Vai al contenuto
Antiphonal

Trasgressioni al repertorio. Chi l'ha fatta più grossa?

Recommended Posts

Tempo fa si discettava di organisti e organistE che suonavano all'organo repertori inusuali, come per esempio il jazz o altri generi considerati lontani.

Io qui vorrei tener fuori dal Topic questi specialisti di tali generi, che francamente mi attirano poco e di cui so ancor meno, ma vorrei solo portare alcuni esempi di quando (e quanto) ci si può sbizzarrire.

Faccio alcuni esempi che riguardano me. In genere mi permetto di fare cose fuori repertorio solo per i "BIS" e non in programma, oppure in audizioni private per amici ed appassionati.

E, in alcuni casi, devo ammettere di averle fatte grosse. Ma veramente grosse!!!

Ecco alcuni esempi, che non so se saranno superati da altri Utenti di questo nobil forum:

ecco alcuni bis che ho fatto in altrettanti concerti:

-San Giovanni Bosco, ROMA, ORGANO TAMBURINI 1958

concerto 1

Léon Boellmann: Carillon "Din Don Dan" dedicato a Eugene Gigout (ma questo è ancora niente...)

concerto 2

Alexander Courage: Star Trek Fanfare (la marcetta che fa da sigla a Star Trek: Next Generation)

-Cattedrale di San Marco, LATINA ORGANO PINCHI 1960-1989

Vincenzo d'Annibale: Lirica per la poesia di Libero Bovio "Chist e' 'o paese d' 'o sole"

(e quella volta sono stato un vero cinico... mi hanno detto che al termine del bis hanno dovuto passare lo straccio per asciugare le lacrime...)

- Collegiata SS Annunziata, AIROLA, grande organo storico Andrea Bassi da Ravenna (1680)

bis e tris dello stesso concerto (imperniato TUTTO sulla scuola napoletana del '700):

Enrico de Leva: Lirica per la poesia di Salvatore di Giacomo "E' Spingole Francesi"

Eduardo di Capua: Lirica per la poesia di Giovanni Capurro "O sole mio"

(altrettanto cinismo... il pubblico si è proprio spellato le mani e non finiva proprio più)

Posso dimostrare di averla fatta proprio grossa più di una volta: per chi ha dubbi circa l'effetto che questi brani hanno potuto fare sul pubblico... beh li ho tutti registrati, quindi posso tranquillamente dimostrare l'efficacia delle scelte!

IL MASSIMO (ma non era un concerto era una semplice visita privata...):

- Cattedrale di Serravalle, VITTORIO VENETO, organo Ruffatti (1955-1990)

E.A.MARIO (pseudonimo di Giovanni Ermete Gaeta): LA LEGGENDA DEL PIAVE.

poche persone di passaggio in chiesa, uscite dal Museo della Grande Guerra posto giusto di fronte alla chiesa...

PRESUMO gran fatica di straccio per il sacrestano...

:rolleyes_anim:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Tempo fa si discettava di organisti e organistE che suonavano all'organo repertori inusuali, come per esempio il jazz o altri generi considerati lontani.

Io qui vorrei tener fuori dal Topic questi specialisti di tali generi, che francamente mi attirano poco e di cui so ancor meno, ma vorrei solo portare alcuni esempi di quando (e quanto) ci si può sbizzarrire.

Faccio alcuni esempi che riguardano me. In genere mi permetto di fare cose fuori repertorio solo per i "BIS" e non in programma, oppure in audizioni private per amici ed appassionati.

E, in alcuni casi, devo ammettere di averle fatte grosse. Ma veramente grosse!!!

Ecco alcuni esempi, che non so se saranno superati da altri Utenti di questo nobil forum:

ecco alcuni bis che ho fatto in altrettanti concerti:

-San Giovanni Bosco, ROMA, ORGANO TAMBURINI 1958

concerto 1

Léon Boellmann: Carillon "Din Don Dan" dedicato a Eugene Gigout (ma questo è ancora niente...)

concerto 2

Alexander Courage: Star Trek Fanfare (la marcetta che fa da sigla a Star Trek: Next Generation)

-Cattedrale di San Marco, LATINA ORGANO PINCHI 1960-1989

Vincenzo d'Annibale: Lirica per la poesia di Libero Bovio "Chist e' 'o paese d' 'o sole"

(e quella volta sono stato un vero cinico... mi hanno detto che al termine del bis hanno dovuto passare lo straccio per asciugare le lacrime...)

