Vai al contenuto
Lady Astrifiammante

Consiglio cofanetto sonate Beethoven.

Recommended Posts

Per le sonate per Piano è d'obbligo avere in casa l'integrale di Arrau. Eccezionali e di riferimento sono le incisioni di Schnabel, ma sono registrazioni vecchie,con audio non eccezionale ed,essendo fuori diritto, le trovi facilmente su Youtube

Sono completamente d'accordo con te.

AD oggi, secondo me, complessivamente la migliore integrale mai incisa. Ce ne sono altre che mi piacciono molto, compresa quella di Schnabel, ma il livello complessivo di quella di Arrau secondo me non è raggiunto da nessun'altra...

Schiff io l'ho sentito anche in teatro. E' un pianismo il suo che difetta di potenza, molto morigerato dal punto di vista del mordente, però timbricamente è preziosissimo, e la dinamica è amplissima, molto dilatata verso i piani ed i pianissimo. Un Beethoven così attento al colore strumentale è difficile udirlo. Non tutte le ciambelel della integrale sono uscite con un buco perfetto, ma alcune cose sono splendide. Anch'io amo molto, ad esempio, la sua Waldstein.

Gulda è alterno: a volte procede col pilota automatico, come una macchina sparanote, a tutta velocità ma senza un minimo di fraseggio significativo. Altre volte è molto convincente. Tecnicamente è tutto in regola, ma la sua integrale complessivamente non la consiglierei.

Non mi dispiace l'integrale di Ashkenazy. Il suono nei forti può piacere o meno (a me infastidisce solo nelle prime sonate), ma grande fraseggio. Anche qui alcune sonate bellissime (la Patetica, l'op. 27/2, ad esempio), forse poco riuscite le prime, quelle precedenti alla Patetica.

Poi certo ci sono molti grandi interpreti di sonate isolate. Benedetti Michelangeli per la terza opera 2 (soprattutto quello del 52 ad Arezzo, se non sbaglio data), il gigantesco Richter (oltre quelle già citate aggiungerei la splendida op. 26 "Marcia Funebre", soprattutto quella dal vivo che non quella in studio per la RCA), Varie sonate del Bellucci, ecc. ecc.

Non amo molto le due integrali di Backhaus. Ma il Backhaus degli ultimi due anni di vita ('68 e '69), pur coi limiti fisici di un pianismo non sempre lucidissimo, ha lasciato alcune interpretazioni splendide, nella seconda integrale ed in vari dischi dal vivo.

Ma il discorso sarebbe assai lungo....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest ilbrahmsiano

Che piacere leggerti da queste parti, caro pazzoperilpianoforte.. :thumbsup_still:

Benvenuto dall'ultimo arrivato!!!

Scusate l'OT

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Anche se non è integrale (purtroppo causa morte prematura dell'interprete) questo è un cofanetto da avere

4776360.jpg

:scratch_one-s_head: :scratch_one-s_head: :scratch_one-s_head:

Non sarei tanto d'accordo.... Qualche Sonata è ottima ma alcune(molte) non mi convincono affatto :embarassed_kid:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

:scratch_one-s_head: :scratch_one-s_head: :scratch_one-s_head:

Non sarei tanto d'accordo.... Qualche Sonata è ottima ma alcune(molte) non mi convincono affatto :embarassed_kid:

Io l'ho sentito molto poco, però mi ha fatto un'ottima impressione. Forse ho sentito quasi sempre la Waldstein... :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

:scratch_one-s_head: :scratch_one-s_head: :scratch_one-s_head:

Non sarei tanto d'accordo.... Qualche Sonata è ottima ma alcune(molte) non mi convincono affatto :embarassed_kid:

Quali, per la precisione, non ti convincono? Io lo trovo davvero eccellente in pressoché tutte quelle che ha inciso (senza però fare alcuna graduatoria con altri grandissimi).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutti!

