FLAUTOMAGICO

Members
  • Numero contenuti

    94
  • Iscritto

  • Ultima visita

Su FLAUTOMAGICO

  • Rank
    Qualcuno

Contact Methods

  • Sito Internet
    www.resocap.it

Profile Information

  • Sesso
    Maschio
  • Luogo
    Roma
  • Interessi
    www.resocap.it """" almablue@libero.it

Visite recenti

1254 visite nel profilo
  1. Vendo la mia collezione https://www.mercatinomusicale.com/mm/a_falaut-rivista-musicale-flauto_id5382782.html
  2. Cosa ne pensate di questo nuovo ''FLAUTO AUMENTATO''. RESOFLUTE? Al di la di questo brano , il flauto ha grandi possibilità espressive. Questo strumento nasce da un’idea della compositrice Silvia Lanzalone . Io mi sono occupato della parte relativa ai microfoni . Nel Flauto ci sono 6 microfoni. La prima performance pubblica del Resoflute è stata fatta nel 2014 presso l'Auditiorium dell'Università Tor Vergata di Roma e successivamente in vari festival internazionali. Il progetto di un nuovo modello definitivo è stato approvato e finanziato dalla BIC Lazio. Abbiamo iniziato i lavori e lo realizzeremo nei prossimi mesi. Ora siamo in 3 , Cè anche un architetto che ne curerà il disegno .
  3. Slave.Sto usando il suo resocap. Volevo chiedere se il fatto che il tappo non chiuda perfettamente ( cosa che invece avviene perfettamente nel tradizionale tappo di sughero )  il passaggio dell'aria, aspirando nella la testata, possa influenzare il funzionamento ottimale del congegno. Grazie.

