Vai al contenuto
Mirko92

Università/Conservatorio/Lavoro

Recommended Posts

Salve, come ho scritto nella presentazione frequento l'università di economia. Ho scoperto una vera passione per il violino e sto cercando di imparare a suonarlo prendendo delle lezioni private. Mi piacerebbe moltissimo entrare in conservatorio, ma ho sentito che con il nuovo ordinamento non si può frequentare università e conservatorio insieme, è vero? Dato che io ho 19 anni e c'è gente che inizia molto ma molto prima, mettiamo caso che io riesca ad uscire dal conservatorio, avrei delle possibilità di lavoro? Perché se io riuscissi a finire gli studi, vorrei vivere di musica. Purtroppo ho sempre letto dei commenti negativi per quelli che iniziano dopo i 10 anni, ma non ne vedo il motivo, se uno si laurea con il suo strumento (violino in questo caso) vuol dire che ha l'abilità giusta per poter suonare, indipendentemente dall'età o no?! Non faccio questi discorsi perché vado male all'università, anzi ho una media abbastanza alta, ma per pura passione verso il violino.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Salve, come ho scritto nella presentazione frequento l'università di economia. Ho scoperto una vera passione per il violino e sto cercando di imparare a suonarlo prendendo delle lezioni private. Mi piacerebbe moltissimo entrare in conservatorio, ma ho sentito che con il nuovo ordinamento non si può frequentare università e conservatorio insieme, è vero? Dato che io ho 19 anni e c'è gente che inizia molto ma molto prima, mettiamo caso che io riesca ad uscire dal conservatorio, avrei delle possibilità di lavoro? Perché se io riuscissi a finire gli studi, vorrei vivere di musica. Purtroppo ho sempre letto dei commenti negativi per quelli che iniziano dopo i 10 anni, ma non ne vedo il motivo, se uno si laurea con il suo strumento (violino in questo caso) vuol dire che ha l'abilità giusta per poter suonare, indipendentemente dall'età o no?! Non faccio questi discorsi perché vado male all'università, anzi ho una media abbastanza alta, ma per pura passione verso il violino.

Continua a studiare nella tua facoltà e studia il violino con passione ma senza metterlo al primo posto perchè ormai a 19 anni non credo sia il caso coltivare questo genere di sogni. Avresti dovuto iniziare molto prima. :embarassed_kid:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Continua a studiare nella tua facoltà e studia il violino con passione ma senza metterlo al primo posto perchè ormai a 19 anni non credo sia il caso coltivare questo genere di sogni. Avresti dovuto iniziare molto prima. :embarassed_kid:

Perchè a 19 anni dovrebbe essere tardi? Apparte che prima non ho mai avuto l'occasione di scoprirlo e provarlo...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Perchè a 19 anni dovrebbe essere tardi? Apparte che prima non ho mai avuto l'occasione di scoprirlo e provarlo...

Ciao! Non è del tutto vero che non si può entrare in conservatorio se si frequenta l'università... non si può accedere al Triennio, ma si possono benissimo frequentare i corsi preaccademici! In breve non so da quant'è che tu suoni il violino ma presumo che non sia da molto. Per accedere al triennio bisogna essere al livello dell'ottavo anno del vecchio ordinamento (quindi parecchio avanti...) per cui direi che per ora puoi dedicarti alla tua passione e ai tuoi studi di economia senza preoccuparti troppo della possibile collisione conservatorio/università... probabilmente quando arriverai ad avere le competenze per accedere al Triennio avrai già preso la triennale a economia (forse anche la specialistica) .. :D ... d'altronde il vecchio ordinamento prevedeva un corso di 10 anni per imparare a suonare questo strumento! Buono studio!!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Perchè a 19 anni dovrebbe essere tardi? Apparte che prima non ho mai avuto l'occasione di scoprirlo e provarlo...

