fgpx78

Respirazione circolare

68 risposte in questa discussione

Ciao a tutti,

sto leggiucchiando un pezzo in cui sarebbe auspicabile fare una sezione lunga a piacere con repirazione circolare.

Qualcuno ha conoscenza di questa tecnica? Qualcuno può indicarmi il modo migliore per studiarla?

Posto che in questo momento riesco a fare respirazione circolare, ma non ad applicarla al flauto, in quanto non riesco a mantenere la giusta direzione e grandezza della colonna dìaria, nonchè abbastanza pressione per mantenere il suono indentico.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

sullo scorso numero della rivista della BFS c'era questo interessante articolo

(non ho tempo di correggere gli errori di lettura dell'OCR, né di tradurlo -il che è cmq meglio per tutti :lol:)

Simple circular breathing

By Mike MacMahon

On thè web there are thousands of references to circular breathing. Not ali have to do with thè flute: many are concerned with didgeridoos, oboes, glass-blowing and so on.

A common view is that circular breathing is very difficult to learn. Robert Dick, for example, in his book Circular Breathing for thè Fiutisi (1987), warns that many months (two years even) of intensive practice may be needed before thè technique is acquired. I wish to show, by contrast, that thè basic principles are relatively easy to explain and learn. There is nothing mysterious about circular breathing.

Step 1:

In thè picture on thè next page, which shows a mid-line view of part of thè head, thè most important item as far as circular breathing is concerned is thè soft palate (also called thè velum). When you breathe in through thè nose, thè soft palate is lowered away from thè back wall of thè throat—as shown in thè diagram. (It is also lowered for speech sounds like 'm', 'n' and 'ng'.) When you breathe in only through your mouth, thè soft palate is raised and makes contact with thè back of thè throat. Look in a mirror and see thè different positions of thè soft palate when you make an 'ah' sound (it will be raised), and when you make a French sound like thè nasalized 'ah' in thè first syllable of 'Henri' (it will be lowered). When playing thè flute, you normally keep thè soft palate up, and only lower it to breathe in through thè nose. When circular breathing, thè soft palate has to be lowered. This may sound a difficult change to make. It isn't!

Step 2:

Without thè flute, close your mouth and draw air through thè nose and into thè lungs using your abdominal muscles. Make sure you really use thè abdominals and let thè area around your waist expand; don't just take a cautious breath. Now push thè air out—again through thè nose. Repeat this in and out action a number of times so that you become very aware of a cool patch at thè back of thè throat created by thè incoming air. (Your soft palate will automatically be down ali thè time you are doing this, of course.) You need to use this sensation of a cool patch as a guide when learning to circular-breathe.

b0225sx7.jpg

Step 3:

Return to mouth breathing. Now imagine that you are quietly objecting to some-thing. or expressing dissatisfaction. Make a series of quiei 'tut-tut' sounds with thè tip of thè tongue on or close to thè upper front teeth. To do this, you use an 'air-sucking' mechanism, thè reverse of an 'air-pushing' mechanism in thè mouth (which is actually thè one needed for circular breathing).

Tlie reason for practising thè opposite of what you need for circular breathing is to become aware of how to manoeuvre a pocket of air around thè mouth \vithout thè air making contati with a second stream of air passing ihrough thè uose and throat. Gei used io thè sensations in thè mouth as you tut-tut. You will feci thè tip of thè tongue being pulled back slightly, and, critically, thè back pari of thè tongue moving in a rathcr vaglie way at thè back of thè mouth. (It is moving backwards sliglnly along thè roof of thè mouth, to help to suck thè air into thè mouth at thè front.)

Step 4:

Do lots of tut-tuts, but breathe in through thè nose and deep into thè lungs at thè same time. You are moving two air-streams: one to fili thè lungs, and thè other, quite independently, to create sounds in thè mouth.

Another technique to illustrate this dual action is to take a drink of water into your mouth, and then swill it round your mouth with your lips closed, whilst you breathe in and out through thè nose at thè same time.

Step 5:

Now think about how you probably finish brushing your teeth: you swill water round your mouth without letting it get into your throat, and then squirt it out. It is this squirting mechanism that you use when pushing air into thè flute during circular breathing. Think, too, of how as a child you may have made 'rhubarb' or 'farting' noises by putting your tongue between your teeth and pushing air out of thè mouth. Some sorts of 'rhubarbs' etc. are produced with thè circular breathing mechanism! Another example is removing a spot of food on thè tip of your tongue or on your lip with thè 'squirting' mechanism. In ali of these activities, thè air is pushed out of thè mouth by thè back of thè tongue.

Step 6:

Don't think about breathing in through thè nose. Instead, consciously bunch your tongue at thè back of your mouth, and then, with your lips slightly apart, push thè air, as for squirting water, out of your mouth. It is thè back of thè tongue that is pushing thè air as it moves forward along thè roof of thè mouth.

Air can't drift from thè mouth into thè throat, because part of thè back of thè tongue is in contaci with thè soft palate, and so thè mouth is blocked off from thè throat. At thè same time, thè soft palate, with part of thè back of thè tongue against it, has been lowered away from thè back of thè throat so that you can breathe in and out through thè nose.

Step 7:

Stili without thè flute, do a series of 'squìrting' aìr-pushes with thè lips slightly apart— but then, stili squirting, breathe in through thè nose at thè same time. Remember to feel thè cool patch at thè back of thè throat: this tells you that air is definitely being drawn in through thè nose and is travelling down into thè lungs. You should practise this Step as much as possible, and wherever possible. (Going for a long walk to practise circular breathing seems like a good idea.)

