Vai al contenuto
Guest Fede_Rinhos

Molti, molti, molti archi

Recommended Posts

Guest Fede_Rinhos

Ultimamente mi sto vagamente interessando agli organici di soli archi, in particolare a quelli con molti strumentisti. E' incredibile quanti lavori esistano per quest'organico di cui non ero a conoscenza. In particolare duetti con due viole (io conoscevo solo Mozart, ma anche Brahms, Dvorak, Mendelssohn e persino Bruckner). Poi Sestetti di Brahms, Reger, l'Ottetto di Mendelssohn, il bellissimo quintetto per due violoncelli di Schubert...

volevo sapere qual era la vostra opera preferita con questi insoliti organici o se conoscete altre che vi colpiscono particolarmente

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

C'è anche un ottetto di Enescu, scritto a 19 anni (credo sia l'op. 7). E' un pezzo che ho sentito dal vivo, in cui si apprezzano l'architettura complessa, il gioco contrappuntistico, le armonie tardo romantiche e neoclassiche, nonchè le varie citazioni che animano un lavoro raro ad ascoltarsi proprio per le difficolta' di trovare esecutori che reggano ritmo, performance e tensione fino all'ultimo e per una buona mezz'ora abbondante di musica piena di sorprese. E' stato inciso, fra gli altri, da Gidon Kremer con la sua Kremerata Baltica in uno stupendo CD Nonesuch contenente anche il quintetto per piano e archi (pure interessante).

Poi c'è l'ottetto di Spohr. Partitura serena e piena di grazia, sensibile al fascino dello stile "Biedermeier", pare compendiare i mondi dei suoi illustri contemporanei in una equilibrata e gustosa sintesi di classicismo e romanticismo. Rivela una scrittura spesso agile e briosa, in cui le combinazioni strumentali appaiono studiate con meticolosa perizia, senza appesantimenti, ma neanche molte sorprese. Nell'incisione Hyperion affidata al The Gaudier Ensemble, c'è pure il nonetto.

Altro lavoro di raro ascolto è l'ottetto di Svendsen (l'op. 3). Pagina romantica, figlia di un valido artigianato musicale, oscillante tra Grieg e Mendelssohn. Si trova su disco BIS o Chandos.

Anni fa, ascoltai pure un ottetto di Henri Lazarof (composiore contemporaneo americano) intitolato "la laurenziana", ma non ne ho un ricordo molto nitido. Si trova, comunque, inciso su disco Laurel, insieme ad altre opere per archi dello stesso autore:

410SWHC4EKL._SL500_AA300_.jpg

Ci sono anche un ottetto e un sestetto per archi di Gliere, ma è un composiore minore, alquanto pedante:

61PzVh%2BRYzL._SL500_AA300_.jpg

C'è anche un "Gran Sestetto" (con piano) di Glinka, ma mai sentito:

61ohCIBbNCL._SL500_AA300_.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

C'è il sestetto n1 op.18 di Brahms che è spettacolare e anche il numero 2 op.36 è molto bello.


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Tra i Sestetti segnalo quello di Čajkowskij, lo trovo meraviglioso!





Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Anche io mi sto innamorando ella musica per archi (orchestre d'archi)



Sibelius: Rakastava




Sibelius: impromptu




Sibelius: andante festivo




grieg: tutta la musica per orchestra d'archi


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

e questo?



Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

e per non dire questo, mi sono innamorato di Vaugh-Williams



Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×