Fai assolutamente quello che vuoi, io ho lasciato l'università per fare solo il conservatorio e quando l'ho detto a mia mamma le ho detto: "tanto per andare a fare il commesso al mcdonald's dopo la laurea o dopo il diploma di conservatorio non cambia nulla, almeno adesso faccio qualcosa che mi piace!"

Scemate a parte:

- è possibile fare contemporaneamente università e conservatorio, anche con triennio e biennio

- non ci sono più limiti di età, chiaro che per violino è dura, cerca almeno di arrivare all'ammissione con qualcosa di pronto...

Buona fortuna!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ah e riguardo al vivere di musica una volta finiti gli studi ... non sono d'accordo con paperippo! Dipende tutto da quanto sei caparbio e da cosa vuoi ottenere! Magari non farai il solista ma forse riuscirai comunque a trovare un impiego in qualche orchestra, formazione, o come insegnante... chi lo sa????? L'importante è non smettere mai di credere nei propri sogni e non è un'idea romantica o cazzate simili è quello che penso dopo averci battuto il muso scegliendo una facoltà concreta ma che non mi piaceva.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie per le risposte, mi avete dato fiducia, anche perchè dopo la prima risposta mi ero depresso un pochino :P

Si in effetti non è molto che suono, sarà qualche mese, ma mi ci stò impegnando moltissimo, sia sullo strumento che su testi teorici.

Quindi se volessi entrare al conservatorio dovrei affrontare dei corsi preaccademici e poi quando avrei raggiunto la preparazione sufficiente accedere al triennio? è così che funziona? Potete delucidarmi? :)

Magari non farai il solista ma forse riuscirai comunque a trovare un impiego in qualche orchestra, formazione, o come insegnante... chi lo sa?????

Bhè sarebbe fantastico... Vorrei almeno l'occasione di provarci, e non di essere escluso a priori, è bruttissimo sentirsi dire "ormai è tardi" o "sei troppo grande" per una passione.

Prima dei 10 anni a meno che non siano costretti dai genitori o abbiano genitori musicisti è difficile per un bambino molto piccolo voler suonare uno strumento come il violino. Forse sbaglio, ci sono ovviamente le eccezzioni, ma io mi sono avvicinato al violino sentendo musica classica e soprattutto barocca, dubito che un bambino la ascolti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie per le risposte, mi avete dato fiducia, anche perchè dopo la prima risposta mi ero depresso un pochino :P

Si in effetti non è molto che suono, sarà qualche mese, ma mi ci stò impegnando moltissimo, sia sullo strumento che su testi teorici.

Quindi se volessi entrare al conservatorio dovrei affrontare dei corsi preaccademici e poi quando avrei raggiunto la preparazione sufficiente accedere al triennio? è così che funziona? Potete delucidarmi? :)

Bhè sarebbe fantastico... Vorrei almeno l'occasione di provarci, e non di essere escluso a priori, è bruttissimo sentirsi dire "ormai è tardi" o "sei troppo grande" per una passione.

Prima dei 10 anni a meno che non siano costretti dai genitori o abbiano genitori musicisti è difficile per un bambino molto piccolo voler suonare uno strumento come il violino. Forse sbaglio, ci sono ovviamente le eccezzioni, ma io mi sono avvicinato al violino sentendo musica classica e soprattutto barocca, dubito che un bambino la ascolti.

Una volta entrato in conservatorio, c'è un periodo di studi preaccademici, sulla carta c'è scritto che sono 7 anni ma volendo e impegnandosi ci si può anche mettere meno tempo. Una volta finito il preaccademico si entra al triennio, che è strutturato proprio come un'università, con crediti e via dicendo, ma lo puoi frequentare anche in contemporanea ad un'altra università, anche se in entrambi i corsi non potrai dare tutti gli esami, per cui ci si impiegherebbe un pochino di più. Il diploma di triennio è equiparato ad una laurea triennale. Il biennio viene dopo il triennio ed è strutturato in modo simile, e ha valore di una laurea specialistica.