Keep doing a series of 'squirts' as you breathe in through thè nose. The air going via thè nose to thè lungs will be a long continuous stream, and this is why you get time to focus on thè cool patch at thè back of thè throat. The reason you can make more than one 'squirt' without needing to take a normal breath is because thè tongue, when it moves backwards in thè mouth to prepare for thè next 'squirt', draws air into thè mouth. You have now done some circular breathing, but without a flute.

Step 8:

Now try some individuai sounds with either a headjoint, a complete flute, or, better stili if possible. with a piccolo. G in thè third octave on thè flute, or hoitom A on thè piccolo, is a good piace to start. Do three or four short squirts on thè same notu. Use only squirts lo begin with; don't try io breathe in ihrough thè nose at thè same time, and don't try to tongue thè note. Only when you're producing a reasonable set of sounds should you combine thè action of thè pushes with thè aaion of air heing drawn in via thè nose. Don't forget to feel for thè cool pai eh al thè back of thè throat. You will find that your lungs (ìli up as you make thè sounds. Don't overfill, otherwisc you may start to feel groggy.

Now that your lungs have filled up, you can return to 'standard' playing. using air from your lungs and normal tongue-articulaiion with thè flute. Don't introspect about thè change-over from air-pushes in thè mouth to air flow from i he lungs: it will ali happen instinctively and rapidly.

Step 9:

The resi is practice. For example, try a serics of circular-breathed arpeggios un E; major, starting in thè first octave and going up two octaves and then coming down again. Then, without stopping, swiich to air from thè lungs, and repeat thè arpeggios but tongue thè notes this time. Again, without stopping, switch back to circular breaihing (with no tonguing. of course); then back lo normal King air and tonguing; back to circular breathing; and so on. Simple arpeggios of this sort, where you alternate between circular breathing and normal breathing, can !«: recommended.

Next, lengthen each note in thè arpeggios. Then play more than one note (e.g-a minor or major second) on lile same 'squirt'. Try to reduce thè force wiih whk li you squirt thè air, so that thè overall aaion is more degant and gentle. This is tln--way to produce legato sounds when circular breathing. Perhaps cui down, too. on thè amount of air you are taking into thè lungs. Praaise circular breathing whilst sitting as well as standing. Try drcular breathing on an alto or a bass. Yet more' advanced examples. such as those that Robert Dick descrihes, can then be tacklcd.

In summary:

1. When circular breathing, you don't use thè tip or thè back of thè tongue as in single and doublé tonguing. Instead, you simply push thè air forward between ihc lips and imo thè fluic with thè lielp of thè back of thè tongue. With practice, you may find that your cheeks will cxpand lo allow evcn more air to be collected and squirted into i he flute.

2. Circular breathing is for playing a note or notes whilst simultaneously topping up thè air in che lunga. It ìs noi some dever stylistic device.

3. The expression 'circular breathing' is misleadmg. Ali that liappens is that you breathe in tlirough thè uose, as you probably do normali/ any way withom a flute. and pusli a separate stream of air out of thè mondi, not thè lungs, imo thè flute.

4. Heaven forbid that you would want to use a cigarette to practise drcular breathing. but smokers who blow smoke rings use a slow 'push-with-the-tongue* mechanism at thè same time as they shape thè smoke with their lips. (And of course they breathe in thè smoky air aromid them via thè nose.)

5. Expressed in thè terminology of phonctics. circular breathing uses simultaneously thè velaric egres.sive and pulmonic ingressive air-stream mecha-nisms. Pari of thè back of thè tongue creates an air-tight seal against thè underside of thè velimi, and thè velo-pharyngeal port is open to alJow air to flow into thè nasal cavities and thence to thè lungs (using thè pulmonic ingressive mechanism). The back of thè tongue moves forward along thè velum, siifficient to direct thè air forwards and out of thè mouth, hence compressing thè alr-siream. (Clicks. e.g. thè alveolar centrai click, use thè velarle ingressive mechanism, so thè air-strcam i-, rarefied, not compressed.) Only one language in thè world has been known to use thè velarle egres-sive mechanism for phonological purposes, and that is Damin, a near-extinct jAborighul language of northern Australia.

Mike MacMahon is Professor of Phonetics at thè University of Glasgow and principal flute -. of thè Glasgow Symphony Orchestra. He plays a Boehm-system flute (usually wood), but counts himself amongst thè few remaining supporters of thè 1867-system flute.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bene, ora mi è chiaro perchè la resirazione circolare negli staccato dicono sia più semplice.

Mercì...se qualcuno ha altro da aggiungere...io intanto pratico e miglioro ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Bene, ora mi è chiaro perchè la resirazione circolare negli staccato dicono sia più semplice.

Mercì...se qualcuno ha altro da aggiungere...io intanto pratico e miglioro ;)

Bravo, così poi m'insegni :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Bravo, così poi m'insegni :D

Direi: Aspetta e aspetta .

Cmq sia ci sto lavorando su durante i viaggi in metrò...credo che la gente mi pigli per pazzo ma fa niente.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Direi: Aspetta e aspetta .

Cmq sia ci sto lavorando su durante i viaggi in metrò...credo che la gente mi pigli per pazzo ma fa niente.

aspetto pure io.....mi piacerebbe apprenderla ma non so da dove iniziare...

Tempo fa Robert Dick introdusse tra i brani obbligatori ad un concorso un pezzo da eseguirsi esclusivamente con la respirazione circolare. Non so quanti vi abbiano partecipato.