Grazie a tutti per i vostri 1000 e più consigli. Alla fine ho scelto l'esecuzione di Claudio Arrau e devo dire che è veramente splendida.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

:scratch_one-s_head: :scratch_one-s_head:

Non sarei tanto d'accordo.... Qualche Sonata è ottima ma alcune(molte) non mi convincono affatto :embarassed_kid:

Sono completamente d'accordo con te. Qualche singola sonata è molto bella. Ma nella maggior parte dei casi Gilels è lentissimo e iperanalitico senza trovare alcuna contropartita espressiva. Sembra di sentire una esegesi dottoriale del testo, invece di una interpretazione...

A Giobar dico che se affianchi le esecuzioni di Gilels a quelle di Arrau il primo ne esce quasi sempre vincente. Ma si potrebebro portare a confronto molti altri pianisti.... faccio forse prima a di rti quali sonate mi piacciono che a dirti quali nn mi convincono...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sono completamente d'accordo con te. Qualche singola sonata è molto bella. Ma nella maggior parte dei casi Gilels è lentissimo e iperanalitico senza trovare alcuna contropartita espressiva. Sembra di sentire una esegesi dottoriale del testo, invece di una interpretazione...

A Giobar dico che se affianchi le esecuzioni di Gilels a quelle di Arrau il primo ne esce quasi sempre vincente. Ma si potrebebro portare a confronto molti altri pianisti.... faccio forse prima a di rti quali sonate mi piacciono che a dirti quali nn mi convincono...

Se non ho capito male, allora, non ti piace nemmeno Arrau...

Comunque, de gustibus: io trovo Gilels in generale travolgente, appassionato, espressivo, altro che dottorale! Poi si può discutere su tutto e trovare l'interprete ideale per ciascuna sonata presa singolarmente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Okay, mi avete convinto: mi procurerò l'integrale di Gilels.

Che purtroppo, come è noto, integrale vera non è. Fra l'altro mi chiedo se, a parte la malattia che lo portò alla morte, Gilels avrebbe mai completato il ciclo intero per la DG, perché delle sonate mancanti (per es. l'op. 111) non mi risulta sia nota nemmeno una testimonianza alternativa (registrazioni pirata o altro).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Che purtroppo, come è noto, integrale vera non è. Fra l'altro mi chiedo se, a parte la malattia che lo portò alla morte, Gilels avrebbe mai completato il ciclo intero per la DG, perché delle sonate mancanti (per es. l'op. 111) non mi risulta sia nota nemmeno una testimonianza alternativa (registrazioni pirata o altro).

Infatti purtroppo non c'è il modo di mettere insieme un'integrale posticcia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Se non ho capito male, allora, non ti piace nemmeno Arrau...

Comunque, de gustibus: io trovo Gilels in generale travolgente, appassionato, espressivo, altro che dottorale! Poi si può discutere su tutto e trovare l'interprete ideale per ciascuna sonata presa singolarmente.

Io ritengo al contrario che Arrau sia il maggior interprete beethoveniano nell'arco delle 32 sonate, come ho detto in un intervento poco sopra.

Io Gilels non lo trovo appassionato e travolgente mai, a parte qualche sonata maggiore. Ma è nelle 32 tutte che l'interprete deve convincere.

In questi giorni sto riascoltando cronologicamente tutta l'opera beethoveniana, e sono arrivato alla sonata opera 26, cioé la 12esima. Tra queste prime dodici Gilels è splendido nella bellissima opera 10/3, nell'opera 13 (Patetica), e nell'opera 26 (Marcia Funebre). L'opera 2/1 e 14/1 non sono state registrate da Gilels nell'integrale, a causa della sua morte prematura. Nelle altre sonate del primo periodo Gilels è veramente poco significativo, rispetto ad altri interpreti.

