Vai al contenuto

giobar

Members
  • Numero contenuti

    5320
  • Iscritto

  • Ultima visita

Tutti i contenuti di giobar

  1. Cosa state ascoltando ? Anno 2017

    Se si prescinde dal fattore "tradizione" (= orchestre ultracentenarie o giù di lì), il discorso si fa molto variegato, perché oggi è facile trovare ottime compagini anche di recente formazione o in contesti provinciali, soprattutto se si bada alla specializzazione in determinati repertori. Basti pensare alle grandi orchestre radiofoniche tedesche, a quelle della BBC, alla stessa OSN-Rai o alla gloria di cui si sono ricoperte, per periodi non brevi, le orchestre di Tolosa, di Birmingham, di Bournemouth, di Bamberg... Quei concerti di Prokofiev mi incuriosiscono assai, anche perché mesi fa ho visto Mustonen in concerto alle prese con la settima sonata di Prokofiev e il giudizio si può riassumere in un solo aggettivo: geniale.
  2. Cosa state ascoltando ? Anno 2017

    Se il discorso si limita alle orchestre "storiche", bisognerebbe aggiungere almeno la Gewandhaus di Lipsia e la Filarmonica Ceca, tuttora importanti e con una enorme tradizione. Poi, se nell'Europa includiamo anche la Russia, non si può ignorare la Filarmonica di San Pietroburgo (ex Leningrado).
  3. Necrologi

    In attesa che qualche moderatore dia le notizie (già chieste da qualche giorno) sulla totale e improvvisa scomparsa del topic sui necrologi, ne apro uno nuovo, che eventualmente potrà essere fuso col vecchio qualora fosse recuperato. In questi giorni sono morti il famoso soprano americano Roberta Peters e il compositore estone Veljo Tormis.
  4. Ricerca del nome musica violino/pianoforte

    Forse non sai quanto è vasto il repertorio per violino e pianoforte. E' come cercare un ago in un pagliaio. Sparo una cartuccia alla cieca: Maurice Ravel, Tzigane. In molti punti, effettivamente, è lenta, predomina il violino e le note del pianoforte sono davvero poche.
  5. Cosa state ascoltando ? Anno 2017

    Piotr Ilic CIAIKOVSKY Quartetto per archi n. 1 in re maggiore op. 11 Quartetto Keller Bellissima questa interpretazione dei Keller, che fanno del pudore espressivo la loro cifra stilistica in un'opera che invece permetterebbe smancerie plateali (come avviene in molte esecuzioni, soprattutto di complessi russi). In questo modo la musica parla in modo intimo e asciutto e rivela dettagli che approcci più passionali e chiassosi nascondono o lasciano sullo sfondo.
  6. Necrologi

    E' morto a 87 anni di età il grande organista francese Michel Chapuis.
  7. Il vostro prossimo acquisto musicale

    Con quegli esempi di interpreti poco zuccherose volevo solo far capire che cosa intendevo e mi sembra che si sia capito... Curiosità tecnica: ma la Antonacci non ha una voce che le consente anche ruoli sopranili? Ignoro peraltro se, tecnicamente, potrebbe affrontare il ruolo di Minnie...
  8. Cosa state ascoltando ? Anno 2017

    In genere non faccio dediche, ma se non lo conosci già, ti posso consigliare questo gustosissimo doppio cd con vecchie ma assai pregevoli incisioni Vox: uno spasso! Il contenuto dettagliato lo trovi qua: https://www.discogs.com/Louis-Moreau-Gottschalk-Eugene-ListVienna-State-Opera-OrchestraBerlin-Symphony-Orchestra-Igor-Buketo/release/7963630
  9. Il vostro prossimo acquisto musicale

