Vai al contenuto
kraus

Georg Friedrich Händel

Recommended Posts

Grandissimo compositore: di lui mi piace soprattutto la musica strumentale, in primis i concerti, ma anche le cantate italiane sono in alcuni casi splendide, mentre delle opere liriche conosco troppo poco per esprimermi. Ottima l'analisi delle sue composizioni fatta quest'estate da Paolo Terni (Dalle 2 alle 3), che ha fatto ascoltare anche brani dei contemporanei (Froberger, Scarlatti, Ariosti, ecc.) per inquadrare storicamente la musica del nostro Georg.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

compositore colossale!!

se posso consigliare un canale per chi non lo conoscesse DesAbends detiene una vasta raccolta dell 'opera di Handel:


/>http://www.youtube.com/user/DesAbends#g/search

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

compositore colossale!!

se posso consigliare un canale per chi non lo conoscesse DesAbends detiene una vasta raccolta dell 'opera di Handel:


/>http://www.youtube.com/user/DesAbends#g/search

puoi,puoi ottimo consiglio !

grazie

paolo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Sistema Musica (www.sistemamusica.it) segnala i Vespri carmelitani di Haendel (Salve Regina HWV 241, Haec est Regina virginum HWV 235, Laudate pueri Dominum HWV 237, Saeviat tellus inter rigores HWV 240, Dixit Dominus Domino meo HWV 232) definendoli "Un giardino di delizie musicali". Per saperne di più:

http://www.sistemamusica.it/2010/gennaio/17.htm

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho ascoltato le (non bellissime) Triosonate HWV 393 e 394 (rispettivamente in sol minore e mi maggiore, op. 2 nn. 8 e 9), e pare che negli anni '80 fossero considerate dubbie se non proprio spurie. Oggi si sa qualcosa di più su queste due opere? Sono state attribuite effettivamente ad altri autori?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io gradisco molto le sue Suites per clavicembalo/pianoforte, sono molto aggraziate. Grandiosi anche alcuni suoi brani per organo. Linko una delle mie Allemande di Handel preferite, dalla suite in Sol minore:


/>http://www.youtube.com/watch?v=Tv_x5z7G81E

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io gradisco molto le sue Suites per clavicembalo/pianoforte, sono molto aggraziate. Grandiosi anche alcuni suoi brani per organo. Linko una delle mie Allemande di Handel preferite, dalla suite in Sol minore:

Quel poco che conosco delle suites di Handel è affascinante. Non c'è molta distanza da Bach.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Quel poco che conosco delle suites di Handel è affascinante. Non c'è molta distanza da Bach.

Le Allemande sono un pochino più movimentate, quelle del Sommo sono più pensose ( e difficili! :D)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Amanti della filologia non me ne vogliate, ma mi sono appena innamorato del Messiah diretto da Beecham...per una volta l'orchestrazione di Eugene Goossens, arricchita di arpe, fiati, trombe, tromboni, triangolo, sembra azzeccatissima e non fa rimpiangere l'originale...anche i solisti mi sembrano di primo ordine...mi procurerò l'incisione

piccolo assaggino...

[media]http://www.youtube.com/watch?v=EUjrOfQhMRg&feature=related

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

A parte questo, Handel fa parte del mio battesimo musicale, fin da bambino.

Mio padre aveva gli LP con la Water Music, la Feuerwerkmusik, e i Concerti Grossi diretti da Leppard (Philips), e il Messiah sempre di Leppard (Erato), con cui riempiva la nostra casa di musica sublime.

Poi comprò una musicassetta con la Water Music diretta da Hans Martin Linde, che ci fece compagnia durante i nostri viaggi estivi in macchina attraverso l'Europa. La Water Music, ancora oggi, mi ricorda le campagne di Olanda, Germania, e Danimarca.

Ricordo ancora lo shock che da bambino provai nel sentire questa versione: lo stacco del tempo era completamente diverso. Mi accorgevo poi che la tonalità rispetto a Leppard era diversa (non ne sapevo niente, ma Linde usava strumenti antichi).

La Musica sull'acqua di Leppard mi è restata nel cuore. Tuttora, la ritengo una delle migliori versioni con strumenti moderni: pulita, leggera, senza pesantezze, suonata da Dio (ho perso i libretti originali, ma mi sembra che il primo corno fosse addirittura Anthony Halstead). Mi procurai poi pure la versione in cd, cofanetto da 9 dischi, mio primo (e unico) acquisto online al defunto Iperdue, oltre 10 anni fa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Di quelle ed altre incisioni di quegli anni mi attrae tanto il "colore" particolare delle registrazioni, caldo più di tante moderne perfezioni...

