Vai al contenuto
maxfiottolone

Che ne pensate di Anna Netrebko?

Recommended Posts

Che ne pensate di Anna Netrebko? Il mio giudizio, oltre che dilettantesco è anche moltooo parziale perchè non ho mai avuto l' onore di assistere a una sua recita teatrale e quindi mi baso sui dischi e su youtube...Però trovo che molti appassionati la liquidino sbrigativamente con un "è bella ma..." e invece secondo me non è solo avvenente punto e basta ma, sia pure non essendo un fenomeno, anche nei ruoli a lei meno congegniali non ha mai deluso. L' unica cosa che ho notato ultimamente è che forse si sta un poco accorciando perdendo qualche sovracuto, il che, se ho ravvisato bene, mi spiace perchè ha solo 40 anni.

Leo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Che ne pensate di Anna Netrebko? Il mio giudizio, oltre che dilettantesco è anche moltooo parziale perchè non ho mai avuto l' onore di assistere a una sua recita teatrale e quindi mi baso sui dischi e su youtube...Però trovo che molti appassionati la liquidino sbrigativamente con un "è bella ma..." e invece secondo me non è solo avvenente punto e basta ma, sia pure non essendo un fenomeno, anche nei ruoli a lei meno congegniali non ha mai deluso. L' unica cosa che ho notato ultimamente è che forse si sta un poco accorciando perdendo qualche sovracuto, il che, se ho ravvisato bene, mi spiace perchè ha solo 40 anni.

Leo

No , Leo, Anna Netrebko non è solo bella. E' una soprano lirico dalla voce gradevole, calda e brunita, estesa, intonata e ben impostata. I mezzi naturali e la tecnica sorvegliata le permettono di ottenere lungo quasi tre ottave sicurezza di emissione e rotondità di suono. Il suo canto, vocato all'effusione sentimentale più che alla coloratura, tende ad essere monocromatico e all'interprete vanno un po' larghi i panni del soprano "drammatico di agilità".

Ha cantato tanto (forse troppo) e in un repertorio che va da Bellini al verismo e questo, oltre a stancarle la voce, le ha forse impedito di approfondire il repertorio a lei più congeniale, quello lirico puro. Insomma non sarà un mito ma è una vera cantante e una seria professionista.


/>http://www.youtube.com/watch?v=MwuNqcKUxto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

a me la netrebko piace tantissimo!!! ho avuto occasione di vederla sul canale sky 728 con l'opera la Boheme *_* è semplicemente splendida! la sua estensione mi piace molto :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

L' unica cosa che ho notato ultimamente è che forse si sta un poco accorciando perdendo qualche sovracuto

I sopracuti non sono parte del suo patrimonio vocale naturale, che è quello del lirico puro.

In questa recente Carmen, la Netrebko, che impersona Micaela, ruolo adatto alle sue caratteristiche, rientra nella dimensione a lei più congeniale, mantenendo la limpida vibrazione in acuto ma, al contempo, arricchendo i centri e appoggiando meglio del solito i gravi. Una prova molto positiva:

http://www.youtube.com/watch?v=EwvDzT6vfO0

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Allora, la Netrebko sa certamente cantare, e nient'affatto male.

Questo mi basta e avanza.

Però c'è un "ma".

La mitizzazione alla quale è stata sottoposta finirà per farle cantare troppa roba, come successe a Cheryl Studer.

Siamo in un'epoca dominata da urlatrici, è inutile girarci intorno. Allora, quando appare una che finalmente non urla ed è vocalmente beneducata, e per di più carina a vedersi, spesso c'è gente che divinizza, che grida al miracolo. E' anche colpa della mancanza di concorrenza.

Proviamo a pensare com'era anni fa: dopo il lieve eclissarsi delle voci maschili, tra gli anni '50-'80 ci fu il fulgore di quelle femminili: Caballè, Freni, Sutherland, Horne, Verrett etc. In mezzo a queste fuoriclasse, cantanti di livello molto alto, quali Ilva Ligabue o (un po' meno, ma sempre notevole) Rita Orlandi Malaspina finirono nell'ombra, con carriere di peso ma non planetarie. La Netrebko probabilmente avrebbe fatto loro compagnia, e con tutta la concorrenza che avrebbe avuto si sarebbe tenuta nel suo repertorio ideale, senza rischi.

Oggi invece lo star system ha deciso che debba essere una regina della lirica. In parte lo è, visto il livello sconfortante della concorrenza. Però in un'altra epoca sarebbe stata semplicemente una cantante brava o molto brava, ossia quella che ci si aspettava di incontrare nei buoni e grandi palcoscenici, e oggi non accade più (io purtroppo in Scala ho dovuto sopportare svariate volte un bluff come la Guleghina, che alla Netrebko potrebbe sì e no allacciare i sandali).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Allora, la Netrebko sa certamente cantare, e nient'affatto male.

Questo mi basta e avanza.

Però c'è un "ma".

La mitizzazione alla quale è stata sottoposta finirà per farle cantare troppa roba, come successe a Cheryl Studer.

