Vai al contenuto

Pollini

Members
  • Numero contenuti

    4605
  • Iscritto

  • Ultima visita

Su Pollini

  • Rank
    Io e pochi eletti
  • Compleanno 04/01/1990

Contact Methods

  • MSN
    themadpianist@hotmail.it
  • Sito Internet
    http://themadpianist3.spaces.live.com/default.aspx?wa=wsignin1.0&sa=928206363

Profile Information

  • Sesso
    Maschio
  • Luogo
    Reggio nell'Emilia (RE).

Visite recenti

4347 visite nel profilo
  1. Cosa state ascoltando ? Anno 2017

    Sergej Lyapunov, 12 Studi trascendentali. Concepiti quali completamento della raccolta di Liszt. A quanti debba controdediche.
  2. Cosa state ascoltando ? Anno 2017

    Josquin, Missa "Hercules Dux Ferrariae". Possiamo discettare all'infinito sull'opportunità di aggiungere strumenti colla parte, ma in casi come quello di quest'incisione il risultato finale lo trovo assolutamente appropriato, anzi senza un uso così ben calibrato degli strumenti (ciaramelle e tromboni in primis) non sarebbe la stessa cosa: alla fine dipende tutto da caso a caso, e quello che non sarebbe mai appropriato, putacaso, per un Palestrina potrebbe essere invece talora accettabile, o persino consigliabile, per altri autori. A quanti debba controdediche.
  3. Cosa state ascoltando ? Anno 2017

    Berlioz, Symphonie Fantastique.
  4. Cosa state ascoltando ? Anno 2017

    Richard Strauss, Metamorphosen. A quanti debba controdediche.
  5. Cosa state ascoltando ? Anno 2017

    E perlappunto, lui ha cercato finalmente di dare veramente giustizia a Verdi. Piaccia o no, quest'incisione quantomeno ha rappresentato un primo tentativo di riportare alla filologia esecutiva anche un autore che a quanto mi risulta non era ancora da essa stato toccato, ed i risultati della "cura" a mio parere si sentono. Certamente il livello del risultato, e più ancora l'utilità del fine, lo preferisco a quello, per esempio, del Bruckner di Herreweghe ... Adesso: Haydn, Quartetto Op. 55 n. 2 in Si bemolle maggiore. A quanti debba controdediche.
  6. Cosa state ascoltando ? Anno 2017

    Beh, Verdi è da sempre un autore alquanto "maltrattato" a livello vocale: scriveva con in mente il belcanto e da sempre al contrario lo "strillano", col risultato di rovinare totalmente il risultato; per non parlare del modo che spesso si ha di trattare gli ottoni, che non tiene minimamente in conto come all'epoca in sede concertistica e teatrale venissero in realtà suonati avendo ancora in mente in larga parte le voci umane: se si fà troppa fanfara anche questo squilibra l'esecuzione. Questo Falstaff quantomeno cerca di porre rimedio a questi problemi, se devo dire la verità io mi sono in realtà convinto con esso della validità di Verdi come autore. Ora: Mozart, Adagio e Fuga KV546 e Quintetto n.o2 in Do minore (trascrizione della Serenata KV388). Nella versione per Quintetto d'archi mi piace ancor più che nell'originale per Harmonie. A quanti debba controdediche.
  7. Cosa state ascoltando ? Anno 2017

    Čaikowskij, Quartetto n.o1 in Re maggiore.
  8. Cosa state ascoltando ? Anno 2017

    Josquin, Missa "L'homme armé" (Super voces musicales). Era un po' che non mi facevo sentire, causa impegni vari ed eventuali, comunque se vi sono dediche lo controdedico a quanti ne debba.
  9. Cosa state ascoltando ? Anno 2017

    Purcell, estratti da "The Fairy Queen". Il Purcell teatrale mi sembra molto interessante. A quanti debba controdediche.
  10. Cosa state ascoltando ? Anno 2017

    Carissimi, Missa "Sciolto havean dall'alte sponde". A quanti debba controdediche.
  11. Johann Sebastian Bach (1685-1750)

    No, il XVIII è un'altra Fuga "a specchio". Forse le edizioni moderne sono numerate ciascuna diversamente, il che può causare confusione tra interlocutori in possesso di edizioni diverse.
  12. Johann Sebastian Bach (1685-1750)

    Comunque mancano anche nella versione del 1747 alcuni Contrapuncti solitamente numerati nelle edizioni moderne (ho la Dover, 1992) quali IV, X, XIII, XIV, XVIII. Qualcuno che abbia qualche informazione in proposito?
  13. Cosa state ascoltando ? Anno 2017

    Verdi, Trovatore, Quartetto "Bella figlia dell'amore" - Interpretano tra gli altri Di Stefano (tenore, Duca) e la Callas (soprano, Gilda). Ovviamente a Pinkerton .
  14. Johann Sebastian Bach (1685-1750)

    Quello non lo so, so solo che ne ho visti alcuni che al di fuori del loro ambito di ricerca (di regola robe ristrettissime, tipo "analisi insiemistica di opere seriali cameristiche di Webern e di Boulez") avevano bisogno di farsi aiutare dagli studenti. Cioè, passi essere specialisti, ma ad un certo punto si esagera...
  15. Johann Sebastian Bach (1685-1750)

    In tutto questo non scherzano da nessuna parte, anzi, ho incontrato alcuni musicologi Americani e quelli potrei addirittura definirli completamente alienati dalla musica . Esecuzione? Alcuni se osi solo parlargliene ti zittiscono...
×