Che crudeltà......mò perché a lui viene bene!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ciao a tutti,

sto leggiucchiando un pezzo in cui sarebbe auspicabile fare una sezione lunga a piacere con repirazione circolare.

Qualcuno ha conoscenza di questa tecnica? Qualcuno può indicarmi il modo migliore per studiarla?

Posto che in questo momento riesco a fare respirazione circolare, ma non ad applicarla al flauto, in quanto non riesco a mantenere la giusta direzione e grandezza della colonna dìaria, nonchè abbastanza pressione per mantenere il suono indentico.

Il mio consiglio e quello di fartelo insegnare da un sassofonista(bravo)....loro la usano spesso.... :beach:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Il mio consiglio e quello di fartelo insegnare da un sassofonista(bravo)....loro la usano spesso.... :beach:

Il problema purtroppo non è "la respirazione circolare" in sè. Suonassi l'oboe, il sassofono o il fagotto la saprei già usare e dovrei "solo" (anche se si parla di mesi) praticarla molto per metterla a posto. Il problema è che nel flauto traverso deve essere applicata in modo completamente diverso rispetto agli altri strumenti, questo perchè noi non soffiamo direttamente nell'imboccatura dello strumento, ma soffiamo "fuori", e parte del fiato va persa.

Abbiamo quindi rispetto agli altri strumenti tre grossi problemi:

1. Mantenere la pressione della colonna d'aria costante durante l'inspirazione (cosa abbastanza facile quando hai un'ancia a farti da "tappo") , e sopratutto non far sentire lo stacco che avviene quando si sposta il palato molle per invertire il flusso d'aria nell'esofago. Per questo viene più facile usarla sulle dinamiche ppp, in quanto il foro molto rpiccolo aiuta a mantenere una alta pressione dell'aria.

2. Mantenere l'impostazione delle labbra corretta, in quanto se durante la respirazione circolare (parlo del legato) è necessario modificare l'interno della bocca per incamerare aria, la colonna d'aria deve rimanere cmq sempre ben direzionata.

3. Il fatto che "sprechiamo" parte dell'aria ci costringe a respirare abbastanza spesso, portandoci in fretta alla tachicardia...cosa che credo passi col tempo e con l'allenamento.

Per quanto riguarda la respirazione circolare "staccata" mi pare di capire il discorso sia completamente diverso.

Cioè, si respira assolutamente normalmente col naso tutto il tempo lavorando con la lingua per incamerare aria durante l'ut e per buttarla fuori durante il tu. Per quanto la cosa sembri facile provandola senza flauto, ancora una volta applicarla allo strumento è difficilissimo (molti più che col legato a mio parere).

Credo che questo tipo di repirazione circolare staccata sia prerogativa del solo flauto, in quanto gli altri strumenti hanno appunto la bocca "chiusa" dallo strumento e non potrebbero incamerare aria durante lo staccato.

Queste sono ovviamente solo mie considerazioni, da profano che sta cercando di impararla da autodidatta (fra l'altro a me serve solo la legata al momento), quindi potrebbero persino essere completamente errate. Ma qualche risultato lo sto ottenendo...quindi condivido!

Edit: Ho giusto appena letto un interessante risposta...dal quale sembra stia adottando la tecnica giusta: http://en.allexperts.com/q/Flute-2059/circular-breathing.htm

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho ordinato il libro di Robert Dick sulla respirazione circolare. Speriamo chiarisca molte cose...in ogni caso il legato inizia a venire :wub:

E l'iperventilazione avanza...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ho ordinato il libro di Robert Dick sulla respirazione circolare. Speriamo chiarisca molte cose...in ogni caso il legato inizia a venire :wub:

E l'iperventilazione avanza...

Beato te. Io per ampliare ulteriormente la mia capacità polmonare sto studiando tutti i soli d'orchestra sotto tempo (vedi Prelude di Debussy). Devo dire che i risultati ci sono. C'è da aggiungere però che ci vuole un controllo assoluto del labbro e non mi dispiacerebbe imparare la respirazione circolare proprio per queste situazioni... (vedi quando poi si dovrà eseguirli in sede di audizione o concorso)

...ma sono una s*ga, quindi... :thumbsdown_anim:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Beato te. Io per ampliare ulteriormente la mia capacità polmonare sto studiando tutti i soli d'orchestra sotto tempo (vedi Prelude di Debussy). Devo dire che i risultati ci sono. C'è da aggiungere però che ci vuole un controllo assoluto del labbro e non mi dispiacerebbe imparare la respirazione circolare proprio per queste situazioni... (vedi quando poi si dovrà eseguirli in sede di audizione o concorso)

Sissì, infatti direi che il problema principale è il labbro. Incamerando aria in bocca gonfiando un po' le guance non puoi tenerlo "teso" cmne con l'impostazione normale (sopratutto ai lati). Questo porta a cambiare continuamente (e inconsapevolmente) la direzione dell'aria...cosicchè anche se soffi nn viene fuori una cippa di nota...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Premesso che ho mal di testa e non ci ho capito granché.. che novità.. :girl_prepare_fish:

Ma link in italiano non ce ne sono mai?? Uff.. <_<

Vediamo se qualcosa ho assimilato..

Dunque, la respirazione circolare serve per non interrompere una frase in modo brusco.. ma

prima di cimentarsi con questa tecnica bisognerebbe avere okay la respirazione normale? :rolleyes:

Esatto?