Ti parlo solo di queste prime 12 sonate perché si tratta degli ascolti più freschi che ho in mente. Ma nel resto della integrale il risultato non cambia di molto (ma non ce l'ho fresco in mente, quindi evito di scendere nel dettaglio). Ti rendi conto che se valuto Gilels sul rendimento nelle sonate maggiori, fa quasi un punteggio pieno nelle prime 12. Ma se valuto il livello interpretativo nelle 12 prime sonate tutte (pur tenendo conto che due mancano all'appello) ci sono altri artisti che hanno realizzato integrali con un livello complesivo sicuramente più alto. Arrau, appunto... ed ecco quindi che la sua integrale è per me tra le più consigliabili. Oltretutto la libertà agogica di Arrau è unica, ed è stato uno dei pochissimi pianisti a realizzare per intero la pedalizzazione prevista da Beethoven... anzi forse l'unico dopo Schnabel, visto che non sono certo Schiff sia riuscito nell'ultima integrale a fare altrettanto.

Secondo me, ovvio...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io ritengo al contrario che Arrau sia il maggior interprete beethoveniano nell'arco delle 32 sonate, come ho detto in un intervento poco sopra.

Dall'intervento precedente si capiva il contrario. Avevi scritto: "se affianchi le esecuzioni di Gilels a quelle di Arrau il primo ne esce quasi sempre vincente". Ma forse, come spesso capita, c'è stato un pasticcio nello scrivere. :thumbsup_still:

Ma è nelle 32 tutte che l'interprete deve convincere.

No, questo non è assolutamente vero! 1. Il ciclo è così vasto e copre aree stilistiche così diverse che, come ho già scritto più sopra nello stesso topic, è ben difficile che un pianista riesca a eccellere in tutte le sonate e un'integrale di un solo pianista è sempre un compromesso. Magari raggiunge sempre un livello medio-alto (come Schnabel, Backhaus e Arrau), ma non è detto. 2. Non tutti i grandi beethoveniani hanno eseguito e/o inciso tutte le 32 sonate. Molti, pur avendo fornito interpretazioni straordinarie di alcune sonate, hanno limitato il campo della loro attenzione. A parte Gilels, esempi notevoli in questo senso sono Edwin Fischer, Rudolf Serkin, Sviatoslav Richter e Glenn Gould, ma anche Benedetti Michelangeli, Gieseking e Sokolov.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

No, questo non è assolutamente vero! 1. Il ciclo è così vasto e copre aree stilistiche così diverse che, come ho già scritto più sopra nello stesso topic, è ben difficile che un pianista riesca a eccellere in tutte le sonate e un'integrale di un solo pianista è sempre un compromesso. Magari raggiunge sempre un livello medio-alto (come Schnabel, Backhaus e Arrau), ma non è detto. 2. Non tutti i grandi beethoveniani hanno eseguito e/o inciso tutte le 32 sonate. Molti, pur avendo fornito interpretazioni straordinarie di alcune sonate, hanno limitato il campo della loro attenzione. A parte Gilels, esempi notevoli in questo senso sono Edwin Fischer, Rudolf Serkin, Sviatoslav Richter e Glenn Gould, ma anche Benedetti Michelangeli, Gieseking e Sokolov.

Gieseking, come Gilels, è morto quando stava registrando l'integrale, quindi ne avremmo potuto avere anche uno suo. Sentendo alcuni estratti mi sembrano però più belle le registrazioni singole fatte in epoca precedente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

No, questo non è assolutamente vero! 1. Il ciclo è così vasto e copre aree stilistiche così diverse che, come ho già scritto più sopra nello stesso topic, è ben difficile che un pianista riesca a eccellere in tutte le sonate e un'integrale di un solo pianista è sempre un compromesso. Magari raggiunge sempre un livello medio-alto (come Schnabel, Backhaus e Arrau), ma non è detto. 2. Non tutti i grandi beethoveniani hanno eseguito e/o inciso tutte le 32 sonate. Molti, pur avendo fornito interpretazioni straordinarie di alcune sonate, hanno limitato il campo della loro attenzione. A parte Gilels, esempi notevoli in questo senso sono Edwin Fischer, Rudolf Serkin, Sviatoslav Richter e Glenn Gould, ma anche Benedetti Michelangeli, Gieseking e Sokolov.

