Vai al contenuto

Neutral Reader

Members
  • Numero contenuti

    523
  • Iscritto

  • Ultima visita

Su Neutral Reader

  • Rank
    Più che qualcuno

Profile Information

  • Sesso
    Maschio

Visite recenti

1457 visite nel profilo
  1. Ricevo da un amico inglese e pubblico sottolineando un passo significativo: Messrs Bianchini & Trombetta Rewrite The History of Classical Music by The Buffalo Cheese Academy (*) Reviewed book: La caduta degli dei (The Fall of The Gods), Voll. I-II / Luca Bianchini & Anna Trombetta, Tricase: Youcanprint Self-Publishing, 2016-2017, 945 pp. To assume, as this book does, that Mozart signed as his own several works he had bought or stolen would require that he: 1) faked his activities as reported in his correspondence and in contemporary testimonies; 2) faked his own catalogue of works; 3) planted fake drafts among his papers to have them found after his death and lead future researchers astray. We quickly land on a scenario far less credible than any improbabilities it purportedly explains. Messrs Bianchini and Trombetta lay themselves open to the same criticism they level at their predecessors, i.e. that they have largely tampered with primary and secondary sources. The problem lays in their remarkably unscholarly and contradictory use of them, as much in their libellous smearing of anybody, whether living or dead, who stands in the way of their wild speculations. Matter of fact, it is Bianchini’s and Trombetta’s methodology that is bankrupt. Mozart’s life was substantial enough, his career bare open in front of public opinion throughout, to defeat any historiography that cannot locate his compositional activity or its development. Of course, Mozart had admirers and detractors during his lifetime, but the statement that he was an incompetent, overrated composer, a middling pianist abandoned by the Viennese musical public, is simply ludicrous. To put it after Cliff Eisen: “don’t forget, he was the second most-commissioned opera composer during that decade, and he obtained postings both at the court and at St. Stephen’s cathedral”. Was his stellar reputation a late fabrication by the Nazi film industry in the 1940s? To maintain such a lunatic point, Messrs B&T need deny the credibility of a long row of obituaries appeared in the international press just after Mozart’s demise. Thus they devote entire (unsavoury) chapters to the ad-hoc theory that any journalist is just a corrupt sycophant. Does this apply to those journalists who are venting their claims on the Italian daily press? Towards the end of Vol. 2, we come to the darkest and most astonishing mystery novel on Mozart’s death. The foul plot leading to his alleged assassination was organised, B&T maintain, by the Freemasons from a secret Illuminati lodge in order to punish his sexual misdemeanour, then covered up by Baron van Swieten, who was anxious to secure imperial favour by promoting music by ‘Aryan’ composers at the expense of sundry ethnic groups. Like Haydn, Mozart happened to be a convenient receiver of high-quality music composed by a number of Italians, Czechs, Spaniards, Frenchmen, Mulattos, etc. If the Illuminati aimed at suppressing evidence of the plot, why didn’t they slay Haydn, too? After all, also Haydn was a Freemason and a notorious womanizer. Despite some minor variations (Fascist-style clubbing instead of poison, Illuminati instead of Jesuits), this is neither original nor better supported stuff than much previous fiction in the same vein. Moreover, B&T’s heavy reliance on the scribbler Francis Carr, one who endeavoured to ‘prove’ that both Don Quixote AND Shakespeare’s plays were authored by Francis Bacon (!), shows their blind faith in the main tenets of amateurish pseudo-science: “anything that is printed is a fact” and “anything that has footnotes is scholarly”. So does their book’s dedication to the late Giorgio