Vai al contenuto
beethoven125

Rachmaninoff: 2° o 3° Concerto?

Quale vi piace di più?  

36 voti

  1. 1.

    • 2° Concero in Do minore
      19
    • 3° Concerto in Re minore
      17


Recommended Posts

Guest sPaCeMaN

ho votato il no.3, il secondo è troppo wub&love per i miei gusti (ma anche se non lo fosse voterei il 3 perchè mi è sempre piaciuto molto)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Non saprei proprio quale scegliere.

Diciamo che come "monumentalità" (eieste questa parola? :ph34r: ) dell'opera sicuramente il 3°, ma per motivi affettivi* voterò il secondo :o

* è stato il primo concerto per pianoforte e orchestra mai ascoltato -_-

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Non saprei proprio quale scegliere.

Diciamo che come "monumentalità" (eieste questa parola? :ph34r: ) dell'opera sicuramente il 3°, ma per motivi affettivi* voterò il secondo :o

* è stato il primo concerto per pianoforte e orchestra mai ascoltato -_-

Si mirou, esiste :thumbsup_still: ...ero molto indeciso su quale votare comunque ho scelto il 2°...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io ho votato il numero 3, è tra le primissime opere di rachmaninov che ho ascoltato (nella magnifica esecuzione di Zoltan Kocsis) e già al primo ascolto rimasi letteralmente folgorato, lo ascoltavo in continuazione :wub:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest volodya

è molto difficile scegliere, ma alla fine ho votato il terzo, anche perchè è il concerto di Horowitz... :P

comunque li amo tutti e 2 indistintamente! :)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La cadenza del terzo batte tutti gli altri, ma nel complesso non mi sembra il migliore di Rachmaninov.

vhchangex.gif

Qualcuno di voi l'ha mai studiata o provato a suonarla?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io ho scelto il secondo :wub_anim: : è il primo che ho ascoltato di Rachmaninov.

Il terzo non mi è piaciuto al primo ascolto, ma poi mi è piaciuto. :speak_cool:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest sPaCeMaN
La cadenza del terzo batte tutti gli altri, ma nel complesso non mi sembra il migliore di Rachmaninov.

vhchangex.gif

Qualcuno di voi l'ha mai studiata o provato a suonarla?

Si, io l'ho letta. Ad essere sincero me l'aspettavo molto più difficile: non è facile di certo, ma è un grande vantaggio il fatto che non vi siano dissonanze imprevedibili (com'è ad esempio in quell'assurda cadenza del secondo di Prokofiev), per cui si capisce in fretta dove devono andare le mani, nonostante la grande mole di note scoraggi parecchio!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho scelto il secondo, che credo sia il piu' bello dei quattro. Il terzo ha avuto un periodo di grande notorieta' grazie ad un film, ma non credo che sia meglio del secondo.

Comunque, se gli amici pianisti del forum me lo consentono, vorrei lanciare una provocazione e sentire gli altri cosa ne pensano. Non penso certo che Rachmaninov fosse uno scemo (per carita'), ma c'e' qualcosa nei suoi concerti che non mi convince troppo. A parte tutte le considerazioni sullo stile tardoromantico, noto (a mio modestissimo parere) una sproporzione tra i mezzi tecnici usati ed il risultato musicale. Voglio dire: sembra che la sua maggiore preoccupazione fosse sottoporre il pianista a delle difficolta' tecniche pazzesche, forse con lo scopo di fare vedere quanto e' bravo (non dimentichiamo che S.R. era un bravissimo pianista, e che scrisse i concerti per eseguirli lui stesso). Ma lo stesso risultato musicale si poteva ottenere anche senza costringere il pianista ad acrobazie incredibili (andiamo ad ascoltare un musicista o un acrobata?...)

Cosa ne pensate?

Ciao

Gino (Roma)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest sPaCeMaN
Ho scelto il secondo, che credo sia il piu' bello dei quattro. Il terzo ha avuto un periodo di grande notorieta' grazie ad un film, ma non credo che sia meglio del secondo.

Comunque, se gli amici pianisti del forum me lo consentono, vorrei lanciare una provocazione e sentire gli altri cosa ne pensano. Non penso certo che Rachmaninov fosse uno scemo (per carita'), ma c'e' qualcosa nei suoi concerti che non mi convince troppo. A parte tutte le considerazioni sullo stile tardoromantico, noto (a mio modestissimo parere) una sproporzione tra i mezzi tecnici usati ed il risultato musicale. Voglio dire: sembra che la sua maggiore preoccupazione fosse sottoporre il pianista a delle difficolta' tecniche pazzesche, forse con lo scopo di fare vedere quanto e' bravo (non dimentichiamo che S.R. era un bravissimo pianista, e che scrisse i concerti per eseguirli lui stesso). Ma lo stesso risultato musicale si poteva ottenere anche senza costringere il pianista ad acrobazie incredibili (andiamo ad ascoltare un musicista o un acrobata?...)