Effettivamente su Arrau avevo sbagliato a scrivere in quell'intervento, quindi capisco che la mia distrazione è stata fonte di confusione in chi ha letto: per me tra Arrau e Gilels il migliore è sempre Arrau, a parte in poche sonate (come ad esempio la Marcia Funebre op. 26, in cui tra i due preferisco Gilels). Per me la sua integrale (di Arrau) è tra le migliori, l'ho detto in un intervento più in alto che evidentemente è passato inosservato (intervento 26 della presente discussione).

E' ovvio che nessun interprete può essere considerato di riferimento nelle 32 sonate. Ma questo vale per qualunque integrale. E non mi sembra di aver mai detto il contrario.

E' chiaro che molte volte interpreti di riferimento in una sonata non hanno mai inciso una integrale. Per prime mi vengono in mente proprio la marcia Funebre (dove il migliore in assoluto è per me Richter, in alcuni live ancora migliore che nella registrazione RCA dei primi anni '60) e l'Appassionata (ancora Richter) o l'opera 2/3 (dove il migliore, o almeno quello che amo di più, è il Benedetti Michelangeli ad Arezzo nei primi anni '50). Ma anche questo vale per ogni integrale. E anche qui non mi sembra di aver detto il contrario.

Il concetto che volevo far passare è che secondo me, se si deve consigliare una integrale, si deve tener conto di tutte e 32 le sonate, e scegliere quindi l'artista che nell'arco delle 32 conserva un alto livello, pur non potendo ovviamente essere il migliore in tutte. Non solo l'artista che rende bene nelle sonate maggiori.

Personalente se devo considerare gli interpreti di livello più alto nell'arco delle 32 sonate, e quindi quelli che mi piaccioni di più, dopo Arrau metterei AShkenazy (anche se pure a lui le prime 7 sonate non riescono proprio magnificamente), ma deve piacere il suo suono "squillante", ricco di pedale e un pò secco sui forti. Ed assieme a loro, forse solo Schnabel. Sto parlando sempre di integrali, perché se dovessi dire dell'interprete che come esito in alcune sonate mi emoziona di più metteri sicuramente insieme solo Richter e Arrau. Di Backaus amo alla follia le interpretazioni degli ultimi due-tre anni di vita (67-69), veramente alla follia, contenute nella ultima integrale delle sonate ed in vari live. Le interpretazioni beethoveniane degli anni precedenti, invece, mi lasciano piuttosto freddo. Fors eperò è un problema mio.

Le tue considerazioni sono tutte giuste, quindi, ma non mi trovano in disaccordo: qui però non stiamo discutendo del miglior interprete di ogni sonata, qui stiamo discorrendo della migliore integrale. Secondo me e come ho detto nell'intervento 26, più consigliabile tra tutte è l'integrale di Arrau, ad oggi, come esito complessivo ancora insuperata.

Spero di aver meglio espresso il mio pensiero.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Spero di aver meglio espresso il mio pensiero.

D'accordo su tutto, anche su quelle tue specifiche preferenze per Richter e ABM in alcune sonate. Ashkenazy però mi lascia un po' freddino nel complesso e, come integralista, gli preferisco diversi altri (in primis Schnabel).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

D'accordo su tutto, anche su quelle tue specifiche preferenze per Richter e ABM in alcune sonate. Ashkenazy però mi lascia un po' freddino nel complesso e, come integralista, gli preferisco diversi altri (in primis Schnabel).

E' giusto anche non essere d'accordo su tutto, ci mancherebbe!

Ciao e grazie per avermi letto e risposto!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve,

riguardo all'integrale di Arrau quale edizione potreste consigliare? E, già che ci siamo, "dove" la posso trovare? (cercando su internet non sono riuscito a trovarla...)

Grazie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×