Vai al contenuto

Mozart90

Members
  • Numero contenuti

    30
  • Iscritto

  • Ultima visita

Su Mozart90

  • Rank
    Nessuno (per adesso)

Visite recenti

387 visite nel profilo
  1. Ciao a tutti!! Ho intenzione di fare l'ammissione al conservatorio per l'anno 2018/2019, ma sono un po' indecisa se andare a Vicenza o a Castelfranco e soprattutto mi piacere capire bene come si svolgono i corsi. Vorrei entrare con violino, ma ho 27 anni e tra l'altro non lo suono da tantissimo, sono ai primi studi del Mazas quindi sicuramente all'accademico non riesco ad entrarci, ma il mio problema principale è che io alla mattina lavoro. So che le lezioni individuali eventualmente si posso spostare perché ci si può accordare con l'insegnante, la mia perplessità sono i corsi collettivi, hanno l'obbligo di frequenza? Se si, ci sono più lezioni a settimana?.. per esempio: al lunedì alle 10,00 c'è storia, però c'è anche il mercoledì alle 16,00... quindi ovviamente io andrei a frequentare quella delle 16,00... Non so se mi spiego... E' fattibile il mio ragionamento, o è impossibile da realizzare e devo per forza lasciare il lavoro?
  2. Liutaio o commerciale... Bambino 7 anni

    Ciao! Ti do un parere personale.. Per quanto mi riguarda ci sono vari fattori da valutare... 1) Il tuo ragionamento di " non regalare un maserati a un ragazzo neo patentato" sotto un certo punto di vista non è sbagliato e lo condivido, ma secondo me è da capire anche quanto il bambino è preso nello studio dello strumento. Mi spiego meglio... Se il bambino a casa vedi che studia, che è portato e si applica... ha un senso prendere uno strumento di un certo tipo che gli permetta di crescere, ma se prende in mano lo strumento solo a lezione col maestro (come ho visto fare spesso con i bambini) un violino da 2000euro non ha assolutamente senso. 2) Se sta suonando con un violino cinese da 100/150 euro è chiaro che l'insegnante ha dei limiti nell'insegnamento perché lo strumento non risponde come dovrebbe. Quello che mi fa un po' strano è che il maestro si impunti su un determinato liutaio e su un determinato strumento. Le cose sono due... o Il violino è realmente un affarone, oppure il maestro ha degli accordi con quel liutaio... (qui non mi permetto di dire nulla perché bisognerebbe vedere e provare lo strumento, ma in ogni caso un violino con una misura inferiore ai 4/4 come diceva psyco stef fai fatica a rivenderlo). Poi ci sarebbe un discorso da fare su come vengono quotati i violini. Ho notato che tra gli studenti, va di "moda" comprarsi il violino nuovo di fabbrica che costa 300/500euro... ma con questi soldi, si trovano dei violini più che dignitosi che sono considerati "vecchi".. che non hanno né nome, né famiglia... ma suonano e rispondono come strumenti che in negozio ti vendono a 1500 euro. Il motivo è semplice... quello che noi oggi definiamo violino di fabbrica, non è lo stesso di un violino di fabbrica del 1900 perché la "fabbrica" era composta dai garzoni di bottega dei liutai, mentre oggi questi strumenti vengono costruiti dalle macchine. io per esempio ho due strumenti.. quello principale dei primi dell'800 che era di un orchestrale della Rai, bel suono, morbido, omogeneo, ecc... pagato 1500 euro e un'altro che tengo di scorta, pagato 370 euro.. io ti dico solo che, messi alla pari (suonati da professionisti) con altri strumenti dello stesso prezzo e di fabbrica attuale... sono tutt'altro pianeta. E' chiaro che con queste modalità un violino pagato 400 euro lo utilizzi anni... Ci fai tranquillamente il diploma. Naturalmente se affronti una ricerca di questo tipo, come ho fatto io, devi avere un violinista che viene a provarti lo strumento (un amico, un parente... purché abbia degli studi alle spalle e sappia capire se lo strumento è agevola o meno le questioni tecniche...)
  3. CRISI NERA

