Vai al contenuto
R.Sasso

il tuo compositore preferito?

Recommended Posts

Nain :D!

Stà dopo i quattro, preceduto da Scarlatti, Palestrina, Frescobaldi, Mozart.

c'è ancora speranza in te :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest Fede_Rinhos

Quate cavolate scrivevo da piccolo? :o

ovvero 4 mesi fa :rofl:

ma perché? non ti piace più Liszt? :o

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

ovvero 4 mesi fa :rofl:

Ehm.. dettagli :D

ma perché? non ti piace più Liszt? :o

Liszt lo apprezzo ancora, ma non come prima. Al suo posto ne metterei altri :o

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Liszt lo apprezzo ancora, ma non come prima. Al suo posto ne metterei altri :o

:o :o :o :o :o :o :o

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Combattuto tra Stravinsky e Tchaikovsky per la vetta. Di pochissimo dietro ci sono Ravel, Debussy, Dukas, Mahler, Bartok...boooooooh francamente non so proprio chi si aggiudica la palma d'oro. :thumbsdown_anim: E' come scegliere tra una bionda da paura e una bruna altrettanto prestante. Anche se hai un debole per le blondes, te ne sbatti E ACCHIAPPI QUELLA CHE PIU T'ATTIZZA :thumbsup_still:

Tornando alla serietà, riguardo la vetta credo non ci siano dubbi...Stravinsky è colui che reputo il genio assoluto, il compositore che ha coniugato al meglio tradizione, innovazione e genialità musicale. E dico Tchaikovsky per il sentimento che trasuda nelle sue opere e per un estro melodico di rara qualità (altro che VOLGARE, FRIVOLO O addirittura PACCHIANO, giudico le sue trovate musicali semplicemente UNICHE). Riguardo gli "eterni" secondi metto sullo stesso piano i tre grandi francesi dell'impressionismo, in quanto considero quest'ultimo il movimento musicale tra quelli che in generale mi hanno segnato maggiormente (sia come compositore che semplice ascoltatore). Poi ci sarebbe un discorso a parte per i sinfonisti, in quanto reputo Mahler INEGUAGLIABILE (ma allo stesso modo considero dei grandissimi Sostakovich, Prokofev, lo stesso Dvorak e Sibelius). Come reputo immenso Schoenberg, forse di un pelino sotto i primi e tra coloro che ho adorato maggiormente studiare, sia per quanto concerne la didattica della musica tonale che quella più specifica riguardo la dodecafonia.

In definitiva sono molto "volubile", in primis per il fatto che certi compositori li ascolto in determinati periodi, altre volte mi lascio trasportare dalla NOVITA'(un po' come sta succedendo con Ligeti, che a poco a poco mi sta rapendo totalmente). Alla fine, obiettivamente, è IMPOSSIBILE decretare il vincitore. Ciò che appunto li rende grandi è il fatto che siano assolutamente diversi l'uno dall'altro e per altrettanti diversi motivi li metti su un piano equiparato...

MA.

dico Stravinsky alla fine. :i-m_so_happy:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

io sono nuovo e mi piacciono tutti i compositori sinfonici tranne i contemporanei, c'è qualcuno della zona di alessandria?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Non ho un compositore preferito.
 
I compositori ai quali voglio più bene sono: Verdi, Vivaldi, Pergolesi, Schubert, Chopin. Per loro provo un sincero affetto, li sento vicini come dei veri amici, dei compagni di vita che ti sono sempre accanto, intelligentissimi ma anche buoni e dolci, e che non ti abbandonano mai. Quando ascolto la loro musica vorrei tanto poterli abbracciare, ieri mentre ascoltavo l' Aida avrei tanto voluto un cuscino con la stampa di una foto di Verdi, stringerlo e dire "grazie per questa musica meravigliosa, grazie Pepin, ti voglio bene".
 
I compositori che adoro sono: Mozart, Rossini, Haydn, Prokofiev. Questi quattro mi fanno stare di un bene, mi fanno godere tantissimo e riempiono la mia esistenza di gioia. Non li sento vicini, non li sento tanto umani, li vedo più come degli esseri superiori, delle specie di angeli che sono qui per allietarmi e rendere la mia vita più bella. Li adoro e non li amo perché cosa fai, ti metti ad amare gli angeli? Gli angeli non hanno bisogno di essere amati, loro danno e non hanno bisogno di ricevere nulla in cambio. Quindi solo adorazione.
 