Hai perfettamente ragione comunque... e anche io ho iniziato tardi per i tuoi stessi motivi, ti posso dire che non mancano la fatica e soprattutto la frustrazione nel vedere gente che alla tua età è già diplomata o quasi ma affrontando lo studio con maggiore impegno e maturità dovuti all'età più "avanzata" si ottengono buoni risultati :cat_angelic:

Forza e coraggio!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ah e riguardo al vivere di musica una volta finiti gli studi ... non sono d'accordo con paperippo! Dipende tutto da quanto sei caparbio e da cosa vuoi ottenere! Magari non farai il solista ma forse riuscirai comunque a trovare un impiego in qualche orchestra, formazione, o come insegnante... chi lo sa????? L'importante è non smettere mai di credere nei propri sogni e non è un'idea romantica o cazzate simili è quello che penso dopo averci battuto il muso scegliendo una facoltà concreta ma che non mi piaceva.

Siccome non ho interesse a dire cose non vere o ipocriti, esprimo il mio pensiero che può essere più o meno condivisibile. Generalmente un bambino/ragazzo che inizia a studiare il violino impiegava 10 anni (vecchio ordinamento) e a circa 20 anni era diplomato. Durante le fasi della crescita le articolazioni, ancora morbide, vengono plasmate dallo studio in modo che queste diventino ancora più elastiche. Lo stesso gioco di polso risulta facilitato. A 19 anni le articolazioni sono già formate e tendono lentamente ad irrigidirsi. Un corpo che non ha mai fatto in gioventù i movimenti complessi e necessari allo studio del violino avrà enorme difficoltà perchè mancano la scioltezza e l'agilità necessaria soprattutto per la condotta dell'arco. Il livello che si può raggiungere credo non possa andare più al di là del mediocre. Trovare un impiego in un'orchestra? Siamo seri! Dove può andare a suonare una persona appena diplomata a 30 anni, senza nessuna esperienza e già "vecchia" per l'ingresso in orchestra? Mi spiace dire queste cose e mi spiace aver un po' demoralizzato il nostro amico ma bisogna dire la verità. Però potrei anche dire: Volere è potere, non mettere freni alle tue aspirazioni, impegnati e un giorno siederai in orchestra e altre frasi ad effetto che piacciono a molti, ma la realtà è ben diversa. Un'ultima cosa: come sempre ci sono le eccezioni, questo è l'unico augurio che mi sento di fare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest Fede_Rinhos

Siccome non ho interesse a dire cose non vere o ipocriti, esprimo il mio pensiero che può essere più o meno condivisibile. Generalmente un bambino/ragazzo che inizia a studiare il violino impiegava 10 anni (vecchio ordinamento) e a circa 20 anni era diplomato. Durante le fasi della crescita le articolazioni, ancora morbide, vengono plasmate dallo studio in modo che queste diventino ancora più elastiche. Lo stesso gioco di polso risulta facilitato. A 19 anni le articolazioni sono già formate e tendono lentamente ad irrigidirsi. Un corpo che non ha mai fatto in gioventù i movimenti complessi e necessari allo studio del violino avrà enorme difficoltà perchè mancano la scioltezza e l'agilità necessaria soprattutto per la condotta dell'arco. Il livello che si può raggiungere credo non possa andare più al di là del mediocre. Trovare un impiego in un'orchestra? Siamo seri! Dove può andare a suonare una persona appena diplomata a 30 anni, senza nessuna esperienza e già "vecchia" per l'ingresso in orchestra? Mi spiace dire queste cose e mi spiace aver un po' demoralizzato il nostro amico ma bisogna dire la verità. Però potrei anche dire: Volere è potere, non mettere freni alle tue aspirazioni, impegnati e un giorno siederai in orchestra e altre frasi ad effetto che piacciono a molti, ma la realtà è ben diversa. Un'ultima cosa: come sempre ci sono le eccezioni, questo è l'unico augurio che mi sento di fare.