    Ti capisco molto bene... Anche io ho cominciato a suonare tardi! In un certo senso sei anche fortuna che il papà suona, a casa mia la musica non è mai esistita... al massimo la radio in macchina! Sono sempre stata portata per la musica, ma diciamo che nessuno se né mai accorto e quando ho voluto io entrare al conservatorio mi è stato praticamente vietato.... fai tu.. farò l'ammissione l'anno prossimo. Ho cominciato a suonare da zero 4 anni fa, ora ho 28 anni.. (...tieni presente poi che ho famiglia e sto pure frequentando un corso serale superiore, grazie a Dio sono all'ultimo anno... quindi gli ultimi 2 anni non sono neanche da contare......... avrò toccato il violino 2 volte a settimana se son tante..) Cerco di passarci sopra, focalizzandomi sullo studio, su come poter migliorare sempre... ma non ti nascondo che ci penso spessa a questa cosa, anche perché ho avuto delle pessime esperienze con insegnanti che sono abituati ad avere per le mani bambini di 7/8 anni che magari hanno lo strumento in mano già da 3/4 anni (quindi non tanto distanti dal mio livello....) oppure in orchestra.... dove gli orchestrali pensano che sia già diplomata da anni e se non mi viene un passaggio fanno delle facce come se fossi rimbambita........... e invece mi manca solo lo studio. Queste cose sono demotivanti.... ma ho la testa dura e soprattutto sono convinta!!
  4. Ciao a tutti!!! ... Sto cercando delle parti per violino e pianoforte della colonna sonora di Harry Potter (tutti i brani), qualcuno sa dove posso scaricarle gratuitamente? Grazie infinite!!
  5. Help me..! Cosa suono?

    Va bè... è saltato il concerto.. però i suggerimenti li accetto volentieri per una prossima volta.. Sono arrivata alla quarta..
  6. Help me..! Cosa suono?

    Ciao a tutti!! Tra due mesi (un po' meno) devo suonare ad un concerto, e sto cercando brani in trio (due violini e una viola) che sia come livello un 3°/4° anno (di violino). Suggerimenti?
  7. Affitto Pianoforte - dubbi e curiosità

    Ciao a tutti!! Tra breve cambierò casa e mi trasferirò in un posto più grande, quindi volevo ridare il pianoforte che ho attualmente a noleggio (un verticale) e sostituirlo con un mezza coda. Qualcuno sa dirmi i prezzi mensili per un mezza coda, e magari qualche negozio conveniente in zona Mestre VE? Grazie a tutti per l'aiuto!!
  8. Tensioni crini dell'arco

    Interessante questa discussione.... Io penso che la tensione dei crini sia una scelta che dipenda sia dal repertorio che dal tipo di suono che ognuno vuole ottenere dallo strumento. Poi, come dice anche stargazer dipende molto dal violino e dall'archetto. Io personalmente non amo molto il suono eccessivamente scavato e tenuto, tendo a ricercare un suono che sia sì preciso, ma molto morbido, diciamo che mi piace sentire il peso dell'arco fine a se stesso. Non tendo molto i crini, sono della filosofia i classici "tre giri di vite"... C'è da considerare che in teoria ad ogni repertorio andrebbe il suo arco e il suo violino.... Poi, chiaro che se si ha la necessità di far rimbalzare l'arco e si ha un'archetto che non ha una risposta immediata, per forza di cose è necessario tendere i crini. Qui però ci sarebbero altri discorsi da fare, soprattutto sulla scelta dell'archetto, che sembra una cosa immediata (o viene resa tale), ma non lo è. A parer mio non tutti gli archetti vanno bene per tutti... considerando che di fatto si tratta di una leva, è importante capire se il fulcro del bilanciamento dell'arco và d'accordo col peso che ognuno pone nello stesso... insomma, penso ci siano molte cose da valutare..
  9. Manuale per storia della musica