Taboga, a grassroots historian of music who admittedly couldn’t read music and nevertheless preached that the whole Wiener Klassik was a complete fabrication for the glory of the Habsburg dynasty. Last and foremost, B&T’s sheer blindness to historic evidence is rivalled only by their deafness as to matters musical. Besides the upstart ‘revelation’ that a quarter tone is an interval virtually inappreciable by the human ear (whose ear? probably B&T’s), their scanty attempts at musical analysis don’t stretch beyond the limits of elementary harmony primers (parallel fifths, octaves). In their excavation of the ‘real Mozart’, they simply do not hear or describe his music other than in such derogatory terms as ‘plagiarism’ and ‘incompetence’. Add to that several egregious blunders in decoding German, English and even early-Italian expressions, as well as in general history and geography (e.g., they locate Dresden in ‘Southern Germany’). They boast they are rewriting history. Fine. But before they come to that, they should study some. (*) The Buffalo Cheese Academy (or, in Italian, Accademia della Bufala) is a nowhere-based group of five friends from various walks of life who share love for music and contempt for self-styled experts thereof. Over the past decade, some Academici have already contributed to exposing the fanciful ‘Mozart debunkers’ both on the Web and on printed paper. They are all devoted to literary plagiarism and recoil in horror from the very suspicion of being original. They also concede they know very little about truth, yet they can generally smell the stench of bullshit whenever they happen to come across it.
  2. Spero tu non sia stato coinvolto ... NR
  3. Per chi non è musicista (categoria di cui faccio parte), risulta particolarmente difficile comprendere la natura sui generis e le caratteristiche del "pensiero musicale". NR
  4. Io questa non la capisco ... di cosa stai parlando? Qual è il problema? Dove sta la questione? E che cosa ha a che fare questa cosa "dell'entrare nella loro testa" con l'argomento di questo thread? NR
  5. Oggi è trendy balzare, a seconda della bisogna, dalla sociologia della musica (vedasi Tia DeNora) ad un curioso "economicismo" esplicativo (da alcuni riassunto nella frase "quella porca della Constanze, quei maiali di Breitkopf & Härtel e del loro "pubblicitario" Johann Friderich Rochlitz") e ritorno. Il resto non esiste. NR
  6. L'impressione, perché è di questo che si tratta, è che si presenti come contrarian, come si dice. Con certezza è un leftist della specie "è tutto un complotto della CIA". Basta dare una occhiata al suo FB. Nel caso specifico, fra l'essere "contro-accademico" (e non anti-accademico, che in realtà sarebbe un complimento, Nietzsche docet) e condividere con entusiasmo la musicologia valligiana di B&T ci vedo significativa coerenza. Ma non desidero addentrarmi ulteriormente in questioni para-politiche che non sarebbero appropriate in questa sede. NR
  7. Marcello Piras, il più "estremista" e Stefano Zenni. Entrambi studiosi di Jazz. Fullstop. NR
  8. E giusto per chiudere la giornata in bellezza: NR
  9. Quel "porco", maniaco, coprofilo, copione eccetera eccetera ... NR
  10. Nuovo plagio "scoperto" da Bianchini e Trombetta: NR
  11. La risposta la trovi qui ed è negativa, non fu tutta "colpa" tedesca ... La "colpa" è collettiva, ma in particolare dei nostalgici "topi di fogna": Tratto il 17 luglio dal sito web di Bianchini e Trombetta: La Caduta degli Dei. Come il Terzo Reich ha creato un'Icona Culturale [sottotitolo copiato pari pari dal libro di Erik Levi ... neppure il sottotitolo del loro sito è originale]. Siamo al grottesco. NR PS:
