Vai al contenuto
Wittelsbach

Censimento delle orchestre e degli interpreti fantasma

Recommended Posts

Credo che nessuno qua dentro possa dire di non aver mai preso Scholz o Adolph, magari per averli ricevuti in regalo.

io non li ho mai ricevuti in regalo e non ho (e mai avuto) alcun disco di lorsignori (o comunque di direttori farlocchi). Stesso discorso nella discoteca dei miei genitori. Forse perchè in casa c'è sempre stata la mentalità di comprare dischi di marca (DG, Emi, Decca, Philips). Mio padre è il solito affezionato alle grandi etichette e ai grandi nomi, non si è mai fatto convincere dalle offerte a basso prezzo con interpreti sconosciuti, così ha attaccato la "mania" al figlio. Io, infine, sono anche fortunato perchè ho un repertorio tutto sommato limitato e di scelte alternative spesso ce ne sono poche o nulla.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non paragonabile quindi alla Slavonica, che è un'etichetta di comodo appiccicata da questi discografici a decine di diverse orchestre, rigorosamente a loro insaputa. Altre orchestre inventate sono la Camerata Romana e la Mozart Festival Orchestra.

Mi avete incuriosita a tal punto da andare a mettere mano alla grande montagna di polvere che alberga sui miei CD.. :D

Sono orgogliosa di dire di avere una favolosa incisione del Concerto per pianoforte n.21 K467 di Mozart

con alla bacchetta niente popò di meno che... Harry Pott... ehm, volevo dire tal Alberto Lizzio e la Mozart Festival Orchestra.

Solista al pianoforte Svetlana Stanceva, ucraina no?

Sì, edizione "I Grandi della Musica Classica" Hobby&Work.

Vorrete mica farmi crollare un mito... ricordo bellissimi momenti ad ascoltare quell'esecuzione. :lol:

E' anche finita sul tubo:

Foto:

m.jpg

Hanno anche appena fatto un tour a lume di candela nel 2011.

[Date Posted: 28/05/2011 - This autumn the Mozart Festival Orchestra will be performing The Four Seasons by Candlelight across the country.

The members of the orchestra will be in full period costume in a candle-lit style setting while playing one of Vivaldi’s most favoured compositions.]


Ecco le prove:

Non sono un amore?!? :wub::lol:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ecco, e allora regala anche quelli che ti sono rimasti in cantina :D

va be' ma hanno un certo valore affettivo, queste particolari e a volte un po' strampalate interpretazioni mi han dato una specie di imprinting

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io ho due cd della collana "I classici dell'amore" (titolo orrendo) dati con Oggi: uno ha la quarta sinfonia (diretta da Henry Adolph) e alcuni estratti dal Sogno di Mendelssohn (diretti da Hans-Jürgen Walter), l'altro ha l'Eine kleine Nachtmusik diretta da Paumgartner (quindi qualche nome vero e anche di un certo rilievo capitava), il concerto K.488 eseguito da Helga Walch/Lizzio, lo studio op.25 n.°1 di Chopin suonato da Dieter Goldmann (che pare esista), il concerto per oboe di A. Marcello suonato e diretto da Hans Reinartz (anche questo esiste e non è neanche una brutta esecuzione, anche se non è Holliger) e l'aria dalla suite n.°3 di Bach diretta da Robert Stehll.


Il terzo cd è uno su Ciaicovskij comprato in Inghilterra l'estate tra quarto e quinto scientifico con l'ouverture 1812 diretta da Georg Richter (con la London Symphony) e il resto (Capriccio italiano, Romeo e Giulietta, Marcia slava) diretto da Hans-Jürgen Walter con orchestra dell'NDR e i Wiener Symphoniker.


Vi dirò, i primi due sono prossimi all'eliminazione, quello di Ciaicovskij lo tengo perchè mi accontento di quelle esecuzioni.