Cosa ne pensate?

Ciao

Gino (Roma)

Anche io ho un'impressione simile. Ancora devo capire se quel "tutto fumo e poco arrosto" è maggiormente concentrato negli ultimi movimenti dei concerti (escluso il terzo, che mi piace dall'inizio alla fine) e delle sonate, perchè raramente riesco a trovare in essi qualcosa di interessante.

Intanto, ascoltando diversi studi e preludi, ho la sensazione che quell'arrosto sia stato, per lo più, già cotto dai romantici, per cui c'è da confonderlo con un po' di fumo, ma la sostanza cambia ben poco.

Comunque sia, non disprezzo la musica di Rachmaninov, è solo che a volte è troppo scontata e poco originale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Si, io l'ho letta. Ad essere sincero me l'aspettavo molto più difficile: non è facile di certo, ma è un grande vantaggio il fatto che non vi siano dissonanze imprevedibili (com'è ad esempio in quell'assurda cadenza del secondo di Prokofiev), per cui si capisce in fretta dove devono andare le mani, nonostante la grande mole di note scoraggi parecchio!

Concordo. Senza scomodare il secondo concerto di Prokofiev, anche molte pagine lisztiane presentano maggiori difficoltà rispetto alla cadenza di cui sopra. Certo, osservando poi che prima e dopo di essa ci sono altrettanti grappoloni di note a tonnellate, si comprende tutta la difficoltà del terzo di Rachmaninov.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Guest sPaCeMaN
Concordo. Senza scomodare il secondo concerto di Prokofiev, anche molte pagine lisztiane presentano maggiori difficoltà rispetto alla cadenza di cui sopra. Certo, osservando poi che prima e dopo di essa ci sono altrettanti grappoloni di note a tonnellate, si comprende tutta la difficoltà del terzo di Rachmaninov.

Vabbè, io avevo scomodato il secondo di Prokofiev per il semplice fatto che a prima vista la cadenza disorienti completamente. Per il resto non mi piace paragonare la difficoltà dei brani perchè è un discorso poco fattibile!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Vabbè, io avevo scomodato il secondo di Prokofiev per il semplice fatto che a prima vista la cadenza disorienti completamente. Per il resto non mi piace paragonare la difficoltà dei brani perchè è un discorso poco fattibile!

Ho semplicemente ripreso il raffronto del tuo post precedente sulla valutazione "in generale" delle difficoltà della cadenza del terzo concerto di Rachmaninov. Nemmeno a me piace paragonare le difficoltà di brani. Ti dirò di più: nei tanti sondaggi del tipo "E' meglio A, B o C?" al 99% dei casi non ho mai scelto nessuna delle opzioni disponibili.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Si, io l'ho letta. Ad essere sincero me l'aspettavo molto più difficile: non è facile di certo, ma è un grande vantaggio il fatto che non vi siano dissonanze imprevedibili (com'è ad esempio in quell'assurda cadenza del secondo di Prokofiev), per cui si capisce in fretta dove devono andare le mani, nonostante la grande mole di note scoraggi parecchio!

La cadenza ossia del Terzo concerto è veramente sublime, dà una grande soddisfazione suonarla: accordi pesanti che trasmettono molto pathos all'ascoltatore che quasi si scioglie davanti all'imponenza di questa cadenza che io reputo una delle migliori mai scritte.

La cadenza regolare invece è fredda, secondo me sono quasi note "buttate al vento". Non capisco come grandi pianisti come Horowitz e lo stesso Rachmaninov preferirono la cadenza regolare invece di quella Ossia. Altri tempi forse?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
La cadenza ossia del Terzo concerto è veramente sublime, dà una grande soddisfazione suonarla: accordi pesanti che trasmettono molto pathos all'ascoltatore che quasi si scioglie davanti all'imponenza di questa cadenza che io reputo una delle migliori mai scritte.

La cadenza regolare invece è fredda, secondo me sono quasi note "buttate al vento". Non capisco come grandi pianisti come Horowitz e lo stesso Rachmaninov preferirono la cadenza regolare invece di quella Ossia. Altri tempi forse?

Quali sono le registrazioni del Terzo, in cui c'è la cadenza "Ossia"? :scratch_one-s_head:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Quali sono le registrazioni del Terzo, in cui c'è la cadenza "Ossia"? :scratch_one-s_head:

Beh, nella registrazione di Ashkenazy/LSO/Previn puoi ascoltare una delle migliori cadenze "Ossia" secondo me.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Beh, nella registrazione di Ashkenazy/LSO/Previn puoi ascoltare una delle migliori cadenze "Ossia" secondo me.

Grazie, l'avevo e non lo sapevo. :scratch_one-s_head:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

nella partitura viene indicata sopra a quella principale, in formato più piccolo

wattsossia.gif

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.

×