Prova ad ascoltare anche questo...a parte che non mi sono accorto dei fuori tempo del tenore...

[media]http://www.youtube.com/watch?v=oT3f3AmbDkY

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ha pasticciato un po' le agilità, correndo un pochino. Ma niente di che.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma l'arrangiamento non è quello di Mozart in questa versione vero?

A proposito di Messia, vi sembra promettente questa rappresentazione?
/>http://www.laverdi.org/italian/dettaglio_evento_categoria.php?categoriaID=46&eventoID=466

I solisti dovrebbero essere: C.Seen Baritono,S. Prina Contralto, Cyril Auvity Tenore,Sonya Yoncheva Soprano, coro e orchestra della Verdi Barocca.

In ogni caso di Handel è un autore grandioso, uno dei miei preferiti e secondo me la sua produzione strumentale (spesso subordianta da molti a quella vocale) è di tutto rispetto, i concerti per organo ad esempio sono geniali a parer mio.

Inoltre è uno di quegli autori di cui si conosce molto dell'intera opera...Una ragione in più per approfondire!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest Kowalski

Non sono un fanatico della filologia, ma questa versione di Beecham è un abominio. D'altronde anche Mozart, con maggior raffinatezza e stile, provò a ri-orchestrare il Messiah, ma con risultati, a mio parere, che vanno dal posticcio al pedante.

Ma quanto va fuori tempo quel tenore?

E' il grande John Vickers, evidentemente non a suo agio con le agilità (e lo stile) handeliane.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

A parer mio l'arrangiamento di Mozart è peggiore di quello in questione (non conoscevo entrambi poi mi sono un attimino documentato) filologia a parte,chiaramente, anche se la Pifa di Mozart vince, secondo me, anche sull'originale (Quello di Mozart poi è in tedesco: non si può sentire!)...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

A parer mio l'arrangiamento di Mozart è peggiore di quello in questione (non conoscevo entrambi poi mi sono un attimino documentato) filologia a parte,chiaramente, anche se la Pifa di Mozart vince, secondo me, anche sull'originale (Quello di Mozart poi è in tedesco: non si può sentire!)...

tra inglese e tedesco è una bella lotta in quanto ad inascoltabilità.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma no dai, mooolto meglio l'inglese secondo me...

Almeno non c'è nessun "ccccccccchhhh","spr","ü","ä","ö" e gutturalismi simili!

Io penso che l'inglese si presti molto per la musica corale, anzi credo che, in uno schema tassonomico di preferenze, personalmente lo piazzerei sotto soltanto il latino...

Chiaramente nelle arie per solista l'italiano vince su tutti in quanto a musicalità però l'inglese ha quel vigore tipico delle lingue nordiche pur mancando della inevitabile cacofonia del tedesco.

Però è un parere personale chiaramente...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Kaj, la tua firma secondo me è bellissima ma grandina. Ce la fai a ridimensionare un po' le immagini e a mantenere il look?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Handel è uno dei miei grandi favoriti.

L'Oratorio Israel in Aegypt è strepitoso. Per il Messiah consiglio l'esecuzione di Andrew Parrot. Il Dixit dominus, composto nel periodo italiano è tellurico. Consiglio poi i Concerti grossi op.6 nell'esecuzione di Pinnock e le Suites per clavicembalo nell'esecuzione di Scott Ross.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

@Wittelsbach: hai ragione la modifico subito ^^

@Alucard:Poverino Bach... In effetti anche io preferisco decisamente Handel, anche come persona (doveva essere spassoso questo tizio cicciottello che parla 100 lingue manda a quel paese i cantanti perchè non arrivano dove pretenderebbe, beve, canta, fa battute e scherza)a Bach che mi ha sempre dato l'impressione di essere un tizio un po' meno godereccio...

P.S. come oratori handeliani consiglio vivissimamente il "Trionfo del tempo e della verità" (da non confondere col disinganno che è meno convincente secondo me)e Judas Maccabeus di cui adoro alla follia l'overture...

Per quanto riguarda le opere Tamerlano è davvero fuori dal tempo uno spettacolo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×