Mi spiace ma quoto tutto. Ormai anche per suonare come ultimo leggio in un'orchestra professionale devi essere a un livello mostruoso. Si può anche cominciare tardi (anche se 19 anni effettivamente è MOLTO tardi) e fare carriera, come Felice Cusano, ma devi essere mostruosamente talentuoso e mostruosamente intelligente. E fortunato, aggiungo.

Che poi, fosse il mestiere più bello del mondo, passi :rofl: ma spesso è fatto di mancati pagamenti, duemila ore di prove noiose e faticose, trasferte scomode etc...farlo come passione ci può anche stare, ma ti assicuro che la vita lavorativa di un musicista non è per niente rose e fiori.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Siccome non ho interesse a dire cose non vere o ipocriti, esprimo il mio pensiero che può essere più o meno condivisibile. Generalmente un bambino/ragazzo che inizia a studiare il violino impiegava 10 anni (vecchio ordinamento) e a circa 20 anni era diplomato. Durante le fasi della crescita le articolazioni, ancora morbide, vengono plasmate dallo studio in modo che queste diventino ancora più elastiche. Lo stesso gioco di polso risulta facilitato. A 19 anni le articolazioni sono già formate e tendono lentamente ad irrigidirsi. Un corpo che non ha mai fatto in gioventù i movimenti complessi e necessari allo studio del violino avrà enorme difficoltà perchè mancano la scioltezza e l'agilità necessaria soprattutto per la condotta dell'arco. Il livello che si può raggiungere credo non possa andare più al di là del mediocre. Trovare un impiego in un'orchestra? Siamo seri! Dove può andare a suonare una persona appena diplomata a 30 anni, senza nessuna esperienza e già "vecchia" per l'ingresso in orchestra? Mi spiace dire queste cose e mi spiace aver un po' demoralizzato il nostro amico ma bisogna dire la verità. Però potrei anche dire: Volere è potere, non mettere freni alle tue aspirazioni, impegnati e un giorno siederai in orchestra e altre frasi ad effetto che piacciono a molti, ma la realtà è ben diversa. Un'ultima cosa: come sempre ci sono le eccezioni, questo è l'unico augurio che mi sento di fare.

Insomma, io non sono il novello Rostropovich ma ho iniziato a 17 anni e adesso che ne ho 20 faccio il sesto anno, non mi sembra da buttar via no? E di limitazioni fisiche ne ho trovate veramente strapochissime, e tra l'altro suono il violoncello che fisicamente è molto più impegnativo del violino. Questa cosa del cominciare tardi crea parecchi fraintendimenti... Se anche uno si diploma a 20 anni ma è un incapace non va da nessuna parte, uno che magari si diploma a 30 anni ma è parecchio bravo lavoro lo trova, ormai i concorsi a posti nelle orchestre hanno limiti d'età fino a 50 anni...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Posso essere d'accordo sul fatto che le articolazioni diventano più rigide col diventare adulti, ma non vedo perché tagliare le gambe con questi discorsi a uno che ha passione. Penso che sia la cosa più importante nello studio di uno strumento... più dell'età, più del talento. Studiando si renderà lui stesso conto delle sue possibilità e di tutto il resto, nessuno può dirgli così apriori "è tardi lascia perdere". Sarà il suo violino stesso a metterlo davanti alla realtà... se riuscirà (come penso e spero per lui) tanto meglio, altrimenti avrà tolto un sogno dal cassetto per provare a realizzarlo.

E sulle orchestre sono d'accordo con stargazer. Inoltre aggiungo che potrebbe benissimo suonare anche da non professionista, ma fare qualche rassegna o spettacolo per passione, suonare in qualche formazione sempre per passione e fare magari un altro lavoro per mantenersi... chi lo sa cosa gli riserva la vita!