  4. Il liquido frenante si mette quando avviti la vite sul cuscinetto ed una sola volta. Una volta asciugato il liquido, la vite e ferma nella posizione che l'hai lasciata e si svita solo con il giravite . E' una specie di colla'' leggera per viti. Esiste anche il tipo di liquido che blocca per sempre la vite .
  5. Sei stato sfortunato.Il tampone è saltato a causa della vite lenta. Il problema di chi monta gli straubinger è tenere le viti non strettissime per non deformare il cuscinetto. Personalmente rimedio a tale inconveniente mettendo del liquido frenante nell'impanatura della vite che tiene il cuscinetto . A.
  6. La durata dei cuscinetti straubinger non è ne di piu' e ne meno di quelli tradizionali . La durata della vescica determina la durata dei cuscinetti . Dipende un po dall'acidità della saliva di chi suona e un po dalla pressione delle dita sui tasti , a parità di ''cura''. Antonio
  7. Anche se ti sto antipatico , contattami che ti faccio un ottimo prezzo. Antonio
  8. I tamponi Straubinger rispetto ai tamponi tradizionali, proprio per la particolare costruzione , chiudono in modo perfetto con pochissima pressione delle dita. Questo si traduce in una risposta velocissima nei virtuosismi. I tamponi nuovi della muramatsu hanno un funzionamento simile, ma non uguale agli straubinger. La chiusura veloce è dovuta sopratutto alla vescica che appoggia prima del feltro sintetico che si trova sotto la vescica . Nei tamponi della muramatsu cè una rondellina di pelle ''scamosciata'' e una di silicone sotto le 2 vesciche . Negli Straubinger cè solo un feltro sintetico flessibile, morbidissimo e indeformabile sotto le 2 vesciche . La vescica del cuscinetto si appoggia al foro come la pelle di un tamburo e solo dopo incontra il feltro sintetico . Oltre al vantaggio del tocco cè un'ulteriore vantaggio sulla stabilità dei cuscinetti . Grazie a questo meccanismo , il cuscinetto chiude sempre , anche se nel tempo e durante l'uso si dovesse spostare di un pochino . Questo è il funzionamento degli straubinger. Nei cuscinetti muramatsu e in quelli tradizionali , la vescica è attaccata alla parte sottostante . Il cuscinetto è meno flessibile e con le micro variazione e deformazione dovute al tempo è piu' esposto alla non chiusura. Per quanto riguarda il timbro, per mia esperienza , le differenze sono minime e insignificanti. Come impressione al tatto posso dire che la canna del flauto vibra di piu'. Antonio
  9. I pareri veri e senza nessun pregiudizio sul RESOCAP sono scritti qui: />http://feedback.ebay.it/ws/eBayISAPI.dll?ViewFeedback2&userid=diesistonysax&ftab=FeedbackAsSeller Non si bara su internet. O meglio, si puo' barare una volta ma la seconda è impossibile , si viene scoperti. I resocap li costruisco a mano e di tutti i tipi è qualita' . Li costruisco per tutti i tipi di flauti e anche per l'ottavino . Li costruisco in titanio, zirconio ,rame, argento , Oro . Non sono un venditore o rivenditore . Le opinioni e i dubbi di chi non ha mai provato il Resocap non contano, perchè sono e resteranno solo opinioni senza prove concrete. Per l'utente con l'ottavino da 59 euro: con il resocap ti posso assicurare che lo strumento funziona meglio . Chi scrive il contrario esprime un giudizio fondato sul nulla e senza prove. Come garanzia, restituisco i soldi nel caso non fossi soddisfatto. A.
  10. Il suono del tuo flauto ''scromato '' rimarrebbe uguale nel caso di cromatura. L'operazione ti verrebbe a costare di piu' del valore del flauto stesso. In poche parole lascialo cosi' com'è. A.
  11. Ciao Salvo, i flauti in argento rispetto a quelli argentati in alpacca riescono a tenere di piu' il suono quando spingi per suonare piu' forte . Vibrano piu' facilmente e hanno caratteristiche migliori in tutto . Personalmente mi piacciono i muramatsu e il brannen argento con i caminetti saldati . Li preferisco anche a quelli in oro . Quelli in oro hanno un suono piu' fisso e che si apre di meno quando spingi . Secondo me, l'oro viene preferito per una questione di prestigio e non per quello che realmente riesce a dare rispetto all'argento . Un flauto in oro ha un costo da 17000 fino a 50-70000 euro . Un ottimo flauto in argento non ha niente di meno rispetto a uno in oro. I cuscinetti fanno la differenza , se di ottima qualita' sono piu' stabili e chiudono con pochissima pressione. Tra i migliori ci sono gli straubirger . Li ho montati su un muramatsu in oro e devo dire che dopo 2 anni non li ho ritoccati per niente. Il meccanismo del loro funzionamento è semplice e efficace. Le vesciche sono montate in sospensione come le pelli di un tamburo. In pratica le vesciche si adagiano sul caminetto e solo dopo incontrano la parte solida che è costituita da una materiale morbido . Sono migliori, secondo me, anche dei cuscinetti originali della muramatsu, che ricopiano lo stesso principio. Se non vuoi spendere molto puoi puntare al muramatsu da studio , un ds o un sr puo' essere anche il flauto definitivo. Il suono di un flautista dipende al 90% , se non di piu', dal flautista. Quando provo i flauti in oro o in argento di classe alta , il mio suono rimane piu' o meno lo stesso . Sento solo delle piccole differenze . Se confronto un flauto in alpacca con uno di fascia alta , le differenze aumentano : meccanica migliore , suono piu' definito -forte - pronto. A.