  12. GENTE TANTO SCIOCCA: SPROLOQUI DEI CRITICI NAZIONALISTI di Carlo Vitali Scrive il Bianchini nel suo sito dedicato alla Caduta degli Zebedei: Ed ecco che Trombin Hood va a rovistare nei siti neo-borbonici per accusare di “rassismo” Mozart padre e figlio, i quali viceversa descrivono Ferdinando IV di Borbone (alias il Re Nasone, o il Re Lazzarone) nei medesimi termini attestati da un’ampia letteratura antica e moderna. Ma come? Nel Rotolone Primo (aka La Caduta degli Dei, p. 22, sgg) i Sondrioti si buttavano ridevolmente a riscrivere in chiave risorgimentale la storia del melodramma italiano da Cimarosa a Bellini e da Donizetti a Verdi, giacché: “Non per nulla le Società carbonare italiane […] nacquero presso i teatri e i Conservatori di musica. Era là che si cercava eroicamente di salvaguardare la cultura italiana dai soprusi degli Asburgo e dei Borbone”. Allora si mettano d’accordo con se stessi. Questo Ferdinando di Borbone, che regnò su Napoli (con interruzioni) dal 1759 al 1825, chi era in realtà? Un illuministico benefattore del popolo o un tanghero pressoché analfabeta, come altri che non si vogliono nominare per pietà cristiana? Alcuni campioni: Dizionario Biografico degli Italiani - Volume 46 (1996) di Silvio De Maio “FERDINANDO I di Borbone, re delle Due Sicilie (già IV re di Napoli e III re di Sicilia). Del tutto insufficiente fu invece l'educazione umanistica e scientifica, sia per la scarsezza delle nozioni e delle discipline affrontate, sia perché non vi ebbero molto spazio momenti di conoscenza e riflessione sulla conduzione dello Stato, sul ruolo che vi doveva ricoprire un sovrano e sulle condizioni e sulla storia del Regno meridionale. L'impostazione pedagogica del San Nicandro finì per forgiare negativamente l'indole di F., che a detta del Tanucci era bonaria e facilmente malleabile; il suo carattere acquisì allora i tratti di rusticità e volgarità che si riveleranno ricorrenti e daranno spunto alla ricca aneddotica fiorita attorno allo stereotipo del "re lazzarone".” Relazione di Giuseppe II alla madre Maria Teresa (1769) “Ha grosse braccia, grossi polsi e grosse mani sempre sudice. La testa è piccola con una selva di capelli color caffè, che non incipria mai. Il naso via via che si distacca dalla fronte, si gonfia in una palla, fino alla bocca larghissima e col labbro inferiore molto sporgente. Per quanto brutto, non è del tutto repulsivo. Sta quasi sempre vestito nel suo costume di caccia con un cappello tirato giù da ogni parte, un giaccone di pelo grigio con le tasche che scendono fino a mezza gamba, calzoni e panciotto di cuoio e un coltello lungo come una baionetta”. [Ferdinando credeva ciecamente in San Gennaro ma non conosceva i dieci comandamenti; andava a letto con la spada perché aveva paura del buio e non voleva mai restar solo. L’imperatore raccontò alla madre che uno degli spassi preferiti del re era quello di assestare tremendi pizzichi nel sedere alle dame di corte, d’introdurre topi vivi nei loro scolli e di riempire di gelati e marmellata le tasche dei loro mariti]. “Una sera che la regina cantava al clavicembalo egli ci pregò di fargli compagnia mentre stava seduto sul vaso. Facemmo conversazione per più di mezz’ora e io pensavo ch’egli sarebbe rimasto seduto lì, coi pantaloni calati, Dio sa per quanto…non mancò di darci i dettagli dell’operazione, anzi voleva perfino mostrarcene i frutti”. Pietro Colletta, Storia del reame di Napoli (1834), passim: “Fanciullo, non soffriva conversare co' sapienti, e fatto adulto, ne vergognava. [...] Coll'andare degli anni avanzava il gusto incivile del re; e adulto appena (a sedici anni) divenuto libero sovrano di ricca e grande monarchia, sperdeva il tempo ne' piaceri della giovinezza e del comando tra giovani, come lui, atleti e ignoranti. L'attitudine a quegli esercizi, la forza, il viver dissipato, i gusti plebei, divennero ambizioni de' soggetti, e tanto più de' nobili, compagni al re o da lui ammirati nella corte. [...] Più volte all'anno, dopo la pesca ne' laghi di Patria e del Fusàro, il re vendeva il pesce serbando pratiche, aspetto ed avarizia di pescivendolo. Le malattie o le