Vai al contenuto

GiovanniCazzin

Members
  • Numero contenuti

    28
  • Iscritto

  • Ultima visita

Su GiovanniCazzin

  • Rank
    Nessuno (per adesso)
  1. Nuovi orizzonti: i compositori di oggi

    Un compositore cinese (classe '55) che ha studiato con Ligeti. Speravo ne sapeste qualcosa voi ; mi hanno chiesto di suonare un suo brano per chitarra (a quanto pare non ancora suonato, anche se scritto nel '97) in occasione di un suo seminario nel conservatorio in cui studio. https://www.youtube.com/watch?v=rpQA2b2L8x8 questa è una delle poche composizioni che sono riuscito a trovare
  2. Cosa state ascoltando ? Anno 2015

    gran chitarrista!
  3. Cosa state ascoltando ? Anno 2015

    Fu ben felice il giorno, mio ben, che pria ti vidi, e più felice l'ora che per te sospirai, perch'al mio sospirar tu sospirasti
  4. Nuovi orizzonti: i compositori di oggi

    Tornando in topic, qualcuno conosce il compositore cinese xiaoyong chen?
  5. Nuovi orizzonti: i compositori di oggi

    Per la questione dei POF sono d'accordo anche se, purtroppo, mi trovo a confrontarmi con gente che studia in conservatorio solo per tempo libero (magari affiancando gli studi musicali a quelli universitari) e conosce solo quello che suona, il che porta a non conoscere neanche le basi della letteratura o altro. Ho sentito gente in sede d'esame di storia della musica dire: "Beethoven scrisse due sinfonie: la quinta e la nona" "Le nozze di figaro sono di Bellini" "il sistema neumatico era l'unico sistema di scrittura adottato dai Greci". Il problema è che molta gente "studia" a tempo perso, o non studia. Per gli altri, un bel programma approfondito andrebbe benissimo magari come fanno ai trienni adesso (nel triennio di chitarra classica si studia anche chitarra jazz e basso continuo).
  6. Cosa state ascoltando ? Anno 2015

    https://www.youtube.com/watch?v=tPf7YhrhWmA Giornate di studio
  7. Nuovi orizzonti: i compositori di oggi

    c'è da dire però che in conservatorio non ci sono neanche i mezzi per studiare alcune cose. Ricordo che un paio d'anni fa venne al mio Conservatorio il M. Tallini che tenne un seminario e un concerto sulla musica contemporanea per chitarra aiutantosi con basi midi e altre cose mentre suonava. Purtroppo è difficile arrivare a lavorare arrangiamenti del genere (anche per via delle tecnologie di cui sono dotati gli istituti) e in conservatorio si riesce a studiare "solo" i pilastri della chitarra (ma vale anche per tutti gli altri strumenti, nessuno escluso) sta all'allievo approfondire, prima o poi ci si arriva. E' ovvio che Segovia (e mi rode dire questa cosa) è più importante, come tante altre cose, nella formazione istituzionale di un allievo di Rowe ecc
  8. Le copertine più brutte

    Nella sua semplicità è orribile. Poveri Sollscher e Yepes Poveri pure quelli della Grammophon che non capiscono la differenza tra chitarra classica e acustica
  9. Cosa state ascoltando ? Anno 2015

    http://www.youtube.com/watch?v=stwn1jmBVoI
×