- Collegiata SS Annunziata, AIROLA, grande organo storico Andrea Bassi da Ravenna (1680)

bis e tris dello stesso concerto (imperniato TUTTO sulla scuola napoletana del '700):

Enrico de Leva: Lirica per la poesia di Salvatore di Giacomo "E' Spingole Francesi"

Eduardo di Capua: Lirica per la poesia di Giovanni Capurro "O sole mio"

(altrettanto cinismo... il pubblico si è proprio spellato le mani e non finiva proprio più)

Posso dimostrare di averla fatta proprio grossa più di una volta: per chi ha dubbi circa l'effetto che questi brani hanno potuto fare sul pubblico... beh li ho tutti registrati, quindi posso tranquillamente dimostrare l'efficacia delle scelte!

IL MASSIMO (ma non era un concerto era una semplice visita privata...):

- Cattedrale di Serravalle, VITTORIO VENETO, organo Ruffatti (1955-1990)

E.A.MARIO (pseudonimo di Giovanni Ermete Gaeta): LA LEGGENDA DEL PIAVE.

poche persone di passaggio in chiesa, uscite dal Museo della Grande Guerra posto giusto di fronte alla chiesa...

PRESUMO gran fatica di straccio per il sacrestano...

:rolleyes_anim:

Così al volo, mi ricordo un concerto che ho fatto con la tromba; come bis, "per un pugno di dollari" di E.Morricone.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Così al volo, mi ricordo un concerto che ho fatto con la tromba; come bis, "per un pugno di dollari" di E.Morricone.

ho sempre sognato di poterlo fare, :rolleyes_anim:

ma non mi è mai capitato di suonare con solisti di tromba né di altri ottoni... :annoyed_kid:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Beh,io (rimanendo in tema Morricone) 12 anni fa a grande richiesta ho dovuto suonare Gabriel's oboe.

Non ero molto convinto della scelta, ma per poter suonare un organo in luoghi in cui il monopolio di finto-organisti (terrorizzati che vai li per fregare il loro posto è più presente che in altri), si fa questo e forse anche altro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Alcune cose che mi è capitato di sentire:

Venaria Reale (TO), chiesa San Francesco d'Assisi, organo Tamburini:

- Fuga super "Fate furb" (che in piemontese significa "Fatti furbo") di Guido Donati, organista Guido Donati

In realtà tutto il concerto è stato abbastanza fuori dal comune, visto che si trattava di un omaggio allo stesso Donati. Infatti il programma prevedeva soltanto opere composte da egli stesso.

Bordighera (IM), Cappella del Seminario, organo Inzoli - Vegezzi-Bossi - Giacobazzi:

- Sigla da "La Signora in giallo", organista Stefano Pellini

- Sigla di inizio de "2001 - Odissea nello spazio" organista Luca di Donato (con tanto di luci psichedeliche...)

- Improvvisazione su "La leggenda del Piave", organista Luca di Donato

Caraglio (CN), chiesa parrocchiale di S. Maria Assunta, organo di inizio novecento (forse Vegezzi Bossi, ma non ne son sicuro)

- "Gabriel's Oboe", organista Maurizio Mancino, oboista Marino Bedetti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Alcune cose che mi è capitato di sentire:

Venaria Reale (TO), chiesa San Francesco d'Assisi, organo Tamburini:

- Fuga super "Fate furb" (che in piemontese significa "Fatti furbo") di Guido Donati, organista Guido Donati

In realtà tutto il concerto è stato abbastanza fuori dal comune, visto che si trattava di un omaggio allo stesso Donati. Infatti il programma prevedeva soltanto opere composte da egli stesso.

Bordighera (IM), Cappella del Seminario, organo Inzoli - Vegezzi-Bossi - Giacobazzi:

- Sigla da "La Signora in giallo", organista Stefano Pellini

- Sigla di inizio de "2001 - Odissea nello spazio" organista Luca di Donato (con tanto di luci psichedeliche...)

- Improvvisazione su "La leggenda del Piave", organista Luca di Donato

Caraglio (CN), chiesa parrocchiale di S. Maria Assunta, organo di inizio novecento (forse Vegezzi Bossi, ma non ne son sicuro)

- "Gabriel's Oboe", organista Maurizio Mancino, oboista Marino Bedetti

Bè, se l'organista è fuori dal comune......!

