Vai al contenuto
Wittelsbach

Censimento delle orchestre e degli interpreti fantasma

Recommended Posts

la qualità delle interpretazioni proposte dalle grandi case a prezzi stracciati è mediamente superiore a quella dei prodotti da GDO.

Attenzione: nel citare la GDO non mi riferivo ai dischi "pensati" per quel contesto commerciale. Facevo soltanto un'analogia tra ciò che succede nel rapporto fra piccole etichette o case editrici e majors dei dischi o dei libri e ciò che succede nel rapporto fra piccolo negozio di quartiere (nel gergo giuridico "esercizio di prossimità") o piccolo produttore caseario o vinicolo e le Panzerdivisionen della GDO.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sì, è vero. Però ora anche i prodotti della grande distribuzione dovrebbero essere tenuti d'occhio, per il discorso della caduta dei diritti d'autore sulle incisioni degli anni Cinquanta... non credete? (Membran docet)

Questi prodotti infatti spesso vengono snobbati dai negozi, sia per preconcetti atavici, sia perché obiettivamente, dati i tempi, non tutti possono permettersi di tenere un magazzino ed un catalogo nutritissimo, vista la sovrabbondanza di queste uscite discografiche.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Qualcuno ha aggiornato la wiki pagina di Alberto Lizzio:
http://en.wikipedia.org/wiki/Alberto_Lizzio

Hanno inserito perfino data di nascita e di morte.

C'è un pesante "caveat", tra l'altro scritto in forma ben poco enciclopedica, in cui si fanno presente i problemi ben noti.

Ma se si guarda la biografia, si scopre che è legato al solito Alfred Scholz:

"He and his first wife, Angelica Scholz, have a son, Alfred Scholz, although famous classical music conductor".

Tutto chiaro: Lizzio è davvero esistito. E il suo nome è uno dei nomi veri che Scholz utilizzava per "rietichettare" le registrazioni più disparate.

C'è una brevissima biografia musicale che lo accredita addirittura come ospite della London Philharmonic.

Se si cerca su internet, comunque, si trova ben poco. Segno che le sue registrazioni discografiche sono probabilmente, come si diceva, il frutto della "politica di marketing" di suo figlio (?) Scholz.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Qualcuno ha aggiornato la wiki pagina di Alberto Lizzio:

http://en.wikipedia.org/wiki/Alberto_Lizzio

Hanno inserito perfino data di nascita e di morte.

C'è un pesante "caveat", tra l'altro scritto in forma ben poco enciclopedica, in cui si fanno presente i problemi ben noti.

Falsa anche l'indicazione bibliografica?

"Scholz, Alfred Memoirs of Alberto Lizzio, Part I Published in L'Osservatore musicale – may, 2001, pp. 21–26."

Certo che se qualcuno avesse accesso a una biblioteca specializzata (conservatorio importante, istituzioni musicali e simili) potrebbe verificare l'esistenza della rivista citata ed eventualmente consultarla...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Comunque avevo letto anch'io da qualche parte che Lizzio è effettivamente esistito, anche se non gli si possono attribuire tutte le incisioni che Scholz gli ha accreditato negli anni. Diciamo che la cosa interessante sarebbe poter stabilire cosa effettivamente egli abbia fatto...


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Credo sia così come dice Nitriero: Lizzio, davvero esistito, dovrebbe essere uno dei destinatari delle attribuzioni delle registrazioni rivendute dal mitico Scholz. Non a caso spesso lo si vede dirigere le mitiche orchestre fasulle uscite sempre dalla fantasia di Scholz. Non gli pareva vero di usare un musicista autentico, di cui peraltro su internet si trova pochissimo. Neanche uno straccio di cronologia, di cartello, di vecchio programma di sala col suo nome? Nessuna traccia di concerti?


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Falsa anche l'indicazione bibliografica?

"Scholz, Alfred Memoirs of Alberto Lizzio, Part I Published in L'Osservatore musicale – may, 2001, pp. 21–26."

Certo che se qualcuno avesse accesso a una biblioteca specializzata (conservatorio importante, istituzioni musicali e simili) potrebbe verificare l'esistenza della rivista citata ed eventualmente consultarla...

Chissà. Certo che l'unica fonte è firmata Scholz...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Credo sia così come dice Nitriero: Lizzio, davvero esistito, dovrebbe essere uno dei destinatari delle attribuzioni delle registrazioni rivendute dal mitico Scholz. Non a caso spesso lo si vede dirigere le mitiche orchestre fasulle uscite sempre dalla fantasia di Scholz. Non gli pareva vero di usare un musicista autentico, di cui peraltro su internet si trova pochissimo. Neanche uno straccio di cronologia, di cartello, di vecchio programma di sala col suo nome? Nessuna traccia di concerti?

