Vai al contenuto
Mime

I migliori interpreti del Ring di Wagner

Recommended Posts

Salve, sono nuovo del forum e del sito. Non so se qualcuno abbia già fatto una discussione simile in passato. In questo post stilo una mia personale classifica dei migliori interpreti, ruolo per ruolo, dei protagonisti del Ring di Wagner, che a mio giudizio è il capolavoro assoluto del compositore tedesco (non c'è Tristan o Parsifal che tengano...il Ring è unico!).

Premetto che attualmente possiedo 8 Ring di cui 2 in dvd (Boulez e Barenboim) e che quindi i miei giudizi si fondano su quello che ho ascoltato, anche se ho in programma di comprare altri Ring. Ecco dunque la classifica dei migliori interpreti, secondo me. Chiunque è libero di dire la sua, magari proponendo sue classifiche.

WOTAN: 1-HOTTER

2-SCHORR

3-TOMLINSON

BRUNNHILDE: 1-FLAGSTAD

2-NILSSON

3-VARNAY

SIEGFRIED: 1-JESS THOMAS

2-LAURITZ MELCHIOR

3-SIEGFRIED JERUSALEM

SIEGMUND: 1-LAURITZ MELCHIOR

2-JON VICKERS

3-PETER HOFFMANN

LOGE/MIME: 1-GERHARD STOLZE

2-HEINZ ZEDNIK

3-GRAHAM CLARK

SIEGLINDE: 1-GUNDULA JANOWITZ

2-LOTTE LEHMANN

3-ALTMEYER

ALBERICH: 1-GUSTAV NEIDLINGER

2 VON KANNEN

3-KELEMEN

E per finire dico anche la mia sul Ring in generale: appurato che non esiste un Ring perfetto, perchè ognuno ha i suoi pregi e difetti e alti e bassi, credo che i migliori in assoluto siano il Ring di Solti, quello di Karajan, quello di Barenboim (sia cd che video) e quello di Krauss. Un Ring perfetto per me sarebbe così composto:

ORO DEL RENO: KARAJAN o KRAUSS

VALCHIRIA: LEINSDORF (1941) o JANOWSKI o SOLTI

SIGFRIDO: KARAJAN o BARENBOIM

CREPUSCOLO: SOLTI o KARAJAN o BARENBOIM

Grazie per l'attenzione. Eugenio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ciao, la discussione c'è già, cerca "Der Ring" nel motore di ricerca del forum

[/quote

No, il sondaggio sui migliori interpreti non è mai stato fatto. Il post che indichi l'ho letto ed è una discussione molto libera ma non approfondita.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Vero anche questo.

Mi butto nella graduatoria.

Un mio Ring ideale "transtemporale" dovrebbe essere così composto:

WOTAN: GEORGE LONDON

BRUNNHILDE: BIRGIT NILSSON

SIGFRIED: LAURITZ MELCHIOR

SIEGMUND: FRANZ VOLKER

SIEGLINDE: WALTRAUD MEIER

MIME: PAUL KUEN

LOGE: PETER SCHREIER

ALBERICH: GUSTAV NEIDLINGER

FASOLT: MARTTI TALVELA

FAFNER: KARL RIDDERBUSCH

HAGEN: KARL RIDDERBUSCH

GUNTHER: HERMANN UHDE

FRICKA: CHRISTA LUDWIG

ERDA: ORALIA DOMINGUEZ

WALTRAUTE: CHRISTA LUDWIG

Osservazioni. Pur ammirando Jess Thomas come ottimo tenore, non posso non notare che nei momenti più difficili è in difficoltà.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Grazie per la tua risposta, Wittelsbach! Tanta gente sostiene che Jess Thomas non sia un buon Sigfrido, ma a me sinceramente pare ottimo. D'accordo, non avrà il vocione di un Melchior o di un Jerusalem, ma non scordiamoci mai che Sigfrido è un ragazzo in fondo, eroico e potente quanto si vuole, ma giovane, e di questo perlomeno nel Siegfried bisogna tenere conto. Anche Windgassen nel famoso Decca-Ring di Solti non è che abbia tutta questa potenza declamatoria, anzi è un grandissimo "risparmiatore di forze". Secondo me i momenti culminanti di Sigfrido (come per Wotan possono essere l'Addio a Brunilde, l'Evocazione di Erda e il monologo successivo) sono la forgiatura della spada Notung e il Mormorio della Foresta. Francamente a me Thomas pare eccellente in questi due momenti, e soprattutto nel Mormorio quando vagheggia della madre che non ha mai visto mette davvero i brividi. Ma anche nella scena della forgiatura a me sembra eccellente (aiutato dai Berliner e dal grande Stolze).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non ne faccio una questione di volume, ma di tecnica.