Poi parla di bicchiere pieno d’acqua, fare bolle.. immagino che il libro sia in inglese.. :P

Copio da Wiki x i posteri:

La tecnica della respirazione circolare o fiato continuo, permette di suonare uno strumento a fiato senza interrompere il flusso d'aria immesso nello stesso. È stata utilizzata, sin dal passato, per suonare strumenti musicali nel ambito della musica etnica; oggi viene utilizzata anche con strumenti moderni, in contesti che vanno dalla musica contemporanea al jazz.

La tecnica consiste nell'utilizzare la bocca come riserva d'aria da utilizzare nel momento in cui si inala l'aria dal naso, contemporaneamente alla scansione ritmica del brano eseguito. Il miglioramento della tecnica permette di evitare di far sentire le interruzioni del ritmo durante l'inalazione dell'aria. Un altro utilizzo consiste nell'inalare inizialmente molta aria, suonare senza respirare come con gli altri strumenti a fiato, ed utilizzare la respirazione circolare soltanto quando si esaurisce l'aria contenuta nei polmoni.

La bocca diventa come la sacca della zampogna o della cornamusa ed in questo modo si riesce a produrre un suono che non si interrompe.

La tecnica della respirazione circolare era od è utilizzata per suonare diversi strumenti etnici:

• Adharc (Irlanda)

• Alghaita (Africa)

• Aulos (Grecia e Roma antica)

• Benas (Sardegna, Italia)

• Ciaramella (Italia)

• Cyla-Diare (Albania)

• Didgeridoo (Australia)

• Dord Ard (Irlanda)

• Dordiseal (Irlanda)

• Dung (Tibet, Armenia)

• Ghaita (Marocco e Algeria)

• Gyaling (Tibet)

• Karakara (Australia)

• Kangling (Tibet)

• Kaval (Bulgaria)

• Launeddas (Sardegna, Italia)

• Narh (India)

• Nadaswaram (India del sud)

• Pungi (India)

• Serunai (Malesia)

• Shanai (India)

• Shawn (Europa del Nord)

• Surnay (Medio Oriente, Africa del Nord e occidentale)

• Ulbura (Australia)

• Zukrah (Libia e Tunisia)

Alcuni strumenti moderni a fiato possono avvalersi di questa stessa tecnica, ed attualmente la utilizzano quando si rende necessaria la ripresa del respiro senza dover interrompere la continuità di una frase musicale (Kynaston, T.P., 1978; Dick, R., 1987; Boubaker, H., 1999).

Il problema riguarda la resistenza dovuta al ritorno della pressione.

La presenza delle ance favorisce il ritorno della pressione e sarà più semplice applicare questa tecnica agli strumenti della famiglia degli oboi che hanno un’ancia doppia. Le difficoltà non aumenteranno di molto con i sassofoni e i clarinetti che hanno un’ancia singola, mentre per gli ottoni ad ancia labiale, più lo strumento è piccolo come la tromba, più sarà agevole rispetto ad esempio alla tuba.

Al contrario con i flauti sia dritti che traversi questa risulterà molto difficile in quanto la stessa imboccatura presenta una resistenza naturale quasi nulla (Dick, R., 1987).

Comunque.. l'importante è non rischiare lo svenimento pur di non troncare bruscamente la frase.. :lol:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Alcuni strumenti moderni a fiato possono avvalersi di questa stessa tecnica, ed attualmente la utilizzano quando si rende necessaria la ripresa del respiro senza dover interrompere la continuità di una frase musicale (Kynaston, T.P., 1978; Dick, R., 1987; Boubaker, H., 1999).

Il problema riguarda la resistenza dovuta al ritorno della pressione.

La presenza delle ance favorisce il ritorno della pressione e sarà più semplice applicare questa tecnica agli strumenti della famiglia degli oboi che hanno un’ancia doppia. Le difficoltà non aumenteranno di molto con i sassofoni e i clarinetti che hanno un’ancia singola, mentre per gli ottoni ad ancia labiale, più lo strumento è piccolo come la tromba, più sarà agevole rispetto ad esempio alla tuba.

Al contrario con i flauti sia dritti che traversi questa risulterà molto difficile in quanto la stessa imboccatura presenta una resistenza naturale quasi nulla (Dick, R., 1987).

Comunque.. l'importante è non rischiare lo svenimento pur di non troncare bruscamente la frase.. :lol:

Esattamente, il problema di noi flautisti è proprio la pressione. E il non morire iperventilati.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Esattamente, il problema di noi flautisti è proprio la pressione. E il non morire iperventilati.

Appunto. Ma devo dire che mi sto mangiando le mani di non saperla usare...

...solo che se devo passare 4 mesi a studiare la respirazione circolare faccio prima a ottimizzare l'uso dell'ara...ci metto sicuramente meno tempo... :shiftyeyes_anim:

PS: la storia della volpe e l'uva, ve la ricordate? :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Appunto. Ma devo dire che mi sto mangiando le mani di non saperla usare...

...solo che se devo passare 4 mesi a studiare la respirazione circolare faccio prima a ottimizzare l'uso dell'ara...ci metto sicuramente meno tempo... :shiftyeyes_anim:

PS: la storia della volpe e l'uva, ve la ricordate? :D

:lol:

Ieri ho scoperto quanto sia difficile usarla mentre fai passaggi complicati. E' che al momento non mi viene naturale, e dovendo pensare sia alle dita che al respiro contemporaneamente mi manda in bamba!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
...solo che se devo passare 4 mesi a studiare la respirazione circolare faccio prima a ottimizzare l'uso dell'ara...ci metto sicuramente meno tempo... :shiftyeyes_anim:

...e che saranno mai 4 mesi su una tecnica? :sarcastic_hand:

la tecnica... non si studia ogni giorno? :devlish_kid:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
...e che saranno mai 4 mesi su una tecnica? :sarcastic_hand:

la tecnica... non si studia ogni giorno? :devlish_kid:

Sissi, certo. Peccato che se passo 4 mesi su quella dopo non sappia più emettere un suono che si possa definire tale ;)

Mi arrangio così, grazie Flutex... :dirol:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Sissi, certo. Peccato che se passo 4 mesi su quella dopo non sappia più emettere un suono che si possa definire tale ;)

Mi arrangio così, grazie Flutex... :dirol:

Dai Guavaira... non volevo essere sarcastico nei tuoi confronti. Scusami, in effetti il messaggio era poco argomentato :to_pick_ones_nose2: .