Infatti questi sono tutti elementi che contribuirebbero a farne una figura fantomatica. Anche ammesso che sia stato un musicista appartato, magari dedito all'insegnamento privato e non un concertista con un'attività "pubblica"... sembra strano che ve ne siano così poche tracce, e per giunta inconsistenti... l'articolo di Scholz, ammesso che esista, non mi pare, e concordo con Wittel, probante. In fondo è stato proprio lui a "creare" il personaggio del direttore d'orchestra Lizzio...

Ad ogni modo, la ripresa di questa discussione mi ha fatto tornare in mente l'idea che avevo da tempo di tributargli il giusto omaggio (in fondo, vere o false che siano le pubblicazioni attribuitegli, resta una delle firme più prolifiche in assoluto in ambito discografico...), quindi mi è sembrato doveroso aggiungerlo nella mia firma... eventuali adesioni sono libere e ben accette! :D

(Anche se qualcosa mi dice che la Fondazione resterà vuota...!)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

interessante questa discussione, ho un cd di beethoven della serie master of the millenium: la quinta diretta da un certo anton nanut (con lui ho anche un'ottima prima di mahler della serie point) e la sesta (bellissima) col solito henry adolph das.gif



con henry adolph ho anche questa quarta di mahler, sarei curioso di sapere chi è la cantante


1112314.jpg



per quanto riguarda alberto lizzio invece mi ritrovo il concerto per piano n 21 di mozart (della hobby & works, son 3 cd) ma la mozart festival orchestra esiste oppure no?


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nanutè un ottimo sloveno che ha fatto una buona Prima e un'ottima Quinta di Mahler, autentiche. Gli ha nuociuto l'inclusione in case discografiche piene di esecutori fantasma, senza dubbio.



Sul tuo disco: mi stai dicendo che non c'è nemmeno il nome del soprano? :o


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sul tuo disco: mi stai dicendo che non c'è nemmeno il nome del soprano? :o

no, c'è scritto solamente philharmonica slavonica, cond. henry adolph.

la quinta di nanut ce l'avevo, fu il mio primo cd di mahler.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mistico, sei proprio un tipo curioso: ma non ti informi sugli esecutori sconosciuti prima di comprare un cd ? :scratch_one-s_head: Adolph e Lizzio sono famosi direttori fantasma !


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mistico, sei proprio un tipo curioso: ma non ti informi sugli esecutori sconosciuti prima di comprare un cd ? :scratch_one-s_head:

be' ma questi qui son stati i miei primissimi cd di classica, li compravo solo perchè costavano 5000lire così per insalata, non conoscevo ne' orchestre ne' direttori, me n'è rimasto qualcuno, la maggior parte li ho persi, venduti o regalati

della serie point classics era fantastico il cd dei notturni di chopin, il pianista era un certo schmalfuss, ho visto che c'è qualche video su you tube, sentite che meraviglia. peccato che non si trova più.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Credo che nessuno qua dentro possa dire di non aver mai preso Scholz o Adolph, magari per averli ricevuti in regalo.


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Credo che nessuno qua dentro possa dire di non aver mai preso Scholz o Adolph, magari per averli ricevuti in regalo.

Io lo posso affermare con certezza assoluta. Quando, ragazzino, mi appassionai alla musica classica, approfittai della collezione, piccola ma di ottimo livello, dei miei genitori. In seguito ho sempre speso i miei soldi informandomi accuratamente su ciò che compravo e i pochi che si sono azzardati a regalarmi dischi per sicurezza hanno sempre dovuto ripiegare su interpreti stranoti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ah quindi tu sei l'eccezione che cercavo, menomale.


Intendevo proprio dire che bene o male secondo me questi dischi li hanno avuti tutti, specie i giovani... ;)


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Pure io ho il disco col Concerto per clarinetto e con quello per fagotto di Mozart diretti da "Lizzio", ma la cosa buffa è che qui hanno pure indicato (o inventato?) i solisti: "Joze Ostrac" (clarinetto) e "Kamil Sreter" (fagotto). Molto probabilmente fittizi pure loro, dal momento che li si trova solo su questo CD; l'Orchestra è la solita "Mozart Festival Orchestra".



"Lizzio" penso proprio sia un personaggio totalmente inventato, su di lui non si trova assolutamente altro a parte quelle poche righe su en.wikipedia.


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Primi anni '90 presi qualcosa in edicola con questi interpreti fantasma, le solite collane i Mostri della Classica :D o qualcosa del genere. Non so darne un giudizio, i nomi però erano quelli.


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

be' ma questi qui son stati i miei primissimi cd di classica, li compravo solo perchè costavano 5000lire così per insalata, non conoscevo ne' orchestre ne' direttori, me n'è rimasto qualcuno, la maggior parte li ho persi, venduti o regalati

ecco, e allora regala anche quelli che ti sono rimasti in cantina :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×