Melchior aveva una tecnica superiore a quella di chiunque, era come Corelli, ma applicato al repertorio di Wagner.

Thomas è stato indubbiamente un bravissimo tenore, che rende bene il lato giovanile di Siegfried, con una concezione moderna del legato (non fa semplice declamazione come altri) e con linea di canto morbida e accurata. Vale venti volte più di un Aldenhoff, di un Seider, di un Sattler, di un Treptow, di un Suthaus, che bene o male qualche urlo lo cacciavano sempre. Ho poi fatto notare che nella scena della forgiatura fa fatica, ma non è certo l'unico (vedi quelli che ti ho citato sopra!). Anzi, dopo Melchior direi che più o meno tutti hanno accusato problemi lì. Karajan gli dà una grossa mano, e fa sì che la riuscita del brano sia tutto sommato convincentissima e plausibile, con in più il mitico Stolze che gli regge bordone.

Io però sono un edonista e ho il mitico Lauritz nel mio cuore:

[media]http://www.youtube.com/watch?v=BKKKjiWBZ9w

E questo non per una banale questione di volume, ma di squillo, che è cosa più complessa.

Io sono un appassionato di vocalità, per questo butto la questione molto sulla tecnica.

Peraltro il miglior Thomas, per me, più ancora che il suo buon Siegfried, è da ricercarsi negli eccezionali Parsifal e Lohengrin.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

L'interpretazione di Siegfried dovrebbe anche tener conto dei cambiamenti nel carattere del personaggio: da fanciullo spericolato e anche scherzoso cresciuto nella foresta, ad eroe maturo, nutrito dell'amore di Brunhilde e consapevole del suo retaggio divino.

Windgassen, nell'edizione completa di Solti rende benissimo questo cambiamento.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest zeitnote

L'interpretazione di Siegfried dovrebbe anche tener conto dei cambiamenti nel carattere del personaggio: da fanciullo spericolato e anche scherzoso cresciuto nella foresta, ad eroe maturo, nutrito dell'amore di Brunhilde e consapevole del suo retaggio divino.

Windgassen, nell'edizione completa di Solti rende benissimo questo cambiamento.

Veramente l'unico momento di consapevolezza Siegfried lo ha con il colpo di lancia infertogli da Hagen nella schiena, ormai morente. Fin lì è stato il solito grullo pronto a farsi raggirare dal primo ribaldo che passava.

Quanto alle prefrenze personali, mi piacciono molto il Siegfried di Lance Ryan e il Wotan di Juha Uusitalo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non ne faccio una questione di volume, ma di tecnica.

Melchior aveva una tecnica superiore a quella di chiunque, era come Corelli, ma applicato al repertorio di Wagner.

Concordo. Melchior, al di là dei mezzi possenti, sapeva cantare. Cioè sapeva variare la dinamica e dare respiro, ora eroico ora patetico, alla frase cantata.

Sapeva, all'occorrenza, legare e scandire, e passare in acuto senza fatica esibendo un'ottava superiore piena e irradiante.

Il volume, come dice Wittel, c'è, ma viene dopo tutto questo.

Thomas sarebbe stato un buon tenore lirico ma si inventa heldentenor, ingorgando i suoni e scivolando volentieri su intensità marcate. Ne risulta una monotonia di fondo.

Eppure anch'egli sapeva cantare in mezzavoce, ma lo faceva poco.

Qui, nei Maestri, è discreto:

http://www.youtube.com/watch?v=OQslWdBbKLY&feature=related

Qui invece, nel Parsifal, "spinge" troppo e risulta vociferante:


/>http://www.youtube.com/watch?v=LQSvLYXFA1M

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

mi piacciono molto il Siegfried di Lance Ryan

Lance Ryan ,Zeit, ha un bel timbro limpido e squillante e, sebbene la voce sia piccolina, anche grazie a un fraseggio impetuoso, delinea un Sigfrido giovanile e ardente.