Siamo in un'epoca dominata da urlatrici, è inutile girarci intorno. Allora, quando appare una che finalmente non urla ed è vocalmente beneducata, e per di più carina a vedersi, spesso c'è gente che divinizza, che grida al miracolo. E' anche colpa della mancanza di concorrenza.

Proviamo a pensare com'era anni fa: dopo il lieve eclissarsi delle voci maschili, tra gli anni '50-'80 ci fu il fulgore di quelle femminili: Caballè, Freni, Sutherland, Horne, Verrett etc. In mezzo a queste fuoriclasse, cantanti di livello molto alto, quali Ilva Ligabue o (un po' meno, ma sempre notevole) Rita Orlandi Malaspina finirono nell'ombra, con carriere di peso ma non planetarie. La Netrebko probabilmente avrebbe fatto loro compagnia, e con tutta la concorrenza che avrebbe avuto si sarebbe tenuta nel suo repertorio ideale, senza rischi.

Oggi invece lo star system ha deciso che debba essere una regina della lirica. In parte lo è, visto il livello sconfortante della concorrenza. Però in un'altra epoca sarebbe stata semplicemente una cantante brava o molto brava, ossia quella che ci si aspettava di incontrare nei buoni e grandi palcoscenici, e oggi non accade più (io purtroppo in Scala ho dovuto sopportare svariate volte un bluff come la Guleghina, che alla Netrebko potrebbe sì e no allacciare i sandali).

A parte la stroncatura senza appello forse eccessiva alla Guleghina, Wittel, concordo sul tuo intervento parola per parola.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Che ci vuoi fare Pink...

Quasi quasi era meglio la Gorchakova (che in parti russe è molto brava, ma come Tosca non proprio allo stesso livello... Vabbè, c'era Bichkov in buca).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In primis, siamo al 23 dic e quindi Buon Natale. Ho già scritto che apprezzo la Netrebko ma i suoi impegni 2014 (Macbeth e Trovatore) mi lasciano perplesso. Capisco che la voce le si sia anche ingrossata, che anche un altro soprano lirico come la Freni, a un certo punto della carriera affrontò ruoli più spinti, ma rimango dell' idea che ci siano in giro altre cantanti più attrezzate per un certo repertorio...


E chi sarà il conte di Luna ? Domingo. Magari canterà benissimo ma, anche se ci son già stati tenori che si sono riciclati come baritoni, è mai possibile che non ci sia in giro alcun giovane baritono a cui dare la parte ?


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

E chi sarà il conte di Luna ? Domingo. Magari canterà benissimo ma, anche se ci son già stati tenori che si sono riciclati come baritoni, è mai possibile che non ci sia in giro alcun giovane baritono a cui dare la parte ?

In questo recente frammento proprio nel ruolo del Conte di Luna Domingo si dimostra poco idoneo a cantare da baritono.

E ciò non percchè incappa in due mezze stecche sulla cadenza. Il punto è un altro: Domingo, pur settantenne, non è , né per timbro né per carattere, un baritono.

Pur accorciato e patteggiante con l'età e con una quarantennale carriera, Domingo resta un tenore.

http://www.youtube.com/watch?v=ygFOLseTCFU

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Scusate, qualcuno può analizzare questa recente uscita della signora? Grazie.



>http://www.youtube.com/watch?v=dDdQRRutpxg



>http://www.youtube.com/watch?v=dgtamumw4hk




Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nulla da aggiungere. Tantomeno al fatto indiscutibile che si tratta di una bella donna.

Netrebko.jpg

Personalmente, trovo una certa somiglianza con una delle mie attrici preferite, Mariska Hargitay, figlia della divissima (e sfortunata) Jayne Mansfield

Mariska-Hargitay-mariska-hargitay-136630

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Riformulo. Chiedo agli esperti del forum, secondo voi sono delle esecuzioni accettabili per una professionista del suo livello? A me non sembra proprio. Grazie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Scusate, qualcuno può analizzare questa recente uscita della signora? Grazie.

http://www.youtube.com/watch?v=dDdQRRutpxg

http://www.youtube.com/watch?v=dgtamumw4hk

La Netrebko, paco, ha ispessito e iscurito il colore e, se levigatezza dei suoni è ancora buona, tuttavia i fiati si sono accorciati ed anche l'estensione. Inoltre il diaframma comincia a perdere di appoggio.

Questa cantante nasce soprano lirico puro, vocato al cantabile disteso e sentimentale. Adesso è costretta ad allargare ancor di più i tempi e nei passaggi incalzanti di agilità è piuttosto a disagio

Probabilmente ha cantato troppo e ora la voce comincia a non reggere più come un tempo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie, Pinkerton. La tua analisi conferma le mie intuizioni, continue prese di fiato, note piatte, in alcuni punti mancanza di intonazione. Permettimi di citare il Garcia che nel 1840 così scriveva: "Chi non possiede l'arte di signoreggiare il proprio fiato non potrà mai chiamarsi vero cantante".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Trovo esatti, paco, i tuoi rilievi sugli attuali limiti vocali della Netrebko.

