Madiel

Admin
  • Numero contenuti

    18441
  • Iscritto

  • Ultima visita

5 Seguaci

Su Madiel

  • Rank
    Extraterrestre

Profile Information

  • Sesso
    Maschio
  • Luogo
    Daquì
  • Interessi
    Sesso, automobili e yacht di lusso, vacanze ai tropici

Visite recenti

89736 visite nel profilo
  1. ha inciso un Mathis der Maler che lodo sempre come migliore di quello mortifero di Kubelik. Provare per credere... --- Roussel: Bacchus et Ariane, suites 1-2 Orchestre national de l'ORTF diretta da Jean Martinon
  2. Milhaud dirige Milhaud con la pianista della prima concerto breve, quanto originale. Non ci sono modelli precisi, anche se forse in origine l'autore guardava al Concerto in sol di Ravel, in questo caso prosciugato da ogni mollezza decadente. Da notare il finale con il fresco motivetto popolaresco che, nella coda, viene ripreso dal pianoforte e frantumato in accordi dissonanti. Il tessuto della musica è congestionato dalla politonalità di orchestra e solista, ma Milhaud risolve come suo solito con effetti sonori gradevoli.
  3. questo video l'avevo visto. Mi pare, tutto sommato, una bella edizione. Il direttore è più impegnato a sottolineare i valori letterali che emozionali della musica, ma forse è meglio così perché evita l'effettaccio gratuito, la baraonda caciarona che piace sempre tanto al pubblico mahleriano.
  4. ce l'avevo anni fa, ora ho frullato via anche quella edizione, di Beppe Sinopoli tengo solo la 6a e la 10. Ricordo una gran bella Quinta con la Philharmonia, mai sentite la Settima (mi pare) e la Prima. La Quarta fa parte di quelle sinfonie che, adesso, non seguo proprio più. Ne tengo una copia singola in discoteca solo per completare la serie. Oggi mi annoia troppo ed evito di ascoltarla, rimane nella cd-teca a prendere polvere
  5. mai sentito, neanche nominare... L'altro giorno stavo guardando un documentario sulle tradizioni religiose del Tibet e ho scoperto, con una certa sorpresa, la musica usata per le cerimonie sacre: mi sono reso conto che ci sono diversi pezzi di Scelsi, soprattutto orchestrali, che imitano alla lettera il "sound" tibetano. Neppure si può parlare di pura e semplice influenza, l'autore viveva profondamente certi aspetti della cultura e della religione di quel paese e, in qualche modo, questo si rifletteva nella sua arte. Altre volte l'influenza tibetana è più sfumata, mediata dai mezzi espressivi utilizzati o da precisi contesti occidentali che danno origine alla singola opera, per cui non ci facevo troppo caso.
  6. è una sinfonia per ragazzi dall'animo ingenuo, che hanno vissuto poco, buona per un'esistenza senza sfumature Intanto sei cresciuto, la vita ti ha marchiato e l'Ottava è finita nel cassetto dei ricordi... ----
  7. Benvenuto in forum !
  8. oppure è solo un cognome omonimo...
  9. tra i due, meglio Previn senza dubbio. Incise anche una famosa 1a alla fine degli anni sessanta (per RCA), un riferimento. --- Schuller: Dramatic Overture (1948) The Louisville Orchestra diretta da Jorge Mester 'apperi, il vecchio Schuller prima della svolta "third stream" era proprio un compositore di tutto rispetto!
  10. tuo personale pensiero, io, però, non li ho mai accostati tra loro e tanto meno con il Mercury (che c'entrano ?) Freddy perché quando lo sento nominare mi si gelano i cosidetti
  11. oggi mi sono alzato malissimo
  12. e chi lo sa... forse ha soddisfatto un momento di follia. Freddy Mercury è solo orrenda spazzatura
  13. no, questa era la gemella kattiva, ora defunta
  14. a quanto pare la Caballè sta per essere insignita del titolo di Marchesa e, quindi, nobilitata https://okdiario.com/espana/2017/09/18/rey-quiere-dar-primeros-titulos-nobiliarios-catalanes-helena-cambo-belil-caballe-1325414 tra i più importanti, visto e considerato che in Spagna il titolo nobiliario più elevato concesso da un sovrano, al di fuori della casa reale, è quello di Duca.