Posso garantirtelo perchè sono stato suo allievo per un pò di tempo............Non ho mai visto uno incaz....i così quando non si studiava!

Conosco anche Maurizio Mancino; bravo organista e simpaticissimo personaggio; penso che da lui ci si può aspettare cose anche molto più "singolari" di Gabriel's Oboe!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
... Guido Donati ...

... Stefano Pellini

... Luca di Donato ...

Bè, se l'organista è fuori dal comune......!

Posso garantirtelo perchè sono stato suo allievo per un pò di tempo............Non ho mai visto uno incaz....i così quando non si studiava!

Conosco anche Maurizio Mancino; bravo organista e simpaticissimo personaggio; penso che da lui ci si può aspettare cose anche molto più "singolari" di Gabriel's Oboe!

Escluso Maurizio Mancino perché l'hai messo dopo un eloquente "anche", di chi sei stato allievo? Avendo conosciuto di Donato, ed escludendo Pellini che se non ricordo male è tridentino, dovrei pensare che hai studiato con Donati... :scratch_one-s_head:

- Sigla di inizio de "2001 - Odissea nello spazio" organista Luca di Donato (con tanto di luci psichedeliche...)
Il film non si apriva con "Così parlò Zarathustra" di R. Strauss e poi non proseguiva con "Il bel Danubio Blu" di J. Strauss jr.?

- Improvvisazione su "La leggenda del Piave", organista Luca di Donato
Sentita in internet. Non mi è piaciuta. Per un solo motivo (non da poco, però) perché di Donato gli ha levato la vera forza (tipica di tutte le composizioni di E.A.Mario), cioè la MELODIA pura e semplice MELODIA. Basta quella.

Comunque, di Donato è un po' un abbonato a "farla grossa" in concerto e su youtube! E, come avevo osservato tempo fa, con l'organo Giacobazzi ha trovato veramente lo strumento ideale per le sue pur sempre fantasiose elaborazioni!

"Gabriel's Oboe", organista Maurizio Mancino, oboista Marino Bedetti
Scusate il dubbio: ma è la musica che di Morricone che si sente in "Mission"?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Escluso Maurizio Mancino perché l'hai messo dopo un eloquente "anche", di chi sei stato allievo? Avendo conosciuto di Donato, ed escludendo Pellini che se non ricordo male è tridentino, dovrei pensare che hai studiato con Donati... :scratch_one-s_head:

Il film non si apriva con "Così parlò Zarathustra" di R. Strauss e poi non proseguiva con "Il bel Danubio Blu" di J. Strauss jr.?

Sentita in internet. Non mi è piaciuta. Per un solo motivo (non da poco, però) perché di Donato gli ha levato la vera forza (tipica di tutte le composizioni di E.A.Mario), cioè la MELODIA pura e semplice MELODIA. Basta quella.

Comunque, di Donato è un po' un abbonato a "farla grossa" in concerto e su youtube! E, come avevo osservato tempo fa, con l'organo Giacobazzi ha trovato veramente lo strumento ideale per le sue pur sempre fantasiose elaborazioni!

Scusate il dubbio: ma è la musica che di Morricone che si sente in "Mission"?

Si, ho studiato con Donati.

Come dici tu il film "2001 odissea nello spazio" si apre con la musica di Strauss; accompagna la famosa scena con le scimmie.......A pensarci bene non è poi tanto fuori repertorio visto che anche nell'originale per orchestra c'è l'organo che riempie...........

Gabriel's oboe è uno dei brani più famosi di Morricone e fa parte della colonna sonora del film "The Mission" con De Niro;

a mio avviso una delle più belle colonne sonore scritte da Morricone (tutti i brani contenuti in essa sono capolavori).

Lo stesso Compositore non ha mai nascosto le sue preferenze per questi brani.

Unica nota stonata, all'epoca, non vinse l'Oscar......nessuno, neanche gli americani, ha mai capito il perchè.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Si, ho studiato con Donati.

Come dici tu il film "2001 odissea nello spazio" si apre con la musica di Strauss; accompagna la famosa scena con le scimmie.......A pensarci bene non è poi tanto fuori repertorio visto che anche nell'originale per orchestra c'è l'organo che riempie...........

Gabriel's oboe è uno dei brani più famosi di Morricone e fa parte della colonna sonora del film "The Mission" con De Niro;

a mio avviso una delle più belle colonne sonore scritte da Morricone (tutti i brani contenuti in essa sono capolavori).