morti nella famiglia, le guerre infelici, le sventure di regno, la perdita di una corona, nol distoglievano dalla caccia né da' giuochi villani, siccome andrò narrando nel corso della Istoria. I quali esercizi, e la conseguente stanchezza, e l'ozio, e 'l molto cibo, e il sonno prolungato, riempiendo tutte le ore del giorno, toglievano il tempo a coltivare la mente o a governare lo Stato. Non mai per vaghezza di studi o per pubblici negozi leggeva libro o scrittura; e come nella minorità la Reggenza guidava il regno, così quando ei fu libero lo guidavano i ministri o la moglie. Apportandogli tedio sottoscrivere del suo nome gli atti d'impero, li faceva in sua presenza segnare con sigillo e stampa che gelosamente custodiva. Impaziente alle funzioni della mente, fastidiva i consigli di Stato: raro li chiamava, presto li discioglieva: vietando i calamai per ischivare la tardità dello scrivere”.
  13. Italiani brava gente? Quasi tutti. di Carlo Vitali Il signor Trombin Hood si domanda dove siano finiti i capolavori scritti da Luigi Gatti, il veronese divenuto Vice-Kapellmeister della corte di Salisburgo nel 1778 e poi promosso Kapellmeister succedendo a Domenico Fischietti. Secondo lui furono bruciati dai nazisti in qualche rogo purificatore della musica non ariana, a pseudo-riprova del quale "fatto" (anzi "fattoide") un suo commentatore ha prodotto per celia un'apposita foto di repertorio risalente al 1933 circa. Speriamo che il fan club non la ricicli prendendola sul serio. Una versione meno fantascemifica, se ci si passa il neologismo, si può intuire consultando il saggio di Cliff Eisen, Problems of Authenticity Among Mozart's Early Symphonies: The Examples of K.Anh.220 (16a) and 76 (42a), in "Music and Letters", vol. 70, n. 4 (1989). In sintesi: a partire dal 1799, Gatti rifornì l'editore Breitkopf di pretese partiture mozartiane conservate negli archivi salisburghesi, prima mediante il tramite dell'ignara Nannerl Mozart; poi, dal 1803, direttamente e non a titolo gratuito, visto che le copiature costano care. Afferma lo studioso canadese: "L'attendibilità delle attribuzioni nel catalogo dei manoscritti Breitkopf & Härtel provenienti da Salisburgo – come il K.76 (42a) – è quindi abbastanza diversa da quel che si pensava. Ad eccezione di alcuni lavori non identificati forniti da Nannerl nel 1800, non è la credibilità di costei ad essere in discussione, bensì quella di Gatti". Fra le sòle rifilate da Gatti all'editore di Lipsia si possono contare le Variazioni K.Anh.206 (21a), le sinfonie K.84 (73q), 97 (73m), Anh.215 (66c) e Anh.C 11.07, un arrangiamento del terzo tempo del Quintetto K.406 (516b), il Lied K.Anh.271-275 (Anh.C8.35-39) e quello privo di Kappa "Wenn ich, o Schöpfer, deine Macht". Tutti titoli che i nazistelli redattori del catalogo Köchel, fra cui una buona percentuale di ebrei, hanno da tempo relegato nella sezione delle opere mozartiane spurie, e che naturalmente, fiutata la loro vera origine, i Sondrioti (altro neologismo per cui si chiede venia al rispettabile popolo valtellinese) si affretteranno a "riscoprire" come capolavori misconosciuti dell'ennesimo genio italiano in esilio. L'onesto Luigi Gatti si rese inoltre responsabile di un altro peccatuccio, intestandosi falsamente nel catalogo tematico della cappella di corte salisburghese, redatto sotto il suo controllo sul finire degli anni 1780, una muta di salmi da Vespro composta invece da Johann Baptist Stemkopf, l'organista del monastero benedettino di Metten non lontano da Salisburgo. Italiani brava gente? Sì, con qualche eccezione.
  14. Però le Sinfonie di Luchesi si sono salvate, pensa un po'. Che strano. Eh? Che sia perché fu naturalizzato tedesco? Il fatto è che Bianchini sa punto un tubo della storia degli archivi musicali in Italia, in Germania e wherever. Semplicemente racconta un sacco di palle per tenere alto il testosterone suo e dei suoi groupies. NR
×