Vai al contenuto

giobar

Members
  • Numero contenuti

    5324
  • Iscritto

  • Ultima visita

Visite recenti

2137 visite nel profilo
  1. Cosa state ascoltando ? Anno 2017

    Witold LUTOSLAWSKI Musica funebre per archi Orchestra sinfonica della radio nazionale polacca Antoni Wit
  2. Cosa state ascoltando ? Anno 2017

    Georg Philipp TELEMANN Cinque concerti per oboe, archi e basso continuo TWV 51 Heinz Holliger, oboe Academy of St. Martin in the Fields Iona Brown
  3. Anton Bruckner

    Opperbacco!!! Pane per i denti di @Majakovskij
  4. Cosa state ascoltando ? Anno 2017

    Sembrerebbe un enorme minestrone in cui si mischia serissima musica contemporanea (come la Saariaho o Wuorinen) con canti natalizi eseguiti dai cori dell'abbazia di Westminster e del Bayerischen Rundfunks, con recital barocchi (Mameli-Pianca), con i pasticci di Max Richter, col recital pianistico dell'ex leader degli Abba (!), con un boxone dedicato a Solti e con altre uscite (anche serie e importanti) la cui natura contemporanea sembra derivante solo dal fatto che sono dischi messi in vendita proprio in questi giorni
  5. Cosa state ascoltando ? Anno 2017

    Se si prescinde dal fattore "tradizione" (= orchestre ultracentenarie o giù di lì), il discorso si fa molto variegato, perché oggi è facile trovare ottime compagini anche di recente formazione o in contesti provinciali, soprattutto se si bada alla specializzazione in determinati repertori. Basti pensare alle grandi orchestre radiofoniche tedesche, a quelle della BBC, alla stessa OSN-Rai o alla gloria di cui si sono ricoperte, per periodi non brevi, le orchestre di Tolosa, di Birmingham, di Bournemouth, di Bamberg... Quei concerti di Prokofiev mi incuriosiscono assai, anche perché mesi fa ho visto Mustonen in concerto alle prese con la settima sonata di Prokofiev e il giudizio si può riassumere in un solo aggettivo: geniale.
  6. Cosa state ascoltando ? Anno 2017

    Se il discorso si limita alle orchestre "storiche", bisognerebbe aggiungere almeno la Gewandhaus di Lipsia e la Filarmonica Ceca, tuttora importanti e con una enorme tradizione. Poi, se nell'Europa includiamo anche la Russia, non si può ignorare la Filarmonica di San Pietroburgo (ex Leningrado).
  7. Ricerca del nome musica violino/pianoforte

    Forse non sai quanto è vasto il repertorio per violino e pianoforte. E' come cercare un ago in un pagliaio. Sparo una cartuccia alla cieca: Maurice Ravel, Tzigane. In molti punti, effettivamente, è lenta, predomina il violino e le note del pianoforte sono davvero poche.
  8. Cosa state ascoltando ? Anno 2017

    Piotr Ilic CIAIKOVSKY Quartetto per archi n. 1 in re maggiore op. 11 Quartetto Keller Bellissima questa interpretazione dei Keller, che fanno del pudore espressivo la loro cifra stilistica in un'opera che invece permetterebbe smancerie plateali (come avviene in molte esecuzioni, soprattutto di complessi russi). In questo modo la musica parla in modo intimo e asciutto e rivela dettagli che approcci più passionali e chiassosi nascondono o lasciano sullo sfondo.
  9. Necrologi

    E' morto a 87 anni di età il grande organista francese Michel Chapuis.
  10. Il vostro prossimo acquisto musicale

    Con quegli esempi di interpreti poco zuccherose volevo solo far capire che cosa intendevo e mi sembra che si sia capito... Curiosità tecnica: ma la Antonacci non ha una voce che le consente anche ruoli sopranili? Ignoro peraltro se, tecnicamente, potrebbe affrontare il ruolo di Minnie...
  11. Cosa state ascoltando ? Anno 2017

    In genere non faccio dediche, ma se non lo conosci già, ti posso consigliare questo gustosissimo doppio cd con vecchie ma assai pregevoli incisioni Vox: uno spasso! Il contenuto dettagliato lo trovi qua: https://www.discogs.com/Louis-Moreau-Gottschalk-Eugene-ListVienna-State-Opera-OrchestraBerlin-Symphony-Orchestra-Igor-Buketo/release/7963630
  12. Il vostro prossimo acquisto musicale

    Ma è la Tebaldi o Tony Curtis in una sequenza tagliata di A qualcuno piace caldo ? Quanto alla Steber, ribadisco che le mie perplessità sono minuzie rispetto a una prestazione che comunque riconosco maiuscola. Però, mentre Del Monaco e gli altri interpreti minori riescono, a mio avviso, a dare un'idea credibile di un contesto rude e senza fronzoli, in cui si inquadra perfettamente anche la stessa storia di passione tra Minnie e Mister Johnson, certe svenevolezze, i portamenti, l'espressione un po' chioccia della Steber mi sembrano un po' fuori luogo: non dimentichiamo che Minnie è quella che riesce a imporre lezioni di lettura e catechismo ai minatori e custodisce il loro tesoro. E ciò non in forza di sdolcinatezze e carinerie campagnole stile Holly Hobbie, ma di un'autorevolezza e di una forza morale che le permettono di fronteggiare, pur essendo lei una donna sola, quel contesto così peculiaree di fare una scelta così di frontiera come quella di iniziare, andando verso l'ignoto, una storia d'amore con un bandito . Premesso che la mia ignoranza in tema di vocalità e di cantanti d'opera mi può far dire corbellerie, per dare un'idea del tipo di approccio più disincantato e "maschio" che potrebbe ricevere il personaggio mi vengono in mente (senza sapere se sia un ruolo adatto alla loro vocalità) cantanti come la Antonacci o la Hannigan. Ecco, ho detto la sciocchezza della domenica
  13. Cosa state ascoltando ? Anno 2017

    Louis Moreau GOTTSCHALK Variazioni sull'inno nazionale portoghese per pianoforte e orchestra Eugene List, pianoforte Orchestra dell'Opera di Stato di Vienna Igor Buketoff
  14. Il vostro prossimo acquisto musicale

    Cd arrivati e ascoltati subito in forza della grande curiosità. Davvero un'esecuzione formidabile e trascinante: avevo un impegno ma l'ho rinviato volentieri per finire l'ascolto. Mitropoulos qui è incredibile ed è un peccato che la registrazione sia un po' precaria e soprattutto poco trasparente. Mi è piaciuto moltissimo anche Del Monaco, mentre la Steber, pur bravissima e cento volte meglio del soprano ululante che ho sentito due settimane fa, mi ha lasciato un po' il retrogusto (che non apprezzo molto) della cantante d'antan con vezzi che oggi si usano di meno e che, soprattutto, mi paiono poco coerenti con la parte. Ma sono minuzie rispetto a un'incisione che giustamente è ritenuta fondamentale. E con questo ascolto di Mitropoulos, la Fanculla del west vola ancora più in alto nel mio gradimento rispetto alla restante produzione pucciniana.
  15. Cosa state ascoltando ? Anno 2017

    Johann Friedrich FASCH Sei sonate per due oboi, fagotto e (quattro volte su sei) basso continuo Burkhard Glaetzner e Ingo Goritzki, oboe Thomas Reinhardt, fagotto Siegfried Pank, viola da gamba - Achim Beyer, violone Christine Schornsheim, clavicembalo
×