Volevo solo dire che se un/una flautista vuole cimentarsi con questa tecnica la può affrontare con uno studio serio anche diluito nel tempo... così come si affrontano gli altri "problemi" o difficoltà tecniche. Certamente NON buttandosi sullo studio della Respirazione Circolare in maniera totalizzante.

Infatti i 4 mesi di cui parlavi tu non sono certo il miglior modo per affrontare questa tecnica :happystrange: .

Ci sono tanti esercizi preliminari che fanno arrivare all'utilizzo finale e perfetto in concerto della suddetta tecnica.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ciao a tutti,

sto leggiucchiando un pezzo in cui sarebbe auspicabile fare una sezione lunga a piacere con repirazione circolare.

Qualcuno ha conoscenza di questa tecnica? Qualcuno può indicarmi il modo migliore per studiarla?

Posto che in questo momento riesco a fare respirazione circolare, ma non ad applicarla al flauto, in quanto non riesco a mantenere la giusta direzione e grandezza della colonna dìaria, nonchè abbastanza pressione per mantenere il suono indentico.

Ciao fgpx78, io conosco ed utilizzo questa tecnica anche col flauto traverso oltrechè con tanti altri fiati. :download:

Ogni strumento a fiato ha le sue difficoltà più o meno complesse date principalmente dalle diversità dei muscoli che entrano in gioco riferendoci all'emmissione del fiato e alla modalità di messa in vibrazione dell'aria per ottenere il suono.

Non entrando nello specifico di ogni strumenti a fiato, ti dico che gli strumenti ad ancia sono un pò agevolati, come gli ottoni, mentre nel flauto traverso (sul flauto diritto l'applicazione della respirazione circolare è estremamente più semplice) risulta essere una tecnica complessa, ma assolutamente non impossibile.

L'approccio a questa tecnica col flauto traverso, parte naturalmente dalla comprensione nei suoi elementi basilari e dalla pratica SENZA strumento (e qui il famoso esercizio con la cannuccia ed il bicchiere d'acqua da far ribollire in maniera continua usato nella didattica delle launeddas [suono anche questo strumento ;) ] è un modo per la comprensione e la messa in pratica ad un livello elementare), ma questo NON vuol dire saperla utilizzare. Questo è solo l'inizio. Ma tu vuoi applicarla subito al flauto traverso... e questo... è impossibile.

Dovresti fare esercizi, di rilassamento, di respirazione, di contenimento della fuoriuscita (eccessiva) d'aria, prendere coscenza del lavoro attuato dalla lingua (si muoverà come un pistone) e dalla mandibola, dalla gola, dalle guance, dal palato, dalla regione dei seni nasali, da tutti i muscoli impiegati nella respirazione, insomma... il cammino è lungo...

...e a distanza capirai quanto possa essere difficile darti delle indicazioni... in quanto non ho il feedback necessario.

Comunque mi piacerebbe saper qual'è il pezzo su cui stai cercando di applicare questa tecnica... poi se potrò darti qualche consiglio lo farò volentieri.

Buono studio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Allora, il pezzo è Ian Clarke - The Great Train Race.

L'esercizio con la cannuccia, ed esercizi simili, l'ho fatto e rifatto ma non ho particolari problemi a mantenere il flusso d'aria in uscita continuo. I problemi sono nell'impostazione delle labbra: non perdere la direzione della colonna d'aria in modo da continuare ad emettere suono! Il pezzo in question ha il vantaggio di avere la resp. circolare su una nota semplice (re alto) e sopratutto pp, questo mi porta molti vantagig in quanto il foro piccolo aumenta di molto la resistenza dell'aria, e quindi mi lascia più tempo per inspirare...e difatti a tratti la resp. circolare funziona ;) Ma non sempre :D dopo li primo minuto vado a marengo, e quando iniziano i trilli di quarti di tono impazzisco perchè fra il badare alle posizioni delle dita e alla coordinazione per resp.circ. è un macello!

Cmq sia, aspetto giunga a me il libro di Dick che ho ordinato, e quando (e se) riprenderò a suonare (è + di un mese che nn posso farlo) continuerò certamente a dedicare del tempo a questa tecnica!

Se hai consigli sull'impostazione di labbra/lingua/gola etc... sono ben felice di leggerti.

Per quanto riguarda la resp-circolare staccata invece? che tecnica si usa? Questa non l'ho capita molto bene...cioè, riesco ad usare la lingua come pistone ma il fiato che esce è sfibrato e dispersivo...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
I problemi sono nell'impostazione delle labbra: non perdere la direzione della colonna d'aria in modo da continuare ad emettere suono! ...omissis...

Wow... quante "cose" mi chiedi!