    Ma è la Tebaldi o Tony Curtis in una sequenza tagliata di A qualcuno piace caldo ? Quanto alla Steber, ribadisco che le mie perplessità sono minuzie rispetto a una prestazione che comunque riconosco maiuscola. Però, mentre Del Monaco e gli altri interpreti minori riescono, a mio avviso, a dare un'idea credibile di un contesto rude e senza fronzoli, in cui si inquadra perfettamente anche la stessa storia di passione tra Minnie e Mister Johnson, certe svenevolezze, i portamenti, l'espressione un po' chioccia della Steber mi sembrano un po' fuori luogo: non dimentichiamo che Minnie è quella che riesce a imporre lezioni di lettura e catechismo ai minatori e custodisce il loro tesoro. E ciò non in forza di sdolcinatezze e carinerie campagnole stile Holly Hobbie, ma di un'autorevolezza e di una forza morale che le permettono di fronteggiare, pur essendo lei una donna sola, quel contesto così peculiaree di fare una scelta così di frontiera come quella di iniziare, andando verso l'ignoto, una storia d'amore con un bandito . Premesso che la mia ignoranza in tema di vocalità e di cantanti d'opera mi può far dire corbellerie, per dare un'idea del tipo di approccio più disincantato e "maschio" che potrebbe ricevere il personaggio mi vengono in mente (senza sapere se sia un ruolo adatto alla loro vocalità) cantanti come la Antonacci o la Hannigan. Ecco, ho detto la sciocchezza della domenica
  10. Cosa state ascoltando ? Anno 2017

    Louis Moreau GOTTSCHALK Variazioni sull'inno nazionale portoghese per pianoforte e orchestra Eugene List, pianoforte Orchestra dell'Opera di Stato di Vienna Igor Buketoff
  11. Il vostro prossimo acquisto musicale

    Cd arrivati e ascoltati subito in forza della grande curiosità. Davvero un'esecuzione formidabile e trascinante: avevo un impegno ma l'ho rinviato volentieri per finire l'ascolto. Mitropoulos qui è incredibile ed è un peccato che la registrazione sia un po' precaria e soprattutto poco trasparente. Mi è piaciuto moltissimo anche Del Monaco, mentre la Steber, pur bravissima e cento volte meglio del soprano ululante che ho sentito due settimane fa, mi ha lasciato un po' il retrogusto (che non apprezzo molto) della cantante d'antan con vezzi che oggi si usano di meno e che, soprattutto, mi paiono poco coerenti con la parte. Ma sono minuzie rispetto a un'incisione che giustamente è ritenuta fondamentale. E con questo ascolto di Mitropoulos, la Fanculla del west vola ancora più in alto nel mio gradimento rispetto alla restante produzione pucciniana.
  12. Cosa state ascoltando ? Anno 2017

    Johann Friedrich FASCH Sei sonate per due oboi, fagotto e (quattro volte su sei) basso continuo Burkhard Glaetzner e Ingo Goritzki, oboe Thomas Reinhardt, fagotto Siegfried Pank, viola da gamba - Achim Beyer, violone Christine Schornsheim, clavicembalo
  13. Cosa state ascoltando ? Anno 2017

    Louis Moreau GOTTSCHALK Sinfonia n. 1 "La notte dei tropici" Orchestra dell'Opera di stato di Vienna Igor Buketoff
  14. Cosa state ascoltando ? Anno 2017

    Beat FURRER Concerto per pianoforte e orchestra Nicolas Hodges, pianoforte WDR Sinfonieorchester Koln Peter Rundel
  15. Notizie dal mondo della musica classica

    Boh, fatto sta che il numero di quelli che intervengono e non si limitano a inserire un link a youtube si è piuttosto ridotto. Per me l'interesse è ancora immutato e ho piacere a dire la mia e a leggere gli interventi altrui, anche perché non conosco in rete luoghi discussione (in italiano) altrettanto validi e immuni da interferenze di troll e di OT a valanga. Ma è certo che lo spazio di discussione e di confronto si è assai impoverito.
  16. Notizie dal mondo della musica classica

    Sì, e me ne dispiace.
  17. Le copertine più brutte

    Vedo che i pezzi per violocello di Kapustin stimolano una fantasia malata...
  18. Le copertine più brutte

    No. Cagliari, piazza San Domenico. Gli interpreti sono cagliaritani (Witt d'adozione, è primo violoncello dell'orchestra locale).
  19. Le Nozze di Figaro: ottant'anni di storia in disco

    Bravo! Come al solito, fai venir voglia di ascoltare i dischi di cui parli bene. Quanto all'interprete di Cherubino, la stessa copertina che hai inserito dice Elena (e non N.) Alexandriyskaya. Lo stesso nome si vede (malino ma si vede) sul retro di copertina che c'è su jpc: Su youtube si trova una registrazione del 1946 del Convitato di Pietra di Dargomitsky, direttore Orlov, con il cast quasi uguale a queste Nozze, compresa la nostra Alexandriyskaya. Effettivamente, però, cercando un po' in rete, ci son tracce anche di una Nina Alexandriyskaya (soprano), che incise anche dei duetti con il grande Lemeshev.
  20. Notizie dal mondo della musica classica

