paperippo

Members
  • Numero contenuti

    386
  • Iscritto

  • Ultima visita

Su paperippo

  • Rank
    Qualcuno
  • Compleanno 08/12/1965

Profile Information

  • Sesso
    Maschio
  • Luogo
    Sicilia
  1. Ciao a tutti. C'è qualcuno che mette qualche altro titolo? La cosa interessa anche me.
  2. Ciao. Molti hanno apprezzato il libro di Sandor: "Come si suona il pianoforte".
  3. Ciao. Longo ha curato una raccolta di opere didattiche di Czerny: "Czerniana" in 10 fascicoli. Edizioni Curci. Sono in ordine crescente di difficoltà. Buon divertimento.
  4. Cos'è un editor?
  5. Ciao. Bellissima scelta quella di far studiare il violino. Un dubbio: 7 anni e un quasi 4/4? Presumo un 7/8, formato ormai in disusom definito violino da donna. Praticamente era usato (e lo è ancora) da persone con le quali la natura non è stata molto generosa in quanto a statura. In due parole: 7/8 o 3/4 mi sembra un violino troppo grande per un bimbo così piccolo.
  6. Toby Faber "Stradivari, storia di un genio, cinque violini e un violoncello"
  7. Portare il gomito un po' verso sinistra. Tanto per parlare un po': la vecchia scuola violinistica pretendeva quella che veniva chiamata "mano concava", cioè polso in fuori in direzione del riccio. Per farsi un'idea di ciò basta guardare il primo libro dell'Auer in cui lo stesso autore fa vedere come tenere la mano sinistra. Anche la mia vecchia maestra mi ripeteva continuamente:- Mano concava, mano concava!- e si arrabbiava pure quando raddrizzavo il polso. Mi spiegava che tenendolo in quel modo si era facilitati a mettere il quarto dito. Con questo non dico che devi suonare così, ma forse un fondo di verità c'è se lo fai istintivamente
  8. Dito corto?
  9. Concordo con la maestra
  10. Ciao e complimenti per la decisione presa. Ti consiglio una cosa didatticamente errata che però può aiutarti: quando sali dal fa al si (piccolo rimprovero: il mi è la prima corda, non la quarta) non tenere tutte le dita sulla corda ma solleva il primo dopo aver messo il secondo, solleva il secondo dopo aver messo il terzo in modo da alleggerire la tensione provocata dall'allargamento della mano. Infatti lo "squarcio" della mano è maggiore fra fa e si che fra fa# e si, dove il primo dito è più avanti. Praticamente evita di tenere contemporaneamente il dito sul fa e il mignolo sul si. Per quanto riguarda il costo delle lezioni credo che siamo sulla media (escludendo maestri rinomati che ti sparano anche più di 50 a lezione.)
  11. Può anche non piacere (personalmente mi diverte molto guardarlo) ma è innegabile che sia dotato di ottima tecnica che può permettergli di suonare qualsiasi cosa. Poi, riguardo le sue scelte, è un altro discorso...
  12. Ciao, ti consiglio di comprarlo già con il sistema silent e di non farlo applicare dopo, non ne vedo proprio il motivo.
  13. Tempo fa ho acquistato un violino 3/4 nuovo da un ragazzo che aveva intenzione di imparare a suonarlo da solo e che aveva rinunciato immediatamente. Adesso mia figlia è contenta di avere uno strumento nuovo corredato di libro per principianti e spalliera (oltre naturalmente ad arco, colofonia ed astuccio) pagato 40 euro. Mi ripeto, ma è molto difficile imparare da soli, non chiedete quale violino acquistare, tanto avere un ottimo strumento di liuteria o il più scarso violino in assoluto non fa nessuna differenza.
  14. I violini Yamaha sono ottimi per iniziare, non acquistare strumenti che costano meno di 100 euro, spesa minima 250/300 euro
  15. Ciao, complimenti per la scelta dello strumento. Studiare il violino da autodidatta consiste perdere tempo nel 99% dei casi. Ti auguro di appartenere alla quota rimanente.