Lo stesso Compositore non ha mai nascosto le sue preferenze per questi brani.

Unica nota stonata, all'epoca, non vinse l'Oscar......nessuno, neanche gli americani, ha mai capito il perchè.

Ecco i Premi Oscar del 1986:

Platoon (Miglior film)

Oliver Stone (Miglior regia per Platoon)

Paul Newman (Miglior attore per Il colore dei soldi)

Marlee Matlin (Miglior attrice per Figli di un Dio minore)

Michael Caine (Miglior attore non protagonista per Hannah e le sue sorelle)

Dianne Wiest (Miglior attrice non protagonista per Hannah e le sue sorelle)

Woody Allen (Miglior sceneggiatura originale per Hannah e le sue sorelle)

Ruth Prawer Ihabvala (Miglior sceneggiatura non originale per Camera con vista)

Chris Menges (Miglior fotografia per Mission)

Herbie Hancock (Miglior colonna sonora per A mezzanotte circa)

Giorgio Moroder (Miglior canzone per Top Gun)

Tom Whitlock (Miglior canzone per Top Gun)

Brian Ackland Snow (Miglior scenografia per Camera con vista)

Gianni Quaranta (Miglior scenografia per Camera con vista)

Brian Savegar (Miglior scenografia per Camera con vista)

Elio Altamura (Miglior scenografia per Camera con vista)

Jenny Beavan (Migliori costumi per Camera con vista)

John Bright (Migliori costumi per Camera con vista)

Claire Simpson (Miglior montaggio per Platoon)

Bud Grenzbach (Miglior suono per Platoon)

John K. Wilkinson (Miglior suono per Platoon)

Simon Kaye (Miglior suono per Platoon)

Richard Rogers (Miglior suono per Platoon)

Chris Walas (Miglior trucco per La mosca)

Stephen Dupuis (Miglior trucco per La mosca)

Stan Winston (Migliori effetti speciali visivi per Aliens - Scontro finale)

Robert Skotak (Migliori effetti speciali visivi per Aliens - Scontro finale)

Suzanne Benson (Migliori effetti speciali visivi per Aliens - Scontro finale)

John Richardson (Migliori effetti speciali visivi per Aliens - Scontro finale)

Don Sharpe (Migliori effetti speciali sonori per Aliens - Scontro finale)

Fons Rademakers (Miglior film straniero per L' Assalto)

Steven Spielberg (Irving Thalberg Memorial )

A quanto pare Mission ne ha vinto uno solo nemmeno troppo significativo e i premi musicali sono andati ad altri compositori. Effettivamente il tema di Giorgio Moroder per "Top Gun" (uno dei film più ripugnanti che siano mai stati fatti) è rimasto impresso nell'immaginario collettivo più di quello di Morricone per Mission...

Quanto al film "A mezzanotte circa", di Bernard Tavernier, beh... io non l'ho visto e -parola- nemmeno mi ricordavo che esistesse...

TORNIAMO IN TOPIC:

ieri mattina, FERRAGOSTO, con una temperatura e un'umidità mostruose, in una basilica romana vicino casa mi sono levato un gran sassolino dalla scarpa e ho suonato una buona trascrizione per organo (reperibile in IMSLP) del "MATTINO" di Peer Gynt composto da Edvard GRIEG! Turisti inchiodati alle sedie, e quelli che stavano fuori dalla chiesa e non entravano per motivi climatici, si sono precipitati dentro ad ascoltare...

:rolleyes_anim:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

pure io mi diletto qualche volta con le fantasie....recentemente ho studiato:

1-He' a pirate, sigla del film "la maledizione della prima luna", non ricordo il trascrittore;

2-Marcia Reale di Casa Savoja, un successo incredibile, la gente la ha apprezzata moltissimo quando la suonai dopo una messa.

3-The enternteiner (spero sia scritto giusto) di Joplin trascritta da Sandro Carnelos (un mito, ditemi che ne pensate se lo conoscete)

4-The washington post march di Sousa, (grazie al nostro Super-Mod Antiphonal....)

che ne dite? :rolleyes:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
pure io mi diletto qualche volta con le fantasie....recentemente ho studiato:

1-He' a pirate, sigla del film "la maledizione della prima luna", non ricordo il trascrittore;

2-Marcia Reale di Casa Savoja, un successo incredibile, la gente la ha apprezzata moltissimo quando la suonai dopo una messa.