    Ciao a tutti!! Mi chiedevo se qualcuno di voi poteva consigliarmi un buon libro di storia della musica. Io ho acquistato tempo fa "Nuova storia della musica" si Riccardo Allorto, ma lo trovo un pochino generico, non so se mi spiego.. Ci sono le varie fasi della storia della musica, ma alcune cose sono proprio accennate. Sto cercando un libro in cui si parli sicuramente dei progressi musicali, ma che affronti anche i compositori (la loro vita, il loro modo di vivere e percepire le cose, le loro opere, ecc) che hanno permesso i cambiamenti, o almeno hanno collaborato. Qualcuno può aiutarmi?
  10. ... il fatto è che ho già 26 anni, e vorrei cercare di ridurre il più possibile gli anni, altrimenti esco a 40!!
  11. S.o.s arco!?!

    Ciao a tutti!! E' la prima volta che entro nella sezione violoncelli perchè di solito bazzico tra i violinisti!! Io sto studiando violino da qualche anno, ma sono molto affascinata dal violoncello, soprattutto sono innamorata del timbro scuro. A natale mi è stato regalato uno strumento non di altissima qualità, ma da studio e non so perchè ma faccio veramente fatica ad usare l'arco. Il peso sulle corde lo metto, ma ho l'impressione che uso in modo scorretto le dita e il polso, in quanto dopo 10 minuti mi fa male sia l'interno della mano, sia il polso stesso. ...Sono al corrente del fatto che l'uso dell'arco del violoncello e del violino sono molto diversi, ma mi chiedevo se qualcuno di voi poteva darmi qualche consiglio, giusto per non prendermi una tendinite... Purtroppo attualmente non ho assolutamente tempo di prendere lezioni, anche se in futuro sono previste... Cosa mi consigliate?!
  12. Consiglio violino per autodidatta

    Ciao!! Io ho iniziato da sola a suonare il violino e ho cominciato con un cinesissimo da 50euro.. più che altro ero solo curiosa e volevo provare. Se uno è particolarmente portato ci può riuscire a suonarlo, ovvio l'impostazione è scorretta e non c'è nulla di a posto tecnicamente parlando, però se ti interessa "giocare" ce la puoi fare, specie se studi già pianoforte. Io poi mi sono appassionata e ho cominciato a prendere lezioni, però, ricordo che il mio insegnante mi ha fatto saltare tutta la prima parte di studio che si fa abitualmente appunto perchè un gran lavoro lo avevo già fatto da sola.... Per il violino, io ti consiglio di cominciare con uno strumento che costi poco.. magari scopri che non ti piace e non ti senti a tuo agio con lo strumento.
  13. Succede anche a voi?

    di avere a volte i linfonodi ingrossati sul collo (ovviamente parte sinistra)??
  14. Primo Violino

    E' difficile.. molto. Il fatto è che bisogna stare attenti perchè spesso i violini che costano poco non ti permettono di imparare e migliorare. E' difficile sistemare il suono se lo strumento non ti fa sentire quando sbagli e quando stai facendo correttamente, ma questo un po' in tutti gli strumenti, basta pensare anche al pianoforte. C'è una differenza abissale di controllo delle mani tra un pianoforte e una tastiera (anche se con tasti pesati). Un conto è scegliere uno strumento perchè a livello timbrico è interessante, un conto è valutare tecnicamente se è idoneo per poter imparare, se risponde alle azioni.. stessa cosa per l'arco.
  15. Didattica del violino

    Dice che ho i muscoli all'interno della mano che non sono sufficientemente sviluppati.. che sostanzialmente è questione di tempo e dovrei tenere il gomito più in fuori... Io ci provo.. però la trovo una cosa molto "faticosa" fisicamente. Di carattere sono tendenzialmente "timida", quindi tendo ad avere posture di chiusura e il fisico si muove di conseguenza e non aiuta molto.
×