:scratch_one-s_head: Scusa fgpx78, ma non puoi risolvere questa tecnica passando dall'esercizio con la cannuccia all'applicazione della Respirazione Circolare su un brano musicale. :guiltysmiley:

La Respirazione Circolare diventa parte del tuo bagaglio (tecnico - espressivo) solamente se interiorizzi questa tecnica. Deve diventare come respirare (senza flauto), ovvero un azione che il corpo svolge senza che tu la controlli, ma pur sempre controllabile.

Per far questo... devi cominciare da un livello inferiore. Non pretendere ora di applicare la RC ad un brano musicale.

Hai presente... le note lunghe che si fanno all'inizio (e non solo all'inizio :laughingsmiley: ) dello studio del flauto traverso? Le scale? Gli intervalli... i frammenti di scala... esercizi di base insomma.

Ecco... comincia ad applicare la RC sulle note lunghe, e su altri elementari "passaggi".

Fattori MOLTO importanti all'inizio sono la concentrazione, il rilassamento ed il controllo. Senza di questi avrai azioni scomposte incontrollabili.

Il controllo lo ottieni concentrando l'attenzione in maniera rilassata verso quelle parti del corpo utilizzate nella RC.

Comincia ad investigare sul comportamento del tuo corpo, a sentirlo. Anche a modificare il comportamento. E verifica queste diversità. Cosa ottieni? Sperimenta... e osservati... osserva il cambiamento.

Un altro fattore estremamente importante è il controllo del labbro, della fuoriuscita del flusso d'aria (velocità) e della sua pressione. Tu dici che sul RE (parli di re alto...ma di quale ottava?... seconda o terza o quarta?) suonato pp ti trovi avvantaggiato... ma io ti dico che la dinamica non è il solo parametro che ti potrebbe avvantaggiare. Infatti devi considerare la velocità del flusso d'aria e la sua pressione. Potresti suonare un pp su un registro medio basso con un notevole flusso d'aria e perdita veloce dell'aria contenuta nella cavità orale... avresti pochissima pressione in bocca... ed il controllo della RC potrebbe risultare più difficoltoso... viceversa un suono fff (lungo) su note acute o sovracute potrebbero risultare molto facili per via della pressione notevole all'interno della bocca...

Sicuramente la lettura di un libro sulla RC ti aiuterà... ma se hai dei vizi, delle impostazioni non previste nel libro... come fai? Il libro ti vede? Il libro ti ascolta? Il libro ti corregge?

Come ti ho scritto in un mio precedente post... a distanza è difficile darti indicazioni sull'impostazione... non ti vedo!

Il tuo problema potrebbe essere...che so... una inspirazione nasale troppo poco veloce...un utilizzo insufficiente della lingua... un sincronismo sballato tra inspirazione e fuoriuscita controllata dell'aria dalla bocca...un irrigidimento delle spalle, della gola... insomma... ce ne sarebbero centinaia di motivi... ma credo che il tuo sia una pianificazione errata dello studio sulla RC.

Guideresti una Ferrari avendo da poco imparato a stare in equilibrio sulla bicicletta? Si? Beh...allora avvisami che rimango a casa. :laughingsmiley:

Il mio consiglio alla fine è questo: comincia ad applicare la RC sulle note lunghe, sugli intervalli, e rifletti su dove sia meglio (o ti venga meglio e perchè) applicare la RC... ovvero all'inizio della nota o sul finale...

Devi (ri)cominciare da un gradino più basso.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Wow... quante "cose" mi chiedi!

:scratch_one-s_head: Scusa fgpx78, ma non puoi risolvere questa tecnica passando dall'esercizio con la cannuccia all'applicazione della Respirazione Circolare su un brano musicale. :guiltysmiley:

La Respirazione Circolare diventa parte del tuo bagaglio (tecnico - espressivo) solamente se interiorizzi questa tecnica. Deve diventare come respirare (senza flauto), ovvero un azione che il corpo svolge senza che tu la controlli, ma pur sempre controllabile.

Per far questo... devi cominciare da un livello inferiore. Non pretendere ora di applicare la RC ad un brano musicale.

Hai presente... le note lunghe che si fanno all'inizio (e non solo all'inizio :laughingsmiley: ) dello studio del flauto traverso? Le scale? Gli intervalli... i frammenti di scala... esercizi di base insomma.

Ecco... comincia ad applicare la RC sulle note lunghe, e su altri elementari "passaggi".

Ma certo...tutte cose che faccio regolarmente. il re in questione è il re terza ottava, ed essendo la prima parte una sola nota lunga (è un trillo, ma poco cambia) è anche l'ideale per lo studio ;)

Fattori MOLTO importanti all'inizio sono la concentrazione, il rilassamento ed il controllo. Senza di questi avrai azioni scomposte incontrollabili.

Il controllo lo ottieni concentrando l'attenzione in maniera rilassata verso quelle parti del corpo utilizzate nella RC.

Comincia ad investigare sul comportamento del tuo corpo, a sentirlo. Anche a modificare il comportamento. E verifica queste diversità. Cosa ottieni? Sperimenta... e osservati... osserva il cambiamento.

Infatti i miei progressi stanno derivando priuncipalmente da questo: analisi del mio corpo, rilassamento, modifiche anche impercettibili.

Un altro fattore estremamente importante è il controllo del labbro, della fuoriuscita del flusso d'aria (velocità) e della sua pressione. Tu dici che sul RE (parli di re alto...ma di quale ottava?... seconda o terza o quarta?) suonato pp ti trovi avvantaggiato... ma io ti dico che la dinamica non è il solo parametro che ti potrebbe avvantaggiare. Infatti devi considerare la velocità del flusso d'aria e la sua pressione. Potresti suonare un pp su un registro medio basso con un notevole flusso d'aria e perdita veloce dell'aria contenuta nella cavità orale... avresti pochissima pressione in bocca... ed il controllo della RC potrebbe risultare più difficoltoso... viceversa un suono fff (lungo) su note acute o sovracute potrebbero risultare molto facili per via della pressione notevole all'interno della bocca...