3-The enternteiner (spero sia scritto giusto) di Joplin trascritta da Sandro Carnelos (un mito, ditemi che ne pensate se lo conoscete)

4-The washington post march di Sousa, (grazie al nostro Super-Mod Antiphonal....)

che ne dite? :rolleyes:

Ma hanno pure una marcia reale quelli?.......O Signur...!

Chi l'ha scritta?

"The Entertrainer" fa parte della colonna sonora del film "La stangata" ed è uno dei brani più famosi del grande S.Joplin, inventore del "Ragtime"; Di questi brani si sentono spesso esecuzioni di trascrizioni varie, molte anche "facilitate".

Non è facile trovare le versioni originali.

Piace molto anche a me suonare il ragtime, ma al pianoforte, dove risulta assai tosto; all'organo non ho mai provato.

Sandro Carnelos non lo conosco.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ma hanno pure una marcia reale quelli?.......O Signur...!

Chi l'ha scritta?

"The Entertrainer" fa parte della colonna sonora del film "La stangata" ed è uno dei brani più famosi del grande S.Joplin, inventore del "Ragtime"; Di questi brani si sentono spesso esecuzioni di trascrizioni varie, molte anche "facilitate".

Non è facile trovare le versioni originali.

Piace molto anche a me suonare il ragtime, ma al pianoforte, dove risulta assai tosto; all'organo non ho mai provato.

Sandro Carnelos non lo conosco.

Come "hanno pure una marcia"!!!! è stato l' Inno ufficiale del Regno d' Italia dal 1861 fino all' invasione dei mangia-hamburgers, è molto bella eh,

eccola qua.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
pure io mi diletto qualche volta con le fantasie....recentemente ho studiato:

1-He' a pirate, sigla del film "la maledizione della prima luna", non ricordo il trascrittore;

2-Marcia Reale di Casa Savoja, un successo incredibile, la gente la ha apprezzata moltissimo quando la suonai dopo una messa.

3-The enternteiner (spero sia scritto giusto) di Joplin trascritta da Sandro Carnelos (un mito, ditemi che ne pensate se lo conoscete)

4-The washington post march di Sousa, (grazie al nostro Super-Mod Antiphonal....)

che ne dite? :rolleyes:

La Fanfara del Re di Sardegna, poi divenuta "Marcia Reale" e quindi Inno del Regno d'Italia, fu composta da Giuseppe GABETTI nel 1831. Il testo inizia con "viva il Re, viva il Re, viva il Re" ecc.

Ecco il sito che ne parla e dove è scaricabile lo spartito:

http://www.radiomarconi.com/marconi/marcia/index.html

Direi che quando si fanno queste cose in concerto, occorre sempre darsi una bell'aria di serietà e citare bene anche gli Autori. Voi non sapete quanto ho ESECRATO un coro che ha spacciato come "popolare" e quindi anonima la Lirica "Io te voglio bene assaje"

MA COME: il testo è di Raffaele Sacco e la musica -anche se fu comprata dal Sacco e spacciata per sua- è con ogni probabilità di GAETANO DONIZETTI, altro che "popolare"!

Restando in tema, una volta a Gaeta -conoscendo la presenza di alcuni rappresentanti del Movimento Tradizionalista (=neo-borbonici)- ho aperto un concerto, ripreso anche dalla TV locale, con l'inno del Re di Napoli composto da Giovanni Paisiello nel 1781.

Di esso si conosce solo la melodia mentre le parole sono state disperse dopo il 1861 (damnatio memoriae), comunque la mia trascrizione per organo l'avevo caricata in IMSLP prima della chiusura del sito, ma dopo la riapertura risulta tuttora bloccata. Chi la volesse, fosse solo per interesse storico, non ha che da farmi un MP!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

E anche John Philipp Sousa merita non poca attenzione!

In un CD inciso dalla Banda dei Marines tutto dedicato a Sousa c'è anche un suo Valzer, un po' straussiano (e vabbe') ma molto carino!

Ma siccome io sono nazionalista, non vedo l'ora di poter suonare un qualcosa del nostro grande compositore per banda Giovanni Orsomando: premi e cotillon a chi mi dovesse dare qualche buona notizia via MP su qualche suo spartito... magari Cuore Abruzzese o Gaia...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Caro Anti, io conosco benissimo quei pezzi, Orsomando, Abbate, Marchesiello sono autori che amo, così come amo le loro marce sinfoniche. Vedrò cosa posso fare in proposito.