/>http://www.youtube.com/watch?v=wbGYIGzk938

Come cantante però si accontenta del bel colore vocale e di aver trovato i giusti punti di risonanza ( come non importa) ma, come e ancor più di Thomas, è carente di vere alternative dinamiche, costretto com'è , da lacune tecniche, a risolvere tutto in chiave altisonante, sul forte e mezzoforte.

In Puccini questi limiti sono più evidenti.


/>http://www.youtube.com/watch?v=GxZGgnEHIks

Già sull'attacco Ryan parte male, con un'emissione chiusa, a laringe contratta: ne viene fuori un suono levigato e brunito, ma rigido, sostenuto, privo della commossa dolcezza che il testo e il momento scenico richiederebbero.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

L'interpretazione di Siegfried dovrebbe anche tener conto dei cambiamenti nel carattere del personaggio: da fanciullo spericolato e anche scherzoso cresciuto nella foresta, ad eroe maturo, nutrito dell'amore di Brunhilde e consapevole del suo retaggio divino.

Windgassen, nell'edizione completa di Solti rende benissimo questo cambiamento.

Concordo.

Windgassen, anch'egli per mezzi naturali tenore lirico, vantava però una tecnica superiore rispetto a Thomas, che rendeva più duttile la sua voce e gli consentiva

un canto più vario e articolato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Volevo dire a tutti quelli che sono intervenuti in merito, e soprattutto a Wittelsbach, che so benissimo che Melchior è VOCALMENTE SUPERIORE a Thomas. Infatti anche nella mia lista dei miei Sigfridi preferiti l'ho messo al secondo posto. Quasi ogni giorno mi sento il Naxos Ring in cui c'è il Sigfrido del 1937 con la Flagstad e un Melchior incredibile. Ancora non ho il Potted Ring del 1927-32 di cui sento parlare molto bene, della Pearl, appena lo trovo da qualche parte lo comprerò: anche lì ci sarà sicuramente un Melchior in gran forma. Jess Thomas è il mio Siegfried preferito perchè è molto fresco e lirico, ed esprime bene secondo me la giovinezza di Sigfrido. Poi come ho già detto prima è aiutato tantissimo dalla grande orchestra berlinese e dal genio di Karajan. Devo dire invece che non mi piace molto il Lohengrin di Thomas (Kempe), nè il suo Parsifal. In questo caso i migliori Lohengrin mi sembrano il solito Melchior e Placido Domingo nell'edizione di Solti ma anche nel dvd di Abbado.

Non sono l'unico a "stravedere" per Thomas-Sigfrido: in molti siti ho trovato altri che la pensano più o meno come me, e non per ragioni tecniche, ma per il semplice fatto che secondo me Sigfrido deve avere una voce giovanile e fresca (questo nel Sigfrido, nel Crepuscolo invece deve apparire più maturo, anche se caratterialmente è sempre lo stesso da quando compare sguinzagliando l'orso contro Mime a quando viene trafitto dalla lancia di Hagen..). Windgassen a mio giudizio nel Ring di Solti un po' delude: la prima volta che l'ho sentito mi è piaciuto molto, ma poi mi sono accorto che è meglio in altri Ring che non in quello di Solti, per esempio in quello di Krauss.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Volevo dire a tutti quelli che sono intervenuti in merito, e soprattutto a Wittelsbach, che so benissimo che Melchior è VOCALMENTE SUPERIORE a Thomas. Infatti anche nella mia lista dei miei Sigfridi preferiti l'ho messo al secondo posto. Quasi ogni giorno mi sento il Naxos Ring in cui c'è il Sigfrido del 1937 con la Flagstad e un Melchior incredibile. Ancora non ho il Potted Ring del 1927-32 di cui sento parlare molto bene, della Pearl, appena lo trovo da qualche parte lo comprerò: anche lì ci sarà sicuramente un Melchior in gran forma. Jess Thomas è il mio Siegfried preferito perchè è molto fresco e lirico, ed esprime bene secondo me la giovinezza di Sigfrido. Poi come ho già detto prima è aiutato tantissimo dalla grande orchestra berlinese e dal genio di Karajan. Devo dire invece che non mi piace molto il Lohengrin di Thomas (Kempe), nè il suo Parsifal. In questo caso i migliori Lohengrin mi sembrano il solito Melchior e Placido Domingo nell'edizione di Solti ma anche nel dvd di Abbado.

