Vai al contenuto
RosarioCaruso

Chi è per voi il più grande organista vivente ?

Recommended Posts

Lo so, lo so ... la prima cosa che si pensa è che ogni organista ha il proprio stile e che quindi è difficile dire chi sia il più grande.

Posso anche presentare la domanda in modo diverso : chi è l' organista vivente che più vi piace e il motivo della scelta.

Amici amanti dell' organo fatemi sapere ( mi raccomando non intasate il server del forum rispondendo in massa ).


Inizio io per scogliere il ghiaccio : Daniel Chorzempa

mi fa impazzire. Suona i brani con la velocità giusta ( molti organisti suonano tutto alla stessa velocità ) , ha una musicalità interpretativa unica per ogni epoca musicale , miscela i registri ottenendo il massimo rendimento per la tipologia del brano.


A molti fa storcere il naso a me fa venire la pella d' oca a sentirlo.


Secondo posto a pari merito Daniel Roth ( ho avuto la fortuna di sentirlo dal vivo in un concerto a Roma - ha una tecnica e sensibilità alla pedaliera impressionante ) e Olivier Latry ( neanche lo commento per quanto è fenomenale )

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Secondo me non c'è "il" più grande, ma vi sono "molti grandi". Tra questi segnalo a mio gusto personale Kevin Bowyer e Wayne Marshall sia come grandi virtuosi sia per padronanza tecnica sia come sensibili esecutori di ogni repertorio che presentano al pubblico.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Senza ombra di dubbio uno dei grandi e' Roberto Marini, uno degli ultimi allievi di Germani. E'uscito per la Fugatto il quinto CD della integrale di Reger, strepitoso non tanto per la tecnica quanto per il gusto "italiano" , vale a dire:buon gusto,delle esecuzioni. Qualcuno diceva :suonare le note giuste al momento giusto. Avvincente e convincente il primo tempo (fantasia)della sonata n 1 op.33 e tutta la sonata n.2 in re minore, eseguita in un modo totalmente diverso da tutti quelli sentiti finora e personalissimo... senonche' seguendo lo spartito si evidenzia che Marini esegue semplicemente rispettando integralmente tutte le indicazioni fornite dall' autore, senza inventarsi nulla.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×