Ah, dimenticavo: Da poco mi sto dilettando a trascrivere in stile ottocentesco italiano una bella Marcia Militare di Fernando Francia che si chiama "Paperina".

STUPENDAAAAAA!!!!!!!spero che venga un lavoretto decente... :P

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Caro Anti, io conosco benissimo quei pezzi, Orsomando, Abbate, Marchesiello sono autori che amo, così come amo le loro marce sinfoniche. Vedrò cosa posso fare in proposito.

Ah, dimenticavo: Da poco mi sto dilettando a trascrivere in stile ottocentesco italiano una bella Marcia Militare di Fernando Francia che si chiama "Paperina".

STUPENDAAAAAA!!!!!!!spero che venga un lavoretto decente... :P

Sicuramente sono tutti interessanti, ma io sono un patito di Orsomando...

se poi ti capita una marcia sinfonica di Giovanni Astarita [detto Nino] MISASI... beh allora fammi un fischio immediato!!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

trascritta da Sandro Carnelos (un mito, ditemi che ne pensate se lo conoscete)

E' stato mio professore alle medie..... un Mito..... è dire poco..... se tutti i professori di musica fossero come lui....

E' stato lui una di quelle persone che più mi ha avviciato all'organo...... lui...la sua Aula Sacra tapezzata di Colossi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Una trasgressione al repertorio abbastanza grossa l'ho commessa lo scorso anno, domenica 13 dicembre 2009. Ho suonato alla Messa delle 9.30 della chiesa delle Suore (grosso organo Tamburini 1932, molto ben tenuto) e -a fine messa- invece di eseguire una toccata o una improvvisazione o qualcosa di "normale", ho eseguito la melodia di Theodore COTTRAU "Santa Lucia" (proprio quella notissima canzone i cui versi, scritti dallo stesso Cottrau, recitano "Sul mare luccica l'astro d'argento" ecc.ecc.).

D'altronde, il 13 dicembre si festegga Santa Lucia (ineccepibile). La Suora/sacrestana/organista ha prima fatto la faccia stupita, poi ha confessato che le aveva fatto molto piacere sentire quella melodia perché lei, prima di entrare in convento e cambiare il nome (come fanno quasi tutte le religiose), si chiama[va] appunto LUCIA!!!

:D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Una trasgressione al repertorio abbastanza grossa l'ho commessa lo scorso anno, domenica 13 dicembre 2009. Ho suonato alla Messa delle 9.30 della chiesa delle Suore (grosso organo Tamburini 1932, molto ben tenuto) e -a fine messa- invece di eseguire una toccata o una improvvisazione o qualcosa di "normale", ho eseguito la melodia di Theodore COTTRAU "Santa Lucia" (proprio quella notissima canzone i cui versi, scritti dallo stesso Cottrau, recitano "Sul mare luccica l'astro d'argento" ecc.ecc.).

D'altronde, il 13 dicembre si festegga Santa Lucia (ineccepibile). La Suora/sacrestana/organista ha prima fatto la faccia stupita, poi ha confessato che le aveva fatto molto piacere sentire quella melodia perché lei, prima di entrare in convento e cambiare il nome (come fanno quasi tutte le religiose), si chiama[va] appunto LUCIA!!!

:D

Non so se è una trasgressione al repertorio.....

"Horizons", nota musica di Steve Hackett (con reminescenze di Bach...), chitarra solista dei "Genesis", nella

versione per organo solo di Marco Lo Muscio :laughingsmiley:

[media]http://www.youtube.com/watch?v=BM62JARXQIw

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

io durante un matrimonio di un parente ho suonato i primi due preludi del Clavicembalo Ben Temperato di Bach... :to_pick_ones_nose2:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

A me hanno chiesto verso marzo di suonare "il carrozzone" ad un funerale, una volta, ma io ed il parroco abbiamo evitato quest' intervento....dicevano che era la canzone preferita del defunto....

mah....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

in effetti "il carrozzone" era anche (ai tempi in cui tutto era trainato da cavalli) il carro funebre nero con lanterne dorate

:scratch_one-s_head:

hearse_horiz.jpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

intanto sto aspettando di ritornare a suonare l'organo Mascioni (progettato da Fernando Germani) di Santa Chiara a Napoli e suonare "munaster' 'e santa Chiara" di Galdieri-Barberis

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×