Vai al contenuto
Rinaldino

Le opere Dapontiane

Decidete:  

32 voti

  1. 1.

    • Così Fan Tutte
      4
    • Don Giovanni
      13
    • Le Nozze di Figaro
      4
    • Nessuna delle tre
      3
    • Tutte e tre
      6
    • Tutte tranne il Don Giovanni
      0
    • Tutte tranne il Così Fan Tutte
      1
    • Tutte tranne le Nozze di Figaro
      1


Recommended Posts

In effetti, se le Nozze appartengono a pieno titolo al '700, il Don Giovanni può essere tranquillamente associato non solo all'800 (come fin troppe volte è stato fatto), ma è contemporaneo. Il Così Fan tutte, fatto curioso, sembra fluttuare fuori dal tempo, in qualche altrove umanissimo eppure introvabile nel mondo.

Il Così è un po' inquietante perché fa capire molte cose sull'amore.

Le coppie scambiate s'innamorano sul serio, non fingono per niente.

E' roba d'una attualità devastante, quasi fastidiosa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sinceramente, non capisco il fatto dell'età che c'entri...forse pensi che io sia come uno dei tanti ragazzi che ascoltano TunzTunz? Ti sbagli, e pure di grosso.

Ma lo so bene!

Dico solo che la tua gioventù ti permette di svariare con più agilità rispetto a uno come me, già abbondantemente cristallizzato...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il Così è un po' inquietante perché fa capire molte cose sull'amore.

Le coppie scambiate s'innamorano sul serio, non fingono per niente.

E' roba d'una attualità devastante, quasi fastidiosa.

Karajan nel libro-intervista con Richard Osborne (il critico di gramophone) dice che la musica del Così è meravigliosa (non ricordo se affermi addirittura che è la più bella della trilogia) ma il libretto è ripugnante, una cosa che proprio non si può tollerare sulla scena. Osborne purtroppo non gli domanda se intenda dal punto di vista morale o artistico, o entrambi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il Così è un po' inquietante perché fa capire molte cose sull'amore.

Le coppie scambiate s'innamorano sul serio, non fingono per niente.

E' roba d'una attualità devastante, quasi fastidiosa.

E' roba antichissima e sempre attuale. E' come il poker: con nessuna mano, nemmeno la più alta, si è sicuri al cento per cento di vincere. Ma il bello è proprio lì.


/>http://www.youtube.com/watch?v=6zIArZdPbBE&feature=related

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ha un non sò che di portata per c**o...

Haha, dai, non verso di te ma verso di me che a 28 anni ho un mare di capelli grigi! :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Don Giovanni (non potevo votare altrimenti :D). Ci sono dei momenti in cui riesce a precorrere l'opera romantica.

P.S.: Stanotte ho sognato Cesare Siepi cantare non ricordo cosa in un video su youtube :ninja:... Dottor Pinkerton è grave?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Don Giovanni (non potevo votare altrimenti biggrin.gif). Ci sono dei momenti in cui riesce a precorrere l'opera romantica.

A proposito di quest'opera ho rivisto l'altro ieri il film Io, Don Giovanni di Carlos Saura, che tutto sommato è degno di considerazione, nonostante le inesattezze storiche e i continui riferimenti all'Amadeus di Milos Forman. Analizzare il capolavoro di Mozart prendendo Da Ponte come personaggio centrale è un'idea tutt'altro che malvagia. Sontuosa la colonna sonora, con musiche non solo di Mozart, ma anche di Vivaldi e Salieri.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest Lenny

In effetti, se le Nozze appartengono a pieno titolo al '700, il Don Giovanni può essere tranquillamente associato non solo all'800 (come fin troppe volte è stato fatto), ma è contemporaneo. Il Così Fan tutte, fatto curioso, sembra fluttuare fuori dal tempo, in qualche altrove umanissimo eppure introvabile nel mondo.

Ma anche a soluzioni "novecentesche": si pensi alla ardita poliritmia della scena del ballo, con l'uso contemporaneo di quattro fonti sonore (l'orchestra in buca e le "orchestrine" sul palcoscenico).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma anche a soluzioni "novecentesche": si pensi alla ardita poliritmia della scena del ballo, con l'uso contemporaneo di quattro fonti sonore (l'orchestra in buca e le "orchestrine" sul palcoscenico).