Non sono l'unico a "stravedere" per Thomas-Sigfrido: in molti siti ho trovato altri che la pensano più o meno come me, e non per ragioni tecniche, ma per il semplice fatto che secondo me Sigfrido deve avere una voce giovanile e fresca (questo nel Sigfrido, nel Crepuscolo invece deve apparire più maturo, anche se caratterialmente è sempre lo stesso da quando compare sguinzagliando l'orso contro Mime a quando viene trafitto dalla lancia di Hagen..). Windgassen a mio giudizio nel Ring di Solti un po' delude: la prima volta che l'ho sentito mi è piaciuto molto, ma poi mi sono accorto che è meglio in altri Ring che non in quello di Solti, per esempio in quello di Krauss.

Sono gli estratti del Ring di Furtwängler a Covent Garden? Come sono (anche come "quantità")?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sono gli estratti del Ring di Furtwängler a Covent Garden? Come sono (anche come "quantità")?

Io invece ho il sospetto che si tratti della recita al Metropolitan con Arthur Bodanzky.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sì, è la recita al Metropolitan con Bodanzky.Ovviamente sono del parere che Bodanzky non sia un grande direttore, in effetti credo che la parte migliore del Ring della Naxos sia la Valchiria che è diretta da Leinsdorf (tutto un altro livello..), con i leggendari e ancora insuperati "Walse Walse" di Melchior e il grande Schorr come Wotan (è il "maestro" di Hotter, nel senso che Hotter ne è l'erede).

Tuttavia nel Sigfrido di Bodanzky ci sono questi grandissimi interpreti: ascoltate il finale interpretato dalla Flagstad dall'Heil dir Sonne in poi, fino al duetto conclusivo: incredibile, nettamente meglio di quello tra Wingdassen e la Nilsson per Solti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bernd Weikl è un Sachs ragguardevole, energico, sobrio, improntato a una virile saggezza.

Come cantante ha bel colore, uguaglianza a piena voce in tutti i registri e mantiene una linea di canto equilibrata e una sufficiente varietà di accenti e di intensità. Tende tuttavia ad aprire troppo i centri.

Nei ripiegamenti lirici la voce si opacizza un po' per carenza di sostegno ma , di tanto in tanto, emette qualche mezzavoce discreta ( es. a 5:48).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Weikl è un ottimo professionista: ricordo di lui anche un buon Wolfram dal Tannhauser in dvd di Metha con Renè Kollo come Tannhauser, Waltraud Meier come Venus e Nadine Secunde come Elisabeth. L'Aria alla Stella della Sera di Weikl è davvero molto buona, anche se non si avvicina minimamente al grande Wolfram per antonomasia, che per me resta Eberhard Wachter (che tra l'altro è anche un grandioso Loge per Solti e il miglior Don Giovanni della storia..).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Weikl è un ottimo professionista: ricordo di lui anche un buon Wolfram dal Tannhauser in dvd di Metha con Renè Kollo come Tannhauser, Waltraud Meier come Venus e Nadine Secunde come Elisabeth. L'Aria alla Stella della Sera di Weikl è davvero molto buona, anche se non si avvicina minimamente al grande Wolfram per antonomasia, che per me resta Eberhard Wachter (che tra l'altro è anche un grandioso Loge per Solti e il miglior Don Giovanni della storia..).

Che edizione del Tannhauser con Wachter, Mime?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dal fermoimmagine pare Beppe Grillo.

A me ricorda Lello Arena

arena.jpg

edit: pensandoci bene lello arena somiglia vagamente a Sinopoli.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

L'edizione del Tannhauser con Wachter è quella di Karajan del 1963 della DG, con l'orchestra filarmonica di Vienna. E' interessante anche perchè il vecchio HVK di solito suonava sempre coi Berliner, e invece qui è con i Wiener. Mi correggo per quanto ho detto prima: Wachter è un ottimo Donner per Solti, Loge in quell'edizione era Set Svanholm. Volevo dire, Wachter è uno dei migliori Donner che ho sentito: il suo Heda Heda Hedo è davvero notevole. Ed è bravo anche come Wolfram, a mio parere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×