Vai al contenuto
J.S. Bach2

Giochino

Recommended Posts

Innanzi tutto, ri-salve a tutti gli amici del forum, che era un po' che non frequentavo. Se qualcuno non si ricorda di me, va tutto a suo indubbio beneficio :)

Vaso subito al punto del 3d. Credo che ogni discofilo obiettivo possa appoggiarmi questa tesi: per quanto noi si possa avere interpreti prediletti, non esiste per ovvi motivi un'integrale di qualsiasi autore che possiamo appoggiare al 100%. Magari perché quel tempo non ci soddsifa, quella registrazione è fiacca o quel trillo io lo farei e l'organista lo salta. Pertanto apro questo sondaggio per chiedervi di formare il disco perfetto, chiedendovi le vostre interpretazioni preferite di una determinata raccolta di opere (vuoi i concerti di Vivaldi/Bach, i corali di Franck o la Nativité di Messiaen), indicando per ogni brano, il musicista che secondo voi meglio lo interpreta. Dato che per certi brani la discografia è realmente sterminata, fisso il limite massimo di indicazioni a tre per composizione.

Parto io con una serie di brani che in realtà ognuno fa storia a sé, ma tant'è: le toccate e fughe di Bach.

Re minore "Dorica" BWV 538: Marie-Claire Alain (sul Silbermann di Freiberg nell'integrale degli anni '90); Jean Guillou (sul Flentrop di Breda, anni '80).

Fa maggiore BWV 540: Marie-Claire Alain (sul Mueller di san Bavone, sempre in quell'integrale)

Do maggiore BWV 564: Daniel Roth (sul C.-C. di Saint Sulpice), Leon Berben (sullo Schnitger di san Lorenzo ad Alkmaar), Jean Guillou (sul van den Heuvel di Saint Eustache in un disco live che ho comprato a Parigi)

Re minore BWV 565: Renato Negri (all'organo Bigi di san Francesco da Paola a Reggio Emilia), Karl Richter (all'organo Riepp di Ottobeuren), Gustav Leonhardt (all'organo Mueller di Waalse Kerk ad Amsterdam)

Do maggiore/Mi maggiore BWV 566: Marie-Claire Alain (sull'organo Silbermann di Freiberg), Ton Koopman (sull'organo Schnitger di san Giacomo ad Amburgo)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bentornato!!! :D

interessante il tuo giochino...

Mi aggrego subito.

Concerto Bach/Vivaldi in La minore: Anton Heiller (organo non specificato nel disco)

Mendelssohn Preludio e Fuga in Do minore Op 37 n.1: Jean Guillou a St. Eustache (organo preesistente, disco del 1974)

Franck Grande Pièce Symphonique: André Marchal a St. Eustache (organo preesistente al preesistente, disco del 1967).

Liszt "Ad Nos...": Daniel Chorzempa all'organo "De Doelen" di Amsterdam

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Innanzi tutto, ri-salve a tutti gli amici del forum, che era un po' che non frequentavo. Se qualcuno non si ricorda di me, va tutto a suo indubbio beneficio :)

Vaso subito al punto del 3d. Credo che ogni discofilo obiettivo possa appoggiarmi questa tesi: per quanto noi si possa avere interpreti prediletti, non esiste per ovvi motivi un'integrale di qualsiasi autore che possiamo appoggiare al 100%. Magari perché quel tempo non ci soddsifa, quella registrazione è fiacca o quel trillo io lo farei e l'organista lo salta. Pertanto apro questo sondaggio per chiedervi di formare il disco perfetto, chiedendovi le vostre interpretazioni preferite di una determinata raccolta di opere (vuoi i concerti di Vivaldi/Bach, i corali di Franck o la Nativité di Messiaen), indicando per ogni brano, il musicista che secondo voi meglio lo interpreta. Dato che per certi brani la discografia è realmente sterminata, fisso il limite massimo di indicazioni a tre per composizione.

Parto io con una serie di brani che in realtà ognuno fa storia a sé, ma tant'è: le toccate e fughe di Bach.

Re minore "Dorica" BWV 538: Marie-Claire Alain (sul Silbermann di Freiberg nell'integrale degli anni '90); Jean Guillou (sul Flentrop di Breda, anni '80).

Fa maggiore BWV 540: Marie-Claire Alain (sul Mueller di san Bavone, sempre in quell'integrale)

Do maggiore BWV 564: Daniel Roth (sul C.-C. di Saint Sulpice), Leon Berben (sullo Schnitger di san Lorenzo ad Alkmaar), Jean Guillou (sul van den Heuvel di Saint Eustache in un disco live che ho comprato a Parigi)

Re minore BWV 565: Renato Negri (all'organo Bigi di san Francesco da Paola a Reggio Emilia), Karl Richter (all'organo Riepp di Ottobeuren), Gustav Leonhardt (all'organo Mueller di Waalse Kerk ad Amsterdam)

Do maggiore/Mi maggiore BWV 566: Marie-Claire Alain (sull'organo Silbermann di Freiberg), Ton Koopman (sull'organo Schnitger di san Giacomo ad v)

Anche a me piace l'interpretazione della BWV 540 a casa ho anche un Cd dell'organista Paolo Baccianella che suona all'organo di S. Teresa di Verona, il titolo è Magnificat e sono interpretazioni di vari autori tra cui sono ottime quelle della Chaconne en sol mineur di Luis Couperin, la fanfara in re M di Lemmens, la fuga alla giga di Bach, preludio, fuga e variazione in si min op. 18 di Franck e bolero de Concert op 166 di Lefebure-Wely. A mio avviso sono magnifiche interpretazioni.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×