Ehm...riguardo a questo punto, ci sono evidenti differenze di impostazion fra di noi (impostazione, scuola, 'mbuti...chiamiamola come vogliamo). Sappi che io, per fare un re3 pp, restringo molto il foro e suono (almeno cerco) più possibile in verticale.

Sicuramente la lettura di un libro sulla RC ti aiuterà... ma se hai dei vizi, delle impostazioni non previste nel libro... come fai? Il libro ti vede? Il libro ti ascolta? Il libro ti corregge?

Aspè aspè...non sono un professionista, quindi non è che voglia assimilare perfettamente la tecnica. Mi interessa ai fini del pezzo i questione, e pian piano (Time, Patience & Intelligent Work ???) mi ci sto avvicinando...ma voglio leggere il libro per capire se sto commettendo madornali errori. Anche se or ora non immagino come si possa utilizzare questa tecnica in altro modo...alla fine l'unica cosa veramente importante è l'essere rilassati: in quei momenti la resp.circolare viene da se, e bella continua.

Come ti ho scritto in un mio precedente post... a distanza è difficile darti indicazioni sull'impostazione... non ti vedo!

Il tuo problema potrebbe essere...che so... una inspirazione nasale troppo poco veloce...un utilizzo insufficiente della lingua... un sincronismo sballato tra inspirazione e fuoriuscita controllata dell'aria dalla bocca...un irrigidimento delle spalle, della gola... insomma... ce ne sarebbero centinaia di motivi... ma credo che il tuo sia una pianificazione errata dello studio sulla RC.

Dalla mia analisi interiore credo che il problema sia l'utilizzo della lingua, prova a spiegarmi un po' coma deve essere usata! Gli altri problemi non li escludo a priori (potrebbero veriificarsi irrigidimenti sopratutto quando inizio a perdere il controllo) ma ci ho lavorato tanto e penso non mi creino difficoltà nell'apprendimento al momento. (Tutta la frase è da intendersi sempre nel contesto "per imparare ad usarla per questo dannato pezzo").

Guideresti una Ferrari avendo da poco imparato a stare in equilibrio sulla bicicletta? Si? Beh...allora avvisami che rimango a casa. :laughingsmiley:

Il mio consiglio alla fine è questo: comincia ad applicare la RC sulle note lunghe, sugli intervalli, e rifletti su dove sia meglio (o ti venga meglio e perchè) applicare la RC... ovvero all'inizio della nota o sul finale...

Ripeto: la sto applicando fin dall'inizio (fase post-cannuccia) SOLO su note lunghe ;)

Oppure mentre sono in metrò.

O mentre guardo la TV.

O mentre lavoro al PC.

Tutto lavoro atto ad interiorizzarla...

Devi cominciare da un gradino più basso.

Beh, spero non sia trapelata mancanza di umiltà dai miei post: suono oramai da 17 anni e sono ben conscio della fatica che serve per ottenere dei risultati, nonchè dei "cammini" da percorrere...Certo avere una guida non sarebbe male, ma al momento - come scrivevo - non sto nemmeno suonando, quindi chiedo qui in forum e spero mi possiate dare utili consigli anche "senza vedermi" ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

:speak_cool: quanti punti... ok

Invece di usare il "quote" cerco di risponderti punto per punto...

1) Il tuo studio sulle note lunghe va benissimo ma se applichi la RC sul brano e non riesci... allora occorre fare uno o più passi indietro e risolvere il problema precedentemente. Quindi note lunghe ed analisi del brano, nel punto dove stai applicando la RC, frantumazione ed isolamento delle difficoltà (dopo, solamente dopo l'assemblaggio). Esercizi, anche da te inventati, sulle difficoltà isolate (una per una e poi insieme).

2) Note lunghe pulite e note lunghe con trilli sono due cose diverse. Anche il cambio di nota (semitono o tono) può provocare...anzi... necessitare un flusso differente di aria

3) bene il lavoro che fai... "analisi del mio corpo, rilassamento, modifiche anche impercettibili."

4) Di quali evidenti differenze di impostazione parli? Conosco differenti scuole di pensiero... 'mbuti ... ma mica era questo il punto...

5) Beh... anche se non ti ritieni un professionista... vuoi eseguire quel brano con la RC? O no? Oppure vuoi un infarinatura...capire più o meno come si fa...cercare di applicarla a questo brano... io... non posso conoscere i tuoi obiettivi riguardo questa tecnica. Hai chiesto qualcosa nel forum ed io ti ho risposto

6) Si, hai "quasi" perfettamente ragione. La base per arrivare alla esecuzione della RC è "l'essere rilassati"... ma poi... ci stanno tante altre cose... soprattutto col flauto traverso.

7) Per quanto riguarda la lingua, anche se ci sono due o tre modi principali relativi alla esecuzione della RC dove parti della bocca vengono o non vengono utilizzate, quando si utilizza anche la lingua la dovresti muovere come quando pronunci in successione le vocali "U" e "I". Metti le labbra come se dovessi suonare (qualsiasi scuola va bene :upsidedown: ) o appoggiale pure sulla boccola del fl... rilassati... rilassa la gola e le spalle... e pronuncia (con la voce) U e poi I. Concentrati sul movimento della lingua. Poi senza voce UIUIUIUI... come si muove la lingua? Ancora... ora senza voce UI... Ecco il movimento della lingua quando inspiri aria dal naso. Potresti usare anche le vocali A ed I... verifica le differenze... prova...