I compositori che amo sono: Puccini e Schumann. Ah Puccini, mia croce e mia delizia...Quando sono innamorata e amo tanto mi sento tre metri sopra il cielo vedo cuoricini ovunque e sento la musica di Giahomo in ogni dove..che bello...quando sono sola, depressa o in fase Turandot principessa di morte, principessa di gelo allora vorrei che Giahomo non esistesse, basta, via, non riesco proprio ad ascoltarlo, non ce la faccio. C'è troppo amore dentro la sua musica, è come se mi mettesse un specchio davanti alla mia anima, al mio cuore e mi ricordasse che non sto amando...e a cosa serve una femmina che non ama? A niente, uno spreco contronatura. Inutile e fastidiosa come le zanzare d' estate. No, non ce la faccio ad ascoltare Puccini quando non amo, mi fa troppo male. Ora forse più che Turandot mi sento Manon nel deserto, sola, perduta, abbandonata in una landa desolata, in fin di vita dopo essersi distrutta ed aver distrutto tutto e tutti..solo che lei ha ancora Des Grieux al suo fianco, lì, eroico, fino all' ultimo, mentre io ora ho solo il gatto al mio fianco. Anzi, ultimamente non più di tanto, nonostante il freddo sta più fuori in giardino o sui tetti o a fare lotta con altri gatti che in casa...dopotutto l' ho chiamato Planchet come il fido e coraggioso scudiero di D' Artagnan, mica Briciolina, Coccolino, Cioffolino...è un gatto tosto, non è un gatto da caminetto e copertina...ha due occhi azzurri da paura, azzurri come quelli della dea Atena, azzurri come...eh sì, brava maddy, azzurri come quelli del figlio di Cio Cio San e Pinkerton, e dai che si ritorna a Puccini, il cerchio si chiude.
Amo Schumann perché mi fa battere fortissimo il cuore...è indescrivibile quello che sento quando ascolto pagine come la Kreisleriana...tremo tutta e mi manca il respiro e non capisco più niente, come quando vedo il mio amato.
 
I compositori che rispetto con grandissima ammirazione e venerazione sono: Bach e Beethoven.
Sono sommi.
Sono dei giganti.
Sono dei titani.
Due uomini e musicisti straordinari.
Due extramondi.
La loro musica non è solo musica, è qualcosa di molto di più, è arte purissima.
Li rispetto immensamente e chino il capo quando penso a loro.
Mm...ora che mi viene in mente.... Forse anche Bellini è in questo gruppo...Quando ascolto la Norma non dico che mi viene da mettermi in ginocchio, ma...di certo sto in silenzio quasi religioso e fisso il cielo o il soffitto in base a dove mi trovo. La nobiltà di quest' opera è grande ed infinita come il cielo...
 
I compositori che mi perseguitano sono: Paganini e Mahler. Non ho ancora capito bene cosa vogliono da me questi due ma una cosa è certa: non so resister loro. Posso passare tantissimo tempo senza ascoltarli, ma poi quando comincio non mi fermo proprio più...quando ho la mahlerite salto i pasti, non dormo, non esco, esiste solo Gustav...tremendo..
 
Poi ci sono tutti gli altri, cioè i compositori che mi piacciono, alcuni anche molto, quelli che mi sono indifferenti, quelli che non mi piacciono, e quelli che non conosco perché non li ho mai ascoltati. Di certo non odio nessuno, non riesco ad odiare chi crea musica classica.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
19 minuti fa, noone dice:
[...]
Posso passare tantissimo tempo senza ascoltarli
[...]

È questo il mio problema proprio con Mahler. Quando penso di esserne uscito, eccolo che si ripresenta alla porta...Mahler è un dittatore...un po' come dice Cherubino nelle Nozze: "Non trovo pace notte nè dì, ma pur mi piace languir così..."

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, glenngould dice:

È questo il mio problema proprio con Mahler. Quando penso di esserne uscito, eccolo che si ripresenta alla porta...Mahler è un dittatore...un po' come dice Cherubino nelle Nozze: "Non trovo pace notte nè dì, ma pur mi piace languir così..."

Sì, ma Cherubino è un "Cherubino, Cherubin d' amore", mentre Mahler più che amore è una mahledizione...almeno per me..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, noone dice:
 ieri mentre ascoltavo l' Aida avrei tanto voluto un cuscino con la stampa di una foto di Verdi, stringerlo e dire "grazie per questa musica meravigliosa, grazie Pepin, ti voglio bene".
 

Va là che bella idea che mi è venuta oggi in pausa pranzo tra un tramezzino e l' altro ridendo e scrivendo qui...domani vado a farmelo fare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, noone dice:

Sì, ma Cherubino è un "Cherubino, Cherubin d' amore", mentre Mahler più che amore è una mahledizione...almeno per me..

Per alcuni le due cose potrebbero coincidere a volte, però...

1 ora fa, noone dice:

mahledizione

Questa è geniale.

Chapeau :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Al momento questi sono i primi dieci.

1. Haydn

2. Messiaen

3. Mozart

4. Bach

5. Beethoven

6. Vivaldi

7. Telemann

8. Bartok

9. Debussy

10. Liszt

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
On 9/1/2017 at 14:20, noone dice:
Non ho un compositore preferito.
 
I compositori ai quali voglio più bene sono: Verdi, Vivaldi, Pergolesi, Schubert, Chopin. Per loro provo un sincero affetto, li sento vicini come dei veri amici, dei compagni di vita che ti sono sempre accanto, intelligentissimi ma anche buoni e dolci, e che non ti abbandonano mai. Quando ascolto la loro musica vorrei tanto poterli abbracciare, ieri mentre ascoltavo l' Aida avrei tanto voluto un cuscino con la stampa di una foto di Verdi, stringerlo e dire "grazie per questa musica meravigliosa, grazie Pepin, ti voglio bene".
 