Comunque ti consiglio un sito... www.toddehle.com ci troverai un sacco di roba utile per migliorare!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Posso essere d'accordo sul fatto che le articolazioni diventano più rigide col diventare adulti, ma non vedo perché tagliare le gambe con questi discorsi a uno che ha passione. Penso che sia la cosa più importante nello studio di uno strumento... più dell'età, più del talento. Studiando si renderà lui stesso conto delle sue possibilità e di tutto il resto, nessuno può dirgli così apriori "è tardi lascia perdere". Sarà il suo violino stesso a metterlo davanti alla realtà... se riuscirà (come penso e spero per lui) tanto meglio, altrimenti avrà tolto un sogno dal cassetto per provare a realizzarlo.

E sulle orchestre sono d'accordo con stargazer. Inoltre aggiungo che potrebbe benissimo suonare anche da non professionista, ma fare qualche rassegna o spettacolo per passione, suonare in qualche formazione sempre per passione e fare magari un altro lavoro per mantenersi... chi lo sa cosa gli riserva la vita!

Comunque ti consiglio un sito... www.toddehle.com ci troverai un sacco di roba utile per migliorare!

Se Mirko92 è animato da vera passione non saranno certo le mie parole a bloccarlo nello studio perchè chi è veramente appassionato non si ferma davanti a niente, ma non mi sembrava corretto far passare un messaggio del tipo "impegnati e vedrai che ce la farai". Forse sono troppo realista, tutto qui. :diablo:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sicuramente se è passione non saranno certo le tue parole a fermarlo! E tu hai fatto bene a dire sinceramente quel che pnesavi, realismo o no. Quello che cercavo di dire non è che se si impegna sicuramente ce la farà, gli ho detto "studia e provaci!" :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sicuramente se è passione non saranno certo le tue parole a fermarlo! E tu hai fatto bene a dire sinceramente quel che pnesavi, realismo o no. Quello che cercavo di dire non è che se si impegna sicuramente ce la farà, gli ho detto "studia e provaci!" :)

Ok,ok, guarda che non mi riferivo a te, il mio era un discorso in generale :rolleyes_anim: solo che ho citato il tuo discorso, ogni tanto col computer mi impappino. :embarassed_kid:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutti, tralasciando il fatto che la discussione è davvero vecchia

On 18 maggio 2012 19:37:17, stargazer dice:

 

Insomma, io non sono il novello Rostropovich ma ho iniziato a 17 anni e adesso che ne ho 20 faccio il sesto anno, non mi sembra da buttar via no? E di limitazioni fisiche ne ho trovate veramente strapochissime, e tra l'altro suono il violoncello che fisicamente è molto più impegnativo del violino. Questa cosa del cominciare tardi crea parecchi fraintendimenti... Se anche uno si diploma a 20 anni ma è un incapace non va da nessuna parte, uno che magari si diploma a 30 anni ma è parecchio bravo lavoro lo trova, ormai i concorsi a posti nelle orchestre hanno limiti d'età fino a 50 anni...

 

Avrei bisogno di un consiglio riguardo l'iscrizione al conservatorio in età "avanzata", bene io ho 24 anni (grandi risate), ho una laurea triennale che ho terminato ma con davvero poco entusiasmo. Non ho mai preso seriamente in considerazione l'idea del conservatorio nonostante la mia passione per la musica probabilmente deviato da stupidi o meno stupidi preconcetti di sicura disoccupazione ecc. tutto questo fino ad ora. Voglio studiare qualcosa che realmente mi piaccia.