8) L'interiorizzazione... la ottieni lavorando molto sul flauto. Solo così. Se vuoi usarla deve diventare un automatismo. Vanno bene gli altri esercizi preliminari... diciamo propedeutici, ma sono troppo facili, non mirano all'obiettivo e non consolidano capacità poco superiori. Vuoi scalare la roccia? Non puoi esercitarti solo salendo le scale di casa. :scratch_one-s_head:

9) Mancanza di umiltà? Assolutamente no. Non l'ho vista. E poi non è mia abitudine giudicare le persone senza conoscerle. Ho visto solamente la ricerca e la voglia di applicarsi, di superare ostacoli...

Buono studio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

4) Ad esempio, nel punto due, io non concordo con il tuo "Anche il cambio di nota (semitono o tono) può provocare...anzi... necessitare un flusso differente di aria".

5) Esatto, voglio imparare quel tanto che mi basta per il brano, ma non commettere errori madornali nell'impostazione. Questo per permettermi pian piano di evolvere la tecnica nel modo corretto (se mi servirà).

7) Questo movimento della lingua l'ho sperimentato per un po', partendo da un articolo letto tempo fa sulla resp.circ. Volevo capire se era la strada giusta per utilizzare la resp circ con lo staccato..ma ho abbandonato perchè non notavo risultati...ho pensato fosse troppo presto ;)

8) Appunto, quali esercizi? Dopo la cannuccia o gli esercizi senza nulla, ho pensato di passare al flauto. Ovviamente è tutt'altra cosa, ma se mi dici cosa fare nei passaggi intermedi ci proverò volentieri!

Buon lavoro a te e grazie per i mille consigli!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
4) Ad esempio, nel punto due, io non concordo con il tuo "Anche il cambio di nota (semitono o tono) può provocare...anzi... necessitare un flusso differente di aria".

Vabbuò... guarda... si tratta di sfumature... che possono non essere percepite se suoni normalmente (senza RC)... però importanti con la respirazione circolare... mah... Mai fatto statistiche di tenuta di note differenti sul flauto? Prova... poi ne riparliamo.

7) Questo movimento della lingua l'ho sperimentato per un po', partendo da un articolo letto tempo fa sulla resp.circ. Volevo capire se era la strada giusta per utilizzare la resp circ con lo staccato..ma ho abbandonato perchè non notavo risultati...ho pensato fosse troppo presto ;)

per lo staccato... è troppo presto. E' molto difficile! A questo livello scordatelo :cheerful_kid:

Ma come fai la RC tu? Gonfiando le guance? Descrivimi come la attui.

8) Appunto, quali esercizi? Dopo la cannuccia o gli esercizi senza nulla, ho pensato di passare al flauto. Ovviamente è tutt'altra cosa, ma se mi dici cosa fare nei passaggi intermedi ci proverò volentieri!

Gli esercizi successivi a quelli propedeutici impiegano una capacità inversa rispetto al "normale": devi imparare a NON giudicare il tuo suono.

Ti posto alcuni passaggi iniziali tratti dal mio sistema per insegnare questa tecnica... naturalmente corretti per te...

STEP 1 Prima di arrivare alle note lunghe, appoggia il flauto in posizione (labbro inferiore), soffia e fai la RC (inspirazione veloce e rilassata e movimento UI contemporaneo della lingua per spingere fuori l'aria contenuta nella cavità orale, successiva ripresa della fuoriuscita dell'aria dai polmoni) senza produrre suono (ovvero senza ricercare un suono pulito, diciamo classico, fai uscire quel che esce). Parti dal NON SUONO concentrandoti solo sulla RC. Rilassati e osserva, sentiti (sentiti dentro NON fuori)... senti il vento della steppa? :whistle3: Fregatene! Concentrati sul rilassamento e la RC. Il tuo obiettivo è realizzare la RC producendo un vento costante senza alcuna interruzione

STEP 2 I sibili. Come punto precedente ma soffiando in maniera da ottenere dei sibili. Un soffio molto delicato e preciso, è importante la continuità. Ci sono tanti sibili da scoprire. Tienili costanti e più che puoi applicando la RC.

STEP 3 Imperversa la bufera. Come STEP precedenti ma un soffio più forte (ancora NON giudicare il suono/rumore che esce dal tuo flauto). Concentrati sulla RC ed il rilassamento.

STEP 4 Tieni la posizione del do1 (do basso... grave). Fregatene del bel suono basso ma concentrati all'inizio sul SOFFIO (SIC) accordato e (secondo il tuo 'mbuti) produci gli armonici (uno alla volta) possibili per questa posizione. Tieni le note lunghe sugli armonici mentre utilizzi la RC... se il suono degli armonici "cade" non preoccuparti, ritorna al soffio... senza mai interrompere... continua sino a tenere le note sostenute applicando la RC... poi il soffio... poi un altro armonico

Questo può essere un modo per consolidare la tecnica ad un livello elementare, ma ad un gradino più su rispetto agli esercizi propedeutici della cannucia e bicchiere colmo d'acqua :snorkle: e ad esercizi (dovunque ti trovi) senza strumento.

Ah... un consiglio... non passare da uno step al successivo se non sai perfettamente eseguire il precedente

Ciao ciao e buon lavoro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato visualizza questa pagina.