I compositori che adoro sono: Mozart, Rossini, Haydn, Prokofiev. Questi quattro mi fanno stare di un bene, mi fanno godere tantissimo e riempiono la mia esistenza di gioia. Non li sento vicini, non li sento tanto umani, li vedo più come degli esseri superiori, delle specie di angeli che sono qui per allietarmi e rendere la mia vita più bella. Li adoro e non li amo perché cosa fai, ti metti ad amare gli angeli? Gli angeli non hanno bisogno di essere amati, loro danno e non hanno bisogno di ricevere nulla in cambio. Quindi solo adorazione.
 
I compositori che amo sono: Puccini e Schumann. Ah Puccini, mia croce e mia delizia...Quando sono innamorata e amo tanto mi sento tre metri sopra il cielo vedo cuoricini ovunque e sento la musica di Giahomo in ogni dove..che bello...quando sono sola, depressa o in fase Turandot principessa di morte, principessa di gelo allora vorrei che Giahomo non esistesse, basta, via, non riesco proprio ad ascoltarlo, non ce la faccio. C'è troppo amore dentro la sua musica, è come se mi mettesse un specchio davanti alla mia anima, al mio cuore e mi ricordasse che non sto amando...e a cosa serve una femmina che non ama? A niente, uno spreco contronatura. Inutile e fastidiosa come le zanzare d' estate. No, non ce la faccio ad ascoltare Puccini quando non amo, mi fa troppo male. Ora forse più che Turandot mi sento Manon nel deserto, sola, perduta, abbandonata in una landa desolata, in fin di vita dopo essersi distrutta ed aver distrutto tutto e tutti..solo che lei ha ancora Des Grieux al suo fianco, lì, eroico, fino all' ultimo, mentre io ora ho solo il gatto al mio fianco. Anzi, ultimamente non più di tanto, nonostante il freddo sta più fuori in giardino o sui tetti o a fare lotta con altri gatti che in casa...dopotutto l' ho chiamato Planchet come il fido e coraggioso scudiero di D' Artagnan, mica Briciolina, Coccolino, Cioffolino...è un gatto tosto, non è un gatto da caminetto e copertina...ha due occhi azzurri da paura, azzurri come quelli della dea Atena, azzurri come...eh sì, brava maddy, azzurri come quelli del figlio di Cio Cio San e Pinkerton, e dai che si ritorna a Puccini, il cerchio si chiude.
Amo Schumann perché mi fa battere fortissimo il cuore...è indescrivibile quello che sento quando ascolto pagine come la Kreisleriana...tremo tutta e mi manca il respiro e non capisco più niente, come quando vedo il mio amato.
 
I compositori che rispetto con grandissima ammirazione e venerazione sono: Bach e Beethoven.
Sono sommi.
Sono dei giganti.
Sono dei titani.
Due uomini e musicisti straordinari.
Due extramondi.
La loro musica non è solo musica, è qualcosa di molto di più, è arte purissima.
Li rispetto immensamente e chino il capo quando penso a loro.
Mm...ora che mi viene in mente.... Forse anche Bellini è in questo gruppo...Quando ascolto la Norma non dico che mi viene da mettermi in ginocchio, ma...di certo sto in silenzio quasi religioso e fisso il cielo o il soffitto in base a dove mi trovo. La nobiltà di quest' opera è grande ed infinita come il cielo...
 
I compositori che mi perseguitano sono: Paganini e Mahler. Non ho ancora capito bene cosa vogliono da me questi due ma una cosa è certa: non so resister loro. Posso passare tantissimo tempo senza ascoltarli, ma poi quando comincio non mi fermo proprio più...quando ho la mahlerite salto i pasti, non dormo, non esco, esiste solo Gustav...tremendo..
 
Poi ci sono tutti gli altri, cioè i compositori che mi piacciono, alcuni anche molto, quelli che mi sono indifferenti, quelli che non mi piacciono, e quelli che non conosco perché non li ho mai ascoltati. Di certo non odio nessuno, non riesco ad odiare chi crea musica classica.

Dove sono Debussy, Sibelius e Ravel in questo mio rozzo e banale elenco? Ho veramente dimenticato Debussy, Sibelius e Ravel? Non è che qualcuno mi ha fatto uno scherzetto e ha modificato il messaggio eliminando questi tre compositori? Ma perché mai qualcuno dovrebbe farmi uno scherzo del genere? No, no, temo sia tutta colpa mia... Sì, dimenticai Sibelius, Debussy e Ravel. 

Riuscirò mai a capire una buona volta che l' incompiuto, il non finito, centoundicizzare le cose va bene solo se di cognome si fa Virgilio, Schubert, Michelangelo, Beethoven? Riuscirò mai a scrivere qualcosa di completo e raffinato in vita mia? Affranta, vado a riflettere in un angolino.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4 minuti fa, noone dice:

Dove sono Debussy, Sibelius e Ravel 

Ovviamente Debussy e Sibelius sono nel gruppo degli amici a cui voglio bene e Ravel è nel gruppo degli adorati.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×