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

E' anche difficile smaltirli, non è possibile venderli perchè nessuno che si occupa di usato musicale compra pubblicazioni da edicola, per la spazzatura c'è il problema della differenziata e non si sa mai dove vanno i CDs, forse è per questo che sono interpreti eterni. :o


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

per la spazzatura c'è il problema della differenziata e non si sa mai dove vanno i CDs

Secco indifferenziato (= discarica normale). Me ne sono dovuto occupare per ragioni di lavoro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

E' anche difficile smaltirli, non è possibile venderli perchè nessuno che si occupa di usato musicale compra pubblicazioni da edicola, per la spazzatura c'è il problema della differenziata e non si sa mai dove vanno i CDs, forse è per questo che sono interpreti eterni. :o

E pensa che a casa della mia ragazza ho trovato al collezione completa de "I classici dell'amore" :o:lol:. Chissà, magari così qualche valore per qualcuno lo acquisiscono.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sì ma non sono loro, la Mozart Festival di Lizzio è falsa.

Wittly non puoi fare così,

emoticon.gif

stai letteralmente distruggendo la mia infanzia musicale classicofila.. :P

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Wittly non puoi fare così,

emoticon.gif

stai letteralmente distruggendo la mia infanzia musicale classicofila.. :P

L'equivalente musicale di dire ad un bambino "Babbo Natale non esiste :devil: !!" :lol:.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Lizzio Rulez!



Ho scoperto un'altra chicca nei meandri della mia collezione: un orrendo cd-compilation intitolato "La musica nel tempo", un prodotto gadget di una casa farmaceutica regalatomi anni fa da un'amica che di professione fa l'informatrice scientifica.


Il cd è un vero zibaldone di sospetti ectoplasmi, tra cui:



- German Chamber Orchestra, dir. Udo Messner


- Camerata Labacensis, dir. Alexander von Pitamic


- Orchester Philharmonische Vereinigung, dir. W. Oderich


- London Symphony Orchestra, dir. Alfred Scholz


- Hamburg Symphony Orchestra, dir. H. J. Wahlter


- Das Orchester der Wiener Wolksoper, dir. P. Falk


- London Festival Orchestra, dir. (ovviamente) l'immenso Albertone Lizzio


- London Festival Orchestra, dir. Alfred Scholz


- Philharmonia Slavonica, dir. Carlo de Pantelli



...ora magari Wittel mi dirà che alcuni sono realmente esistenti... ma io ammetto di non aver mai sentito questi nomi (a parte i soliti Scholz e Lizzio) prima d'ora! :D


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Lizzio Rulez!

Ho scoperto un'altra chicca nei meandri della mia collezione: un orrendo cd-compilation intitolato "La musica nel tempo", un prodotto gadget di una casa farmaceutica regalatomi anni fa da un'amica che di professione fa l'informatrice scientifica.

Il cd è un vero zibaldone di sospetti ectoplasmi, tra cui:

- German Chamber Orchestra, dir. Udo Messner

- Camerata Labacensis, dir. Alexander von Pitamic

- Orchester Philharmonische Vereinigung, dir. W. Oderich

- London Symphony Orchestra, dir. Alfred Scholz

- Hamburg Symphony Orchestra, dir. H. J. Wahlter

- Das Orchester der Wiener Wolksoper, dir. P. Falk

- London Festival Orchestra, dir. (ovviamente) l'immenso Albertone Lizzio

- London Festival Orchestra, dir. Alfred Scholz

- Philharmonia Slavonica, dir. Carlo de Pantelli

...ora magari Wittel mi dirà che alcuni sono realmente esistenti... ma io ammetto di non aver mai sentito questi nomi (a parte i soliti Scholz e Lizzio) prima d'ora! :D

250px-Peter_Falk_Columbo.JPG

:o

Se controlli bene scoprirai qualche cd con una sinfonica di chissà dove diretta da Kojac :cat_lol:

kojak.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Peter Falk come direttore è uno dei pochi veri di quella lista in effetti...