Per non parlare della strofa del Commendatore "Non si pasce di cibo mortale ecc." che Mozart ha musicato con una frase dodecafonica...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

A proposito di quest'opera ho rivisto l'altro ieri il film Io, Don Giovanni di Carlos Saura, che tutto sommato è degno di considerazione, nonostante le inesattezze storiche e i continui riferimenti all'Amadeus di Milos Forman. Analizzare il capolavoro di Mozart prendendo Da Ponte come personaggio centrale è un'idea tutt'altro che malvagia. Sontuosa la colonna sonora, con musiche non solo di Mozart, ma anche di Vivaldi e Salieri.

forum buggato
/>http://www.musica-classica.it/forum/index.php?showtopic=303&st=3630

post 3636 :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Finito or ora "Io, Don Giovanni".

Sinceramente me lo aspettavo peggio. La storia sarà pesantemente romanzata ma le ricostruzioni scenografiche mi sono sembrate buone.

Gli attori sono discreti. La cosa positiva sono gli spezzoni del Don Giovanni che vengono mostrati, particolarmente ben riuscita la scena finale del Commendatore.

Voto 10/10 alla colonna sonora dunque di cui alcuni brani sono anche presi da esecuzioni ottime: Vivaldi/Bondi, Bach/Preston, Vivaldi/Gaillard (scritto bene?), Mozart/Loreggian smile.gif

Si odono anche note del Guazzaniga e di Salieri.

Concordo con il tuo parere biggrin.gif

Intanto il Don Giovanni va in fuga, mentre par proprio che il Così fan tutte (a proposito, Salieri era lì lì per musicarlo, un paio di arie deve averle anche scritte prima di rispedire il libretto al mittente) non se lo fili nessuno.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Lo so che è praticamente impossibile scegliere ma sono comunque curioso di sapere come si orienta il forum.

Beh, in effetti è difficilissimo scegliere. La priam delle tre che ebbi modo di ascoltare fu Così fan tutte (Gedda nella parte di Ferrando, con la Caballè, la Baker, Ganzarolli, van Allan, la Cotrubas, sir Colin Davis alla bacchetta). Mi innamorai subito del primo atto e poi del resto dell'opera, che sprizza di genialità in ogni sua parte.

Poi ascoltai Le Nozze. Inizialmente, sebbene ne riconoscessi l'assoluto valore, non riuscivo a reggere un'opera così lunga e finivo per annoiarmi (:frustrated:). Col tempo, però, maturando maggiore esperienza, ho avuto modo di innamorarmi anche delle Nozze. E Lo stesso vale per il Don Giovanni.

Si potrebbe tentare questo esperimento mentale: immaginatevi il mondo dell'opera senza questi 3 capolavori. Ma non trovate che questo mondo sarebbe infinitamente più povero e triste?

Voto tutte e tre!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Il Così è un po' inquietante perché fa capire molte cose sull'amore.

Le coppie scambiate s'innamorano sul serio, non fingono per niente.

E' roba d'una attualità devastante, quasi fastidiosa.

E' vero, è (anche) un'opera inquietante, e non sapremo mai quanto Mozart credesse nell'assunto del titolo, se pensasse anche alla moglie durante la composizione e fosse magari indispettito dal trionfo di Don Alfonso, che non vince soltanto una scommessa e certamente non procura un lieto fine ai quattro amanti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Si potrebbe tentare questo esperimento mentale: immaginatevi il mondo dell'opera senza questi 3 capolavori. Ma non trovate che questo mondo sarebbe infinitamente più povero e triste?

Se non altro non avremmo arie come "Non più andrai", "Là ci darem la mano", la scena del Commendatore, il duetto "Ah guarda sorella" e i magnifici concertati del Così fan tutte (che mi paiono il meglio dell'opera).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

P.S.: Stanotte ho sognato Cesare Siepi cantare non ricordo cosa in un video su youtube :ninja:... Dottor Pinkerton è grave?

No, Super, non è assolutamente grave. Sarebbe stato grave se invece di Siepi, che canta bene, avessi sognato Simon Estes o Paata Burchuladze che cantano male.


/>http://www.youtube.com/watch?v=m8Bjx5fVHRQ

P.S. Se poi in futuro, ti capitasse di sognare


/>http://www.youtube.com/watch?v=cOi3WRqyPLw

in qualità di medico, ti dico fin da ora che puoi stare tranquillo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Dopo avere dispensato "perle di saggezza" a Wittel e a Super, finalmente do il mio voto: tutte e tre!

Come musica pura forse le Nozze è sopra le altre due, ma il Don Giovanni e il Così fan tutte affrontano e sviluppano con stile geniale, due argomenti scomodissimi: l'asocialità maschile e la "fragilità" ( per dirla con Amleto) femminile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

No, Super, non è assolutamente grave. Sarebbe stato grave se invece di Siepi, che canta bene, avessi sognato Simon Estes o Paata Burchuladze che cantano male.