  12. C'è molta differenza tra flauto in argento e uno argentato . I flauti in argento sono in genere migliori come suono e meccanica . I cuscinetti in pelle sul flauto non vengono piu' utilizzati. Vengono utilizzati i cuscinetti in vescica perchè piu' adatti al caminetti del flauto . Quelli in pelle vengono utilizzati sui sassofoni che hanno i caminetti spianati e e piu' taglienti . A.
  13. Condivido in pieno la tua analisi sulla proiezione. Per poterci capire tra noi flautisti , dovremmo usare dei termini e delle unita' di misura che conosciamo tutti e che siano facilmente verificabili in ogni parte e luogo del mondo . La proiezione secondo me , semplificando alcuni significati , determina confusione . Se chiedessimo a 10 flautisti cos'è la proiezione credo che ci risponderebbero con 10 descrizione diverse . Ho letto in altri tread di flauti e testate miracolose. Personalmente penso che viene prima il flautista e poi il flauto. Come dimostra Galway nel video della prova di 20 flauti, quello che conta è chi suona. Di sicuro pero' un flauto professionale è piu' affidabile e performante di uno da studio per ragioni tecniche costruttive, come una testata o un'altro ritrovato possono aiutare un flautista nell'emissione. Ma non si diventa Galway con il flauto usato da Galway . Antonio
  14. Appunto come dice lei . Il suo giudizio lo rispetto ... che dice, ho diritto di difesa ? Sono un'utente del forum da piu' tempo di lei e non mi sono iscritto per pubblicizzare il mio prodotto . Vada a rileggersi il tread e lo scoprira' . Il resocap lo creato dopo per mie esigenze . Il suo non è un giudizio di parte . Il mio potrebbe essere di parte : infatti non ho espresso giudizi ma ho riportato le tetimonianze di flautisti. Le da fastidio? Come lei ha diritto di esprimere giudizi , anche io ho diritto di replica . Lei puo'replicare quanto vuole e uguale vale anche per me. Nessuno lo vieta. Lei cosa sta facendo divulgazione culturale ? Si ricordi che anche nel vecchio tread ha tentato la stessa cosa ed è stato smentito da altri flautisti. A questo punto mi viene da pensare che lo faccia apposta . Personalmente non tacito nessuno . Non ho questi poteri . Infatti lei ha risposto liberamente . Non si preoccupi del forum perchè siamo in 4 di numero ed è diventato come al bar dello sport : ognuno le spare come vuole senza avere ne conoscenze e ne competenze. Di tubi modestamente ne capisco abbastanza perchè riparo tubi forati dall'epoca del conservatorio , e non sono abituato a parlare per sentito dire o visto ma per conoscenza personale . Quando non conosco un'argomento, ascolto per imparare perchè in questo caso meno parli e meno sbagli. Antonio
  15. Ciao Paolo , non scrivo per fare il saputello ma per chiarire alcuni concetti. Sono modesto di carattere . Se qualcuno mi dimostra il contrario in modo scientifico lo accetto . Non accetto i pregiudizi e le leggende e sopratutto questi termini usati da flautisti . Se monti il reso-cap non cambia assolutamente il timbro o suono , perchè il flauto rimane lo stesso , con tutti i suoi pregi o difetti originali . Magari un tappo potrebbe risolvere tutti i problemi di suono ed emissione. Tornando ai termini ..... E chi l'ha detto che si svuota ? Cosè un suono vuoto ? Cosè un suono pieno ? Qual'è l'unità di misura del suono vuoto o pieno . Se voglio misurare la distanza uso il metro. Il metro è un unità di misura per tutti. Per misurare il suono pieno e vuoto cosa uso ? Io sono anche un tecnico è sono abituato a ragionare per logica . Non lo dico per polemica ma se qualcuno mi puo' spiegare cos'è questo suono vuoto o cos'è la proiezione ....... continuando..... Questo fenomeno del suono che si apre a 50 metri , o a 30 metri , a 20 è pura fantasia degli uffici pubblicitari delle case produttrici. Credo che questo modo di pubblicizzare i flauti funzioni bene perchè cè gente che ci crede. Il flauto ha una emissione omnidirezionale e non esiste nessun flauto che ha un'emissione a 50 metri con la stessa intensità di 2 metri . Come non esiste nessun flauto che apre il suono alla distanza desiderata. La pressione sonora diminuisce (o meglio si dimezza, precisamente si abbassa di 3db ) con il quadrato della distanza . Il timbro non cambia con la distanza perchè le armoniche emesse sono quelle . Il timbro dipende principalmente da chi suona . Il flauto professionale ha in piu' rispetto ad uno da studio, materiali piu' costosi , meccanismi di precisione , rifiniture e messa a punto precisissime. Riparo flauti costosissimi e flauti da 50 euro e quando li provo il mio suono rimane quasi uguale. Quel ''quasi'' naturalmente ha moltissime sfumature. Il professionista naturalmente vuole il massimo e compra il flauto piu' costoso, ma ti assicuro che la qualita' non è assolutamente proporzionale al costo. Un flauto da 50000 euro non fa miracoli nemmeno con Galway ( a lui glieli danno gratis) Che le case continuano a mettere il sughero è semplicemente una loro scelta. Non per forza quella giusta. Stiamo parlando sempre e solo di un tappo ... non esageriamo..... Antonio