito della musica da camera, per quanto riguarda Mozart, ha a disposizione un'ampia scelta... I divertimenti per archi, le serenate... Sono tutti meravigliosi... Provi ad ascoltare il Quintetto in La maggiore per clarinetto e archi K 581, possibilmente eseguito con il clarinetto di bassetto, le assicuro che è spettacolare.


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Data la mia grande mancanza per quanto riguarda l'argomento, e dato che di Mozart mi interessa approfondire prevalentemente questo (l'opera lirica in generale mi è indigesta), quali sono secondo voi le opere cameristiche di Mozart che vi piacciono di più o quelle che comunque ritenete più significative? E, oltre a ciò, quali sono i loro migliori esecutori? Io per ora ho ascoltato veramente poco (il quartetto "Dissonanze", lo scherzo musicale K 522 e poco altro).

Sonata per violino KV 304 (la minore)

Sonata per violino KV 526 (la maggiore)

Trio KV 502

Trio KV 498 per viola, clarinetto e pianoforte

Trio KV 542

Quintetto per piano e fiati KV 452

Quintetto per clarinetto KV 581, confermando il consiglio di Subbasso (il Larghetto in particolare mi fa sciogliere in lacrime)

Se cominci con queste opere non ti fermi più :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie mille, mi sono giusto da poco approcciato seriamente al mondo della musica classica per cui per quanto riguarda autori con un'opera così sterminata come Mozart mi è di grande aiuto avere qualche riferimento. Per quanto riguarda gli interpreti, ci sono alcuni che preferite particolarmente rispetto ad altri ed altri, e ciò mi interessa particolarmente, da evitare (sempre nel campo cameristico)?


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Strano che non ti abbiano ancora suggerito i quartetti d'archi, dove a mio parere risiedono sbalorditivi capolavori. Per iniziare direi di rimanere su letture classiche (ovvero con storici quartetti e strumenti "moderni") ; suggerisco l'integrale dell' Amadeus Quartet o del Quartetto Italiano (ho una leggera preferenza per i primi) , si trovano in edizioni economiche quindi i danni al portafoglio sono minimi.



Oltre a quanto già suggerito dagli altri, da avere assolutamente anche il trio K563, per l'esecuzione direi l'Archibudelli (se si trova ancora)


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Giustissimo, Fibbo, ma i quartetti li lascerei per dopo, visto che (almeno a mio modo di sentire) mi sembrano le opere di gran lunga più complesse composte da Mozart.


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

E aggiungo: a questo punto, se vogliamo subito i quartetti per archi, mettiamoci anche due quintetti da brividi: il KV 515 e, primus inter pares, il KV 516.


Provate per credere:



[media]https://www.youtube.com/watch?v=7OoYRJ3ViYU




Controparte equivalente per il piano, un "easy leasing", come direbbe Mirabella:



[media]https://www.youtube.com/watch?v=FIsqXQZpl_U



Peccato solo per la faccia.


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Altri gioiellini per il nostro Lord Attilio:



[media]https://www.youtube.com/watch?v=827PTv6uC-w



Pressoché sconosciuto ai più, il primo trio di Mozart sfoggia un primo tempo dall'esposizione bellissima, con un accenno di rubato nell'espansione del I tema, Ancora contrassegnato come Divertimento, forse per la sua genesi salisburghese che ci fa subito pensare, erroneamente, alle orchestre e alle vedute ristretto del luogo, non cede poi di tanto agli esempi mozartiani successivi.



[media]https://www.youtube.com/watch?v=qXBKDUmjS8w



Questa Sonata per violino ha invece una sua popolarità, confermata da una trascrizione non di mano mozartiana per quartetto di clarinetto e archi, ma è soprattutto un inno alla piacevolezza nei tempi estremi, condotti in modo sobrio eppur gustoso. Rappresentazione sopraffina dell'angoscia, per contrasto, il pezzo centrale in sol minore, dove la tonalità mozartiana per eccellenza mostra un altro dei suoi insospettabili tanti volti.



Segue trascrizione:



[media]https://www.youtube.com/watch?v=zfdoeXs9zMM



Bonus-intermezzo per "chi gli piace le sonate":



[media]https://www.youtube.com/watch?v=B5HPNPbHzDA



Con carezza finale di un Mozart che voleva scrivere una sorta di vaudeville per tastiera, ci riesce benissimo e si congeda tra gli applausi con una codetta davvero bellina.



[media]https://www.youtube.com/watch?v=CxsPTgSDuh4



Ovvero "come essere un genio anche nella scelta timbrica". Un diamante semplicemente da ascoltare. E basta.


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ringrazio kraus per i suggerimenti, cercherò di ascoltarli tutti nonostante faccia ancora fatica a farlo, siccome per ascoltare questo tipo di musica devi allenare l'orecchio e abituarti ai suoi stilemi. Delle opere cameristiche voi preferite l'interpretazione classica o quella filologica? Perché, fuori dal repertorio cameristico, mi sono ascoltato i concerti per pianoforte n.17 e 20 suonati da Malcolm Bilson al fortepiano e devo dire che mi hanno preso subito; esistono interpretazioni simili anche per la musica da camera?