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho scoperto un altro splendido cd di interpreti fantasma nei miei scaffali: si tratta di un Concerto op. 77 per vl. e orchestra di Brahms (non quello che ho postato poco fa nel topic ascolti, che è autentico e con Szeryng...):
trattasi di Ivan Cerkov, inesistente violinista a quanto pare creato dalla solita, inesauribile fantasia di Alfred Scholz. Il solista è sostenuto dalla Münchner Symphoniker diretta dal M° Helmut Bucher, anch'essi creati da Scholz.

R-9698069-1484953220-1924.jpeg.jpg

...ed è anche ben suonato. Certo nulla a che vedere con la mitica Nona di Lizzio, però è una gioia scovare dischi così :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
10 ore fa, Neutral Reader dice:

Nessuno ricorda il fantasma dei fantasmi Joyce Hatto?

NR

Grazie della segnalazione, mi sembra che non fosse stata ancora citata. Una pianista realmente esistita, che collaborò con insigni direttori, cui furono "appioppate" post mortem incisioni in effetti fatte da altri.
Però Scholz continua a predominare da vero fuoriclasse, con i suoi solisti, direttori e orchestre inesistenti... :D
 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 27/5/2013 at 22:10, Flaux dice:

Non paragonabile quindi alla Slavonica, che è un'etichetta di comodo appiccicata da questi discografici a decine di diverse orchestre, rigorosamente a loro insaputa. Altre orchestre inventate sono la Camerata Romana e la Mozart Festival Orchestra.

 

Mi avete incuriosita a tal punto da andare a mettere mano alla grande montagna di polvere che alberga sui miei CD.. :D

Sono orgogliosa di dire di avere una favolosa incisione del Concerto per pianoforte n.21 K467 di Mozart

con alla bacchetta niente popò di meno che... Harry Pott... ehm, volevo dire tal Alberto Lizzio e la Mozart Festival Orchestra.

Solista al pianoforte Svetlana Stanceva, ucraina no?

Sì, edizione "I Grandi della Musica Classica" Hobby&Work.

 

Vorrete mica farmi crollare un mito... ricordo bellissimi momenti ad ascoltare quell'esecuzione. :lol:

 

E' anche finita sul tubo:

 

 

Noto solo adesso che è stato postato un estratto da quest'incisione. E devo dire che per me è tutto partito da quella musicassetta :mellow::mellow: . Sono commosso :crying_anim02: :crying_anim02:...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
50 minuti fa, Pollini dice:

Noto solo adesso che è stato postato un estratto da quest'incisione. E devo dire che per me è tutto partito da quella musicassetta :mellow::mellow: . Sono commosso :crying_anim02: :crying_anim02:...

Mi sa che tutti noi poveracci abbiamo cominciato così, parlo di quelli più o meno della mia età che da ragazzini avevano i soldi della paghetta e che non avevano la fortuna di avere genitori appassionati di classica... La cosa più semplice era andare in edicola :wacko: Lizzio ha tirato su una generazione intera, o forse due :D

La prima incisione che ho comprato da me con i "miei" soldi è stata questa, credo fosse il '93:

s-l225.jpg

non ce l'ho più purtroppo, stavo cercando di capire sul web chi fossero gli interpreti, ma zero. Su ebay la vendono a 5€ + spedizione, un prezzo ridicolmente esagerato!

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
7 ore fa, Nitriero Cavalleone dice:

Grazie della segnalazione, mi sembra che non fosse stata ancora citata. Una pianista realmente esistita, che collaborò con insigni direttori, cui furono "appioppate" post mortem incisioni in effetti fatte da altri.
 

Eh no, la cosa è più complicata e misteriosa. Il bravo maritino cominciò a mettere in giro incisioni falsamente attribuite alla moglie già prima che lei morisse. E ciò che finora non si è capito è se lei fosse complice, solo connivente o addirittura inconsapevole di ciò.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×