Bene, nel post dicevi di aver cominciato violoncello a 17 anni e che a 20 sei arrivato al sesto, in quanto tempo (se posso chiederti) sei riuscito a concludere gli studi? Hai trovato un impiego? Effettivamente è così utopico pensare di trovare lavoro a 32 anni appena uscito?(ammettendo di chiudere il percorso 8+3 in 5+3)

premessa: sono mancino (altra grande risata), suono basso/chitarra autodidatta e strimpello qualche pezzo al piano, non per fare il fenomeno ma solo per dire che penso di avere un buon orecchio, in più non sarebbe il primo approccio allo strumento in quanto ho preso il cello due anni fa anche se per via dell'Università ed alla necessità di abituarmi alla tastiera destra ho scarsamente sfruttato le lezioni prese.

È un'idea così assurda cominciare ora? ammettendo di riuscire a preparare qualcosa di ascoltabile entro un mese.

Stargazer se hai tempo/voglia di leggere sto papiro, gentilissimo!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao e benvenuto! (Che impressione leggere quel post, come ero giovine e ottimista :D )

Parlando del mio percorso, sto per diplomarmi (sono al decimo vecchio ordinamento), e ho 24 anni, un impiego non ce l'ho (perchè mi rifiuto di contare come impiego le varie marchette matrimoni ecc) e sono piuttosto in crisi perchè vedo gente brava brava che esce dal conservatorio e non va da nessuna parte, o addirittura che lascia gli studi, insomma la situazione per lo meno in Italia non è affatto rosea. Però è quello che ho scelto di fare, e almeno per un po' voglio provarci nonostante tutto.

Comunque, non ho capito: stiamo parlando di violoncello? Perchè secondo me se non hai proprio l'esigenza di suonare il cello potresti dirottare la tua scelta sul contrabbasso, per alcuni motivi: è più normale cominciare tardi, per questioni puramente fisiche; il percorso di studi è più breve rispetto agli altri archi; e oltretutto se già suoni il basso hai più o meno idea dell'accordatura, di dove sono le note, ecc. Pensaci!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutti scusate se scrivo qui ma mi sembrava la discussione più adatta.

Detto ciò premetto che sono un ignorante totale di musica. Ho 24 anni e sono al 6o anno di medicina.

Non ho mai suonato nulla in vita mia perché mi avevano fatto credere che la musica o sei portato o sei portato. Dopo studi di neuropsicologia posso affermare che salvo rari casi non è assolutamente vero. Sono 2 anni circa che mi è caduta tra le mani un'armonica e mi si è aperto un mondo.

Ora lo so che è una stupidaggine ma a mio parere Ericsson con la regola delle 10.000 ore sbagliava, ma non troppo.

Non ho la pretesa di diventare un solista o chissà cosa, vorrei semplicemente sapere se secondo voi con una buona dose di volontà tempo furbizia dedizione possa riuscire a fare della buona musica con il violino. E se si in quanti anni, a quale prezzo e se il conservatorio è una buona via o ce ne sono altre più  'pratiche' e più brevi.

 (Io vengo dal mondo delle arti marziali  e ho sperimentato il fallimento del metodo delle grandi scuole contro la tecnica, la tenacia e la costanza dei grandi campioni è per questo che faccio questa domanda).

 

Grazie in anticipo e scusate l'intrusione. 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 17/5/2012 at 22:08, stargazer dice:

 

Fai assolutamente quello che vuoi, io ho lasciato l'università per fare solo il conservatorio e quando l'ho detto a mia mamma le ho detto: "tanto per andare a fare il commesso al mcdonald's dopo la laurea o dopo il diploma di conservatorio non cambia nulla, almeno adesso faccio qualcosa che mi piace!"

 

Scemate a parte:

 

- è possibile fare contemporaneamente università e conservatorio, anche con triennio e biennio

- non ci sono più limiti di età, chiaro che per violino è dura, cerca almeno di arrivare all'ammissione con qualcosa di pronto...

 

Buona fortuna!

Tra l'altro ho letto la nuova legge per gli istituti AFAM che permette di frequentare università e conservatorio in contemporanea, il che non toglierebbe nulla nè agli studi universitari nè a quelli artistici (anche io suono il violino ahah)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×