/>http://www.youtube.com/watch?v=m8Bjx5fVHRQ

P.S. Se poi in futuro, ti capitasse di sognare


/>http://www.youtube.com/watch?v=cOi3WRqyPLw

in qualità di medico, ti dico fin da ora che puoi stare tranquillo.

Ammazza la Netrebko! E' la prima volta che la vedo... è indiscutibilmente una delle più grandi cantanti della storia da un certo punto di vista :ninja::D.

Quel Burchuladze nella mia ignoranza non mi è sembrato osceno (sarà che è la prima volta che sento quel brano del Nabucco). Comunque nel sogno Siepi cantava un'aria lenta come se fosse di qualche melodramma italiano (probabilmente inesistente) con modulazioni della voce finissime.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ammazza la Netrebko! E' la prima volta che la vedo... è indiscutibilmente una delle più grandi cantanti della storia da un certo punto di vista :ninja::D.

così mi deludi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Quel Burchuladze nella mia ignoranza non mi è sembrato osceno (sarà che è la prima volta che sento quel brano del Nabucco). Comunque nel sogno Siepi cantava un'aria lenta come se fosse di qualche melodramma italiano (probabilmente inesistente) con modulazioni della voce finissime.

Burchuladze, Super, ce la mette tutta per essere vario ed espressivo e rispettare i segni della partitura, ma ahimè, il difetto sta a monte, nella fonazione, che è costatemente dura, ruvida, stretta e non ha mai , nè in mezzavoce nè a voce piena, una parvenza di morbidezza.Senza scomodare De Angelis o Siepi o altri mostri sacri, ascolta come canta Giorgio Tozzi. Souplesse, rotondità, bel legato, varietà di colori e accento commosso sull'"Adagio cantabile" a 3:54. Tutto ciò è possibile grazie alla buona tecnica di emissione.


/>http://www.youtube.com/watch?v=XtOUF4HJsog&feature=related

Tornando però al tema del topic ecco, Super, come si canta Figaro: bella tecnica,varietà di colori per un uso sapiente del falsetto,gradevole pastosità a voce piena, dizione limpida e niente gigionate ma spirito comico, brio, musicalità:

MOZART

LE NOZZE DI FIGARO

"NON PIU' ANDRAI"

br. G. TADDEI


/>http://www.youtube.com/watch?v=L2iggMcmBhI

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

così mi deludi

Non mi dirai che è brutta.

Burchuladze, Super, ce la mette tutta per essere vario ed espressivo e rispettare i segni della partitura, ma ahimè, il difetto sta a monte, nella fonazione, che è costatemente dura, ruvida, stretta e non ha mai , nè in mezzavoce nè a voce piena, una parvenza di morbidezza.Senza scomodare De Angelis o Siepi o altri mostri sacri, ascolta come canta Giorgio Tozzi. Souplesse, rotondità, bel legato, varietà di colori e accento commosso sull'"Adagio cantabile" a 3:54. Tutto ciò è possibile grazie alla buona tecnica di emissione.


/>http://www.youtube.com/watch?v=XtOUF4HJsog&feature=related

In effetti c'è una differenza piuttosto evidente. Tozzi canta con molta più naturalezza.

Tornando però al tema del topic ecco, Super, come si canta Figaro: bella tecnica,varietà di colori per un uso sapiente del falsetto,gradevole pastosità a voce piena, dizione limpida e niente gigionate ma spirito comico, brio, musicalità:

MOZART

LE NOZZE DI FIGARO

"NON PIU' ANDRAI"

br. G. TADDEI


/>http://www.youtube.com/watch?v=L2iggMcmBhI

Molto bella la registrazione di Taddei, ma 0:56 che succede? E' rimasto indietro e si è mangiato mezza parola per recuperare? Perchè non mi pare ci sia un taglio nell'audio sentendo l'orchestra.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Molto bella la registrazione di Taddei, ma 0:56 che succede? E' rimasto indietro e si è mangiato mezza parola per recuperare? Perchè non mi pare ci sia un taglio nell'audio sentendo l'orchestra.

Qualunque cosa sia a un cantante che canta così bene va perdonata.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Acquistata oggi un'edizione del Don Giovanni (Krips - Siepi, Danco, Della Casa, Gueden, Dermota, Corena, Berry, Boehme) che spero possa farmi ricredere su quest'opera, da me sempre valutata al di sotto delle Nozze e di altre opere mozartiane. Ne avverto la grandezza, ma non la comprendo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×