D'altra parte,tu concorderai, in aggiunta al declino vocale e certo sua concausa,bisogna anche menzionare la sempre più assidua frequentazione di un repertorio non del tutto congeniale ai suoi mezzi e al suo temperamento.

Anche quando la voce "teneva" bene , cioè fino al 2003-2004, la nostra Anna non fu mai adatta a cantare Trovatore o Vespri o Norma e, tutto sommato, neppure Traviata.

La sua dimensione ripeto, era quella del soprano lirico puro, dal canto semplice, disteso, ammaliante.

Al più poteva figurare in ruoli brillanti ma sempre contrassegnati da connotazioni patetiche. Qui, nel 2003, quale Musetta, è ancora deliziosa (in tutti i sensi):

http://www.youtube.com/watch?v=m1_BKpgUG4I

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sono d'accordo con te, Pinkerton, che la frequentazione di un repertorio non congeniale alla sua vocalità possa aver inciso sul suo declino vocale ( e qui bisognerebbe interrogarsi sul perché una cantante del suo livello e nel pieno della carriera debba cimentarsi con un repertorio palesemente non congeniale ai suoi mezzi esponendosi a plateali figure di m.). Io aggiungerei a questo, anche la mancanza di una solida tecnica vocale che, come ben sappiamo, consente di superare anche gli scogli più duri senza rovinare la voce.



Ottima Musetta, continuando a lavorare su quella strada oggi sarebbe diventata una grandissima e invece le esigenze dello show business l'hanno rovinata.



Amen.


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Boh. Io penso anche che siccome l' Anna dà un pò di tempo ha perso di estensione in acuto, non potendo più "reggere" certe tessiture belcantiste a meno di eliminare in toto gli acuti (posso sbagliarmi ma non mi sembra che ultimamente Puritani e Lucie facciano più parte del suo repertorio e teniamo anche conto che a livello virtuosistico non è mai stata una novella Sutherland) e essendosi nel contempo ispessita la voce, abbia pensato, come hanno in passato fatto in tanti/tante, di dedicarsi al cosidetto repertorio pesante. Però questi estratti fanno rabbrividire tenendo conto che il Trovatore è uno dei prossimi impegni teatrali.


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ora, non vorrei infierire, ma qui è due mesi fa a Berlino...



>https://www.youtube.com/watch?v=UJZnb8AFj2c


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ora, non vorrei infierire, ma qui è due mesi fa a Berlino...

https://www.youtube.com/watch?v=UJZnb8AFj2c

Questa recente Leonora, paco, conferma per la Netrebko i limiti prima rilevati.

La sua esecuzione sia dell'Andantino "Tacea la notte placida" sia dell'Allegro "Di tale amor" tutto sommato non è scandalosa. I segni di espressione sono abbastanza rispettati e c'è anche una parvenza di linea di canto. Nella cabaletta i picchettati vengono in qualche modo eseguiti e il tempo viene rispettato.

Ma tutto è eseguito in punta di piedi, con cautela, quasi con timore, senza trasporto e malgrado lo stacco larghissimo

anche senza un vero abbandono.

Si nota però un'eccessiva tendenza a riprender fiato ( pessimo segno....)e una cesura fra il registro centro-grave, marcatamente ispessito e iscurito e il registro alto che accusa tensione di fondo, una sostanziale secchezza e qualche difficoltà di intonazione.

Questi limiti in acuto si palesano ancor più nell'aria dell'ultimo atto, il patetico Adagio "D'amor sull'ali rosee".

Anche qui la Netrebko esegue trilli e smorzature con scolastica diligenza, ma vocalmente, oltre che qua e là forzata, è assai flebile e prosciugata, a tratti accennante. La smorzatura dell'acuto finale poi, a 7:05, risulta calante.

http://www.youtube.com/watch?v=u6_v7f9xqG4

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

io personalmente la ritengo bravissima, e credo che la sua bellezza a volte sia uno svantaggio in quanto le malelingue ritengono che canti per questa e non per la sua bravura.


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nonostante miei precedenti interventi in negativo, boh, magari sbaglio ma la Netrebko non mi dispiace per nulla. Bravo anche Meli che non sarà mai un Manrico dalla voce tonante (e tenendo conto che ha iniziato col Rossini viene anche da chiedersi come riesca a cantare Manrico tutto sommato bene) ma si disimpegna e forse vocalmente parlando la delusione è Domingo, ma ci sta e già se ne è discusso. Trovo che Domingo mascheri un poco le sue difficoltà grazie alle sue ben note capacità attoriali. Anche la Netrebko c'ha un bel carisma. Credo che a volte per giudicare bene vocalmente una prestazione essa vada ascoltata in disco o vista a occhi chiusi nel senso che talvolta il saper stare sul palcoscenico può anche aiutare un cantante a nascondere i problemi. Ah, la regia non mi piace. Non sono uno che vuole solo regie classiche ma avrei preferito un Trovatore ambientato nel suo tempu punto e basta.



>https://www.youtube.com/watch?v=VwyFLA3OTSY


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×