    La premessa era che la cosa singolare è, per me, la natura collettiva di quest'allergia. Ognuno ha le sue allergie, e ci sta. Mi stupiva invece questo convergere su un autore che, comunque, è ritenuto importante (della serie: non stiamo parlando di Einaudi...). Per la precisione, poi, Rossini me gusta muchissimo. Sono Bellini e Donizetti a farmi cascare gli zebedei al piano di sotto...
  21. Notizie dal mondo della musica classica

    Concordo in pieno. Quella in cd fa il paio con la fiacchissima Ottava incisa sempre con i Berliner per la Sony, quasi irritante per come è tirata via per dovere contrattuale. Bellissima invece quella in video.
  22. Notizie dal mondo della musica classica

    Francamente non riesco a capire questa presa di distanze corale, per non dire ostilità, rispetto a Janacek da parte di ascoltatori onnivori. Poi, è ovvio, i gusti sono gusti e anche io, pur reputandomi onnivoro, ho le mie allergie. Ma proprio in Janacek trovo una ricchezza di prospettive, una forza drammatica, una originalità di linguaggio, una varietà di toni, anche un'abilità drammaturgica (per restare sulle opere liriche) che lo pongono sui più alti gradini del mio personale podio. La difficoltà della lingua? Me ne frego altamente e forse è meglio così. Probabilmente Verdi e Bellini mi piacerebbero un po' di più se fossero cantati in turkmeno e non si capissero le scemenze dei libretti. Adoro Wagner e sono felice di conoscere così poco il tedesco da non capire esattamente certi "voli poetici" del musicista "faccio-tutto-io". Certo, probabilmente mi perdo quanche dettaglio importante dato dal rapporto testo-musica, ma quando la musica e la presa drammaturgica sono così forti e avviluppanti come in Wagner, in Mussorgsky, in Rimsky-Korsakov, in Weber, in...Janacek, mi è sufficiente anche una traduzione di Google o una sintesi dettagliata per farmi catturare. Non pretendo né posso pretendere che per altri sia lo stesso e capisco le ragioni di chi, senza una comprensione esatta della lingua, si sente un po' perso: Fabio Luisi dice che il Boris Godunov è fra le sue opere preferite ma non potrà mai dirigerla perché ha difficoltà col russo. Ma il mio approccio è diverso. A Wittelsbach consiglio di procurarsi qualche edizione di Janacek in lingue occidentali: per esempio, era una fissa di Kubelik dirigerlo nella lingua del posto in cui veniva rappresentato e dovrebbero trovarsi delle registrazioni di una o più opere in inglese.
  23. Notizie dal mondo della musica classica

    Le vostre curiosità sono anche le mie. Credo che si debba soltanto aspettare che qualche anima pia metta in rete il contenuto dell'articolo della rivista a stampa, dove probabilmente sono svelati molti arcani
  24. Cosa state ascoltando ? Anno 2017

    Richard WAGNER Der fliegende Hollander Hans Hotter - Astrid Varnay - Set Svanholm Coro e Orchestra del Metropolitan Opera Fritz Reiner registrazione del 30.12.1950
  25. Notizie dal mondo della musica classica

    Nulla da obiettare sulle tue precisazioni. Ma sebbene Monteverdi sia sdoganato da decenni, mi sembra sosprendente che L'incoronazione di Poppea abbia preso molti più voti di Carmen, Rigoletto o Madama Butterfly da parte di quegli stessi cantanti che campano proprio su rappresentazioni di Carmen ecc. in stile 3x2 e che Monteverdi l'hanno visto solo col binocolo o l'hanno soltanto sentito nominare al conservatorio. Non so, peraltro, in che misura la platea degli elettori fosse composta anche da cantanti specialisti di particolari repertori (barocco, contemporanea...). Quanto al Wozzeck, anch'esso è sdoganato da anni, ha sempre attirato grandi cantanti, almeno nei ruoli principali, e in teatro ha una formidabile presa emozionale sul pubblico, capisco quindi che riscuota ampia stima fra i cantanti.
×