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ringrazio kraus per i suggerimenti, cercherò di ascoltarli tutti nonostante faccia ancora fatica a farlo, siccome per ascoltare questo tipo di musica devi allenare l'orecchio e abituarti ai suoi stilemi. Delle opere cameristiche voi preferite l'interpretazione classica o quella filologica? Perché, fuori dal repertorio cameristico, mi sono ascoltato i concerti per pianoforte n.17 e 20 suonati da Malcolm Bilson al fortepiano e devo dire che mi hanno preso subito; esistono interpretazioni simili anche per la musica da camera?

Certamente sì, anche se putroppo l'interpretazione non è il mio campo. Ad ogni modo posso provare a consigliarti qualche esecuzione (sperando che altri forumisti più esperti di me intervengano a correggere i miei suggerimenti). Proviamo:

KV 304: Perlman e Barenboim (o Cooper e Podger, rintracciabili in altro video)

[media]https://www.youtube.com/watch?v=w4lihkfvaWg

Per chi ama la sonorità del fortepiano (come il sottoscritto), c'è anche l'accoppiata Kuijken - Devos:

[media]https://www.youtube.com/watch?v=DdDBeXK5c4g

Stessi esecutori per il KV 526, visto che sempre di violino e (forte)piano trattasi.

Per i trii per piano, oltre al Trio Beaux Arts, abbiamo The Mozartean Players e Muller-Previn-Mutte:

[media]https://www.youtube.com/watch?v=Sb3YmP3HXZQ

[media]https://www.youtube.com/watch?v=C2DJXEDqE7U

Per il Trio KV 498, con il suo organico assolutamente fuori norma UE, posso consigliare Portal / Pasquier / Pennetier o L'Archibudelli.:

>https://www.youtube.com/watch?v=jH-mgLLnSQ4

[media]https://www.youtube.com/watch?v=_62oCgaseTU

Tuttavia, trattandosi di un capolavoro frequentato da tutti i clarinettisti che si rispettino, credo che qua non ci sia che l'imbarazzo della scelta (forse c'è anche una discussione in materia sul forum, anche se non ne sono certo). Idem per i due quintetti che ho segnalato (piano e fiati, clarinetto e archi), la cui discografia è semplicemente sterminata.

[media]https://www.youtube.com/watch?v=_mKUYMQsFwM

[media]https://www.youtube.com/watch?v=d6GGcgtvdVM

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Strano che non ti abbiano ancora suggerito i quartetti d'archi, dove a mio parere risiedono sbalorditivi capolavori. Per iniziare direi di rimanere su letture classiche (ovvero con storici quartetti e strumenti "moderni") ; suggerisco l'integrale dell' Amadeus Quartet o del Quartetto Italiano (ho una leggera preferenza per i primi) , si trovano in edizioni economiche quindi i danni al portafoglio sono minimi.

Oltre a quanto già suggerito dagli altri, da avere assolutamente anche il trio K563, per l'esecuzione direi l'Archibudelli (se si trova ancora)

Giustissimo, Fibbo, ma i quartetti li lascerei per dopo, visto che (almeno a mio modo di sentire) mi sembrano le opere di gran lunga più complesse composte da Mozart.

Ho preso oggi, giustappunto, l'integrale dell'Amadeus Quartet, trovata in offerta in negozio. Sono al secondo cd e devo dire che questi quartetti sono una meraviglia assoluta... solo che avrò bisogno di tempo per metabolizzare i sei cd! Essendo musicalmente bulimico continuo ad acquistare ed acquisire cofanetti :D Devo ancora affrontare il 3° cd dell'integrale pianistica di Schubert (Uchida), e quelli sono otto!

Comunque, il Mozart quartettistico, ascoltato in questa versione, è grandiosamente moderno.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho preso oggi, giustappunto, l'integrale dell'Amadeus Quartet, trovata in offerta in negozio. Sono al secondo cd e devo dire che questi quartetti sono una meraviglia assoluta... solo che avrò bisogno di tempo per metabolizzare i sei cd! Essendo musicalmente bulimico continuo ad acquistare ed acquisire cofanetti :D

Comunque, il Mozart quartettistico, ascoltato in questa versione, è grandiosamente moderno.

E considera che finora ti sei ascoltato i peggiori :D Dal 3° in poi si passa al genio puro (il KV 421 su tutti). Sulla modernità mozartiana nei quartetti hai tutte le ragioni perché, di fatto, quando nel topic sui Quartettisti maggiori sono arrivato ai sei quartetti dedicati ad Haydn mi son dovuto fermare. Avevo pronto un intervento in materia, ma mi è parso indegno dell'argomento e ho rinunciato a postarlo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

E considera che finora ti sei ascoltato i peggiori :D Dal 3° in poi si passa al genio puro (il KV 421 su tutti). Sulla modernità mozartiana nei quartetti hai tutte le ragioni perché, di fatto, quando nel topic sui Quartettisti maggiori sono arrivato ai sei quartetti dedicati ad Haydn mi son dovuto fermare. Avevo pronto un intervento in materia, ma mi è parso indegno dell'argomento e ho rinunciato a postarlo.

Il 3° lo "attaccherò" domani... ora finisco il 2° e vado a dormire. Grazie per la precisazione carissimo, mi aspetto grandi cose da quest'ascolto! ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×