Vai al contenuto
Bernardo

Impianti audio per ascoltare la musica classica

Recommended Posts

sì appunto, penso si chiamino dipoli (dipole in inglese). Mi piacerebbe provarli un giorno. Ma anche se c'avessi i denari non c'ho lo spazio né la libertà di farli suonare a dovere :(

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Premetto che ho lavorato in un "atelier del suono" (negozio di hi-fi non rende l'idea) per diverso tempo. Ho avuto modo quindi di conoscere distributori e progettisti oltre, ovviamente, di avere l'opportunità di ascoltare "macchine da musica" di tutti i prezzi e tipologie. Il mio impianto si è affinato col tempo e proprio grazie alle conoscenze fatte ho potuto acquistare componenti che altrimenti non mi sarei mai potuto permettere. Aggiungo che a casa mia la musica liquida è bandita. Ascolto ancora CD/SACD e LP.

Partiamo con i cavi: Mit (alimentazione e digitale), Audioquest (segnale), Cello (segnale), Woodson (alimentazione, artigianali e STRAORDINARI), XLO (potenza). Tutti top di gamma.

Amplificazione Praecisa Acustics, una ditta italiana ahimè non più sulla piazza, che sebbene in patria non fosse molto conosciuta (ma dai!) all'estero godeva di ottima reputazione, tanto che uno dei massimi progettisti-divulgatori francesi, il grande Jean Hiraga, li ha inseriti tra i migliori ampli a stato solido del mondo anche in virtù del loro suono mai freddo o eccessivamente analitico (insomma un perfetto compromesso musicale tra le qualità dei mosfet e delle valvole) arrivando a paragonarli ai mitici Spectral. L'amplificazione è suddivisa in cinque telai: preamplificatore con alimentatore separato, pre-phono con alimentatore separato, finale di potenza stereo 200 + 200 W su 8 ohm.

Step-up (trasformatore fono) Ortofon Verto.

Lettore digitale composto da meccanica con sistema VRDS + convertitore D/A Cello (utilizzato in diversi studi di registrazione).

Due giradischi:

-un Thorens 124/II completamente restaurato e "abartizzato" (appesantita la base con inserti interni in piombo e marmo all'esterno, braccio ricablato Van den Hul con sostituzione  attacco EIA etc)

Sistema di lettura analogico "Copernico", autocostruito. Piatto totalmente flottante in aria (costituito da nove materiali diversi e del peso di oltre 20 kg) grazie ad una pompa insonorizzata che garantisce la totale assenza di attrito tra perno (diametro 40 mm) e bussola di alloggiamento. Telaio rigido in legno, pietra e marmo: peso 55 kg circa, suddiviso in più ripiani separati tramite o-ring e grafite . Motore CC separato con chassis in acciaio e materiale inerte, peso 10 kg circa, alimentazione separata. Braccio da circa 14" - 35 cm ad altissima rigidità che tramite l'utilizzo di cuscinetti e fasce elastiche posteriori che agiscono come un bilanciamento dinamico, contrappesi multipli, e una vaschetta contenente fluido viscoso riduce i disturbi subsonici derivanti dall'accoppiamento fonorivelatore- braccio. Cuscinetti per il movimento orizzontale multipli inseriti in una calotta in fibra di carbonio tornita dal pieno. Antiskating a filo regolabile. Prevista (ma non inserita per motivi di spazio) base sismica da 250 kg composta da tavole di legno multistrato che si intervallano a piastre in plexiglass (15 di legno spessore 5 cm ognuna, 14 in plexiglass spessore 1 cm) sulle quali poggia una lastra di marmo spessa dai 5 ai 7 cm. (se anche avessi trovato il posto dove collocarla mi avrebbe fatto crollare il pavimento... 1f642.png:)) ) Mi ci sono voluti 7 anni per renderlo SEMPRE affidabile e performante... questa è la prima e ultima volta che faccio una cosa del genere!!!

-Ulteriore preamplificatore McIntosh C39 anch'esso collegato al finale Praecisa al quale sono collegati PC, lettore DVD, registratore a cassette Teac V-1050 e "dulcis in fundo" il amatissimo organo elettronico.

Testine (o fonorivelatori che dir si voglia):

21 in totale tra cui 3 MM (Shure V15, Stanton 881, Grace F 14), 1 ferro-mobile (Grado Gold), 2 MC alta uscita (Satin M18 E, SumikoBlue point spec. Evo III). Le restanti sono tutte MC a bassa uscita, alcune storiche (Supex 900, Fidelity Research MC 201, Grace F 10 P etc.) e altre tutt'ora in commercio, Shelter 901, Dynavector Karat, Van den Hul Grasshopper, Lyra Titan, ZYX, fino ad arrivare alla sublime Cello (mai, che io sappia, importata in Italia). Sono tutte montate su un loro shell nella migliore posizione possibile (dimatura e VTA) così per cambiare testina basta scambiarle sui bracci e impostare il peso di lettura adeguato.

Per quanto riguarda i diffusori (o sistemi di altoparlanti... ma, per favore, non chiamamole "casse"...) ne ho progettati diversi negli anni per amici e conoscenti (senza guadarci praticamente un soldo) ma mi sono fatto le ossa, così, alla fine, ho costruito i miei. Non ho seguito progetti preesistenti ma con una chiara idea del suono che volevo ottenere ho scelto gli altoparlanti (i migliori che allora, era il 2001, si potessero comprare) il tipo di carico per il woofer (cassa chiusa-baffle infinito) e circuito di crossover. Si tratta di un diffusore a tre vie suddiviso in tre cabinet (uno per via), con, in aggiunta, un full-range posteriore che emette in controfase (stile dipolo, per avere una maggiore "ariosità"). Tanto per darvi un'idea ogni diffusore pesa circa 150 Kg.

Infine possiedo delle cuffie L'Ergò con pannelli elettrostatici dotati del famoso "Heil air motion trasformer" ossia del motore di Heil che consente un rapporto di trasformazione movimento-membrana/movimento-aria pari a 1 a 5, ossia il movimento della dell'aria è 5 volte superiore al movimento della membrana. Questo significa che oltre ai pro che possiedono le elettrostatiche si eliminano i contro (come gamma bassa lenta e "impastata"). Alimentatore separato necessario.

Scusate per la tirata, ma come potete vedere non è un impianto facile da descrivere.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

qual è la caratteristica delle elettrostatiche? Esteticamente sembrano tutte uguali (ed ugualmente orrende).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×